Al via conciliazione anche per il conto BancoPosta

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

FaGal

Nuovo Utente
Registrato
21/7/02
Messaggi
17.980
Punti reazioni
231
Al via conciliazione anche per il conto BancoPosta
etica
28/03/2006 - 16:52

Poste Italiane ha siglato oggi con le associazioni dei consumatori l'accordo che permetterà ai correntisti dal 1° aprile di presentare le domande per ricorrere alla conciliazione e risolvere le controversie relative al conto corrente. La procedura consentirà di risarcire chi ha subito un disservizio, in modo semplice, veloce e gratuito.

Poste Italiane ha siglato oggi con le associazioni dei consumatori ( Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Arco, Assortenti, Casa del Consumatore, Centro Tutela Consumatori e Utenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Federconsumatori, lega Consumatori Acli, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori) l'accordo che permetterà ai correntisti di ricorrere alla conciliazione per risolvere controversie relative al conto corrente e risarcire chi ha subito un disservizio, in modo semplice, veloce e gratuito. Avviata nel 2002 per i prodotti postali la procedura solo nello scorso anno ha permesso di risolverne con successo il 96% delle 524 domande presentate.

Dal prossimo 1° aprile i correntisti BancoPosta, solo persone fisiche, potranno fare domanda di conciliazione dopo aver presentato un reclamo a cui non è stata data una risposta soddisfacente entro i termini previsti. La conciliazione si potrà richiedere per i seguenti settori: spese e commissioni, valute versamenti/accreditamenti, valute prelevamenti/addebitamenti, termini di disponibilità, vidimazioni assegni, servizi accessori, oneri fiscali, carta Postamat Maestro. La domanda sarà esaminata da una commissione di conciliazione, composta da un rappresentante di Poste Italiane e un rappresentante delle associazioni scelto dal cliente che redigerà un verbale con un'ipotesi d'accordo. Se la proposta di conciliazione sarà accettata dal cliente, questa sarà ratificata in un atto che estinguerà la controversia.

Entro 90 giorni, Poste accrediterà quanto pattuito sul conto BancoPosta del cliente oppure gli invierà un assegno postale vidimato. Il procedimento di conciliazione si concluderà, comunque entro 90 giorni dal ricevimento della domanda.Per chiedere la conciliazione basta compilare il modulo disponibile gratuitamente in tutti i 14 mila uffici postali, su www.poste.it e nelle sedi locali delle associazioni.

Anche le domande potranno essere presentate ai firmatari dell'accordo oppure inviate direttamente all'indirizzo : Segreteria Conciliazioni BancoPosta - Direzione Communication & Advertising in viale Europa n. 175 - oo144 Roma oppure per fax al numero 06.59582772.

Per informazioni consultare www.poste.it e chiamare al numero gratuito 803160 oppure contattare le associazioni dei consumatori firmatarie.

2006 - redattore: NZ
http://www.helpconsumatori.it/news.php?id=6877
 
ItaliaOggi - Giustizia e Società - Numero 075, pag. 29 del 29/3/2006
15 Le poste avviano la conciliazione per i conticorrenti
Via libera di Poste italiane alla conciliazione per il conto Bancoposta. La procedura che permetterà di risolvere le controversie entro e non oltre i 90 giorni dal ricevimento delle domande. La novità, riguardante gli operatori di servizi finanziari, traspare nel comunicato di ieri di Poste italiane. Che, avendo siglato un accordo con le associazioni dei consumatori (Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Proconsumo, Arco, Assoutenti, Casa del consumatore, Centro tutela consumatori e utenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega consumatori Acli, Movimento consumatori, Movimento difesa del cittadino, Unione nazionale dei consumatori), diviene il primo operatore che permette ai propri correntisti di ricorrere alla conciliazione per risolvere dispute relative al contocorrente e rimborsare chi ha subito un disservizio in modo semplice e non oneroso. Avviata nel 2002 per i prodotti postali, la procedura, nello scorso anno, ha permesso di risolvere il 96% delle 524 domande presentate. Nello specifico, il 1° aprile 2006 i correntisti di Bancoposta potranno fare domanda di conciliazione dopo aver presentato un reclamo a cui non è stata data una risposta soddisfacente entro i termini previsti. Si ricorrerà alla procedura per risolvere problematiche relative a spese e commissioni, valute e versamenti/accreditamenti, valute e prelevamenti/addebitamenti. E ancora, termini di disponibilità, vidimazione di assegni, servizi accessori, oneri fiscali e carta Postamat maestro. In particolare, la domanda sarà esaminata da una commissione di conciliazione, composta da un rappresentante di Poste italiane e uno delle associazioni scelto dal cliente, che redigerà un verbale con un'ipotesi d'accordo. Inoltre, se la proposta di conciliazione sarà accettata dal cliente, questa sarà ratificata in un atto che estinguerà la controversia. Ed entro 90 giorni, Poste italiane accrediterà quanto pattuito sul conto Bancoposta del cliente. Oppure gli invierà un assegno postale vidimato. Infine, per chiedere la conciliazione bisogna compilare il modulo disponibile gratuitamente in tutti i 14 mila uffici postali o su www.poste.it oppure nelle sedi delle associazioni. Le domande potranno essere presentate presso gli uffici postali o le sedi delle associazioni. (riproduzione riservata) Autore: di Sara Moneta Caglio

http://www.fabi.it/rassegna/index.htm
 
Indietro