Acquistare o vivere in affitto? Piccolo esperimento

vivaslan

Nuovo Utente
Registrato
15/9/08
Messaggi
3.122
Punti reazioni
238
Salve a tutti, racconto una piccola esperienza personale.

Nel 2011, mia moglie acquista come prima casa un bell’appartamento da ristrutturare in provincia di Firenze.

Prezzo 180 k + ristrutturazione + spese notarili ecc si arriva a 230 k considerando già la detrazione dei bonus del 50% e del 65% che si ripreso nel corso degli anni.

Conservo ancora la pubblicità di questo immobile del 2008 che si provava a vendere con i prezzi di allora a 270 k.

Ora stiamo pensando di cambiare casa e lo abbiamo fatto valutare da un paio di agenzie che conosco.
Il prezzo attuale massimo che posso realizzare è tra 145 – 155 K.

Quindi, ci ho rimesso circa 80 k in 11 anni. Senza considerare altre spese come l’Imu, che si pagava anche per la prima casa, altre spese straordinarie condominiali come la riparazione della facciata ecc.

Tra un po’, ci sono anche dei lavori da fare, cambiare la caldaia, manutenzione condominiale al tetto, risistemare la pavimentazione della corte in comune, rubinetteria in bagno ecc.

Se in alternativa fossi andato in affitto 11 anni, nello stesso appartamento o in uno simile, avrei pagato circa 700-800 euro al mese fino ad arrivare ai prezzi attuali di 1000 al mese.
In 11 anni avrei pagato circa 110-120 k di locazione considerando un affitto medio di 900 euro.

Però se avessi investito la stessa cifra che mi è servita per l’acquisto, i 230 k, in un portafoglio moderato, considerando un apprezzamento del 4% netto (anche se i mercati hanno fatto molto di più), adesso mi ritroverei qualcosa come 355 k.

Pertanto, se dai 355 k togliamo i 120 k di locazione oggi avrei 235 k anziché i 150 k del valore attuale della casa.

Meno male che avendo già il cash, ho approfittato a prendere il mutuo 100%, così e l’ho investito.
In questa maniera ho limitato mi danni.
 

giovanni1888

Nuovo Utente
Registrato
3/9/22
Messaggi
315
Punti reazioni
28
Salve a tutti, racconto una piccola esperienza personale.

Nel 2011, mia moglie acquista come prima casa un bell’appartamento da ristrutturare in provincia di Firenze.

Prezzo 180 k + ristrutturazione + spese notarili ecc si arriva a 230 k considerando già la detrazione dei bonus del 50% e del 65% che si ripreso nel corso degli anni.

Conservo ancora la pubblicità di questo immobile del 2008 che si provava a vendere con i prezzi di allora a 270 k.

Ora stiamo pensando di cambiare casa e lo abbiamo fatto valutare da un paio di agenzie che conosco.
Il prezzo attuale massimo che posso realizzare è tra 145 – 155 K.

Quindi, ci ho rimesso circa 80 k in 11 anni. Senza considerare altre spese come l’Imu, che si pagava anche per la prima casa, altre spese straordinarie condominiali come la riparazione della facciata ecc.

Tra un po’, ci sono anche dei lavori da fare, cambiare la caldaia, manutenzione condominiale al tetto, risistemare la pavimentazione della corte in comune, rubinetteria in bagno ecc.

Se in alternativa fossi andato in affitto 11 anni, nello stesso appartamento o in uno simile, avrei pagato circa 700-800 euro al mese fino ad arrivare ai prezzi attuali di 1000 al mese.
In 11 anni avrei pagato circa 110-120 k di locazione considerando un affitto medio di 900 euro.

Però se avessi investito la stessa cifra che mi è servita per l’acquisto, i 230 k, in un portafoglio moderato, considerando un apprezzamento del 4% netto (anche se i mercati hanno fatto molto di più), adesso mi ritroverei qualcosa come 355 k.

Pertanto, se dai 355 k togliamo i 120 k di locazione oggi avrei 235 k anziché i 150 k del valore attuale della casa.

Meno male che avendo già il cash, ho approfittato a prendere il mutuo 100%, così e l’ho investito.
In questa maniera ho limitato mi danni.

se andavi in affitto ci perdevi comunque.
Ora compra una casa anni 80 (non ristrutturare niente che va bene cosi) di 80 mq e te la cavi con 80 mila euro (fuori dalla città ) fine dei pensieri
 

Nemor

Nuovo Utente
Registrato
7/4/07
Messaggi
30.662
Punti reazioni
1.107
Salve a tutti, racconto una piccola esperienza personale.

Nel 2011, mia moglie acquista come prima casa un bell’appartamento da ristrutturare in provincia di Firenze.

Prezzo 180 k + ristrutturazione + spese notarili ecc si arriva a 230 k considerando già la detrazione dei bonus del 50% e del 65% che si ripreso nel corso degli anni.

Conservo ancora la pubblicità di questo immobile del 2008 che si provava a vendere con i prezzi di allora a 270 k.

Ora stiamo pensando di cambiare casa e lo abbiamo fatto valutare da un paio di agenzie che conosco.
Il prezzo attuale massimo che posso realizzare è tra 145 – 155 K.

Quindi, ci ho rimesso circa 80 k in 11 anni. Senza considerare altre spese come l’Imu, che si pagava anche per la prima casa, altre spese straordinarie condominiali come la riparazione della facciata ecc.

Tra un po’, ci sono anche dei lavori da fare, cambiare la caldaia, manutenzione condominiale al tetto, risistemare la pavimentazione della corte in comune, rubinetteria in bagno ecc.

Se in alternativa fossi andato in affitto 11 anni, nello stesso appartamento o in uno simile, avrei pagato circa 700-800 euro al mese fino ad arrivare ai prezzi attuali di 1000 al mese.
In 11 anni avrei pagato circa 110-120 k di locazione considerando un affitto medio di 900 euro.

Però se avessi investito la stessa cifra che mi è servita per l’acquisto, i 230 k, in un portafoglio moderato, considerando un apprezzamento del 4% netto (anche se i mercati hanno fatto molto di più), adesso mi ritroverei qualcosa come 355 k.

Pertanto, se dai 355 k togliamo i 120 k di locazione oggi avrei 235 k anziché i 150 k del valore attuale della casa.

Meno male che avendo già il cash, ho approfittato a prendere il mutuo 100%, così e l’ho investito.
In questa maniera ho limitato mi danni.

Ci hai rimesso attorno ai 100k da un rapido calcolo che ho fatto mantenendo molte cose costanti ( affitto annuo e rendimento del 4% sul capitale investito - interesse composto ). Il tutto perche' la casa ti e' "costata" molto, tra spese iniziali +ristrutturazione e deprezzamento della stessa unito all'affitto piu' basso del rendimento del capitale.
 

casamia

Nuovo Utente
Registrato
6/11/22
Messaggi
25
Punti reazioni
1
Salve a tutti, racconto una piccola esperienza personale.

Nel 2011, mia moglie acquista come prima casa un bell’appartamento da ristrutturare in provincia di Firenze.

Prezzo 180 k + ristrutturazione + spese notarili ecc si arriva a 230 k considerando già la detrazione dei bonus del 50% e del 65% che si ripreso nel corso degli anni.

Conservo ancora la pubblicità di questo immobile del 2008 che si provava a vendere con i prezzi di allora a 270 k.

Ora stiamo pensando di cambiare casa e lo abbiamo fatto valutare da un paio di agenzie che conosco.
Il prezzo attuale massimo che posso realizzare è tra 145 – 155 K.

Quindi, ci ho rimesso circa 80 k in 11 anni. Senza considerare altre spese come l’Imu, che si pagava anche per la prima casa, altre spese straordinarie condominiali come la riparazione della facciata ecc.

Tra un po’, ci sono anche dei lavori da fare, cambiare la caldaia, manutenzione condominiale al tetto, risistemare la pavimentazione della corte in comune, rubinetteria in bagno ecc.

Se in alternativa fossi andato in affitto 11 anni, nello stesso appartamento o in uno simile, avrei pagato circa 700-800 euro al mese fino ad arrivare ai prezzi attuali di 1000 al mese.
In 11 anni avrei pagato circa 110-120 k di locazione considerando un affitto medio di 900 euro.

Però se avessi investito la stessa cifra che mi è servita per l’acquisto, i 230 k, in un portafoglio moderato, considerando un apprezzamento del 4% netto (anche se i mercati hanno fatto molto di più), adesso mi ritroverei qualcosa come 355 k.

Pertanto, se dai 355 k togliamo i 120 k di locazione oggi avrei 235 k anziché i 150 k del valore attuale della casa.

Meno male che avendo già il cash, ho approfittato a prendere il mutuo 100%, così e l’ho investito.
In questa maniera ho limitato mi danni.

Ciao, anch'io sono interessata ad acquistare una seconda casa col mutuo oppure cash, ma non ho tutta questa esperienza.

Nel tuo caso l'errore, se si vuole chiamare così, è stato investire in una abitazione che si è deprezzata perché in una zona non "prime"?
 

Galerkin

Nuovo Utente
Registrato
23/1/13
Messaggi
27.706
Punti reazioni
1.446
Salve a tutti, racconto una piccola esperienza personale.

Nel 2011, mia moglie acquista come prima casa un bell’appartamento da ristrutturare in provincia di Firenze.

Prezzo 180 k + ristrutturazione + spese notarili ecc si arriva a 230 k considerando già la detrazione dei bonus del 50% e del 65% che si ripreso nel corso degli anni.

Conservo ancora la pubblicità di questo immobile del 2008 che si provava a vendere con i prezzi di allora a 270 k.

Ora stiamo pensando di cambiare casa e lo abbiamo fatto valutare da un paio di agenzie che conosco.
Il prezzo attuale massimo che posso realizzare è tra 145 – 155 K.

Quindi, ci ho rimesso circa 80 k in 11 anni. Senza considerare altre spese come l’Imu, che si pagava anche per la prima casa, altre spese straordinarie condominiali come la riparazione della facciata ecc.

Tra un po’, ci sono anche dei lavori da fare, cambiare la caldaia, manutenzione condominiale al tetto, risistemare la pavimentazione della corte in comune, rubinetteria in bagno ecc.

Se in alternativa fossi andato in affitto 11 anni, nello stesso appartamento o in uno simile, avrei pagato circa 700-800 euro al mese fino ad arrivare ai prezzi attuali di 1000 al mese.
In 11 anni avrei pagato circa 110-120 k di locazione considerando un affitto medio di 900 euro.

Però se avessi investito la stessa cifra che mi è servita per l’acquisto, i 230 k, in un portafoglio moderato, considerando un apprezzamento del 4% netto (anche se i mercati hanno fatto molto di più), adesso mi ritroverei qualcosa come 355 k.

Pertanto, se dai 355 k togliamo i 120 k di locazione oggi avrei 235 k anziché i 150 k del valore attuale della casa.

Meno male che avendo già il cash, ho approfittato a prendere il mutuo 100%, così e l’ho investito.
In questa maniera ho limitato mi danni.

se investivi male i tuoi soldi (e avere il 4% netto dal 2011 al 2022 significava prendersi un bel po' di rischi) potevi perdere anche buona parte del capitale.
Così come se magari acquistavi casa in altra zona si svalutava meno.
E comunque, se vendi casa per acquistarne un'altra (e di solito si cambia per migliorare), sarà calato in proporzione anche il prezzo di quel che vai ad acquistare.
Col senno di poi siamo tutti milionari
 

Luzern2

Nuovo Utente
Registrato
4/10/16
Messaggi
6.634
Punti reazioni
599
se andavi in affitto ci perdevi comunque.
Ora compra una casa anni 80 (non ristrutturare niente che va bene cosi) di 80 mq e te la cavi con 80 mila euro (fuori dalla città ) fine dei pensieri

In Toscana la vedo improbabile.
 

AceVentura

Nuovo Utente
Registrato
22/10/20
Messaggi
1.455
Punti reazioni
272
Detti Toscani: Se la mì nonna avea le rote, era un carretto
 

vivaslan

Nuovo Utente
Registrato
15/9/08
Messaggi
3.122
Punti reazioni
238
Il deprezzamento è stato generale, non solo del mio appartamento che ha perso circa il 35%.
Oggi non si vende a 70 quello che nel 2010-11 costava 100
 

Bose

Nuovo Utente
Registrato
10/1/15
Messaggi
1.391
Punti reazioni
37
Continuo a dire che l'immobiliare è per pochi...
Devi saper comprare, saper ristrutturare ai prezzi più bassi possibili, e soprattutto sfruttare tutte le detrazioni possibili, il 50% e 65% con i prezzi fino al 2021, se ci sapevi fare portavi a casa l'8% affittandoli a prezzi di mercato.
Poi certo, fino a quando non si vende, l'8% rimane un punto di domanda...
Ma farle da nuove o ristrutturarle senza detrazioni, non ha senso, a meno che non si è impresa edile, ma per impresa edile intendo quelle imprese che ci sanno fare, dall'acquisti dei materiali alla ristrutturazione, perchè come ben sapete, sono tante che vanno a testa in giù...
 

Luzern2

Nuovo Utente
Registrato
4/10/16
Messaggi
6.634
Punti reazioni
599
Strano comunque perché la prov. di Firenze ha retto abbastanza rispetto alle altre.

La Toscana è una regione con pochissime prospettive per il futuro.
C'è uno calo demografico importante, calo nascite e una grande quantità di immobili tenuti vuoti, i prezzi, specialmente nelle aree meno dinamiche economicamente, sono destinati a calare ancora. Io sono pronto per acquistare, ma non ai prezzi che vedo.
 

vivaslan

Nuovo Utente
Registrato
15/9/08
Messaggi
3.122
Punti reazioni
238
Continuo a dire che l'immobiliare è per pochi...
Devi saper comprare, saper ristrutturare ai prezzi più bassi possibili, e soprattutto sfruttare tutte le detrazioni possibili, il 50% e 65% con i prezzi fino al 2021, se ci sapevi fare portavi a casa l'8% affittandoli a prezzi di mercato.
Poi certo, fino a quando non si vende, l'8% rimane un punto di domanda...
Ma farle da nuove o ristrutturarle senza detrazioni, non ha senso, a meno che non si è impresa edile, ma per impresa edile intendo quelle imprese che ci sanno fare, dall'acquisti dei materiali alla ristrutturazione, perchè come ben sapete, sono tante che vanno a testa in giù...

Non ho acquistato per investimento ma per abitarci.
Alla fine ci ho guadagnato perché ho investito nei mercati azionari i soldi del mutuo.