Argentina and Parmalat: Failures in the Protection-Net for Italian Savers

FaGal

Utente Registrato
Registrato
21/7/02
Messaggi
17.980
Punti reazioni
231
Abstract:
According to Italian Constitution of 1947, household savings are to be protected, but this provision has been long neglected by legislation and governments. Inflation, unfair taxation, expropriations without just compensation and financial scandals have repeatedly and heavily affected the wealth of Italian households during half of a century. The paper deals with recent failures in supervision of financial markets and focuses on two defaults: Argentina and Parmalat. In both cases financial instruments, largely distributed among Italian savers by retail banks, had been issued abroad and this feature has hampered action of supervisory authorities. Italian small savers have been the most hit by Argentina's crisis: 450,000 in number and total amount equals 1.5% of GDP. The reasons for such an involvement are to be found in the still surviving myth of Argentina, as a rich country, land of immigration and of easy life. Many Italian families are still in touch with relatives in this country and almost 40% of Argentinians have Italian ancestors. Probably because of the same myth, the major rating agencies had assigned over-generous ratings to the Argentine sovereign debt, as they did later with Parmalat bonds, and have deceived the market in downgrading the risks involved. International banks assisting these issues, on their side, were not so much concerned with over-borrowing both by Argentina and Parmalat. Eventually the main liability of the two defaults and frauds lies the debtors themselves. Argentinian populist governments, fishing for consensus and stubborn in their lax fiscal policy, instead of printing money as they used to do before, once hard peg had been adopted, issued bonds to finance large deficits. It is well known that extent of loss for the savers depends upon inability and/or unwillingness of the borrower to repay debts and, in the Argentina case, both of these reasons may be mentioned. In the default of Parmalat, instead, frauds and financial misreporting by management as well as loose control by certified auditing firms have been detected. The paper concludes by analysing tools to be assigned to domestic supervisory authorities, changes in corporate governance to be introduced and administrative as well as criminal penalties to be enhanced by the new law on saving protection, now under discussion at the Italian parliament. Deterrence measures against international defaults and frauds, particularly in the case of sovereign debts, have to be adopted, however, at global level

arnaldo.mauri@unimi.it

ARNALDO MAURI
Università degli Studi di Milano - Dipartimento di Economia Politica e Aziendale (DEPA)
April 12, 2005

Università degli Studi di Milano Economics, Business and Statistics Working Paper No. 2005-08


Potete scaricarlo qui
http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=706302
In fondo alla pagina cliccata sull'icona rossa con scritto SSRN
 
è in italiano solo la presentazione è in inglese ;)
 
Astratto:
Secondo Costituzione italiana di 1947, risparmi di famiglia saranno protegguti, ma questo provvedimento è stato trascurato da molto da legislazione e governi. L'inflazione, tassazione ingiusta le espropriazioni senza solo compensazione e scandali finanziari hanno ripetutamente e molto colpito la ricchezza di famiglie italiane durante la metà di un secolo. La carta tratta coi recenti fallimenti in soprintendenza di mercati finanziari e si concentra su due contumace: Argentina e Parmalat. In ambo i casi strumenti finanziari, estesamente distribuito fra salvatori italiani da banche di vendita al dettaglio, era stato pubblicato all'estero e questa caratteristica ha impedito azione di autorità direttive. Piccoli salvatori italiani sono stati il più più colpisca dalla crisi dell'Argentina: 450,000 in numero ed ammontare totale uguaglia 1.5% di GDP. Le ragioni per tale coinvolgimento saranno trovate nel mito ancora sopravvivendo dell'Argentina, come un paese ricco terra dell'immigrazione e della vita facile. Molte famiglie italiane sono ancora in tocco con parenti in questo paese e pressocché 40% di argentini antenati italiani hanno. Probabilmente a causa dello stesso mito, le agenzie di stima notevoli avevano assegnato stime finito-generose all'Argentina debito supremo, come loro facevano più tardi con obbligazioni di Parmalat, e ha ingannato il mercato nel declassare i rischi coinvolti. Banche internazionali che assistono questi problemi, sul loro lato non erano così molto interessato col finito-prendendo in prestito ambo da Argentina e Parmalat. Eventualmente la responsabilità principale delle due contumace e bugie di frodi i dare loro. Governi di populist argentini, pesca per consentimento e caparbio nella loro polizza fiscale e lassa, invece di soldi stampanti come loro facevano prima, una volta piolo duro era stato adottato, obbligazioni emesse per finanziare i grandi deficit. Si sa bene che estensione di perdita per i salvatori dipende su svogliatezza di and/or di inabilità del mutuatario per rimborsare debiti e, nel caso di Argentina, ambo di queste ragioni possono essere menzionati. Nella contumacia di Parmalat, invece frodi e misreporting finanziari da gestione così come controllo sciolto da ditte che rivedono munito di certificato è stato scoperto. La carta conclude analizzando attrezzi per essere assegnata ad autorità direttive e nazionali, cambi in governo sociale per essere presentato ed amministrativo così come sanzioni penali criminali per essere migliorato dalla legge nuova su salvare protezione, ora sotto discussione al parlamento italiano. Prevenzione misura contro contumace internazionali e frodi, particolarmente nel caso di debiti supremi abbia essere adottato, comunque a livello globale
non è proprio perfetta ma quasi
 
Repetita iuvant: è in italiano il testo del report
 
Indietro