alla mia allieva

David e Pat

Un anno speciale, almeno quello in cui l'ascoltavo...


This is not America
A little piece of you
The little peace in me
Will die [This is not a miracle]
For this is not America

Blossom fails to bloom
This season
Promise not to stare
Too long [This is not America]
For this is not the miracle

There was a time
A storm that blew so pure
For this could be the biggest sky
And I could have
The faintest idea

[For this is not America
This is not america, no, this is not]

Snowman melting
From the inside
Falcon spirals
To the ground [This could be the biggest sky]
So bloody red
Tomorrow's clouds

A little piece of you
The little piece in me
Will die [This could be a miracle]
For this is not America

There was a time
A wind that blew so young
For this could be the biggest sky
And I could have the faintest idea

P.S.: Shalla lala... :)
 
Ultima modifica:
joan manuel

un titolo una garanzia.................


Joan Manuel Serrat
LA TIETA
_________________________________________________
La despertarà el vent d'un cop als finestrons.
És tan llarg i ample el llit... I són freds els llençols...
Amb els ulls mig tancats, buscarà una altra mà
Sense trobar ningù, com ahir, com demà.
La seva soledad és el fidel amant
Que coneix el seu cos plec a plec, pam a pam...
Escoltarà el miol d'un gat castrat i vell
Que en els seus genolls dorm els llargs vespres d'hivern.
Hi ha un missal adormit damunt la tauleta
I un got d'aigua mig buit quan es lleva la tieta.
Un mirall esquerdat li dirà: «Ja et fas gran.
Com ha passat el temps! Com han volat els anys!
Com somnis de jovent pels carrers s'han perdut!
Com s'arruga la pell, com s'ensorren ells ulls!...»
La portera, al seu pas, dibuixarà un somrís:
És l'orgull de qui té algú per escalfar-li el llit.
Cada dia el mateix: agafar l'autobús
Per treballar al despatx d'un advocat gandul,
Amb qui en altre temps ella es feia l'estreta.
D'això fa tant de temps... Ni ho recorda la tieta.
La que sempre té un plat quan arriba Nadal.
La que no vol ningú si un bon dia pren mal.
La que no té més fills que els fills dels seus germans.
La que diu: «Tot va bé». La que diu: «Tant se val».
I el Diumenge de Rams comprarà al seu fillol
Un palmó llarg i blanc i un parell de mitjons
I a l'església tots dos faran com fa el mossèn
I lloaran Jesús que entra a Jerusalem...
Li darà vint durets per obrir una llibreta:
Cal estalviar els diners com sempre ha fet la tieta.
I un dia s'ha de morir, més o menys com tothom.
Se l'endurà una grip cap al forat profund.
Llavors ja haurà pagat el nínxol i el taüt,
Els salms dels capellans, les misses de difunts
I les flors que seguiran el seu enterrement;
Són coses que sovint les oblida la gent,
I fan bonic les flors amb negres draps penjant
I al darrera uns amics, descoberts fa un instant
I una esquela que diu... «Ha mort la senyoreta...
....descansi en pau. AMÉN»... I oblidarem la tieta.
____________________________________________
LA ZIETTA
La sveglierà il vento, d'un colpo, ai finestroni.
È così grande il letto...son fredde le lenzuola...
Con gli occhi semichiusi, cercherà un'altra mano
Senza trovar nessuno, come ieri, come domani.
La sua solitudine è l'amante fedele
Che conosce il suo corpo piega a piega, palmo a palmo...
Ascolterà il miagolìo d'un vecchio gatto castrato
Che le dorme sulle ginocchie nelle lunghe sere invernali.
C'è un messale addormentato sopra il comodino
E un bicchier d'acqua mezzo vuoto, quando s'alza la zietta.
Uno specchio screpolato le dirà: "Sei diventata grande.
Com'è passato il tempo! Se som volati gli anni!
Come sogni di gioventù, si son persi per le strade!
Come si raggrinza la pelle, come s'infossano gli occhi!..."
La portinaia, quando passa, le stamperà un sorriso:
È l'orgoglio di chi ha qualcuno che le scalda il letto.
Ogni giorno è lo stesso: pigliar l'autobus, andare
A lavorare nello studio d'un avvocato fannullone
Con cui, una volta, aveva una mezza storia.
Ma è tanto tempo fa...non se ne ricorda, la zietta.
Lei, che ha sempre un piatto quando vien Natale,
Lei, che non vuol nessuno se un bel giorno s'ammala.
Lei, che non ha altri figli che quelli dei suoi fratelli.
Lei, che dice: "Va tutto bene". Che dice: "Tanto è lo stesso."
E la domenica della Palme comprerà a suo nipote
Un ramone grosso e bianco e un paio di calzoni,
E, in chiesa, tutt'e due faranno come fa il curato
E loderan Gesù che entra a Gerusalemme...

Gli darà cento pesetas per aprire un quaderno:
Bisogna risparmiare i soldi, come ha sempre fatto la zietta.
E, un giorno, si dovrà morire, più o meno come tutti.
Un'influenza se la porterà via giù nel pozzo profondo.
Allora avrà già pagato la tomba e la bara,
I salmi dei cappellani, le messe da requiem
E i fiori che seguiranno il suo funerale;
Son cose che spesso dimentica, la gente.
E i fiori ci stan bene sui drappi neri appesi,
E, dietro, qualche amico, saltato fuori un attimo prima,
E un necrologio che dice... "È morta la signorina...
...riposi in pace. AMEN". E scorderem la zietta.

--------------------------------------------------------------------------------
 
Se decidessi di prendere di nuovo un gatto, sappi che non lo castrerei, non l'ho mai fatto.
Chi mi fa compagnia deve esser libero :)

Tia Maffi
 
scusate...posso?? Mi sono svegliato con sta musichetta in testa...poi l'altro giorno c'era Marianne in con-certo ch'è invecchiata, ma com'era bella!! :o ;)




Rolling Stones : As Tears Go By


It is the evening of the day
I sit and watch the children play
Smiling faces I can see
But not for me
I sit and watch
As tears go by
My riches can't buy everything
I want to hear the children sing
All I hear is the sound
Of rain falling on the ground
I sit and watch
As tears go by

It is the evening of the day
I sit and watch the children play
Doin' things I used to do
They think are new
I sit and watch
As tears go by
 
joan manuel

cara allieva dopo lo "scherzo"......................la verità. Un bacio dal tuo sempre giovane maestro.......................alla sua sempre giovane allieva


Joan Manuel Serrat
FA VINT ANYS QUE TINC VINT ANYS
_________________________________________________
Fa vint anys que tinc vint anys.
Vint anys i encara tinc força
I no tinc l'ànima morta,
I em sento bullir la sang.
I encara em sento capaç
De cantar si un altre canta,
Avui que encara tinc veu
I encara puc creure en Déus...
Vull cantar les pedres, la terra, l'aigua,
El blat i el camí que vaig trepitjant.
A la nit, al cel, a aquest mar tan nostre,
I al vent que al matí va a besar-me el rostre.
Vull alçar la veu
Per una tempesta,
Per un raig de sol
O pel rossinyol
Que ha de cantar al vespre.

Fa vint anys que tinc vint anys.
Vint anys i encara tinc força
I no tinc l'ànima morta,
I em sento bullir la sang.
Fa vint anys que tinc vint anys,
I el cor encara s'embala
Per un moment d'estimar,
O en veure un infant plorar...
Vull cantar l'amor,
El primer de darrer.
El que et fa patir el que vius un dia.
Vull plorar amb aquells
Que es troben tots sols
I sense cap amor
Van passant pel món.
Vull alçar la veu,
Per cantar als homes
Que han nascut dempeus,
Que viuen dempeus,
I que dempeus moren.
Vull i vull cantar
Avui que tinc veu,
Qui sap si podré demà,
Qui sap si podré demà.
Fa vint anys que tinc vint anys.
Vint anys i encara tinc força
I no tinc l'ànima morta,
I em sento bullir la sang.
_________________________________________________
SON VENT'ANNI CHE HO VENT'ANNI
Son vent'anni che ho vent'anni,
Vent'anni e ho ancora la forza,
E non ho l'anima morta
E mi sento bollire il sangue.
E ancora mi sento capace
Di cantare se un altro canta,
Oggi che ancora ho voce
E ancora posso credere in Dio...
Voglio cantare le pietre, la terra, l'acqua,
Il grano e il cammino che percorro tremante.
Alla notte, al cielo, a questo mare così nostro
E al vento che al mattino mi bacia il viso.
Voglio alzare la voce
Per una tempesta,
Per un raggio di sole
O per l'usignolo
Che deve cantare alla sera.
Son vent'anni che ho vent'anni,
Vent'anni e ho ancora la forza,
E non ho l'anima morta
E mi sento bollire il sangue.
Son vent'anni che ho vent'anni,
E il cuore ancora s'esalta
Per un momento d'amore,
O nel vedere un bimbo che piange...

Voglio cantare l'amore,
Come prima e ultima cosa.
Quello che ti fa soffrire, quello che vivi un giorno.
Voglio piangere con quelli
Che si trovan tutti soli
E senza nessun amore,
Passano per il mondo.
Voglio alzare la voce,
Per cantare gli uomini
Che sono nati in piedi,
Che vivono in piedi
E muoiono in piedi.
Voglio e voglio cantare
Oggi che ho voce,
Chissà se potrò, domani,
Chissà se potrò, domani.
Son vent'anni che ho vent'anni,
Vent'anni e ho ancora la forza,
E non ho l'anima morta
E mi sento bollire il sangue.
____________________________________________
 
forse no

Che vita ha fatto
a immaginarsela
cosi, colà
la vita che vita
ha fatto
ad aspettarsela
convinta che
la vita c'è.
Che vita ha fatto,
se torna a nascere
non torna più,
non sia... mai
Che vita ha fatto,
ha pianto a piovere
e sul pendìo
dello sgocciolìo
lei sdrucciolò.
Lei m'amò, tu l'amasti, io no
I verbi... non coincidono.
Che vita ha fatto,
ma ben più rapida
con lei duellò
la vita.
Che vita ha fatto
metà sognandola
metà in realtà
se poi è realtà
quel che in realtà sognò a metà.
Lei m'amò, tu l'amasti, io no.
I verbi la... tradirono
che c'entro io?
Che vita ha fatto
a immaginarsela
cosi, colà
la vita.
Come sta, come stai, come sto
La voce coniugandoci
s'allontanò.
 
Scritto da coloratoblues
scusate...posso?? Mi sono svegliato con sta musichetta in testa...poi l'altro giorno c'era Marianne in con-certo ch'è invecchiata, ma com'era bella!! :o ;)


L'ha cantata anche lei....bellissima!

Take me now baby here as I am
Pull me close, try and understand
Desire is hunger is the fire I breathe
Love is a banquet on which we feed.
Come on now try and understand
The way I feel when I'm in your hand
Take my hand, come under cover,
They can't hurt you now,
Can't hurt you now,
Can't hurt you now.
Because the night was made for lovers,
Because the night was made for love.
Because the night was made for lovers,
Because the night was made for us.
Have I doubt when I'm alone ?
Love is a ring, the telephone.
Love is an angel disguised as lust
Here in our bed till the morning comes.
Come on now try and understand
The way I feel under your command.
Take my hand, come under cover,
They can't touch me now,
Can touch me now,
Can touch me now.
Because the night belongs to lovers,
Because the night belongs to love.
Because the night belongs to lovers,
Because the night belongs to us.
My love would leave
No doubt a vicious circle turns and burns.
Without you, oh I could not live
Forgive the only person.
I believe, yes I believe in freedom,
So touch me now, touch me now, touch me now.
Because the night belongs to lovers,
Because the night belongs to love.
Because the night belongs to lovers,
Because the night belongs to us.
Because tonight there are true lovers,
Can we believe in the night we trust.
Because tonight there are true lovers,
Because tonight belongs to us.

Cià coloratissimo :)
 
senza testi, solo un "pciù, pciù !!"...;) :)

(che poi, tradotta, sarebbe: bang bang, un colpo e lei...bang bang..) :o :rolleyes: :D ;)
 
bruce

il maestro deve sempre seguire l'allieva nelle emozioni.

...........I'll love you with all the madness in
[my soul
Someday girl, I don't know when,
we're gonna get to that place
Where we really want to go
And we'll walk in the sun
But till then tramps like us
Baby we were born to run
 
Scavi archeologici

:)


E' uno di quei giorni che ti prende la malinconia
che fino a sera non ti lascia più
la mia fede è troppo scossa ormai ma prego e penso fra di me
proviamo anche con dio non si sa mai
e non c'è niente di più triste in giornate come queste
che ricordare la felicità sapendo già che è inutile ripetere:
chissà ? Domani e' un altro giorno si vedrà
è uno di quei giorni in cui rivedo tutta la mia vita
bilancio che non ho quadrato mai
posso dire d'ogni cosa che ho fatto a modo mio
ma con che risultati non saprei
e non mi sono servite a niente esperienze e delusioni
e se ho promesso non lo faccio più ho sempre detto in ultimo :
ho perso ancora ma domani è un altro giorno, si vedrà
è uno di quei giorni che tu non hai conosciuto mai
beato te si beato te
io di tutta un'esistenza spesa a dare,
dare, dare .... non ho salvato niente, neanche te
ma nonostante tutto io non rinuncio a credere
che tu potresti ritornare qui e come tanto tempo fa ripeto :
chi lo sa ? Domani è un altro giorno si vedrà
e oggi non m'importa della stagione morta
per cui rimpianti adesso non ho più
e come tanto tempo fa ripeto :
chi lo sa ? Domani e' un altro giorno si vedrà
domani e' un altro giorno si vedrà.
 
mi auguro, Maffa, che stamane sia passata la banda...:o ;)



Una tristezza così
non la sentivo da mai
ma poi la banda arrivò
e allora tutto passò
volevo dire di no
quando la banda passò
ma il mio ragazzo era lì
e allora dissi di si
e una ragazza che era triste
sorrise all'amor
ed una rosa che era chiusa
di colpo sbocciò
ed una flotta di bambini festosi
si mise a suonare come fa la banda
e un uomo serio il suo cappello
per aria lanciò
fermò una donna che passava
e poi la baciò
dalle finestre quanta gente spuntò
quando la banda passò
cantando pace ed amor
Quando la banda passò
nel cielo il sole spuntò
e il mio ragazzo era lì
e io gli dissi di si
La banda suona per noi
La banda suona per voi
la..la..la..la..la..la..la
la..la..la..la..la..la..la
E tanta gente dai portoni
cantando sbucò
e tanta gente in ogni vicolo
si riversò
e per la strada
quella povera gente marcia felice
dietro la sua banda
Se c'era uomo che piangeva
sorrise perché
sembrava proprio che la banda
suonasse per lui
in ogni cuore la speranza spuntò
quando la banda passò
cantando cose d'amor
La banda suona per noi
La banda suona per voi
la..la..la..la..la..la..la
la..la..la..la..la..la..la
La banda suona per noi
La banda suona per voi
la..la..la..la..la..la..la
la..la..la..la..la..la..la
la..la..la..la..la..la..la
la..la..la..la..la..la..la
 
Essence Of Billie Holiday

Questa è tutta per te, colorato :)


Someday he'll come along
The man I love
And he'll be big and strong
The man I love
And when he comes my way
I'll do my best to make him stay
He'll look at me and smile
I'll understand
Then in a little while
He'll take my hand
And though it seems absurd
I know we both won't say a word
Maybe I shall meet him Sunday
Maybe Monday, maybe not
Still I'm sure to meet him one day
Maybe Tuesday will be my good news day
He'll build a little home
That's meant for two
From which I'll never roam
Who would, would you
And so all else above
I'm dreaming of the man I love
 
charles

non mi resta che questa.........


IO TRA DI VOI





1. LUI DI NASCOSTO, OSSERVA TE

TU SEI NERVOSA, VICINO A ME

LUI ACCAREZZA, LO SGUARDO TUO

TU TI ABBANDONI, AL GIOCO SUO

ED IO TRA DI VOI, SE NON PARLO MAI

HO VISTO GIA', TUTTO QUANTO

ED IO TRA DI VOI, CAPISCO CHE ORMAI

LA FINE DI TUTTO E' QUI.



2. LUI STA' SPIANDO, CHE COSA FAI

TU L'INCORAGGI, PERCHE' LO SAI

LUI SA' TENTARTI, CON MAESTRIA

TU SEI SECCATA, CHE IO CI SIA

ED IO TRA DI VOI, SE NON PARLO MAI

OSSERVO LA VOSTRA INTESA,

ED IO TRA DI VOI, NASCONDO COSI'

L'ANGOSCIA CHE SENTO IN ME.



3. LUI DI NASCOSTO, SORRIDE A TE

TU PARLI FORTE, CHISSA' PERCHE'

LUI TI CORTEGGIA, MALGRADO ME

TU RIDI TROPPO, HAI SCELTO GIA'

ED IO TRA DI VOI, SE NON PARLO MAI

HO GONFIO DI PIANTO, IL CUORE

ED IO TRA DI VOI, DA SOLO VEDRO'

LA PENA CHE CRESCE IN ME.



parlato:



NO, NON E' NIENTE, FORSE UN PO' DI FATICA..

COSA VAI A PENSARE, AL CONTRARIO,

E' STATA UNA MAGNIFICA SERATA...

SI, SI UNA MAGNIFICA SERATA....
 
ommadonna...Mariachi:



Non essere geloso
se con gli altri ballo il twist.
Non essere furioso
se con gli altri ballo il rock.
Con te con te
con te, che sei la mia passione
io ballo il ballo del mattone.

Non provocar la lite
se con gli altri ballo il twist.
Non farmi le scenate
se con gli altri ballo il rock.
Con te con te con te,
che sei la mia passione,
io ballo
il ballo del mattoone.

Lentamente, guancia a guancia,
io ti dico che ti amo
tu mi dici che son bella
dondolando, dondolando sulla stessa mattonella!
Non essere geloso
se con gli altri ballo il twist.
Non essere furioso
se con gli altri ballo il rock.
Con te con con te,
che sei la mia passione,
io ballo
il ballo del mattoone.

Lentamente,
guancia a guancia,
io ti dico
che ti amo,
tu mi dici
che son bella,
dondolando,
abbracciati sulla stessa mattonella.

Non essere geloso
se con gli altri ballo il twist.
Non essere furioso
se con gli altri ballo il rock.
Con te con te con te,
che sei la mia passione,
io ballo
il ballo del mattoone.

:o :o :rolleyes: :D ;) :)
 
:D :D :D

L’indirizzo ce l’ho!
Rintracciarti non è un problema.
Ti telefonerò,
Ti offrirò una serata strana!!!
Il pretesto lo sai :
Quattro dischi, un po' di whisky!
Sarò grande vedrai!!!
Dammi spazio, e dopo, mi dirai… Che maschio sei!!!
Lui chi è?
Come mai l’hai portato con te?
Io volevo incontrarti da sola…
Se mai…
Lui chi è?
Lui chi è?
Lui chi è?
Già è difficile farlo con te… Mollalo!!!
Lui chi è?
Lui chi è?
Lui chi è?
Lui chi è?
E’ distratto, ma è certo di troppo… Mollalo!!!
Mi aspettavo lo sai …
Un rapporto un po' più’ normale!!!
Quale eventualità,
Trovarsi una collocazione…
Ora spiegami , dai !
L’atteggiamento che dovrò adottare…
Mentre io rischierei,
Di trovarmi al buio fra le braccia lui…
Non è il mio tipo!!!
Lui chi è…
Il triangolo, no!
Non lo avevo considerato…
D’accordo, ci proverò…
La geometria, non è un reato…
Garantisci per lui?
Per questo amore un po' articolato?
Mentre io rischierei,
Ma il triangolo io lo rifarei!
Perché no? Lo rifarei!!!
Lui chi è…
Ehi, a loro! Dico loro… Chi sono?

Che sema :)
 
:eek: :D :D :)


( beh, Francois, -che a te piace tanto, vero..?!?- fece un pò meglio, no??...Parlo di Truffaut :o ;) )
 
jacques

senza parole!


Ne me quitte pas
Il faut oublier
Tout peut s'oublier
Qui s'enfuit déjà
Oublier le temps
Des malentendus
Et le temps perdu
A savoir comment
Oublier ces heures
Qui tuaient parfois
A coups de pourquoi
Le cœur du bonheur
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas

Moi je t'offrirai
Des perles de pluie
Venues de pays
Où il ne pleut pas
Je creuserai la terre
Jusqu'après ma mort
Pour couvrir ton corps
D'or et de lumière
Je ferai un domaine
Où l'amour sera roi
Où l'amour sera loi
Où tu seras reine
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas

Ne me quitte pas
Je t'inventerai
Des mots insensés
Que tu comprendras
Je te parlerai
De ces amants-là
Qui ont vu deux fois
Leurs cœurs s'embraser
Je te raconterai
L'histoire de ce roi
Mort de n'avoir pas
Pu te rencontrer
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas

On a vu souvent
Rejaillir le feu
D'un ancien volcan
Qu'on croyait trop vieux
Il est paraît-il
Des terres brûlées
Donnant plus de blé
Qu'un meilleur avril
Et quand vient le soir
Pour qu'un ciel flamboie
Le rouge et le noir
Ne s'épousent-ils pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas

Ne me quitte pas
Je ne vais plus pleurer
Je ne vais plus parler
Je me cacherai là
A te regarder
Danser et sourire
Et à t'écouter
Chanter et puis rire
Laisse-moi devenir
L'ombre de ton ombre
L'ombre de ta main
L'ombre de ton chien
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas.
 
carole

When you're down and troubled
and you need a helping hand
and nothing, whoa nothing is going right.
Close your eyes and think of me
and soon I will be there
to brighten up even your darkest nights.

You just call out my name,
and you know whereever I am
I'll come running, oh yeah baby
to see you again.
Winter, spring, summer, or fall,
all you have to do is call
and I'll be there, yeah, yeah, yeah.
You've got a friend.

If the sky above you
should turn dark and full of clouds
and that old north wind should begin to blow
Keep your head together and call my name out loud
and soon I will be knocking upon your door.
You just call out my name and you know where ever I am
I'll come running to see you again.
Winter, spring, summer or fall
all you got to do is call
and I'll be there, yeah, yeah, yeah.

Hey, ain't it good to know that you've got a friend?
People can be so cold.
They'll hurt you and desert you.
Well they'll take your soul if you let them.
Oh yeah, but don't you let them.

You just call out my name and you know wherever I am
I'll come running to see you again.
Oh babe, don't you know that,
Winter spring summer or fall,
Hey now, all you've got to do is call.
Lord, I'll be there, yes I will.
You've got a friend.
You've got a friend.
Ain't it good to know you've got a friend.
Ain't it good to know you've got a friend.
You've got a friend.
 
cheikha

non trovando testi..............



CHEIKHA REMITTI
(Algeria)


In Algeria, Cheikha Remitti è considerata la madre del rai, il genere musicale nato tra gli anni '30 e '40 nelle feste e nei bordelli delle città maghrebine, divenuto, in seguito il grido di ribellione dei giovani alle ferree regole moraliste della società araba, al punto che alcuni suoi esponenti sono stati trucidati dagli integralisti. Il grido di denuncia di Cheikha, che sublima l' amore fisico e dichiara la parità tra i sessi, si impone all' Occidente a partire dal 1986, anno in cui il rai esplode a Parigi. Da allora la cantante tocca in tourneè le principali capitali europee e si concede alcune prestigiose collaborazioni internazionali con il musicista d'avanguardia Robert Fripp e con il gruppo rock Red Hot Chili Peppers. Orfana, povera e vagabonda, Cheikha cresce nella regione di Orano, inizia a esibirsi come ballerina in equivoci locali notturni, ma anche nelle feste e nei matrimoni, seguendo la tradizione tipica delle cheikketes. Incide il primo disco - un 78 giri - nel '36 facendosi subito apprezzare dalle menti libere e detestare dagli integralisti a causa dei testi provocatori e dissacranti che compone nonostante si dichiari spesso animata da fede religiosa: "Certi adorano Dio, io adoro la birra", il titolo di un suo pezzo. Per moltissimi Cheikha diventa un mito: sebbene abbia un marito e sei figli a Orano, vive tra Algeri, Parigi, Lione e Marsiglia, in un turbinio nomade di concerti. Il suo messaggio è quello di un femminismo ante litteram che esalta i piaceri carnali e le gioie degli effluvi alcolici, prende posizione sulla sessualità, ma anche sul colonialismo con un linguaggio ribelle al tempo e alle mode. Strizzando l'occhio alle origini beduine si esprime nel dialetto della sua regione e gioca con immagini ironiche e dure, come quando lamenta l'usanza dei matrimoni forzati: "…che cos'hanno in comune una saliva ripugnante e la saliva di una donna giovane e sana?.." scrive nel 1950 in "Khali-el- Kass", uno dei suoi pezzi più celebri. Ma nella sua lunga produzione traduce in musica anche oggetti dell' esperienza quotidiana come il Tgv, l' automobile o il telefono: "L' ispirazione mi viene dall' insonnia", dichiara in un' intervista. Negli ultimi anni visita la Mecca e si calma: Remitti, la dissoluta, smette di bere e di fumare, non dà più notizie della sua vita privata. Rimane intatta la sua energia sul palco, il fascino della grande mamma a cui si ispirano tutt' oggi le giovani cheikketes e chabates
 
Indietro