Berkshire Hathaway n.3

dnt

value investing
Registrato
31/7/04
Messaggi
3.822
Punti reazioni
219
Uno dei periodi più difficili per BRK. Gli ultimi investimenti non sono andati bene: Kraft è stata pagata troppo, lo ha ammesso qualche giorno fa lo stesso Buffett, e secondo me inizia ad avere dei dubbi anche sul prezzo pagato per Apple.
 

nemo17

Enjoy the Silence
Registrato
20/2/00
Messaggi
7.211
Punti reazioni
332
Uno dei periodi più difficili per BRK. Gli ultimi investimenti non sono andati bene: Kraft è stata pagata troppo, lo ha ammesso qualche giorno fa lo stesso Buffett, e secondo me inizia ad avere dei dubbi anche sul prezzo pagato per Apple.

Io invece credo sia un ottimo periodo per accumulare l'azione in attesa che i mercati offrano occasioni per investire l'enorme cash disponibile.
Siamo all'incirca 1.4 volte il patrimonio netto già iper sottovalutato e probabilmente abbiamo un buy back in corso che contribuisce ad aumentare il valore intrinseco dell'azienda.
Per quanto riguarda Apple il grosso degli acquisti è stato fatto a prezzi inferiori ai 200 dollari e al 31/12/2018 il prezzo di carico era 141 dollari.
 

Mechanics

Nuovo Utente
Registrato
11/3/15
Messaggi
277
Punti reazioni
10
Ciao Nemo,

saresti cosi gentile da spiegarmi cosa intendi per 1.4 volte il patrimonio netto?

Ti ringrazio.
 

pikimiki

Nuovo Utente
Registrato
19/12/12
Messaggi
4.283
Punti reazioni
71
Io invece credo sia un ottimo periodo per accumulare l'azione in attesa che i mercati offrano occasioni per investire l'enorme cash disponibile.
Siamo all'incirca 1.4 volte il patrimonio netto già iper sottovalutato e probabilmente abbiamo un buy back in corso che contribuisce ad aumentare il valore intrinseco dell'azienda.
Per quanto riguarda Apple il grosso degli acquisti è stato fatto a prezzi inferiori ai 200 dollari e al 31/12/2018 il prezzo di carico era 141 dollari.
Sono d’accordo. Sto infatti accumulando piano piano
 

leonzio22

Nuovo Utente
Registrato
12/7/10
Messaggi
1.570
Punti reazioni
77
Io invece credo sia un ottimo periodo per accumulare l'azione in attesa che i mercati offrano occasioni per investire l'enorme cash disponibile.
Siamo all'incirca 1.4 volte il patrimonio netto già iper sottovalutato e probabilmente abbiamo un buy back in corso che contribuisce ad aumentare il valore intrinseco dell'azienda.
Per quanto riguarda Apple il grosso degli acquisti è stato fatto a prezzi inferiori ai 200 dollari e al 31/12/2018 il prezzo di carico era 141 dollari.

Condivido. Del resto Buffett si è rivelato un maestro nel far "fruttare" la sua liquidità in anni molto complicati come quelli immediatamenti post crisi 2008, con operazioni "alla Occidental Petroleum" .... della serie "soldi fanno soldi" (e tanti, se sei abile come Warren..)
 

nemo17

Enjoy the Silence
Registrato
20/2/00
Messaggi
7.211
Punti reazioni
332
Ciao Nemo,

saresti cosi gentile da spiegarmi cosa intendi per 1.4 volte il patrimonio netto?

Ti ringrazio.

Buffett ha più volte indicato questo numero come un dato utile a capire il valore intrinseco di Berkshire. ( Anche se nell'ultima lettera un po' meno).
In pratica è quanto "patrimonio netto c'è in un'azione Berkshire Hataway"...detta molto terra terra.
In teoria più si abbassa questo rapporto più l'azione è sottovalutata.
Questo perchè Buffett considera il valore del patrimonio netto molto conservativo. Ad esempio Geico è "in carico " ad un prezzo incredibilmente ridicolo rispetto alla valorizzazione attuale di svariati miliardi di dollari. E così tante altre aziende che vedono il loro valore mai rivalutato e fermo a x anni fa.

Berkshire Hathaway Price to Book Value | BRK.A
 

galloGiallo

Nuovo Utente
Registrato
20/12/18
Messaggi
146
Punti reazioni
6
Uno dei periodi più difficili per BRK. Gli ultimi investimenti non sono andati bene: Kraft è stata pagata troppo, lo ha ammesso qualche giorno fa lo stesso Buffett, e secondo me inizia ad avere dei dubbi anche sul prezzo pagato per Apple.

Buffett non ha competenze in ambito tech quindi non credo si sentirà mai a suo agio con Apple, per il resto ripiega su operazioni a lui più familiari ma con prospettive modeste o con multipli eccessivi come Kraft. Temo che non sarà facile ottenere buoni risultati in futuro nemmeno per lui. Oggi i profitti li fai con il tech; ok cocacola, le banche, l'oil ma senza il nasdaq o la parte più tecnologia dell's&p non vai da nessuna parte... il suo approccio è l'unico sensato ma non si può applicare in questo mondo e con quelle cifre. Oggi gioca d'attesa con 100bn di cash, sperando in uno storno o nell'occasione che ora non si vede. Farà ancora buoni affari, non lo dubito, ma piazzare bene e in settori tradizionali tutto quel cash non credo sia fattibile, tranne un crollo stile 2008.
 

PreMo88

Nuovo Utente
Registrato
5/6/18
Messaggi
532
Punti reazioni
18
Buffett non ha competenze in ambito tech quindi non credo si sentirà mai a suo agio con Apple, per il resto ripiega su operazioni a lui più familiari ma con prospettive modeste o con multipli eccessivi come Kraft. Temo che non sarà facile ottenere buoni risultati in futuro nemmeno per lui. Oggi i profitti li fai con il tech; ok cocacola, le banche, l'oil ma senza il nasdaq o la parte più tecnologia dell's&p non vai da nessuna parte... il suo approccio è l'unico sensato ma non si può applicare in questo mondo e con quelle cifre. Oggi gioca d'attesa con 100bn di cash, sperando in uno storno o nell'occasione che ora non si vede. Farà ancora buoni affari, non lo dubito, ma piazzare bene e in settori tradizionali tutto quel cash non credo sia fattibile, tranne un crollo stile 2008.

Anche nel 2000 dicevano cosi....
 

Lupak

Nuovo Utente
Registrato
25/11/06
Messaggi
16.969
Punti reazioni
968
Buffett non ha competenze in ambito tech quindi non credo si sentirà mai a suo agio con Apple, per il resto ripiega su operazioni a lui più familiari ma con prospettive modeste o con multipli eccessivi come Kraft. Temo che non sarà facile ottenere buoni risultati in futuro nemmeno per lui. Oggi i profitti li fai con il tech; ok cocacola, le banche, l'oil ma senza il nasdaq o la parte più tecnologia dell's&p non vai da nessuna parte... il suo approccio è l'unico sensato ma non si può applicare in questo mondo e con quelle cifre. Oggi gioca d'attesa con 100bn di cash, sperando in uno storno o nell'occasione che ora non si vede. Farà ancora buoni affari, non lo dubito, ma piazzare bene e in settori tradizionali tutto quel cash non credo sia fattibile, tranne un crollo stile 2008.
Questa scusa di Buffett di "non capire" le aziende tech non l'ho mai...capita.
Voglio dire è piuttosto evidente cosa vendano Microsoft, Apple, Google etc etc, le aziende del gruppo Berkshire sicuramente utilizzano i loro prodotti a livello professionale, i dati dei bilanci sono pubblici...cosa altro c'è da capire? Eppure non ha toccato nulla per anni, salvo entrare su Amazon e Apple a multipli stratosferici. Magari gli va bene anche questa, però... :D
 

Felix_87

Nuovo Utente
Registrato
16/9/16
Messaggi
1.570
Punti reazioni
98
Questa scusa di Buffett di "non capire" le aziende tech non l'ho mai...capita.
Voglio dire è piuttosto evidente cosa vendano Microsoft, Apple, Google etc etc, le aziende del gruppo Berkshire sicuramente utilizzano i loro prodotti a livello professionale, i dati dei bilanci sono pubblici...cosa altro c'è da capire? Eppure non ha toccato nulla per anni, salvo entrare su Amazon e Apple a multipli stratosferici. Magari gli va bene anche questa, però... :D

In realtà anche IBM e per pochi mesi Oracle (dicendo successivamente di non capire bene il business). Amazon non l'ha comprata lui, ma uno dei due ragazzi che gestiscono 10 miliardi ciascuno.
 

galloGiallo

Nuovo Utente
Registrato
20/12/18
Messaggi
146
Punti reazioni
6
Anche nel 2000 dicevano cosi....

si me lo ricordo, ma sono passati 20 anni, il mondo è cambiato, le aziende legate ad internet erano solo una scommessa ora macinano miliardi di profitti con spese in capitale praticamente nulle. Infatti anche Buffett si è cimentato nel tech, proprio perchè oggi è imprescindibile. I business tradizionali non hanno più lo stesso ritorno sul capitale. Coca cola quotava 43 dollari nel '98 oggi solo 49, Amex ci ha messo 20 anni per raddoppiare, wells fargo pure. Ottimi risultati ma il mercato ha fatto meglio.
 

pmc

Nuovo Utente
Registrato
13/12/09
Messaggi
1.707
Punti reazioni
69
si me lo ricordo, ma sono passati 20 anni, il mondo è cambiato, le aziende legate ad internet erano solo una scommessa ora macinano miliardi di profitti con spese in capitale praticamente nulle. Infatti anche Buffett si è cimentato nel tech, proprio perchè oggi è imprescindibile. I business tradizionali non hanno più lo stesso ritorno sul capitale. Coca cola quotava 43 dollari nel '98 oggi solo 49, Amex ci ha messo 20 anni per raddoppiare, wells fargo pure. Ottimi risultati ma il mercato ha fatto meglio.

A parte il fatto che la quotazione di Coca Cola che hai considerato (con un esagerato ampio lasco di quotazione) è basata su un picco e non sul prezzo medio delle quotazioni, altrimenti la percentuale sarebbe ben più alta...
In ogni caso, anche se effettivamente la salita è ben più bassa delle aziende tech, la lontananza di Buffett da questo settore è per al loro natura di ricerca sfrenata di innovazione. Una azienda che non riesce a tenere il passo può sprofondare nell'oblio nel giro di pochi anni (vedi ad esempio Motorola). Aziende tech che si ritrovano con un inventario troppo elevato possono incorrere al rischio di ritrovarsi con prodotti obsoleti ancor prima di venderli in quanto i computer e simili oggi sono nuovi, domani sono già vecchi. Coca Cola invece è un "consumabile" che non necessitano di cosi tante innovazioni.
E poi credo abbia una passione per le banche. Nei vari libri si possono infatti trovare passaggi in cui sa nello specifico descrivere quali voci potevano essere di aiuto per capire da quali stare alla larga :yes:
 

galloGiallo

Nuovo Utente
Registrato
20/12/18
Messaggi
146
Punti reazioni
6
A parte il fatto che la quotazione di Coca Cola che hai considerato (con un esagerato ampio lasco di quotazione) è basata su un picco e non sul prezzo medio delle quotazioni, altrimenti la percentuale sarebbe ben più alta...
ti "concedo" :D che ha raddoppiato negli ultimi 23 anni, comunque poco in termini reali.
In ogni caso, anche se effettivamente la salita è ben più bassa delle aziende tech, la lontananza di Buffett da questo settore è per al loro natura di ricerca sfrenata di innovazione. Una azienda che non riesce a tenere il passo può sprofondare nell'oblio nel giro di pochi anni (vedi ad esempio Motorola). Aziende tech che si ritrovano con un inventario troppo elevato possono incorrere al rischio di ritrovarsi con prodotti obsoleti
infatti prima dicevo che l'approccio di Buffett è l'unico sensato ed è ovvio che stiamo parlando della miglior mente finanziaria del secolo.....investire sul tech può essere disastroso. Quindi mi chiedo come farà BK a fare bene nei prossimi anni, senza tech, visto che sugli investimenti azionari sottoperforma da diversi anni rispetto al mercato. La crescita dai primi anni 2000 ad oggi è imputabile alle attività assicurative che non hanno molti margini di crescita (parole di Buffett).
 

-Volumista-

Nuovo Utente
Registrato
3/3/19
Messaggi
487
Punti reazioni
36
per me la verità è che ormai la sua azienda è ormai troppo "grossa".....in un intervista lo ha ammesso pure lui che se con munger avessero solo una manciata di milioni farebbero il 50% all'anno.....

perchè investire 10 milioni è un conto....migliaia di milioni è altro.....
 

Zan*

Nuovo Utente
Registrato
5/2/07
Messaggi
334
Punti reazioni
11
per me la verità è che ormai la sua azienda è ormai troppo "grossa".....in un intervista lo ha ammesso pure lui che se con munger avessero solo una manciata di milioni farebbero il 50% all'anno.....

perchè investire 10 milioni è un conto....migliaia di milioni è altro.....

Sul fatto che Berkshire ad oggi sia troppo grossa per ambiare a ritorni totalmente scollegati (e nettamente superiori) al mercato non c'é dubbio (e come hai fatto notare anche tu lo ha detto lo stesso Buffett)

E se qualcuno pensa di fare il 50% all'anno oggi con BRK ha proprio sbagliato prodotto...
Chi ha questo obiettivo deve puntare a gestori molto più piccoli e snelli (come lo era Buffett anni e anni fa), con tutti i rischi del caso ovviamente

Comprare BRK (come diversificazione rispetto allo S&P500 o al MSCI world) però secondo me ha ancora senso per i seguenti motivi:
- Con una filosofia value - su lunghi periodi - é ragionevole attendersi una modesta overperformance;
- In caso di discesa significativa del mercato - anche grazie alla liquidità tenuta a disposizione - mi aspetterei una performance migliore (o meno peggiore) rispetto al mercato;
- Per chi investe la maggior parte del portafoglio in etf come il sottoscritto, fiscalmente (in Italia) é efficiente avere qualche titolo per compensare le minus che di tanto in tanto possono accumularsi.
 

galloGiallo

Nuovo Utente
Registrato
20/12/18
Messaggi
146
Punti reazioni
6
Sul fatto che Berkshire ad oggi sia troppo grossa per ambiare a ritorni totalmente scollegati (e nettamente superiori) al mercato non c'é dubbio (e come hai fatto notare anche tu lo ha detto lo stesso Buffett)

E se qualcuno pensa di fare il 50% all'anno oggi con BRK ha proprio sbagliato prodotto...
Chi ha questo obiettivo deve puntare a gestori molto più piccoli e snelli (come lo era Buffett anni e anni fa), con tutti i rischi del caso ovviamente

Comprare BRK (come diversificazione rispetto allo S&P500 o al MSCI world) però secondo me ha ancora senso per i seguenti motivi:
- Con una filosofia value - su lunghi periodi - é ragionevole attendersi una modesta overperformance;
- In caso di discesa significativa del mercato - anche grazie alla liquidità tenuta a disposizione - mi aspetterei una performance migliore (o meno peggiore) rispetto al mercato;
- Per chi investe la maggior parte del portafoglio in etf come il sottoscritto, fiscalmente (in Italia) é efficiente avere qualche titolo per compensare le minus che di tanto in tanto possono accumularsi.

é quotata in USD il che può rappresentare un ulteriore rischio, forse non sul lungo termine, ma senz'altro sul breve/medio si. Inoltre le probabilità che sovraperformi gli indici in maniera decisa è piuttosto scarsa secondo me, vedo più facile una sottoperformance mentre è innegabile che sia più rischiosa di un investimento indicizzato. Dove piazzerà Buffett 100bn escludendo i tecnologici? qual'e' il settore tradizionale sul quale potrà utilizzare cifre simili sovraperformando gli indici? il mondo è un luogo finito.....infatti, per arrivare al dunque, penso che il miglior investimento passivo da qui a diversi decenni sia un fondo indicizzato sul NASDAQ 100.
 

Ivan787

Nuovo Utente
Registrato
11/11/18
Messaggi
246
Punti reazioni
13
A parte il fatto che la quotazione di Coca Cola che hai considerato (con un esagerato ampio lasco di quotazione) è basata su un picco e non sul prezzo medio delle quotazioni, altrimenti la percentuale sarebbe ben più alta...
In ogni caso, anche se effettivamente la salita è ben più bassa delle aziende tech, la lontananza di Buffett da questo settore è per al loro natura di ricerca sfrenata di innovazione. Una azienda che non riesce a tenere il passo può sprofondare nell'oblio nel giro di pochi anni (vedi ad esempio Motorola). Aziende tech che si ritrovano con un inventario troppo elevato possono incorrere al rischio di ritrovarsi con prodotti obsoleti ancor prima di venderli in quanto i computer e simili oggi sono nuovi, domani sono già vecchi. Coca Cola invece è un "consumabile" che non necessitano di cosi tante innovazioni.
E poi credo abbia una passione per le banche. Nei vari libri si possono infatti trovare passaggi in cui sa nello specifico descrivere quali voci potevano essere di aiuto per capire da quali stare alla larga :yes:

Penso che alla base ci sia anche la prevedibilità del business.
Diverse volte ho letto suoi passaggi in cui si è focalizzato sul fatto che un business fosse prevedibile. Ora se parliamo di Coca-Cola, ma anche di Visa o P&G è ragionevole pensare che chi beve Coca-Cola oggi la berrà anche domani e anche tra 50 anni. E' un "bradipo" della borsa, con andamenti lenti e alta inerzia.

Ma di Facebook possiamo dire lo stesso? Tra 5 anni Facebook esisterà ancora? O sarà arrivato un nuovo socialqualchecosa che lo avrà soppiantato? E se passa la moda dei social che fine fa Facebook?
 

Raox

Nuovo Utente
Registrato
26/1/16
Messaggi
160
Punti reazioni
8
Penso che alla base ci sia anche la prevedibilità del business.
Diverse volte ho letto suoi passaggi in cui si è focalizzato sul fatto che un business fosse prevedibile. Ora se parliamo di Coca-Cola, ma anche di Visa o P&G è ragionevole pensare che chi beve Coca-Cola oggi la berrà anche domani e anche tra 50 anni. E' un "bradipo" della borsa, con andamenti lenti e alta inerzia.

Ma di Facebook possiamo dire lo stesso? Tra 5 anni Facebook esisterà ancora? O sarà arrivato un nuovo socialqualchecosa che lo avrà soppiantato? E se passa la moda dei social che fine fa Facebook?

La moda dei social non passerà mai. Fa leva sul bisogno di attenzione, desiderio di accettazione sociale, e voglia di condivisione; caratteristiche più o meno marcate di ogni uomo. Facebook è arrivato per primo, e in questo tipo di business (chi prima arriva, vince) a meno di cappellate strategiche, non verrà mai spodestato, perchè non c'è quasi nulla da innovare, se non permettere alle persone di condividere e ricercare approvazione sociale.