Anche negli USA il gestito non se la passa bene

Voltaire

Gennarino Fan's Club
Registrato
25/3/00
Messaggi
13.117
Punti reazioni
454
Da Finanza&Mercati di mercoledì 3


Gli scandali dei fondi di investimento americani non hanno lasciato indenne l’industria. Anzi, l’effetto si farà sentire per almeno dieci anni oltre che sul sistema industriale anche sulla gestione degli attivi. Per questo continua l’avversione degli investitori nei confronti delle scommesse a rischio. Un’avversione che dura ormai da tempo, come si rileva nell’ultimo rapporto di Ernst&Young sullo stato dell’industria e dei servizi finanziari. La «gestione collettiva» americana, che rappresenta ancora 6.500 miliardi di dollari di attivi mobiliari gestita da 630 operatori, conoscerà una riduzione considerevole della sua raccolta nei prossimi dieci anni. È questa l’opinione di Steven Buller, direttore dei servizi della gestione collettiva di E&Y. Basti dire che rispetto a una crescita che negli anni ’90 oscillava fra il 10 e il 15% annuo, nel prossimo decennio l’incremento si limiterà al 3 o almassimo al 5 per cento. Se questa previsione fosse confermata, assisteremmo alla prima autentica inversione di tendenza degli ultimi sessant’anni, collegata anche se solo in parte «a una reazione di tipo eccezionale alla volatilità dei mercati e alle perplessità di chi investe», aggiunge l’esperto. Il mercato, dunque, è saturo di perdite. La svolta è avvenuta nel 2002 ed è andata avanti lo scorso anno ignorando il pur ragguardevole
apprezzamento dei mercati azionari. Basti dire che se nel 2001 il 52% delle famiglie americane detenevano fondi comuni di investimento, nel 2003 il loro peso si è ridotto al 48 per cento. I più affezionati fra gli investitori privati hanno manifestato una distacco ancora più marcato nei confronti di questi strumenti finanziari: le gestioni collettive sono passate dall’11% del 2001 a circa il 6%dell’anno scorso. Ciò ha causato una carenza significativa dei flussi di capitali freschi verso settori dell’investimento che hanno perso credito o che faticano a riconquistarlo.
 
Interessante.
Non capisco però se per fondi si intendano anche gli ETF.
 
Indietro