BEST STOCKS , Cerchiamo di battere gli indici...

  • Societe Generale quota sul segmento EuroMOT di Borsa Italiana un’obbligazione a tasso fisso di durata 18 mesi.

    Questa obbligazione prevede il pagamento di tre cedole fisse, corrisposte su base semestrale, ad un tasso annuo lordo del 3,25% e il rimborso del 100% del Valore Nominale a scadenza. Durante la sua vita, il valore di mercato dell’obbligazione può essere diverso dal Valore Nominale. L’investitore potrà quindi acquistare l’obbligazione a prezzi inferiori o superiori al Valore Nominale; il rimborso del Valore Nominale è garantito esclusivamente a scadenza.
    Per continuare a leggere visita il link

Nori

Nuovo Utente
Registrato
1/10/09
Messaggi
832
Punti reazioni
47
Cominciamo dal mio settore preferito e che secondo me potrebbe dare soddisfazioni nel prossimo futuro ...

l'oro nero

negli anni 70 la FED pompò una marea di liquidità che fece esplodere il prezzo del petrolio ... e la situazione non è molto diversa da ora...

Le azioni più significative sono:

SHELL (RDS.B - ADR UK withholding 0%)
ENI

Queste due hanno un price/book molto basso , sotto la media della categoria e distribuiscono sontuosi dividendi, il problema principale è che per parile estratto e raffinato non riescono ad avere margini molto alti , ma si spera possano migliorare

Exxon Mobile (XOM - USA withholding 15%)
Chevron (CVX - USA withholding 15%)
STATOIL (STO - ADR Norvegia withholding 25%)

Che sono l'esatto contrario delle prime due ovvero hanno un Price/book più alto , ma riescono a generare una alta redditività sul greggio estratto grazie ad una estrema ottimizzazione dei vari processi.

Tutte queste compagnie hanno garantito nel tempo un buon ritorno per gli investitori , tra le seconde Chevron è la mia preferita poichè avrebbe al ritmo attuale ben 30 di riserve da estrarre.

Statoil è in pratica il wellfare norvegese , è per il 60% dello stato

il P/E siamo per tutti attorno al 10% anche un pelino meno.

Nei tempi passati mi sono esposto su ENI e SHELL che per me nella strategia di investimento che sto mettendo in piedi possono rimanere , però è essenziale integrare con un'altra dell'altra tipologia per un importo pari a circa 3/4 della somma degli altri 2

[nota withholding tax = ritenuta alla fonte sui dividendi]

Pur non stando negli anni '70, il motivo dello shock petrolifero non lo si deve alla FED, certamente il settore petrolifero rimane uno dei più interessanti, ci metterei anche BP, si porta ancora dietro qualche problemino ma proprio per questo è relativamente a buon mercato.
Tra i farmaceutici seguo con interesse AZN, che distribuisce anche un discreto dividendo.
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
39.317
Punti reazioni
2.090
Bp la ho scartata perché ha ancora problemi soprattutto di redditività

Personalmente non mi ispira cone eni e Shell tra i petroliferi value

Xom cvx e sto sono growth
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
39.317
Punti reazioni
2.090
Azn lo esaminero quando faccio il riassunto deglo healthcare

Cominciò da petrolio e banche perché semplicemente li seguo di più

Pharma Novartis sarebbr la meglio ma 35% di withholding uccide il piccolo investitore
 

Nori

Nuovo Utente
Registrato
1/10/09
Messaggi
832
Punti reazioni
47
Bp la ho scartata perché ha ancora problemi soprattutto di redditività

Personalmente non mi ispira cone eni e Shell tra i petroliferi value

Xom cvx e sto sono growth

Se parliamo di frame medio-lungo BP offre maggiori opportunità di crescita a parità di rischio.
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
39.317
Punti reazioni
2.090
Su cosa basi queste considerazioni su bp? Non c' è solo il price / book da guardare lì bp è la più a scontoma anche quanto riescono a guadagnare sui loro asset e li bp non è messa al massimo

Su questo fattore xom cvx e sto sono campioni
 

Nori

Nuovo Utente
Registrato
1/10/09
Messaggi
832
Punti reazioni
47
Su cosa basi queste considerazioni su bp? Non c' è solo il price / book da guardare lì bp è la più a scontoma anche quanto riescono a guadagnare sui loro asset e li bp non è messa al massimo

Su questo fattore xom cvx e sto sono campioni

Che XOM e CVX al momento siano migliori nessuno lo mette in dubbio, lo dice il prezzo.
Se il senso del thread è investiamo su titoli validi, che diano un discreto dividendo, da tenere nel medio-lungo periodo, allora anche il fattore margine di potenziale rialzo ha un suo valore.
BP al momento è quella che guadagna ( molto ) meno da ogni singolo barile venduto, è lecito aspettarsi almeno un parziale riequilibrio nei prossimi anni.
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
39.317
Punti reazioni
2.090
Anche lu ultime news parlano di aumenti dei costi di produzione.. Finché non applicano una seria revisione dei costi per me rimane non appetibile almeno rispetto alle altre

Poi qui si è per discutere

Nel petrolio la mia classifica

Cvx
Shell
Eni

Va esaminato anchr le riserve che hanno cvx ne ha 30 anni
 

hog

too fast for love
Registrato
11/3/12
Messaggi
1.142
Punti reazioni
0
Pharma Novartis sarebbr la meglio ma 35% di withholding uccide il piccolo investitore

Hai un link o una tabella preparata da te con la tassazione "reale"? Come ben sappiamo questa qui non è applicabile in realtà, la procedura è troppo complicata e non ne vale la pena per poche azioni ....
 

hog

too fast for love
Registrato
11/3/12
Messaggi
1.142
Punti reazioni
0
Nel settore Pharma in passato avevo in portafoglio il titolo "principe" dei farmaci generici, Teva Pharmaceutical Industries Limited (TEVA). Ma poi l'ho venduto prendendo profitto.
 

giulio123

Nuovo Utente
Registrato
22/2/12
Messaggi
159
Punti reazioni
2
Tra i petroliferi concordo su Chevron, tra petrolio e gas è veramente messa bene.
Terrei d'occhio tra i petroliferi anche Petrobras che è in continua discesa probabilmente a causa del suo management, però come assets non è messa per niente male!.
Aggiungo anche la LyondellBasell Industries NV, è ai massimi ma appena trovo un pò di tempo vorrei analizzarla un pò.

Aggiungo anche TSM ed INTEL.
La prima è ai massimi ma ha in portafoglio ora il 40% dei chip A7 di apple ed è comunque una ditta in espansione in un settore che probabilmente darà sempre soddisfazioni. Sembra una ottima growth company!

Intel invece è un colosso che ora, per Apple, ha aperto le propio fonderie anche ai chip ARM, dovrebbe essere il 10% della fornitura prevista degli A7. Ricordo che intel ha gli impianti più avanzati al mondo!. Intel è ottima per i suoi 5 dividendi annuali :)

Ovviamente non sono pareri da esperto del settore, quindi prendeteli per come sono ;)
 
Ultima modifica:

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
39.317
Punti reazioni
2.090
Petrobras è quella che ricava meno in assoluto dai suoi asset...

Gestita veramente ad minchi am ,,,

In un portafoglio core ... Le gestioni a caz zo non ci devono stare per me ...

Ristrutturare i costi di una compagnia prtrolifera non è per nulla facile inoltre tra tutte è la piu indebitata

Un buon management si paga ... Ma spesso fa la differenza...

Ricordo ancora che per il portafoglio core occorre qualita ...

Domani faccio un po di considerazioni sulle banche usa
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
39.317
Punti reazioni
2.090
Banche europee avevo dimenticato UBS ... Parlare di banche e non citare la svizzera è un sacrilegio ... Credit suisse sicuramente è piu affidabile , ma ubs ha maggiori possibilita di recupero ....

So che occorre puntare alla qualita ma ubs è una banca ultra sistemica sui finanziari per me si puo osare in questa fase un po piu che negli altri settori...
 

giulio123

Nuovo Utente
Registrato
22/2/12
Messaggi
159
Punti reazioni
2
Petrobras è quella che ricava meno in assoluto dai suoi asset...

Gestita veramente ad minchi am ,,,

In un portafoglio core ... Le gestioni a caz zo non ci devono stare per me ...

Ristrutturare i costi di una compagnia prtrolifera non è per nulla facile inoltre tra tutte è la piu indebitata

Un buon management si paga ... Ma spesso fa la differenza...

Ricordo ancora che per il portafoglio core occorre qualita ...

Domani faccio un po di considerazioni sulle banche usa

bene :)
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
39.317
Punti reazioni
2.090
al primo post ho inserito un riepilogo dei titoli che ci siamo detti man mano lo aggiorno
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
39.317
Punti reazioni
2.090
Financial North America

Nuova puntata dopo Petrolio e Bancari europei...

Ora vediamo quelli USA , ovvero da dove è partito tutto ...

la mia selezione:

Citigroup C : era la più grande e se la è vista molto brutta, ma il piano Paulson ha tappato i buchi pensavo che avrebbe avuto il maggiore recupero come quotazione dai minimi ... Bank of America e JPM hanno fatto meglio però ... comunque non c'è da lamentarsi ...

Se vogliamo puntare a titoli con potenzialità di screscita alte ma rimanesndo
"sistemici" uno tra Citi , JPM e Bank of america ci deve stare nel portafoglio

Wells Fargo Company (WFC) banca stabile solda e la preferita di Warren Buffet , se ci punta lui ... scherzi a parte è tra quelle che ha tenuto meglio alla crisi ed è quella che fa utili più stabili ed in crescita costante

Goldman: nonostante gli avvertimenti ... rimane la più potente del mondo ... gli utili però sono abbastanza ballerini ... si passa da 0 o lieve perdite a trimestrali ben oltre ogni previsione ... per un portafoglio CORE ... io non lo metterei


Royal Bank Of Canada ... assimilabile a Wells Fargo ma un pò più cara.. discreto dividendo ... Il Canada è una nazione AAA e questa è la sua banca principale... nel nostro CORE per me spazio lo trova

AFLAC: poco nota ai più , ma è fra i pochissimi financial che rimangono nel Dividend Aristocrat , Assicurativo specializzato nelle polizze sanitarie da quanto ho capito ... dai dati degli utili sarebbe da definire "gallina dalle Uova d'oro" ... andrebbe indagata bene...
 

jumpinthemoney

Nuovo Utente
Registrato
25/12/09
Messaggi
1.242
Punti reazioni
33
l'obiettivo è avere un paniere di 10 - 15 titoli che coprano un pò tutti i vari macro settori e che rappresentino quello che si spera sia "il meglio" di ogni settore ...

ogni titolo nel portafoglio totale dovrebbe essere dallo 0,5 al 2%

un soldo portafoglio azionario e poi di contorno uno fa le sue piccole scossemmese

Domanda di carattere generale. Giusto per avere un'orientamento nel quale collocare la gestione.

Ponendo di scegliere 10 titoli, gli inserisci in portafoglio equipesandoli o distribuendole in variabili comprese tra lo 0,5 al 2% del portafoglio totale in funzione della caratteristiche degli stessi?

Altra cosa, visto che la discussione e partita dalla costruzione di un lazy, questa componente che peso occupa a sua volta sul totale del portafoglio?

15 titoli al 2% del totale portafoglio..percio' 30% di azionario da affiancare ad altri assets o ancora altre tipologie di strumenti esposti sull'equity quali etf o fondi azionari?
 
Ultima modifica:

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
39.317
Punti reazioni
2.090
Domanda di carattere generale. Giusto per avere un'orientamento nel quale collocare la gestione.

Ponendo di scegliere 10 titoli, gli inserisci in portafoglio equipesandoli o distribuendole in variabili comprese tra lo 0,5 al 2% del portafoglio totale in funzione della caratteristiche degli stessi?

Altra cosa, visto che la discussione e partita dalla costruzione di un lazy, questa componente che peso occupa a sua volta sul totale del portafoglio?

15 titoli al 2% del totale portafoglio..percio' 30% di azionario da affiancare ad altri assets o ancora altre tipologie di strumenti esposti sull'equity quali etf o fondi azionari?


Il totale sarebbe da quantificare a seconda del proprio rischio ...

personalmente azionario io non salirei oltre il 30% ...

io penso mi concentrerò su 10 - 15 titoli dove metterò minimo lo 0,5% massimo il 2%

quindi mediamente mettorò in questa strategia il 10 15% del portafoglio ...

scegliere 0,5 o 2% ... direi in base a quanto si crede in quell'azienda ... se no metti 1% fisso e passa paura ...

o visto che le strategie complicate ... in realtà portano non troppi vantaggi anzi ...

Qui vorrei lavorare con l'accetta e non il bisturi ...

trovare 10 - 15 titoli diversificati settorialmente e geograficamente per creare il semplice portafoglio BEST STOCKS

ovvio i settori si sovrappesano o sottopesano in base al momento ... ora io sovrappeso Bancari e Petrolio ...

il peso si sposta semplicemente vendendo un titolo di un settore e comprandone uno di un'altro ...

Esempio se riteniamo marginale il settore auto prenderemo un'unica azienda che riteniemo la migliore ... (ES FORD)

se invece ci sovrappesiamo sul petrolio ne prendiamo 3 ... (ES ENI SHELL CVx9

se domani le auto ci sembra un settore buono ed il petrolio meno ... vendiamo un petrolifero e compriamo un automotive

(ES vendiamo ENI e compriamo BMW)

di fondo la strategia deve rimanere SEMPLICE

Accurata selezione e SEMPLICE GESTIONE

questo è il motto