Autostrade-Abertis...qualcuno mi aiuta a capire?

Autostrade ancora protagonista, ma stavolta non per motivi legati alla Borsa: il rientro dal ponte per il 25 Aprile ha visto infatti un pesante aumento del traffico, con numerose code segnalate su vari tratti autostradali. Le situazioni più pesanti hanno riguardato la Liguria, dove sulla A10 Genova-Ventimiglia nel pomeriggio sono state segnalate punte di 60 km di coda tra San Bartolomeo a Mare (in provincia di Imperia) e Savona. Alle ore 19,30 il sito di Autostrade segnalava la seguente situazione sui principali itinerari:
- Cattolica – Bolgna (A14): si impiegano circa 110 minuti rispetto agli 80 normali, a causa di rallentamenti localizzati prevalentemente nel tratto più vicino al capoluogo;
- Firenze sud – Bologna (A1): 150 minuti circa rispetto ai 75 normali; il traffico è abbastanza fluido in Appennino ma restano i consueti rallentamenti sul tratto urbano da Firenze sud a Firenze nord;
- Parma – Milano sud (A1): il tempo di percorrenza è ora di 75 minuti rispetto ai 65 normali; situazione in miglioramento tra Parma e Fidenza;
- Chiavari – Genova est (A12): anche su questo tratto la circolazione va lentamente tornando alla normalità; al momento si impiegano circa 40 minuti rispetto ai 25 normali.....con tutti sti ponti...mi aspetto una trimestrale con i fiocchi
 
Ing64 ha scritto:
Già ieri ho ipotizzato che Brodino faccia di tutto e questa volta giustamente (sede legale in spagna con tutto quello che comporta) per ostacolare questa fusione quindi mi sembra che il mercato tema giustamente questo.


Autostrade: Anas Convoca Gamberale Per Fine Settimana (2)

(ANSA) - ROMA, 25 apr - Le fusione per incorporazione di Autostrade Spa nella spagnola Abertis sta suscitando rilevanti questioni giuridiche per le quali non esiste una risposta sotto il profilo del diritto comunitario, dal momento che ogni Paese della Ue disciplina con leggi e normative proprie i diritti di concessione di un servizio o di un bene pubblico.
Autostrade Spa, la società oggetto dell'operazione finanziaria, è una holding nella cui pancia si trova Autostrade per l'Italia, vale a dire la società titolare della concessione da parte di Anas relativa a oltre 3.800 chilometri di autostrade e valida fino al 2030.
L'Anas ha affidato i suoi dubbi e le sue perplessità sull' operazione a una nota dettagliata quanto sintetica diffusa nel pomeriggio di lunedì 24 aprile: dopo di allora è scesa una cortina di silenzio intorno ai vertici di via Monzambano. Nella nota, però, sono già evidenti i quesiti sui quali Anas attende risposte chiare e impegnative da parte di Autostrade Spa: come e in che modo sarà rispettato il piano industriale e finanziario, che è parte integrante e vincolante del titolo concessorio di Autostrade per l'Italia? Una società con sede legale a Barcellona, è soggetta alle norme del diritto societario spagnolo oppure risponde al diritto italiano attraverso la sua 'filiale' italiana Autostrade Spa? E il capitale sociale della nuova società dove trova residenza? L'articolo 5 della convenzione stipulata fra Anas e Autostrade per l'Italia stabilisce che la società concessionaria deve comunicare alla società concedente ogni passaggio di azioni superiore al 2% del capitale. Nel caso Autostrade-Abertis si realizza invece una trasmigrazione di azioni nella misura del 100% e questa circostanza - sottolineata nella nota dell'Anas - è stata appresa dalla concedente solo attraverso la stampa.
I giuristi sono alle prese in queste ore con due sentenze del Consiglio di Stato - emesse nel '97 e nel '98 - che sono la base di diritto sulla quale opera l'Anas nella sua attività di società concedente. C'é da osservare che la vicenda Autostrade-Abertis cade in un momento di transizione sul piano politico e in questa fase Anas viene a trovarsi sotto i riflettori nel ruolo di baluardo degli interessi non soltanto nazionali ma più precisamente 'pubblici'. Non è difficile ipotizzare che ai vertici di Autostrade per l'Italia verrà ricordato con fermezza che la concessione è all'uso gestionario del bene pubblico ma non alla sua alienazione, trattandosi di un bene incedibile senza un preciso atto di indirizzo del potere politico. (ANSA)

Ciao
però....
fusione a rischio?
credo che la sede resterà in italia e continueranno a pagare le tasse ....
 
Tyss ha scritto:
però....
fusione a rischio?
credo che la sede resterà in italia e continueranno a pagare le tasse ....

Io invece credo proprio che si fonderanno...non penso che l'abbiano deciso in una notte di fondersi...avranno adottato tutte le precauzioni in questi mesi per evitare qualsiasi intoppo in merito...

Anche il fatto che all'ultimo Autostrade perse la gara per le autostrade francesi mi fa sorridere...tanto sapevano già che in quel business ci sarebberò entrati tramite Abertis...

Mica stupidi !

Ma a me va benissimo cosi... :D :D

Ciao by Paolo !

:)
 
ammazza e che book

Titolo AUTOSTRADE .
Ultimo Var% Quantità Ora
23,27 -1,5651 56 25/04/06 17.33.02
Denaro 1 2 3 4 5
Nr. Offerte 11 1 1 1 1
Q. totale 2.678 3.000.000 230 3.000 400
Prezzo 0 25,55 23,58 23,5 23,3
Lettera 1 2 3 4 5
Nr. Offerte 16 1 1 1 1
Q. totale 3.580 3.000.000 100 100 200
Prezzo 0 20,9 22,92 22,98 23
 
Autostrade: Zanda, possibile revoca concessione (MF)
ROMA (MF-DJ)--Il nuovo Governo di centrosinistra appena insediato, per prima cosa, dovrebbe fare una "verifica, allargata agli ultimi anni, del rispetto della concessione" autostradale. "Se dovesse emergere un comportamento scorretto andrebbero attuati i correttivi" previsti dalla stessa concessione "che vanno dalle sanzioni economiche fino alla revoca della concessione stessa". Cosi' in un'intervista a MF, Luigi Zanda (Margherita), componente della commissione Trasporti del Senato, esprime la contrarieta' alla fusione di Autostrade con la spagnola Abertis. Alla domanda su chi dovra' effettuare i controlli, Zanda risponde "purtroppo siamo in gran parte nelle mani dell'Anas. Dico purtroppo perche' negli ultimi anni la qualita' della societa' e' decisamente peggiorata. Le diro' di piu'. Un sindaco dell'Anas ultimamente ha persino censurato i mancati controlli da parte della societa' su Autostrade per l'Italia". red/pev (END) Dow Jones Newswires April 26, 2006 03:19 ET (07:19 GMT) Copyright (c) 2006 MF-Dow Jones News Srl.


tutte notizie negative..mah i politici non hanno avuto un pezzo di torta e ora giu' a criticare
 
Buongiorno,

avrei bisogno di una informazione:

ho comprato per mia sfortuna delle azioni autostrade lunedì, giorno sia dello stacco che della conferenza stampa relativa alla fusione con Abertis, dal momento che agli azionisti è stato previsto un extra dividendo di 3,75 euro per novembre, rientro anch'io in quella offerta pur avendo acquistato i titoli a notizia uscita? grazie
 
smarcelli ha scritto:
Scusa l'ignoranza, ma che cos'è la teoria dell'AUTOSOMIGLIANZA?
una delle caratteristiche fondamentali che mostrano le figure frattali !

ciao.
 
aikon24 ha scritto:
Buongiorno,

avrei bisogno di una informazione:

ho comprato per mia sfortuna delle azioni autostrade lunedì, giorno sia dello stacco che della conferenza stampa relativa alla fusione con Abertis, dal momento che agli azionisti è stato previsto un extra dividendo di 3,75 euro per novembre, rientro anch'io in quella offerta pur avendo acquistato i titoli a notizia uscita? grazie
Si rientrerai anche te, ma per come la vedo io quel dividendo non sarà una "convenienza", dato che servirà ad abbassare il prezzo del titolo "staccando" il dividendo.
 
Marcoxx84 ha scritto:
Si rientrerai anche te, ma per come la vedo io quel dividendo non sarà una "convenienza", dato che servirà ad abbassare il prezzo del titolo "staccando" il dividendo.


SPERO SOLO CHE DA QUI A NOVEMBRE IL TITOLO SALGA UN POCHINO
 
aikon24 ha scritto:
SPERO SOLO CHE DA QUI A NOVEMBRE IL TITOLO SALGA UN POCHINO
Sinceramente lo spera anche il mio portafoglio, nella tua identica situazione. Per quel che mi riguarda, attendo un TP in zona 25€ ed ad ogni modo spero di vendere prima dello stacco di quel dividendo, che un po' mi puzza. :no:
 
Marcoxx84 ha scritto:
Sinceramente lo spera anche il mio portafoglio, nella tua identica situazione. Per quel che mi riguarda, attendo un TP in zona 25€ ed ad ogni modo spero di vendere prima dello stacco di quel dividendo, che un po' mi puzza. :no:


ANCHE IO ATTENDO I 25 CON ANSIA :wall:
 
CHEGANS, CREDO CHE QUI IL PROBLEMA del mercato sia quello di capire se il governo non ostacoli questa fusione in qualche modo. Perche' altrimenti e' davvero inspieabile la situazione attuale.
 
Blazius ha scritto:
CHEGANS, CREDO CHE QUI IL PROBLEMA del mercato sia quello di capire se il governo non ostacoli questa fusione in qualche modo. Perche' altrimenti e' davvero inspieabile la situazione attuale.

Infatti concordo con te.
C'è molta incertezza sul perfezionamento della fusione.

A parte il dividendo di 0.25 non mi convincono affatto altre motivazioni tecniche citate da altri :adc di abertis e costi di arbitraggio.
L'adc è neutro per un arbitraggio (se abertis scende per l'adc si guadagna sullo scoperto di abertis) ed i costi di arbitraggio non giustificano uno spread che ha toccato dei massimi intorno al 7%.
 
Abertis rimane sui minimi di periodo ed auto recupera mezzo euro
 
Chagans ha scritto:
Abertis rimane sui minimi di periodo ed auto recupera mezzo euro


personalmente avevo comprato ieri su chiusura del gap. Pero' qualche perplessita mi rimane: se non fosse per un puro appeal speculativo generato da questa fusione, una attenta analisi di bilancio del titolo "autostrade" mi evidenzia una societa' abbastanza indebitata e che non rispecchia affatto i valori attuali di mercato. Questa "fusione" mi suona come artificiosa, per coprire "qualche benettonianan magagna".
Certamente per come e' stata studiata ai prezzi attuali AUTOSTRADE e' da comprare. Speriamo non ci metta il becco il governo. Mantengo. Stop Loss sotto 22.85 :)
 
Semplice rimbalzino?
 
Autostrade positiva, analisti vedono valore in deal Abertis
(26/04/2006 12.01.13)

MILANO (Finanza.com) - Autostrade catalizza ancora l'attenzione a Piazza Affari. Il titolo del gruppo guidato da Vito Gamberale sale dello 0,77%, scambiando a quota 23,39 euro. Sul mercato c'è molta attesa per l'incontro che vedrà contrapposti questo venerdì l'amministratore delegato del gruppo, Vito Gamberale, e l'Anas, che vuole capire i dettagli della fusione con la catalana Abertis. Meno dubbi hanno gli esperti di Euromobiliare, secondo cui l'operazione ha senso in termini di diversificazione del rischio legato alla regolamentazione normativa. Anche se - scrivono gli analisti nella nota - la negativa reazione alla fusione da parte degli esponenti del futuro governo di centro-sinistra mostra che il rischio politico rimane e che l'attezione proprio del mondo politico verso il settore autostradale sta aumentando. Quindi nel valutare Autostrade (buy con tp a 25,6 euro) tenendo conto di questo aspetto gli analisti hanno applicato uno sconto di circa il 10 per cento.
 
Autostrade: Ubs vede upside limitato sul titolo
(26/04/2006 11.41.15)

MILANO (Finanza.com) - Meglio andare con la mano leggera su Autostrade. Lo pensano gli analisti di Ubs. Il broker nella nota uscita oggi e raccolta da Finanza.com ha cambiato strategia sulla società guidata da Vito Gamberale. "Molti vantaggi strategici sono stati sbandierati: l'internazionalizzazione, la dimensione e la capacità d'indebitamento, l'ingresso nell'Eurostoxx 50 il ribilanciamento delle concessioni maturate", scrivono gli esperti nel report. "La più importante a nostro avviso è che il merger dimezza l'esposizione delle attività in Italia ed entrando nel cda spagnolo dovrebbe venire ridotto il rischio dei cambiamenti di regolamentazione", continuando indicando che il rischio maggiore lo corrono i rendimenti delle obbligazioni. Dal punto di vista valutativo gli esperti di Ubs hanno ridotto il rating su Autostrade da buy (acquistare) a neutral mentre il prezzo obiettivo passa da 24,7 a 26,1 euro a seguito del deal. "La forte performance dell'azione negli ultimi sei mesi lascia spazio a un upside solo del 12 per cento", calcolano gli esperti.
 
Indietro