1 €......e poi

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

Flafly

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
10/2/06
Messaggi
906
Punti reazioni
16
Milano: 21/03/2006 - 14:15
CHL. LA PRIMA OPERAZIONE DI CORNELL SUL MERCATO ITALIANO
Chl rende noto che il fondo Cornell Capital Partners, con oltre 500 milioni di dollari di mezzi propri, è un primario investitore istituzionale statunitense indirizzato alle small & medium cap quotate sui principali listini mondiali. Nel 2005 il fondo ha chiuso operazioni a livello internazionale per un commitment complessivo di oltre 1,5 miliardi. L'investimento in Chl rappresenta la prima operazione del Fondo Cornell sul territorio italiano, si legge nel comunicato. Il prezzo di emissione delle nuove azioni dell'aumento di capitale in opzione, verrà determinato in base all'andamento del titolo nell'arco temporale dei 5 giorni successivi alla delibera del Cda e comunque non potrà essere superiore a 1,38 euro per azione e sarà comprensivo di valore nominale e sovrapprezzo. La società precisa che il prezzo di emissione delle nuove azioni dell'aumento di capitale riservato a favore del fondo sarà il minore dei Vwap rilevanti (prezzi medi delle azioni ponderato sulla base dei volumi scambiati) dei cinque giorni di scambi precedenti la richiesta dell'esercizio della tranche scontato del 5%. Infine Chl rende noto che a seguito del perfezionamento di entrambe le operazioni di aumento di capitale i Federigo e Fernando Franchi resteranno in ogni caso gli azionisti di riferimento della società.
 
21/03/2006 16:09 - Chl: Federigo e Fernando Franchi resteranno azionisti di riferimento
Chl ha precisato che anche a seguito dell’aumento di capitale in opzione e di quello riservato al fondo internazionale statunitense Cornell Capital Partners, Federigo e Fernando Franchi resteranno gli azionisti di riferimento del gruppo.
 
tutti dentro
 
Chl con prepotenza sopra quota 1 euro, +80% nell'ultimo mese

Finanzaonline.com - 22/03/2006 12:03 - Continua il magic moment per il titolo Chl che anche stamane si conferma tra i migliori performer del listino milanese. Attualmente il titolo della società che fa capo alla famiglia Franchi sale di oltre 7 punti percentuali a quota 1,055 euro. Superata quindi la soglia psicologica, livello che non vedeva da oltre 3 anni. Nell'ultimo mese il titolo ha messo a segno un rialzo dell'80% circa sull'onda delle voci, poi confermate dell'ingresso di un fondo statunitense. E ieri la società distributrice di prodotti per l'informatica ha annunciato la tempistica dell'ingresso del fondo Cornell Capital Partnes, che sarà perfezionato il 4 aprile. Il cda di Chl eserciterà la delega per un'offerta di opzione ai soci di 5 milioni di euro e il fondo Cornell Capital Partnes Lp sottoscriverà l'aumento per il 50,111%, quota derivante dall'esercizio dei diritti spettanti agli azionisti di riferimento Federigo Franchi (25,045%) e Fernando Franchi (25,066%) a fronte della cessione dei loro diritti d'opzione. Chl e Cornell Capital Partnes hanno inoltre sottoscritto un accordo di Standdby Equity Distribution Agreement (Seda) per un importo massimo di 10 mln euro e che prevede la facoltà per la società di emettere azioni ordinarie in tranches successive sino ad un massimo pari a 10 mln euro, mediante aumenti di capitale riservati a favore del fondo, nell'arco temporale di 24 mesi dalla data della delibera assembleare.
 
Per favore quando puo' riaprire?
 
Milano: 24/03/2006 - 12:33
Chl. Incassa seconda tranche credito Iva per 2,2 mln euro
Ilnuovomercato.it

Chl ha incassato 2,2 milioni di euro relativi alla seconda tranche del credito Iva richiesto a rimborso. Lo ha reso noto la società, attiva nel settore dell'e-Commerce, con un comunicato stampa.
(F.S.)

Occhio che queste risalgono.......
Saluti
 
arriva denaro fresco

okkio che apre
 
CHL: la società ha fatto sapere che entro il 4 aprile 2006 il Cda lancerà un aumento da 5 milioni di euro, che verrà sottoscritto dal fondo Cornell Capital Partners Lp per il 50,111%; saranno gli azionisti di riferimento Federigo Franchi (25,045%) e Fernando Franchi, (25,066%) a cedere i diritti d’opzione a loro riservati per far spazio al nuovo socio. Al fine di garantire al 100% la riuscita dell’aumento di capitale gli stessi azionisti di riferimento garantiranno direttamente e/o indirettamente l’acquisto delle eventuali azioni rimaste inoptate; il prezzo massimo d’emissione dei nuovi titoli non potrà essere superiore agli 1,38 euro per azione. Sarà inoltre prevista una bonus share ogni 5 sottoscritte trascorsi sei mesi dalla sottoscrizione dell’offerta; Cornell e Chl hanno inoltre sottoscritto un accordo (“SEDA”) per un importo massimo di 10 milioni di euro che prevede la facoltà per Chl di emettere azioni ordinarie in tranches successive sino ad un massimo pari a 10.000.000 di euro (valore nominale e sovrapprezzo), mediante aumenti di capitale riservati a favore del fondo, nell’arco temporale di 24 mesi dalla data del deposito della delibera adottata dall’assemblea prevista entro il prossimo 31 luglio 2006;
 
Flafly ha scritto:
CHL: la società ha fatto sapere che entro il 4 aprile 2006 il Cda lancerà un aumento da 5 milioni di euro, che verrà sottoscritto dal fondo Cornell Capital Partners Lp per il 50,111%; saranno gli azionisti di riferimento Federigo Franchi (25,045%) e Fernando Franchi, (25,066%) a cedere i diritti d’opzione a loro riservati per far spazio al nuovo socio. Al fine di garantire al 100% la riuscita dell’aumento di capitale gli stessi azionisti di riferimento garantiranno direttamente e/o indirettamente l’acquisto delle eventuali azioni rimaste inoptate; il prezzo massimo d’emissione dei nuovi titoli non potrà essere superiore agli 1,38 euro per azione. Sarà inoltre prevista una bonus share ogni 5 sottoscritte trascorsi sei mesi dalla sottoscrizione dell’offerta; Cornell e Chl hanno inoltre sottoscritto un accordo (“SEDA”) per un importo massimo di 10 milioni di euro che prevede la facoltà per Chl di emettere azioni ordinarie in tranches successive sino ad un massimo pari a 10.000.000 di euro (valore nominale e sovrapprezzo), mediante aumenti di capitale riservati a favore del fondo, nell’arco temporale di 24 mesi dalla data del deposito della delibera adottata dall’assemblea prevista entro il prossimo 31 luglio 2006;

Ma si dai mi sembra chiaro a parte facili e sciocchi allarmisti, che secondo me vengono creati da chi vorrebbe far scendere il titolo per riacquistarlo a prezzi stracciati, che hai Franchi nella prossima settimana non convenga fare scendere CHL sotto 1,38...quindi tranquilli.
Buon week end OK!
 
io sono tranquillissimo

TP......................1.38 €
 
tranquillo

troma65 ha scritto:
Ma si dai mi sembra chiaro a parte facili e sciocchi allarmisti, che secondo me vengono creati da chi vorrebbe far scendere il titolo per riacquistarlo a prezzi stracciati, che hai Franchi nella prossima settimana non convenga fare scendere CHL sotto 1,38...quindi tranquilli.
Buon week end OK!

diceva il boia mentre stringeva il nodo :D
 
troma65 ha scritto:
Ma si dai mi sembra chiaro a parte facili e sciocchi allarmisti, che secondo me vengono creati da chi vorrebbe far scendere il titolo per riacquistarlo a prezzi stracciati, che hai Franchi nella prossima settimana non convenga fare scendere CHL sotto 1,38...quindi tranquilli.
Buon week end OK!
esatto
il prezzo di riferimento sarà 1.38 ;)
 
Beati voi che siete così sicuri del raggiungimento dell'1,38. Ho capito che è il TP (intendiamoci pure io sono dentro e ci spero) ma cavolo ho paura di enormi ed improvvise prese di beneficio.
IN ogni caso prevedo una via di mezzo; raggiungimento di 1,38 anche se non nell'immediato, piuttosto con qualche piccolo ritracciamento.
Poi vi dovrei chiedere un aiuto? Per il trading mi affido a Sella. QUalcuno sa come faccio a comperare altre azioni di Chl in modo da averle già quando apre lunedì.
 
luchellas ha scritto:
Poi vi dovrei chiedere un aiuto? Per il trading mi affido a Sella. QUalcuno sa come faccio a comperare altre azioni di Chl in modo da averle già quando apre lunedì.
Scusa spiegati meglio come eche vorresti comprare le azioni?' A borsa chiusa?? :eek: :eek: :eek: :eek:
 
Ho finalmente avuto un attimo per approfondire l'ADC. Alcune brevi note. Il fatto che i Franchi garantiscono l'inoptato ci dice 2 cose: 1) loro credono fortissimamente nell'azienda. 2) Non hanno trovato (o non hanno voluto) una banca di consorzio che garantisse per loro.

Il fatto che ci sia una parte riservata a Cornell (eventualmente) da esercitare nel futuro ci significa che il F.do Usa si riserva di incrementare (€ 10.000.000) la sua partecipazione.

La bonus share di 1 ogni 5 sulle sottoscrizioni (dopo 6 mesi) invoglia ad aderire e a tenere almeno 6 mesi.

Piccolo commento.
In ultima analisi con l'ADC CHL chiede denaro al mercato. E, da quando è quotata, non ha saputo far altro. Ha sempre domandato denaro fresco agli azionisti in particolare ed al mercato in generale.

Ricordo tuttavia come con l'ultimo ADC il titolo visse un crollo quasi verticale. Vado a memoria ma, se non ricordo male, fu la botta che la portò in area 0,30 €. E da lì, sino a settembre '05, non si mosse per un bel pezzo. E' dunque significativo, a mio avviso, osservare come il mercato ha apprezzato il titolo. Ci crede! Questa volta è convinto che CHL avrà una importante chance di sviluppo.

Per quello che mi riguarda ritengo che forse è vero. E' possibile che CHL decolli. Vale dunque la pena di sostenere l'azienda. Inoltre l'uscita dalla Black List rappresenta un'ipotesi più che probabile.
 
Ultima modifica:
prima di decollare deve uscire dalla black list e finire di pagarsi i debiti che non son pochi...
 
rispondo a Freedom:
________________

Scritto da Fedone
Domande:

Come mai il fondo avrà diritto ad un adc a 0,2€ se le azioni valgono tanto?
Se valesse 10€, con 125.000.000 azioni CHL si ha un valore di 1,25 miliardi di euro, DROGATO!!!!!

FATTURATO ATTUALE 45ML€
OLIDATA FATTURATO ATTUALE 130ML€
CAPITALIZZAZIONE 33,6ML€

tanto per dirne 2 che non ho tempo.

Dico solo che oggi c'è stato il secondo massimo storico, spero proprio per te che quando uscirà dalla black list il fondo non sia in lettera prima di te.

Buona fortuna.

___________________
Scritto da Freedom

Non volendo tuttavia dare l'impressione di sfuggire al contraddittorio (abbiamo tempo sino a lunedì) ti faccio osservare che:
il paragone con i competitor va fatto bene: Olidata fa solo computer e tra l'altro li produce anche, mentre CHL non produce un bel nulla ma commercializza solo. E commercializza di tutto. Hai paragonato le mele con le pere.

Il massimo storico che citi è sbagliato: pensa che fu emessa a circa 44 €. Forse volevi dire massimo di periodo.

Il valore di 0,20 che citi fa parte di un ADC che è vera e propria ingegneria finanziaria. Dubito che tu lo comprenda in tutti i suoi risvolti. In ogni caso il F.do Usa è disposto a pagare sino a 1,38€. Forse ti stai confondendo con il val. nominale di ogni pezzo (0,20)

____________________
Fedone

Ti informo su Frael, è vero che Chl fa e-commerce e Frael ha dei punti vendita, questa è la valutazione fatta dal perito su Frael, un raffronto si può fare.
MI pare che la marginalità di Frael sia la stessa di Olidata comunque.:

APPROVATA L’OPERAZIONE DI ACQUISIZIONE DEL 57% DELLA PARTECIPATA FRAEL S.P.A.
Il Consiglio d’Amministrazione ha approvato il progetto di acquisizione del 57% della Frael S.p.A. ( operante
nel settore dell’Information Tecnology e già partecipata per il 43% dalla CHL) che completa il processo
d’integrazione avviato nel corso del 2003.
Nell'esercizio 2004 FRAEL ha registrato un fatturato pari a circa euro 37,8 milioni di euro. Il progetto di bilancio
relativo a tale esercizio, approvato in data 20 aprile c.a. ha rilevato un valore aggiunto positivo pari a1,2 milioni
di euro. L’ebitda è stato pari a - 0,31 migliaia di euro, l’ebit si è attestato a -0,73 migliaia di euro ed il risultato
ante imposte è stato pari a -0,74 migliaia di euro. Detto risultato è stato gravato da imposte per 0,04 migliaia di
euro che hanno determinato un risultato finale per -0,79 migliaia di euro.
L'organo amministrativo di FRAEL per l'esercizio 2005 ha stimato un valore della produzione di 39,76 milioni
di euro, un valore aggiunto per 2,8 milioni di euro, un ebitda pari a 1,5 milioni di euro. Il risultato prima delle
imposte è stato stimato in euro 1,1 milioni.
La partecipazione del 57% del capitale sociale di Frael verrà rispettivamente conferita dagli azionisti: Roberta
Franchi ( 5,70%) Federigo Franchi (25,65%); Fernando Franchi (25,65%). Il valore attribuito alla stessa dal
perito designato dal Tribunale di Firenze è pari ad euro 12.150.000.
L’operazione è stata approvata dal Consiglio d.’Amministrazione di CHL senza la partecipazione al voto dei
Signori Federigo Franchi e Fernando Franchi (parti correlate) e previo parere favorevole del collegio sindacale.
E’ intenzione del Consiglio d’Amministrazione sottoporre all’assemblea degli azionisti l’approvazione
dell’operazione entro il mese di giugno, al fine di poter beneficiare degli effetti sinergici conseguenti il
completamento dell’integrazione industriale già dal secondo semestre dell’esercizio.
Il Consiglio d’Amministrazione ha poi determinato il prezzo di emissione delle nuove azioni, al servizio del
conferimento, in euro 0,259 di cui euro 0,20 di valore nominale ed euro 0,059 a titolo di sovraprezzo,
avvalendosi della perizia di un professionista terzo indipendente.

_______

Finisco col dire che il mercato è fatto da operatori con diverse opinioni, non esisterebbe mercato altrimenti.

I Franchi sono stati bravi a montare questa architettura finanziaria: vari adc...controllo della società...entrata nel cda....conferimento Frael....operazione Cornell.

Ora devono dimostrare (per l'ennesima volta, dopo tanti adc) di saper far bene anche nel business, credo che tali prezzi scontino le più rosee aspettative, stiamo a vedere, ora i soldi per finanziare la strategia li hanno.

Poi una cosa, non posso più shortare chl, l'ho detto più volte.
Scrivo per creare un contradditorio quando ho letto la cagat.a che hai scritto: tp 10€ (1,25 MILIARDI di euro hahahahahhaha)

Ed è vero che io ero negativo pure a 0,25€ ma mai mi sono sognato di shortarla a manetta solo per questo, l'ho fatto sul precedente adc, sul crollo del 20% e quando stava a 0,8€ ( e perfortuna sono stato costretto a ricoprirmi)
 
Ultima modifica:
Freedom ha scritto:
Ho finalmente avuto un attimo per approfondire l'ADC. Alcune brevi note. Il fatto che i Franchi garantiscono l'inoptato ci dice 2 cose: 1) loro credono fortissimamente nell'azienda. 2) Non hanno trovato (o non hanno voluto) una banca di consorzio che garantisse per loro.

Il fatto che ci sia una parte riservata a Cornell (eventualmente) da esercitare nel futuro ci significa che il F.do Usa si riserva di incrementare (€ 10.000.000) la sua partecipazione.

La bonus share di 1 ogni 5 sulle sottoscrizioni (dopo 6 mesi) invoglia ad aderire e a tenere almeno 6 mesi.

Piccolo commento.
In ultima analisi con l'ADC CHL chiede denaro al mercato. E, da quando è quotata, non ha saputo far altro. Ha sempre domandato denaro fresco agli azionisti in particolare ed al mercato in generale.

Ricordo tuttavia come con l'ultimo ADC il titolo visse un crollo quasi verticale. Vado a memoria ma, se non ricordo male, fu la botta che la portò in area 0,30 €. E da lì, sino a settembre '05, non si mosse per un bel pezzo. E' dunque significativo, a mio avviso, osservare come il mercato ha apprezzato il titolo. Ci crede! Questa volta è convinto che CHL avrà una importante chance di sviluppo.

Per quello che mi riguarda ritengo che forse è vero. E' possibile che CHL decolli. Vale dunque la pena di sostenere l'azienda. Inoltre l'uscita dalla Black List rappresenta un'ipotesi più che probabile.

Ti approvo in pieno, anch'io sono uno che ha le azioni dall'ultimo aumento di capitale e ho un gain del 400% in barba ai saccenti !!!
A proposito di Fedone a cui mi rifiuto di rispondere se hai un po di tempo vatti a vedere ciò che lui ed io ci scrivevamo a proposito del valore di CHL dopo un anno dall'aumento di capitale..............mi meraviglio come si possa avere la faccia tosta di essere ancora qui a sputar sentenze dopo una figura del genere !!
 
Indietro