BEST STOCKS VOL. 15: Orso Nucleare VS Toro Atomico

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

Il borseggiatore

Nuovo Utente
Registrato
25/11/14
Messaggi
1.848
Punti reazioni
9
Buongiorno, ci sono alcuni titoli americani molto forti come forza relativa che a 5/10 anni hanno fatto grandi performance.
Alcuni di questi hanno un p/e abbastanza elevato per il proprio settore e non giustificabile forse in questo periodo.
Pensate che questi titoli possano (continuare ad) avere un ritorno positivo per i prossimi 5/10 anni? Domanda retorica?
Mi piacerebbe avere un vostro parere
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
38.007
Punti reazioni
1.534
Buongiorno, ci sono alcuni titoli americani molto forti come forza relativa che a 5/10 anni hanno fatto grandi performance.
Alcuni di questi hanno un p/e abbastanza elevato per il proprio settore e non giustificabile forse in questo periodo.
Pensate che questi titoli possano (continuare ad) avere un ritorno positivo per i prossimi 5/10 anni? Domanda retorica?
Mi piacerebbe avere un vostro parere
Se non dici nomi dei titoli a cui ti riferisci ... che risposte ti aspetti di avere?
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
38.007
Punti reazioni
1.534
no Johnny tranquillo metteranno il limite di pagine come era prima, è una cosa di qualche giorno...
che per noi è importante perchè bisognerebbe modificare ogni volta il primo post perdendo così lo storico.
Quindi non modificare nulla, poi per il limite di caratteri ci pensiamo come risolvere.

Come già detto basta un link con un file pdf per le info statiche (tassazioni, valute, broker ed in genere tutte le parti descrittive finali), invece per le best stock e i ptf non credo ci siano problemi di caratteri dovrebbero entrarci.
Il problema del limite caratteri è stato gia risolto grazie ai 2 gentili utenti che hanno cancella to un paio di post

Ora ho i primi 4 post ... = 40.000 caratteri

Non credo metteranno il limite... al numero di post

Questonformato di forum è uguale a quello di head-fi , appassionati di ascolto musica hifi in cuffia... li ci sononthread da migliaiandi pagine



Se questo però è il thread finale... mi piacerebbe poter cambiare il titolo ...
 

pink_panther

Nuovo Utente
Registrato
16/1/15
Messaggi
500
Punti reazioni
43
Il problema del limite caratteri è stato gia risolto grazie ai 2 gentili utenti che hanno cancella to un paio di post

Ora ho i primi 4 post ... = 40.000 caratteri

Non credo metteranno il limite... al numero di post

Questonformato di forum è uguale a quello di head-fi , appassionati di ascolto musica hifi in cuffia... li ci sononthread da migliaiandi pagine



Se questo però è il thread finale... mi piacerebbe poter cambiare il titolo ...

L'ideale per me sarebbe l'accorpamento dei 15 volumi in uno unico definitivo, ovviamente dandoti facoltà di deciderne il titolo.
 

Il borseggiatore

Nuovo Utente
Registrato
25/11/14
Messaggi
1.848
Punti reazioni
9
Se non dici nomi dei titoli a cui ti riferisci ... che risposte ti aspetti di avere?
Ciao, ho fatto volutamente un discorso generico senza riferirmi a singoli titoli perché può valere per tutti.
Ogni titolo ha una propria stagionalità, quindi comprare un titolo ai massimi storici ora sperando che per i prossimi anni si comporti come quelli passati ha un senso? Facile aver comprato i titoli 5 - 10 anni fa visto che tendenzialmente è cresciuto tutto, ma da qui ai prossimi 10 anni come andrà'? cresceranno ancora o storneranno come giusto che sia?
Vuoi che ti faccia un esempio? Mcdonald's ad esempio pensi che tra cinque anni sarà sotto o sopra il prezzo di ieri? Mi sembra più facile che sia sotto vista la situazione internazionale. Altro esempio The J. M. Smucker Company, altro esempio The Hershey Company, per rimanere nel settore food. Titoli tutti molto tirati
 

megliodicosì

PTF in progress
Registrato
3/4/18
Messaggi
2.535
Punti reazioni
147
Il problema del limite caratteri è stato gia risolto grazie ai 2 gentili utenti che hanno cancella to un paio di post

Ora ho i primi 4 post ... = 40.000 caratteri

Non credo metteranno il limite... al numero di post

Questonformato di forum è uguale a quello di head-fi , appassionati di ascolto musica hifi in cuffia... li ci sononthread da migliaiandi pagine



Se questo però è il thread finale... mi piacerebbe poter cambiare il titolo ...
No Johnny ti dico che a breve metteranno il limite di pagine lo ha detto lo staff.

Il primo post è importante che si possa cambiare senza perdere lo storico. Basta vedere i primi capitoli ci sono tanti titoli che oggi non ci sono più o molto nuovi.
 

megliodicosì

PTF in progress
Registrato
3/4/18
Messaggi
2.535
Punti reazioni
147
Se il parla in generale il PE medio è sicuramente più alto rispetto a 10 anni fa... in quasi tutti i settori.
Questo perché in 10 anni di QE tra FED e BCE i soldi si sono dovuti spostare di più sullo stock market.
Oggi il costo/opportunità è cambiato e infatti il mercato si adegua.
È anche vero che i tassi e le economie sono cicliche quindi mi aspetto nel futuro un secondo periodo di QE ed immissione di liquidità.
Se guardo i settori ora:
Consumer Staples: rifugio come oro, da non comprare e anzi da sottopesare.
Discretionary: salito per via dell'inflazione ma pericoloso in vista di recessione (escluso il lusso).
Healthcare: come le staples ma a multipli un po' più congrui. Direi neutral.
Industrials: idem come il discreptional.
Energy/Utilities: come sopra.
Financials: qui i PE non si sono alzati troppo rispetto alla media storica(escluso le paytech), sarebbe da comprare se non ci fossero insolvenze o qualche banca che cracka.
Tech: qui i multipli stanno tornando un po' più sani verso la media, soprattutto le chippare.
Comm. Service: qui grande punto interrogativo perché le pubblicità sono il settore più a rischio in questi periodi infatti le big sono state asfaltate, direi ora come ora sottopesare.

Questo il mio pensiero negli ultimi 3-4 mesi.

Quello che spero?
Che si ritorni prima di tutto ad una risoluzione della guerra e tranquillità nel mercato delle commodities, così da far rientrare anche l'inflazione su un 2-3% annuo che è il tasso sano di crescita per un mercato che vuole crescere.
In secondo che vegano fuori nuovi settori di mercato interessanti che facciano smuovere un po' economia.
 

megliodicosì

PTF in progress
Registrato
3/4/18
Messaggi
2.535
Punti reazioni
147
Ah e aggiungo che la crescita economica di questo 3° millennio è stata trainata molto dalla Cina che ha dovuto industrializzarsi e ha fatto passare da contadini poveri a ceto medio 800 milioni di cinesi.
Quindi immaginate case, scuole, ospedali, strade, ferrovie, etc... per questa popolazione e la richiesta quindi di materiali da importare.

Ora la Cina si trova con eccesso di investimenti pubblici e un partito che torna alla chiusura dei mercati.
Quindi io dico scordiamoci un ventennio come quello appena passato dalla Cina.


Perciò l'altro grande faro di speranza e traino è l'India, in secondo l'Africa ma quella è in mano alla Cina perché l'Europa ha dormito alla grande.
 

Specialong83

Nuovo Utente
Registrato
20/1/16
Messaggi
1.552
Punti reazioni
13

TESLA -2% nel preborsa. Le banche vogliono garantire parte del debito di Twitter con azioni Tesla. L'Analisi Tecnica a WallStreet​


FATTO
Tesla perde il -2% nel preborsa, dal -3% di ieri.
La performance da inizio anno è in profondo rosso: -50%.
Ai problemi sollevati dalle indiscrezioni secondo cui il gruppo stia drasticamente tagliando la produzione in Cina, se ne aggiungono altri, anche in questo caso sollevati da nuove indiscrezioni di Bloomberg.
L'agenzia ha riferito che le banche detentrici del debito generato da Elon Musk per finanziare l'acquisto di Twitter stanno cercando di concambiare il prestito con un nuovo prestito garantito però dalla partecipazione di Elon Musk in Tesla.

L'intento sarebbe di ammorbidire l'onere dei 13 miliardi di dollari di debito che Twitter ha assunto come parte dell'acquisizione da 44 miliardi di dollari di Musk, hanno detto le fonti anonime.
Le banche sono state costrette a finanziare l'intero pacchetto di debito con la propria liquidità dopo il deterioramento dei mercati del credito e il tumultuoso inizio del regno di Musk su Twitter.
Si stima che Twitter debba affrontare costi annuali per interessi di circa 1,2 miliardi usd se l'attuale struttura del debito rimane in essere, praticamente più dei profitti generati dalla società in tutto il 2021.
Finora le discussioni si sono concentrate su come sostituire 3 miliardi di debito non garantito, su cui Twitter paga un tasso di interesse
dell'11,75%, il livello più alto che le banche avevano fissato quando hanno accettato di finanziare l'acquisizione in aprile, hanno precisato le fonti. I colloqui sono preliminari e non sono state prese decisioni.
Nessuno dei protagonisti (Musk, Twitter e Tesla) ha confermato o smentito. Sull'altro fronte, no comment anche da parte dei finanziatori.
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
38.007
Punti reazioni
1.534

TESLA -2% nel preborsa. Le banche vogliono garantire parte del debito di Twitter con azioni Tesla. L'Analisi Tecnica a WallStreet​


FATTO
Tesla perde il -2% nel preborsa, dal -3% di ieri.
La performance da inizio anno è in profondo rosso: -50%.
Ai problemi sollevati dalle indiscrezioni secondo cui il gruppo stia drasticamente tagliando la produzione in Cina, se ne aggiungono altri, anche in questo caso sollevati da nuove indiscrezioni di Bloomberg.
L'agenzia ha riferito che le banche detentrici del debito generato da Elon Musk per finanziare l'acquisto di Twitter stanno cercando di concambiare il prestito con un nuovo prestito garantito però dalla partecipazione di Elon Musk in Tesla.

L'intento sarebbe di ammorbidire l'onere dei 13 miliardi di dollari di debito che Twitter ha assunto come parte dell'acquisizione da 44 miliardi di dollari di Musk, hanno detto le fonti anonime.
Le banche sono state costrette a finanziare l'intero pacchetto di debito con la propria liquidità dopo il deterioramento dei mercati del credito e il tumultuoso inizio del regno di Musk su Twitter.
Si stima che Twitter debba affrontare costi annuali per interessi di circa 1,2 miliardi usd se l'attuale struttura del debito rimane in essere, praticamente più dei profitti generati dalla società in tutto il 2021.
Finora le discussioni si sono concentrate su come sostituire 3 miliardi di debito non garantito, su cui Twitter paga un tasso di interesse
dell'11,75%, il livello più alto che le banche avevano fissato quando hanno accettato di finanziare l'acquisizione in aprile, hanno precisato le fonti. I colloqui sono preliminari e non sono state prese decisioni.
Nessuno dei protagonisti (Musk, Twitter e Tesla) ha confermato o smentito. Sull'altro fronte, no comment anche da parte dei finanziatori.
11.75% manco i cravattari....

Mi sa ad elon costerà caro twitter...

Anche se leggevo una ripresa delle sponsorizzazioni
 

AlexEffe

Nuovo Utente
Registrato
22/1/15
Messaggi
435
Punti reazioni
10
il lussemburgo è per me un chiaro trampolino per lanciarlo poi nel resto di europa ...

lo avevo visto il servizio paypal ... fa davvero schifo per le crypto ... neanche puoi metterle su un wallet privato ... e commissioni stellari ...

direi buono per beccare qualche pollastro che non guarda le commissioni...va beh già PYPL lo fa quando paghi in valuto un 4 - 5% di cambio prova ad appioppartelo ...

ovviamente lo sapete si ... quando fate le operazioni in valuta vanno fatte sempre su carta di credito lasciando che il cambio lo stabilisca MA e V ... che ti calcolano il cambio giusto
 

AlexEffe

Nuovo Utente
Registrato
22/1/15
Messaggi
435
Punti reazioni
10
cioè, se hai euro ed acquisti in altra valuta è meglio pagare con una carta associata anzichè con il saldo?
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
38.007
Punti reazioni
1.534
Ciao, ho fatto volutamente un discorso generico senza riferirmi a singoli titoli perché può valere per tutti.
Ogni titolo ha una propria stagionalità, quindi comprare un titolo ai massimi storici ora sperando che per i prossimi anni si comporti come quelli passati ha un senso? Facile aver comprato i titoli 5 - 10 anni fa visto che tendenzialmente è cresciuto tutto, ma da qui ai prossimi 10 anni come andrà'? cresceranno ancora o storneranno come giusto che sia?
Vuoi che ti faccia un esempio? Mcdonald's ad esempio pensi che tra cinque anni sarà sotto o sopra il prezzo di ieri? Mi sembra più facile che sia sotto vista la situazione internazionale. Altro esempio The J. M. Smucker Company, altro esempio The Hershey Company, per rimanere nel settore food. Titoli tutti molto tirati

Lo ho scritto ... ci sono varie 'safe trap' aziende splide con scredcita limitata ma pe esagerati...

In pratica il loro rendimento è quasi paragonabile ad un tbond a 10 anni...

Se (o meglio quando) la fed toglie il tappo per me su queste si rischiano belle mazzate.

Comunque storicamente quasi tutte.le.stock del listone a 5anni hanno dato ritorni positivi anche comprando nei momenti peggiori.

Ma non è la quotazione odierna massimi o minimi che ti dirà come andrà...

La mia view è che titoli tech come googl o lusso come lvmh ecc ecc non ha senso che siano a multipli più bassi di ko ...
 

johnny1982

Il tempo batte il tempismo
Registrato
19/2/09
Messaggi
38.007
Punti reazioni
1.534
cioè, se hai euro ed acquisti in altra valuta è meglio pagare con una carta associata anzichè con il saldo?
Certo... fai subito a verificare... basta che confronti il cambio che ti propone pypl con quello spot...

Ci fa tranquillamente un 4% di cresta...

Se fai il.cambio con il gestore della carta invece sono sempre corretti
 

Specialong83

Nuovo Utente
Registrato
20/1/16
Messaggi
1.552
Punti reazioni
13
Campari [CPRI.MI: Pernod Ricard, che stamattina ha annunciato un investimento da 238 milioni di euro nella costruzione di una nuova distilleria nel Kentucky, dice che lo whiskey è una delle categorie dei super alcolici con le migliori prospettive di crescita
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.