Autostrade-Abertis...qualcuno mi aiuta a capire?

pellizza2 ha scritto:
scattato un po di panico?
chi voleva coprirsi lha già fatto venerdì scorso ul mercato delle opzioni
infatti sono passati
1) 17700 contratti put 18.00 scadenza dicembre 2006 al prezzo di 0.0236... che copre 8.850.000 azioni per un valore totale di 159.300.000 euro
2) 20774 contratti put 19.00 sempre con scadenza dicembre al prezzo di 0.41 ap prezzo di 0.0215 che copre dal ribasso 10.387.000 per un valore totale di 197.353.000 euro

belle cifre... il tutto molto prima che si sapesse dell'operazione di fusione
quindi qualcuno sapeva molto bene e si è coperto dal rischio
il numero delle azioni coinvolte è 19237000
Ora il numero di tutte le azioni autostrade è uguale a 571711557

qualcuno ha coperto il 3.36% del capitale e di certo non è un piccolo trader ma qualcuno che sapeva bene .... un INSIDER

quando ho visto passare i contratti .... mi sono chiesta chi potesse coprire un capitale così elevato e il perchè...

i "furbetti del quartierino" non operano più e quindi ... quando è uscita la notizia ho capito


per cui si deduce che i pezzi grossi temono che il titolo scenderà a quel prezzo per dicembre e si sono coperti dal rischio


saluti
 
aztlan ha scritto:
ma va....siamo noi che stiamo giocando. guarda i volumi. :rolleyes:
i volumi non mi sembrano molto bassi, invece
 
rob54 ha scritto:
i soliti ***** che ancora non hanno capito che in Autostrade occorre allacciare la cintura di sicurezza...
già, hai ragione. avrei dovuto capirlo anche solo guardando le punte aguzze del grafico a un anno (sono un seguace della teoria dell'autosomiglianza)
 
Sono finalmente scattati gli arbitraggi.

Autostrade è rimbalzata con decisione dai minimi da 23.02 a 23.40 mentre abertis toccava nuovi minimi.

Lo spread era arrivato a livelli abbastanza assurdi...
 
Tyss ha scritto:
chi voleva coprirsi lha già fatto venerdì scorso ul mercato delle opzioni
infatti sono passati
1) 17700 contratti put 18.00 scadenza dicembre 2006 al prezzo di 0.0236... che copre 8.850.000 azioni per un valore totale di 159.300.000 euro
2) 20774 contratti put 19.00 sempre con scadenza dicembre al prezzo di 0.41 ap prezzo di 0.0215 che copre dal ribasso 10.387.000 per un valore totale di 197.353.000 euro

belle cifre... il tutto molto prima che si sapesse dell'operazione di fusione
quindi qualcuno sapeva molto bene e si è coperto dal rischio
il numero delle azioni coinvolte è 19237000
Ora il numero di tutte le azioni autostrade è uguale a 571711557

qualcuno ha coperto il 3.36% del capitale e di certo non è un piccolo trader ma qualcuno che sapeva bene .... un INSIDER

quando ho visto passare i contratti .... mi sono chiesta chi potesse coprire un capitale così elevato e il perchè...

i "furbetti del quartierino" non operano più e quindi ... quando è uscita la notizia ho capito


per cui si deduce che i pezzi grossi temono che il titolo scenderà a quel prezzo per dicembre e si sono coperti dal rischio


saluti
io invece l'ho capita così: qualche insider sapeva ed ha comprato una vagonata di autostrade venerdì,contemporaneamente si è coperto con delle put scadenza dicembre perchè non si sa mai come la prenderà il mercato
 
ma il dividendo straordinario lo danno o no? quando lo stacca?
 
occhio che Moody's ha messo il rating sul debito di autostrade sotto osservazione per un possibile downgrade dopo l'annuncio del progetto di fusione, facendo seguito ad analoga iniziativa di S&P che ipotizza implicazioni negative.
 
Non ho ancora visto nessuna risposta al quesito del thread (a parte quella iniziale di conte rosso).

Chi mi spiega i 21 euro circa di abertis ed i 23.30 di autostrade, a fronte del dividendo di 3.75?
 
per il momento è solo stato annunciato , non ancora ratificato niente per cui i termini potrebbero cambiare, con gli arbitraggi dovrebbe scendere la spagnola e salire autostrade ma ci sono sei mesi di tempo non si può pensare che siano allineate già da adesso , considera che tenere in piedi un arbitraggio per sei mesi costa per cui un margine ci sarà sempre
 
Comunque mi chiedo, visto che ieri sono stati mossi più di 35 milioni di pezzi e oggi nn si arriva a 12, chi è che comprava ieri?? perchè ne sono state comprate un casino. e nn credo fossimo noi, qual'è la stategia di chi ha comprato ieri a quei prezzi? :rolleyes: :confused:
 
aztlan ha scritto:
Comunque mi chiedo, visto che ieri sono stati mossi più di 35 milioni di pezzi e oggi nn si arriva a 12, chi è che comprava ieri??
mossi, appunto. non comprati.
 
MF-Dow Jones News
Autostrade: consorzio Abertis completa acquisto Sanef

25/04/2006 17.50

PARIGI (MF-DJ)--Il consorzio guidato da Abertis, che ha recentemente
concluso un accordo per la fusione con Autostrade, ha annunciato di aver
completato l'acquisto della societa' autostradale francese Sanef, per un
prezzo di 58 euro ad azione.

Il consorzio, del quale fanno parte anche alcune istituzioni finanziarie
francesi, ha affermato di aver concluso l'acquisto delle residue azioni di
Sanef tra il 7 e il 24 aprile.
red/fdp
(fine)


<pagina precedente
Autostrade: Cheuvreux e' un'interessante opportunita' di trading, tp a 25,8 euro

Finanzaonline.com - 24/04/2006 16:20 - Gli occhi del mercato sono puntati su Autostrade oggi. Merito della mega fusione con la spagnola Abertis. L'operazione si articola in una fusione alla pari - carta contro carta - con un dividendo straordinario in dote pari a 3,75 euro per gli azionisti Autostrade che decideranno di dire sì. "Il deal implica un premio del 9% per Autostrade rispetto ai prezzi di chiusura dello scorso venerdì. Alla domanda cosa vi piace di questa fusione? Gli esperti scrivono nel report uscito oggi che "questo deal darà vita alla più grande società autostradale in Europa. A parte però l'aumento di dimensioni, che rafforzerà i muscoli finanziari della nuova entità per nuovi investimenti, vediamo una limitata creazione di valore, dal momento che i risparmi sul lato dei costi saranno esegui e le sinergie modeste". Eppure sul piatto della bilancia dei fattori positivi gli esperti mettono anche il buon senso dell'operazione in particolare per i maggiori azionisti. E il verdetto sul titolo? Secondo Cheuvreux è un'ottima opportunità per fare trading fino al nuovo prezzo obiettivo posto a 25,8 euro dai precedenti 21,6 euro, ma la raccomandazione resta confermata al gradino underperform (titolo che farà peggio del mercato). Proprio per colpa di quelle sinergie che secondo loro sono scarse.
 
Chagans ha scritto:
Non ho ancora visto nessuna risposta al quesito del thread (a parte quella iniziale di conte rosso).

Chi mi spiega i 21 euro circa di abertis ed i 23.30 di autostrade, a fronte del dividendo di 3.75?
la soluzione è: abertis stacca il dividendo a maggio di 25 cent inoltre a luglio fa un aumento di capitale di un azione ogni 20 per cui ai prezzi attuali sono circa allineate.
per vederla crescere non ti resta che sperare che aumentino il dividendo
 
nn lo so....e cmq...min 24.5...ieri infatti si era allineata al prezzo...nn ho risposte...solo che alzano i tassi a giugno
 
Autostrade, per Moody's e S&P il rating è a rischio

25 aprile 2006


La società italiana rischia un declassamento da parte di Moody's e di Standard and Poor's, mentre Fitch prende di mira il gruppo spagnolo.
Moody's ha messo sotto osservazione con implicazioni negative il rating sul debito di Autostrade e della sua controllata lussemburghese Autostrade Partecipazioni (quello a lungo termine è oggi ad A3).
Le dimensioni del nuovo aggregato, sottolinea l'agenzia londinese, potrebbero non essere sufficienti per compensare un profilo finanziario meno solido rispetto a quello attuale di Autostrade.
Abertis - spiega Moody's - potrebbe inoltre perseguire una strategia di espansione aggressiva nel settore competitivo delle infrastrutture mettendo sotto pressione l'indebitamento fino a livelli incompatibili con l'attuale rating. L'eventuale bocciatura - precisa l'agenzia - non andrebbe oltre un gradino, passando dunque a Baa1.
A preoccupare Standard and Poor's è la futura strategia finanziaria della società guidata da Gian Maria Gros-Pietro e Vito Gamberale.
S&P ha infatti deciso di porre sotto osservazione con implicazioni negative i suoi rating A (a lungo termin) e A-1 (a breve).
Le riserve verranno sciolte entro tre mesi, una volta che l'agenzia disporrà di maggiori informazioni.
Fitch si è invece concentrata su Abertis e ha messo sotto osservazione con implicazioni negative il suo rating di lungo termine ad A e quello F1 a breve ma ha rinviato il parere definitivo alla settimana prossima, quando i consigli di amministrazione delle due società avranno dato il via libera definitivo all'operazione.
 
Robyugly ha scritto:
25 aprile 2006


La società italiana rischia un declassamento da parte di Moody's e di Standard and Poor's, mentre Fitch prende di mira il gruppo spagnolo.
Moody's ha messo sotto osservazione con implicazioni negative il rating sul debito di Autostrade e della sua controllata lussemburghese Autostrade Partecipazioni (quello a lungo termine è oggi ad A3).
Le dimensioni del nuovo aggregato, sottolinea l'agenzia londinese, potrebbero non essere sufficienti per compensare un profilo finanziario meno solido rispetto a quello attuale di Autostrade.
Abertis - spiega Moody's - potrebbe inoltre perseguire una strategia di espansione aggressiva nel settore competitivo delle infrastrutture mettendo sotto pressione l'indebitamento fino a livelli incompatibili con l'attuale rating. L'eventuale bocciatura - precisa l'agenzia - non andrebbe oltre un gradino, passando dunque a Baa1.
A preoccupare Standard and Poor's è la futura strategia finanziaria della società guidata da Gian Maria Gros-Pietro e Vito Gamberale.
S&P ha infatti deciso di porre sotto osservazione con implicazioni negative i suoi rating A (a lungo termin) e A-1 (a breve).
Le riserve verranno sciolte entro tre mesi, una volta che l'agenzia disporrà di maggiori informazioni.
Fitch si è invece concentrata su Abertis e ha messo sotto osservazione con implicazioni negative il suo rating di lungo termine ad A e quello F1 a breve ma ha rinviato il parere definitivo alla settimana prossima, quando i consigli di amministrazione delle due società avranno dato il via libera definitivo all'operazione.

Sbaglio o anche quando si prospettava l'acquisto di APRR S&P aveva messo Autostrade sotto credit watch con probabile abbassamento del rating, cosa che poi non si verificò per la perdita della gara d'appalto?
 
liveevil ha scritto:
già, hai ragione. avrei dovuto capirlo anche solo guardando le punte aguzze del grafico a un anno (sono un seguace della teoria dell'autosomiglianza)

Scusa l'ignoranza, ma che cos'è la teoria dell'AUTOSOMIGLIANZA?
 
Robyugly ha scritto:
25 aprile 2006


La società italiana rischia un declassamento da parte di Moody's e di Standard and Poor's, mentre Fitch prende di mira il gruppo spagnolo.
Moody's ha messo sotto osservazione con implicazioni negative il rating sul debito di Autostrade e della sua controllata lussemburghese Autostrade Partecipazioni (quello a lungo termine è oggi ad A3).
Le dimensioni del nuovo aggregato, sottolinea l'agenzia londinese, potrebbero non essere sufficienti per compensare un profilo finanziario meno solido rispetto a quello attuale di Autostrade.
Abertis - spiega Moody's - potrebbe inoltre perseguire una strategia di espansione aggressiva nel settore competitivo delle infrastrutture mettendo sotto pressione l'indebitamento fino a livelli incompatibili con l'attuale rating. L'eventuale bocciatura - precisa l'agenzia - non andrebbe oltre un gradino, passando dunque a Baa1.
A preoccupare Standard and Poor's è la futura strategia finanziaria della società guidata da Gian Maria Gros-Pietro e Vito Gamberale.
S&P ha infatti deciso di porre sotto osservazione con implicazioni negative i suoi rating A (a lungo termin) e A-1 (a breve).
Le riserve verranno sciolte entro tre mesi, una volta che l'agenzia disporrà di maggiori informazioni.
Fitch si è invece concentrata su Abertis e ha messo sotto osservazione con implicazioni negative il suo rating di lungo termine ad A e quello F1 a breve ma ha rinviato il parere definitivo alla settimana prossima, quando i consigli di amministrazione delle due società avranno dato il via libera definitivo all'operazione.

prima sparano giudizi negativi,poi rinviano il parere definitivo piu' avanti???
 
Chagans ha scritto:
Non riesco a comprendere l' (apparente) disallineamento tra le quotazioni di Abertis ed Autostrade.

Abertis ha quotato ieri ed oggi intorno ai 21.30 -21.60.

Considerando il dividendo straordinario di 3.75 incorporato in autostrade (e che la fusione è ovviamente alla pari) mi sarei aspettato prezzi di autostrade vicino ai 25 euro, considerando anche di detrarre gli interessi da qui allo stacco.

Adesso autostrade viaggia a 23.60 ed abertis a 21.30.

Probabilmente c'è un dividendo ordinario per Abertis (di cui non ho trovato informazioni) o qualche altro motivo...oppure il mercato scommette sul fallimento della fusione??:confused::confused:



Dov'è la gabola???




Già ieri ho ipotizzato che Brodino faccia di tutto e questa volta giustamente (sede legale in spagna con tutto quello che comporta) per ostacolare questa fusione quindi mi sembra che il mercato tema giustamente questo.


Autostrade: Anas Convoca Gamberale Per Fine Settimana (2)

(ANSA) - ROMA, 25 apr - Le fusione per incorporazione di Autostrade Spa nella spagnola Abertis sta suscitando rilevanti questioni giuridiche per le quali non esiste una risposta sotto il profilo del diritto comunitario, dal momento che ogni Paese della Ue disciplina con leggi e normative proprie i diritti di concessione di un servizio o di un bene pubblico.
Autostrade Spa, la società oggetto dell'operazione finanziaria, è una holding nella cui pancia si trova Autostrade per l'Italia, vale a dire la società titolare della concessione da parte di Anas relativa a oltre 3.800 chilometri di autostrade e valida fino al 2030.
L'Anas ha affidato i suoi dubbi e le sue perplessità sull' operazione a una nota dettagliata quanto sintetica diffusa nel pomeriggio di lunedì 24 aprile: dopo di allora è scesa una cortina di silenzio intorno ai vertici di via Monzambano. Nella nota, però, sono già evidenti i quesiti sui quali Anas attende risposte chiare e impegnative da parte di Autostrade Spa: come e in che modo sarà rispettato il piano industriale e finanziario, che è parte integrante e vincolante del titolo concessorio di Autostrade per l'Italia? Una società con sede legale a Barcellona, è soggetta alle norme del diritto societario spagnolo oppure risponde al diritto italiano attraverso la sua 'filiale' italiana Autostrade Spa? E il capitale sociale della nuova società dove trova residenza? L'articolo 5 della convenzione stipulata fra Anas e Autostrade per l'Italia stabilisce che la società concessionaria deve comunicare alla società concedente ogni passaggio di azioni superiore al 2% del capitale. Nel caso Autostrade-Abertis si realizza invece una trasmigrazione di azioni nella misura del 100% e questa circostanza - sottolineata nella nota dell'Anas - è stata appresa dalla concedente solo attraverso la stampa.
I giuristi sono alle prese in queste ore con due sentenze del Consiglio di Stato - emesse nel '97 e nel '98 - che sono la base di diritto sulla quale opera l'Anas nella sua attività di società concedente. C'é da osservare che la vicenda Autostrade-Abertis cade in un momento di transizione sul piano politico e in questa fase Anas viene a trovarsi sotto i riflettori nel ruolo di baluardo degli interessi non soltanto nazionali ma più precisamente 'pubblici'. Non è difficile ipotizzare che ai vertici di Autostrade per l'Italia verrà ricordato con fermezza che la concessione è all'uso gestionario del bene pubblico ma non alla sua alienazione, trattandosi di un bene incedibile senza un preciso atto di indirizzo del potere politico. (ANSA)

Ciao
 
Indietro