Assicurazioni, responsabilità (in)civile e cittadino

FaGal

Nuovo Utente
Registrato
21/7/02
Messaggi
17.980
Punti reazioni
231
problema complesso

Il settore rc auto è un settore critico in Italia. Mentre nel resto d' Europa si è assistita ad una diminuzione dei premi, in Italia, per motivi svariati, è accaduto l' opposto. A mio avviso, le soluzioni vanno ricercate nella risoluzione di alcune criticità del settore: elevata incidenza delle truffe, elevata incidenza della componente fiscale, elevata incidenza dei costi per risarcimento da lesioni personali. Se gli ultimi due sono problemi che si possono più facilmente affrontare il primo necessita di maggior attenzione. L' introduzione dela cd. "scatola nera" per gli autoveicoli dovrebbe essere la soluzione ideale, corroborata da una maggiore vigilanza delle Compagnie sugli assicurati che ad oggi, specie se comparata con quella di altri Paesi (vedi GB), è ridicola. La sola banca dati centrale, se non adeguatamente supportata a monte, è inutile. Nello specifico le soluzioni che propongo sono due: confrontare meglio le polizze e scegliere la più conveniente. Non solo, se si è un assicurato modello (cioè non si è abituati ad avere sinistri anche minimi) si può scegliere di associare al bonus malus una franchigia che varia dalle vecchie 500mila ad 1milione.A parità di condizioni, il premio pagato è inferiore. E pochi sanno che la Compagnia è obbligata a prevedere tale formula a chi glielo chiede (L.137/2000). Certo, non si tratta di una franchigia vecchio stile ma è meglio di niente. ci possono essere altri accorgimenti legati al profilo dell' automobilista
 
accorgimenti "volanti" su premio

Alcune brevi considerazioni pratiche su possibili aumenti del premio:
1)se c' è stato sinistro, l' aumento del premio correlato alla retrocessione di due classi può avvenire solo se c' è stata liquidazione del sinistro, nel caso di danni a cose, nel caso di danni a persone anche se il sinistro è riservato (cioè non liquidato entro l' anno
2)ci si può rifiutare di pagare l' aumento se non viene comunicato oltre termine stabilito nella polizza
3)nel caso di copertura furto ed incendio, fare sempre adeguare il valore a quello di mercato (rif.Quattroruote)per evitare di pagare un premio maggiore; tanto la compagnia risarcirebbe solo il valore di mercato e non il maggior valore in polizza
3)pagare, se possibile, in un' unica soluzione (si evitano i diritti di frazionamento che, in genere, incidono per un 3%)
4)per il frazionamento furto-incendio stesse considerazioni che rc auto
...
 
chiaramente entro il termine...!!

va comunicato il rincaro entro il termine, scusate l' errore
 
no

No non ci sono norme che impongano attualmente il blocco tariffario. Comunque armandosi di santa pazienza (dipende anche dalle zone geogrfiche dl Paese) si riesce a trovare qualcosa di più interessante, certo non di miracoloso per il portafogli
 
reply

Purtroppo è vero. mi sembra assurda la proposta di Donvito, dell' ADUC, di togliere, l' obbligatorietà per aumentare la concorrenza (vi immaginate quante belle controversie in sede civile che terminerebbero quando si è raggiunta un' età tale da essere disinteressati al costo delle polizze rc auto!!!!). Interessante è la proposta di accelerare sui tempi dei risarcimenti, sviluppare procedure extragiudiziali arbitrali (anche per ovviare alla carenza di personale che si è venuta acreare per i tagli del settore). Francamente non dispongo di materiale che illustri le ragioni del cxalo in altri Paesi, al contrario del nostro. ho del materiale sulla comparazione di vari aspetti dell' rc auto che mi riprometto di esaminare meglio, tanto da chiarire alcune possibili divergenze normative con altri Paesi
Certo sono da evitare interventi d' emergenza che non siano supportati da una riforma complessiva del settore. Rinvierebbero solo il problema ma non inizierebbero ad affrontarlo
 
Indietro