AAA cercasi ambientalisti di città (possibilmente cicciottelli) che si offrano volontari per sfamare i lupi…

  • Ecco la 69° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana difficile per i principali indici europei e americani, solo il Nasdaq resiste alle vendite grazie ai conti di Nvidia. Il leader dei chip per l’intelligenza artificiale ha riportato utili e prospettive superiori alle attese degli analisti, annunciando anche un frazionamento azionario (10 a 1). Gli investitori però valutano anche i toni restrittivi dei funzionari della Fed che hanno ribadito la visione secondo cui saranno necessari più dati che confermino la discesa dell’inflazione per convincere il Fomc a tagliare i tassi. Anche la crescita degli indici Pmi, che dipingono un’economia resiliente con persistenti pressioni al rialzo sui prezzi, rafforzano l’idea di tassi elevati ancora a lungo. Per continuare a leggere visita il link

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK

moorecat

Utente Registrato
Registrato
28/2/01
Messaggi
7.682
Punti reazioni
1.503
Solo così si potrà evitare che vengano decimati come in Svizzera..

Con il lupo sono “365 giorni di paura”​

persone e pecore
Per gli allevatori di pecore, il Widdermarkt è un giorno di festa. Luca Beti
L'abbattimento preventivo di una quarantina di lupi nello scorso inverno in Svizzera non ha risolto i conflitti tra i grandi predatori e l'economia alpestre. Molti allevatori e allevatrici continuano a temere per il loro futuro. Reportage dall'alto Vallese.
Questo contenuto è stato pubblicato al 21 aprile 2024 - 17:45
12 minuti
Luca Beti
Tempo da lupi a Gampel: piove, tira un forte vento e la temperatura è di poco sopra lo zero. È la fine di marzo e per il villaggio a sud di Visp è una giornata speciale. Oggi si tiene il WiddermarktCollegamento esterno, il mercato dei montoni. Sono allineati insieme alle pecore in una stalla a poca distanza dal magazzino dei pompieri. Sotto la tettoia risuona un coro di belati di varie tonalità. Fuori, un altoparlante diffonde le note di un tormentone estivo.

La festa della pecora bianca alpina​

È un giorno di festa per gli allevatori delle pecore di razza bianca alpina dell’alto Vallese. Oggi vengono incoronati la pecora e il montone più belli. L’esperto Angelo Rizzi osserva gli animali con l’occhio allenato da un’esperienza lunga quarant’anni. Partito alle prime luci del mattino da Luzein, nel Cantone dei Grigioni, il giudice ha il compito di selezionare gli esemplari più splendidi. “Siamo nel cuore dell’allevamento delle pecore bianche alpine. In nessun’altra parte della Svizzera, la qualità è migliore che nell’alto Vallese”, spiega Rizzi. Dopo aver preso la sua decisione, basata su criteri quali la stazza, le gambe, la camminata e la qualità della lana, Rizzi scrive con un pennarello blu un “1” sulla schiena del montone più maestoso della mostra. È quello di Pius Lehner.
pecore
Quale esemplare si aggiudicherà lo scettro di più bel montone? Luca Beti
Sul viso dell’allevatore della Lötschental si disegna un timido sorriso. Per pochi secondi, i lati della sua bocca si inarcano leggermente, poi l’espressione ritorna seria. Eppure, si intuisce che dentro di sé prova una gioia irrefrenabile. “Non c’è gratificazione migliore che vedere premiato l’impegno di un’intera stagione”, dice Pius Lehner. Forse la sua felicità è contenuta perché effimera. “Con l’arrivo della bella stagione ritornano anche le notti insonni”, racconta Lehner, ricordando che nei prossimi mesi le pecore e i montoni passeranno le giornate all’aperto dove potrebbero essere facili prede del lupo.
“La situazione è completamente fuori controllo”, afferma Fabian Schwery. Il presidente dell’associazione degli allevatori di pecore bianche alpine dell’alto ValleseCollegamento esterno sostiene che ci sono troppi lupi e che gli allevatori vivono 365 giorni all’anno nella paura. Nel 2023 si contavano 71 lupi e 13 branchi nel Canton Vallese e si sono registrate 401 predazioni. “Non li vogliamo. In passato si viveva molto bene anche senza”, continua Schwery.
carcasse di pecore
Il 6 aprile scorso degli allevatori hanno depositato a Losanna delle carcasse di pecore per protestare contro la gestione del lupo da parte delle autorità cantonali. KEYSTONE/© KEYSTONE / CYRIL ZINGARO

La Svizzera potrebbe ospitare tra i 50 e i 100 branchi​

Per ridurre i conflitti tra l’economia alpestre e la popolazione di lupi, il 1° novembre 2023 il Governo svizzero ha approvato una modifica dell’ordinanza sulla caccia che ha permesso, per la prima volta, gli abbattimenti preventivi, ovvero prima che i lupi causino danni.
Altri sviluppi
a wolf

Altri sviluppi​

La regolazione dei lupi in Svizzera: un segno di ciò che accadrà in Europa?​

Questo contenuto è stato pubblicato al 04 gen 2024 Il piano del Governo svizzero per abbattere un certo numero di lupi è bloccato da un ricorso. Ma l’Europa sta seguendo la stessa via.
Di più La regolazione dei lupi in Svizzera: un segno di ciò che accadrà in Europa?
Secondo l’Ufficio federale dell’ambiente, il motivo di tale misura è la crescita esponenziale del numero di lupi e il conseguente aumento delle predazioni, soprattutto di pecore. Fino al 2020 si contavano 11 branchi e più di 100 esemplari. Prima della regolazione proattiva erano stati identificati 30 branchi e 300 lupi. “Finora la popolazione di lupi raddoppiava ogni due o tre anni”, afferma Fridolin Zimmermann, esperto presso KORACollegamento esterno, una fondazione che monitora il ritorno dei grandi predatori.
lupi
Prima degli ultimi abbattimenti, in Svizzera si contavano circa 300 lupi, esclusi naturalmente quelli (come nella foto) degli zoo. KEYSTONE
Contrariamente a quanto si potrebbe ipotizzare, gli attacchi non sono aumentati proporzionalmente al numero di lupi. I dati mostrano un picco di 1’789 predazioni nel 2022, un anno record, che sono poi diminuite a 992 nel 2023, tornando ai livelli medi degli ultimi tre anni. Daniel Mettler, responsabile del gruppo Sviluppo rurale di AgrideaCollegamento esterno, un’associazione che si occupa dello sviluppo dell’agricoltura in Svizzera, sottolinea che “sul lungo termine esiste una chiara correlazione tra uccisioni degli animali da reddito e l’aumento della popolazione di lupi. Tuttavia, un’analisi più attenta delle statistiche dei danni evidenzia grandi variazioni annuali che dipendono dalle misure di protezione delle greggi, dagli abbattimenti di lupi e dai cambiamenti strutturali nell’allevamento”.
Contenuto esterno

Nell’ambito della regolazione preventivaCollegamento esterno, dal 1° dicembre 2023 al 31 gennaio 2024, sono stati uccisi 38 lupi, di cui 27 in Vallese.
“È ancora troppo presto per valutare gli effetti delle regolazioni sui danni agli animali di reddito e sullo sviluppo della popolazione di lupi”, afferma Zimmermann di KORACollegamento esterno. “La stagione di estivazione del bestiame non è ancora iniziata. E la stagione riproduttiva si è appena conclusa. I cuccioli nasceranno tra la fine di aprile e l’inizio di maggio. Dobbiamo aspettare la fine dell’estate o l’autunno per avere una panoramica precisa sulla situazione attuale dei branchi nel 2024”.

Cinque mesi per gli abbattimenti preventivi​


Secondo le stime, la Svizzera potrebbe ospitare tra i 50 e i 100 branchi di lupiCollegamento esterno nelle Alpi e nel Giura. Questi dati si basano sulla capacità di sopportazione dell’ecosistema (in inglese, carrying capacityCollegamento esterno). “Il livello di tolleranza sociale è sicuramente più basso”, evidenzia Zimmermann. Per Fabian Schwery, il numero perfetto dei grandi predatori sarebbe zero. “L’abbondono degli alpeggi a causa del lupo avrebbe gravi conseguenze per la biodiversità”, sostiene il contadino che gestisce una malga nella Rappental. “L’impossibilità di pascolare i ripidi pendii nell’alto Vallese renderebbe inabitabili i villaggi sottostanti a causa del rischio di frane e lavine”.
candele e pupazzi di lupo
Gli abbattimenti preventivi decisi dal Governo federale non fanno l’unanimità: il 31 gennaio dei manifestanti hanno protestato a Berna contro il provvedimento. KEYSTONE/© KEYSTONE / ANTHONY ANEX
Le organizzazioni ambientaliste, invece, ritengono che il lupo abbia il diritto di vivere in Svizzera come specie autoctona e faccia anche parte della biodiversità. “La crescita esponenziale è solo temporanea, poiché la popolazione di lupi si autoregola. Inoltre, il numero di lupi è controllato anche dall’uomo”, evidenzia Sara Wehrli di Pro Natura. La responsabile per i grandi predatori e la politica venatoria dell’ONG precisa che Pro Natura sostiene gli interventi proattivi, laddove necessari per prevenire gravi danni. Tuttavia criticaCollegamento esterno l’intenzione di eliminare interi branchi che in passato non hanno quasi compiuto predazioni.
Per proteggere le greggi un biologo ticinese ha messo a punto un collare di feromoni da applicare al bestiame che dovrebbe allontanare i lupi. Il servizio della trasmissione della RSI Falò:
Contenuto esterno

Reimparare a convivere con i grandi predatori​

La coesistenza con i grandi predatori è una sfida difficile per l’economia alpestre perché con il tempo ha disimparato a conviverci. In Svizzera, l’ultimo lupo è stato abbattuto nella valle di Poschiavo nel 1954. Il suo ritorno naturale è stato possibile grazie alla sua protezione con la Convenzione di BernaCollegamento esterno, all’avanzata delle foreste e all’aumento del numero degli animali selvatici. “Sono convinta che impareremo a coabitare con i grandi predatori, anche se rimarrà sempre una convivenza conflittuale”, sostiene Wehrli. Si tratta di un processo lento e complesso, iniziato nel 1995 con l’arrivo dei primi lupi provenienti dall’Italia. Il primo branco si è formato molto tempo dopo, nel 2012 nella regione del Calanda, nel Cantone dei Grigioni.

F07, la lupa più longeva della Svizzera​


“Nel frattempo abbiamo maturato un’esperienza quasi trentennale”, dice Daniel Mettler. “Nel fondovalle, il bestiame di piccola taglia può spesso essere adeguatamente protetto tramite recinzioni elettrificate, mentre sugli alpeggi, le misure più efficaci sono l’impiego di cani da guardia e di pastori”. Ad esempio, dal 2010 nella Rappental, sull’alpeggio di Fabian Schwery, viene applicato un piano di protezione: di notte, le circa 750 pecore vengono radunate dal pastore e sorvegliate da cani di protezione. La strategia ha richiesto tempo e ha dovuto superare vari ostacoli, ma dalla sua adozione si registrano pochissime predazioni.
cane pastore
I pastori maremmani abruzzesi vegliano su diverse greggi in Svizzera. KEYSTONE
“L’anno scorso non abbiamo avuto alcun attacco, ma l’impegno è enorme”, conferma Schwery, sottolineando la difficoltà di motivare i giovani a dedicarsi all’allevamento delle pecore bianche alpine. Tuttavia, non tutti gli alpeggi possono essere protetti. Stando a un rapportoCollegamento esterno, in Vallese il 25% dei 152 pascoli non sono “proteggibili” a causa delle pendenze eccessive, i terreni rocciosi o la presenza di boschi. “La topografia e il tipo di azienda agricola sono solo due elementi”, ricorda Mettler. “Vanno considerati anche gli aspetti socioeconomici, come l’impiego di un pastore che è sostenibile solo con un gregge che conta almeno 300 pecore”.
Pius Lehner della Lötschental racconta che d’estate le sue pecore sono lasciate incustodite sui monti. “Siamo in quattro allevatori e ci avvicendiamo per controllarle”, spiega il contadino part-time. “Per fortuna, finora il lupo ha risparmiato la nostra alpe, caratterizzata da pendii scoscesi e pareti rocciose. È impossibile proteggere le greggi e quindi potremmo essere costretti ad abbandonare la malga”. Quando le misure di protezione risultano inefficaci o non applicabili, allora entrano in azione gli altri due pilastri della gestione del lupo in Svizzera. La prima è l’abbattimento di lupi o di branchi problematici, la seconda è il risarcimento dei danni causati dai grandi predatori agli animali da reddito, coperti per l’80% dalla Confederazione e per il 20% dai Cantoni. Tuttavia, per gli allevatori, come quelli presenti al Widdermarkt di Gampel, nessun indennizzo può compensare la perdita di un animale allevato con amore. Pius Lehner dedica dalle due alle tre ore al giorno alla cura alle sue pecore. “Aver vinto mi colma di soddisfazione. Ma dormirei più tranquillo senza la presenza del lupo”.

Articoli menzionati​

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI
Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative
Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.
Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.
Per saperne di più
Seguente








Seguiteci
In collaborazione con
In collaborazione con
SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR
SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR



SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR
SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR
 
Indietro