Accordo tra Berlusconi e Micciché

MicheleA.Pezza

Utente Registrato
Registrato
4/10/11
Messaggi
9.853
Punti reazioni
289
L'incontro di ieri sera, secondo quanto si apprende, è stato preparatorio a quello di oggi
pomeriggio (sempre a palazzo Grazioli) tra Silvio Berlusconi, Gianfranco Micciciché, i governatori di Calabria e Campania Giuseppe Scopelliti e Stefano Caldoro e Raffaele Fitto.
Coordinatore della lista sarà lo stesso Micciché, che ha messo a disposizione del Cavaliere nome e simbolo del suo partito.

Ultima modifica: 03 Gennaio ore 11:52






Accordo tra Berlusconi e Micciché Grande Sud in campo per Silvio - Live Sicilia
 
I ladri legalizzati fanno accordi per non essere spazzati via :yes:
 
commento all'accordo
tratto
da un sito Meridionalista




Tenetevi forte, gli ascari del Sud tornano all'ovile paTano.

Firmato ieri sera l'accordo elettorale per le elezioni nazionali tra Miccichè e Berlusconi. Dopo aver fatto finta negli ultimi mesi di criticare e distaccarsi dal partito e dalla persona di Berlusconi, e dopo essersi addirittura spacciato per meridionalista, adesso Miccichè come se nulla fosse torna a servire umilmente il padrone paTano e il suo progetto di governo filo-leghista.
Ma mentre la Lega Nord resiste o quantomeno per salvarsi la faccia fa finta momentaneamente di resistere alle avances delllo "psico-nano", i falsi meridionalisti, traditori del Sud ed ascari, invece tornano, testa bassa, all'ovile (o porcile?) berlusconiano.
Miccichè, Caldoro, Scopelliti, Fitto...tutti insieme appassionatamente. Insomma il meglio (del peggio) della classe dirigente meridionale sarà raggruppato sotto il simbolo di Glande Sud ed affiancherà Berlusconi.
L' obiettivo??
Semplice, è lo stesso di sempre: svendere il Sud e tornare in silenzio a servire il padrone paTano ed i diktat antimeridionali della Lega Merd.
Nulla di nuovo. Del resto non avevamo dubbi che gli ascari del Sud sarebbero tornati senza battere ciglio alla navetta madre paTana.

Però a sto punto, sono curioso di vedere quanti ****** li voteranno.
D'altra parte, come dice un detto siciliano:
"Cu è cretinu? Carnalivaru, o cu cci và appressu?"
 
Calabria: caos e via vai senza precedenti - 03 gen, 13

Catanzaro – Il terremoto e’ in atto e lo avevamo preannunciato da giorni. La politica calabrese e’ in fase di decomposizione e prova a ricomporsi assumendo nuovi connotati e soprattutto sancendo nuovi equilibri che determineranno coloro che avranno in mano il potere in un futuro immediato. Se il Centrosinistra ha in pratica delineato la propria conformazione, con il PD che non e’ solo commissariato in qualita’ di partito calabrese, ma anche nelle liste dei candidati al Parlamento (leggi D’Attorre e Bindi), il Centrodestra si sta sgretolando e tale scomposizione determinera’ uno sconvolgimento politico senza precedenti e soprattutto dal risultato imprevedibile. Infatti, con il presidente della Giunta regionale Giuseppe Scopelliti candidato in prima persona, tutti scappano a trovar riparo. Un dato e’ certo. A sei mesi dalle elezioni politiche, tempo massimo consentito, la Calabria sara’ chiamata alle urne per votare il nuovo Consiglio regionale. Ma dove si candida Scopelliti? Si vocifera che possa essere inserito nella lista di Micciche’, ma lui vorrebbe capeggiare la lista che porta il suo nome. Di fatto non sara’ nel PDL. All’interno del Centrodestra, questa mossa non e’ piaciuta a Domenico Tallini, assessore regionale e leader del PDL catanzarese, che e’ pronto a fuggire con Montezemolo, il quale, grazie alle pressioni del leader regionale di Italia Futura Floriano Noto, vorrebbe il cavallo vincente al primo posto della sua lista. Questo determinerebbe una rottura clamorosa, che inciderebbe anche sulle elezioni comunali a Catanzaro che si terranno il 20 e 21 gennaio, prima delle Politiche, che saranno invece svolte il 24 febbraio. Staremo a vedere. Intanto, Berlusconi non vuole piu’ Michele Traversa a Roma e preferisce l’altro assessore regionale, Piero Aiello. Se Scopelliti andra’ nella lista di Micciche’, potrebbe essere il fedele Luigi Fedele a capeggiare la lista del governatore, anche se per lui c’e’ aria di una candidatura alla presidenza della Giunta regionale. Ma intanto, meglio piazzarsi no? E l’UDC? Il partito che esprime il presidente del Consiglio regionale ha detto basta con il Centrodestra. Senza plateali colpi di scena si separa, magari con un arrivederci. Scendono in campo sia Francesco Talarico che Michele Trematerra ed entrambi per sostenere Mario Monti. E difficilmente alle imminenti elezioni regionali sosterranno il Centrodestra con cui hanno governato in questi tre anni circa la Calabria. D’altronde esiste un patto nazionale che oramai sembra essere anche evidente. Se Bersani vince non governera’, a meno che, come esplicitato da Casini, non vinca al Senato per garantirsi la governabilita’. Dovesse non farcela, Monti sarebbe Premier, con il Centro pronto ad allearsi con il PD, ma senza Vendola, che starebbe all’opposizione, insieme a Grillo e Berlusconi, che sembra non trovare accordi neppure con la Lega. In Calabria, ad appoggiare Bersani, ci sara’ come detto anceh il Centro di Loiero e Tabacci, con Bruno capolista al Senato e l’ex governatore speranzoso di tornare ad essere ministro, o quantomeno di godere di una meritata ricompensa. La vittoria al Senato di Bersani, infatti, potrebbe dipendere da Lombardo in Sicilia, e se cosi’ andasse, il merito sarebbe tutto di Loiero, colui che ha convinto il leader dell’MPA a sostenere il segretario nazionale democratico. Confusi? E’ solo l’inizio del terremoto. D’altronde i partiti si muovono anche in vista delle regionali. Il candidato del Centrodestra, come detto, potrebbe essere Fedele, e quello del Centrosinistra potrebbe essere Sandro Principe, voluto anche dai vertici romani. Ma occhio a Mario Oliverio. Anche lui vorrebbe guidare la Calabria.



Terremoto politico in Calabria: caos e via vai senza precedenti - Calabria Libera
 
quanto vorrei sapere cosa
sta promettendo....
 
L'incontro di ieri sera, secondo quanto si apprende, è stato preparatorio a quello di oggi
pomeriggio (sempre a palazzo Grazioli) tra Silvio Berlusconi, Gianfranco Micciciché, i governatori di Calabria e Campania Giuseppe Scopelliti e Stefano Caldoro e Raffaele Fitto.
Coordinatore della lista sarà lo stesso Micciché, che ha messo a disposizione del Cavaliere nome e simbolo del suo partito.

Ultima modifica: 03 Gennaio ore 11:52






Accordo tra Berlusconi e Micciché Grande Sud in campo per Silvio - Live Sicilia
azz ke gentaglia...............u kiu pulitu avi a rugna:wall:
 
L'incontro di ieri sera, secondo quanto si apprende, è stato preparatorio a quello di oggi
pomeriggio (sempre a palazzo Grazioli) tra Silvio Berlusconi, Gianfranco Micciciché, i governatori di Calabria e Campania Giuseppe Scopelliti e Stefano Caldoro e Raffaele Fitto.
Coordinatore della lista sarà lo stesso Micciché, che ha messo a disposizione del Cavaliere nome e simbolo del suo partito.

Ultima modifica: 03 Gennaio ore 11:52






Accordo tra Berlusconi e Micciché Grande Sud in campo per Silvio - Live Sicilia

ottima occasione per una retata.
Quando si riuniscono di nuovo?
 
550681_509359209104380_56446059_n.jpg




A nuje c'hanno pigliat' pe strunz!!
 
Si chiama "Progetto Sud", ma è una idea del Nord.
Ho i conati da stamattina, roba da matti....

Ad ogni modo, sarebbe bene che Miccichè si ricordasse delle bastonate amare che appena un paio di mesi fa, alle regionali, gli elettori siciliani hanno dato a lui e al finto meridionalismo suo e di Lombardo.
Se lui e i suoi "compari" pensano di prendere per il **** milioni di onesti cittadini meridionali, raccogliendo al Sud voti per la Lega Nord e per lo "psico-nano", hanno fatto male i conti!

Vogliamo per il Mezzogiorno una classe politica nuova, onesta, libera dalle clientele, dalle influenze mafiose, dall'affarismo, dal ricatto e dal padrone paTano. Il Sud merita una classe dirigente rinnovata.
BASTA padroni paTani!
BASTA ascari venduti al potere mafioso e paTano!

SUD LIBERO!!!
 
L'incontro di ieri sera, secondo quanto si apprende, è stato preparatorio a quello di oggi
pomeriggio (sempre a palazzo Grazioli) tra Silvio Berlusconi, Gianfranco Micciciché, i governatori di Calabria e Campania Giuseppe Scopelliti e Stefano Caldoro e Raffaele Fitto.
Coordinatore della lista sarà lo stesso Micciché, che ha messo a disposizione del Cavaliere nome e simbolo del suo partito.

Ultima modifica: 03 Gennaio ore 11:52






Accordo tra Berlusconi e Micciché Grande Sud in campo per Silvio - Live Sicilia

tra fetenti un accordo lo si trova sempre:D
la mafia che dice che i quei posti sarà capotto a favore del p2ista?:cool:
 
ma sto miccikkè è lo stesso miccikkè che si faceva portare i pacchi di coca in parlamento dal suo puscher di fiducia ?
 
ma sto miccikkè è lo stesso miccikkè che si faceva portare i pacchi di coca in parlamento dal suo puscher di fiducia ?

eppure gentaglia del genere si è occupata della cosa pubblica per decenni
qui in puglia non passeranno prevedo un successo per monti, grillo, bersani:cool:
 
Indietro