BEST STOCKS VOL. 27: L'interesse composto è la forza più grande dell'universo

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Ragazzi... Io non capisco una fava...a secondo me quando abbasseranno i tassi vuol dire che l economia non sarà così in salute... E secondo me l azionario ritraccerà....
Non e' proprio cosi.
Abbassando i tassi si permette alle aziende che spesso si finanziano coi crediti bancari di avere condizioni migliori e quindi e' decisamente una condizione proficua
 
Spulciando tra le aziende nel settore Healthcare Plans, oltre alla menzionata $UNH mi è balzata all'occhio Molina $MOH.
Prendendo a riferimento i dati di Estimize, vedo che per quest'ultima è prevista una crescita di EPS maggiore di UnitedHealthCare (13.49 vs 11.30) e quindi ha un PEG a 2 anni leggermente più basso (1.42 vs 1.74).

Qualcuno la conosce e magari l'ha già analizzata in passato?
rispetto a UNH tutte hanno PEG più basso ...

UNH ha margini circa doppi delle altre .. la qualità si paga ...
 
In caso di dover pesare azioni non americane per esempio lmhv che indice usare?
Cac40 o eurostox?
 
rispetto a UNH tutte hanno PEG più basso ...

UNH ha margini circa doppi delle altre .. la qualità si paga ...
Oltre alla qualità non trascurerei, in questo caso, l'effetto network, essendo così diffusa ha un numero di convenzioni con medici, dentisti ed ospedali che gli altri non riescono ad offrire
 
Oltre alla qualità non trascurerei, in questo caso, l'effetto network, essendo così diffusa ha un numero di convenzioni con medici, dentisti ed ospedali che gli altri non riescono ad offrire
questo probabilmente nei numerelli si vede nei margini doppi rispetto agli altri...
 
In caso di dover pesare azioni non americane per esempio lmhv che indice usare?
Cac40 o eurostox?
sinceramente in europa c'è davvero poca roba buona .. preferisco picking direttamente

inutile prendersi indici infarciti di carrozzoni e ciofeche
 
questo probabilmente nei numerelli si vede nei margini doppi rispetto agli altri...
vero ma MOH ha sempre sovraperformato vs UNH negli ultimi 10 anni:


1709291885972.png
 
Non e' proprio cosi.
Abbassando i tassi si permette alle aziende che spesso si finanziano coi crediti bancari di avere condizioni migliori e quindi e' decisamente una condizione proficua
bohhh---- io ho cominciato a ragionare come il bastiancontrario... il giorno che abbasseranno i tassi l'azionario scende...
 
andrebbero valutati anche i dividendi ... non so MOH quanto distribuisce...

e guarderei anche la volatilità ...

non si guarda solo il rendimento ma anche la volatilità
Niente dividendi per MOH.
La Beta di MOH è leggermente più bassa di UNH: 0.47 vs 0.55 (fonte Finviz)
 
Molina Healthcare non ha mai distribuito dividendi, contro UNH che in 10 anni sono triplicati.
Per me sul settore assicurativo sanitario inutile cercare le aziendine.
E' un settore dove non si inventa niente, non è che arriva l'outsider che inventa l'innovazione o formula magica come nel pharma o nel tech.
E' un oligopolio dove le prime 5 hanno in mano il 90% del mercato USA, difficile entrare nel podio essendo un settore molto regolamentato e dove più si è grandi e più si ha la capacità di fare politiche di prezzo.
 
vero ma MOH ha sempre sovraperformato vs UNH negli ultimi 10 anni:
In realtà fino a 6 mesi fa erano appaiate, poi MOH ha preso il volo e UNH a continuato nel suo periodo di lateralizzazione che va avanti ormai da quasi 2 anni.

Comunque interessante segnalazione, a parte tutto.
 
bohhh---- io ho cominciato a ragionare come il bastiancontrario... il giorno che abbasseranno i tassi l'azionario scende...
dipende dai motivi ... ci siamo abituati a ribassi dei tassi a seguito di crisi economiche.

bolle scoppiate, sub prime , covid.

questa volta è diverso ... è una situazione più analoga agli anni '70 ... (per questo il libro di Graham oggi dopo 50 anni è molto attuale) dove il problema è l'inflazione. e la crisi è "indotta" , qui a differenza degli anni '70 non riescono a mandare in recessione l'economia.

se l'inflazione si stabilizzasse non c'è motivo di tenere i tassi alti.

Problema l'economia ancora troppo forte difficilmente farà frenare l'inflazione a mio avviso. Lo scenario Higher fol longer (che è quello che ipotizzavo da tempo dicendo che l'economia USA e le big sono troppo forti per rallentare anche a tassi alti)

NOTA: si parla di USA , l'europa semplicemente segue a ruota ... anzi è fregata perchè non può abbassare i tassi prima degli usa se no svalutazione monetaria e nuova inflazione.

comunque i tassi del 4-5% che oggi ci sembrano altissimi se andiamo agli anni '70 graham li definiva da fame e trappole ... ai tempi l'economia cresceva anche con tassi al 7 - 8%

personalmente quello che auspico è che i tassi rimangano alti a lungo perchè finchè sono a questi livelli vedi difficile lo svilupparsi di una bolla stile .com ... se tornassimo domani a tassi 0 vedresti NVDA in 3 mesi arrivare a 2000 , poi tutto il resto della AI a PE 200+ e poi ... BOOM

preferisco che si continui come questo periodo che prezzi e bilanci almeno per le big vadano di pari passo. Tanto la crescita di lungo periodo sarà la medesima .. ma preferirei ... un andamento lineare che i mega balzi
 
Molina Healthcare non ha mai distribuito dividendi, contro UNH che in 10 anni sono triplicati.
Per me sul settore assicurativo sanitario inutile cercare le aziendine.
E' un settore dove non si inventa niente, non è che arriva l'outsider che inventa l'innovazione o formula magica come nel pharma o nel tech.
E' un oligopolio dove le prime 5 hanno in mano il 90% del mercato USA, difficile entrare nel podio essendo un settore molto regolamentato e dove più si è grandi e più si ha la capacità di fare politiche di prezzo.
anche perchè se arriva l'outsider con brillanti idee ... finirà sicuramente acquisita da una big ... ovvio in quel caso da azionista fai un bel colpo perchè ti becchi un bel premio per portartele via .. ma poi finisce li ...
 
Niente dividendi per MOH.
La Beta di MOH è leggermente più bassa di UNH: 0.47 vs 0.55 (fonte Finviz)
beta è un conto ... volatilità è altro

non per forza beta minore è volatilità minore

la beta è correlazione al mercato ... la volatilità è un'altra cosa... e basta vedere il grafico che MOH è ben più volatile di UNH
 
dipende dai motivi ... ci siamo abituati a ribassi dei tassi a seguito di crisi economiche.

bolle scoppiate, sub prime , covid.

questa volta è diverso ... è una situazione più analoga agli anni '70 ... (per questo il libro di Graham oggi dopo 50 anni è molto attuale) dove il problema è l'inflazione. e la crisi è "indotta" , qui a differenza degli anni '70 non riescono a mandare in recessione l'economia.

se l'inflazione si stabilizzasse non c'è motivo di tenere i tassi alti.

Problema l'economia ancora troppo forte difficilmente farà frenare l'inflazione a mio avviso. Lo scenario Higher fol longer (che è quello che ipotizzavo da tempo dicendo che l'economia USA e le big sono troppo forti per rallentare anche a tassi alti)

NOTA: si parla di USA , l'europa semplicemente segue a ruota ... anzi è fregata perchè non può abbassare i tassi prima degli usa se no svalutazione monetaria e nuova inflazione.

comunque i tassi del 4-5% che oggi ci sembrano altissimi se andiamo agli anni '70 graham li definiva da fame e trappole ... ai tempi l'economia cresceva anche con tassi al 7 - 8%

personalmente quello che auspico è che i tassi rimangano alti a lungo perchè finchè sono a questi livelli vedi difficile lo svilupparsi di una bolla stile .com ... se tornassimo domani a tassi 0 vedresti NVDA in 3 mesi arrivare a 2000 , poi tutto il resto della AI a PE 200+ e poi ... BOOM

preferisco che si continui come questo periodo che prezzi e bilanci almeno per le big vadano di pari passo. Tanto la crescita di lungo periodo sarà la medesima .. ma preferirei ... un andamento lineare che i mega balzi
buon intervento
 
intanto anche DELL che era un gigante un po' dormiente, sulla spinta dell'AI e del bisogno di server si sta svegliando. Sulla stessa scia di SMCI
 
dipende dai motivi ... ci siamo abituati a ribassi dei tassi a seguito di crisi economiche.

bolle scoppiate, sub prime , covid.

questa volta è diverso ... è una situazione più analoga agli anni '70 ... (per questo il libro di Graham oggi dopo 50 anni è molto attuale) dove il problema è l'inflazione. e la crisi è "indotta" , qui a differenza degli anni '70 non riescono a mandare in recessione l'economia.

se l'inflazione si stabilizzasse non c'è motivo di tenere i tassi alti.

Problema l'economia ancora troppo forte difficilmente farà frenare l'inflazione a mio avviso. Lo scenario Higher fol longer (che è quello che ipotizzavo da tempo dicendo che l'economia USA e le big sono troppo forti per rallentare anche a tassi alti)

NOTA: si parla di USA , l'europa semplicemente segue a ruota ... anzi è fregata perchè non può abbassare i tassi prima degli usa se no svalutazione monetaria e nuova inflazione.

comunque i tassi del 4-5% che oggi ci sembrano altissimi se andiamo agli anni '70 graham li definiva da fame e trappole ... ai tempi l'economia cresceva anche con tassi al 7 - 8%

personalmente quello che auspico è che i tassi rimangano alti a lungo perchè finchè sono a questi livelli vedi difficile lo svilupparsi di una bolla stile .com ... se tornassimo domani a tassi 0 vedresti NVDA in 3 mesi arrivare a 2000 , poi tutto il resto della AI a PE 200+ e poi ... BOOM

preferisco che si continui come questo periodo che prezzi e bilanci almeno per le big vadano di pari passo. Tanto la crescita di lungo periodo sarà la medesima .. ma preferirei ... un andamento lineare che i mega balzi


attualmente siamo in reflazione ovvero una ripresa inflazionistica dopo un lungo ciclo di deflazione e se non ci saranno intoppi questo ciclo ci accompagnerà per almeno 1 decennio
solitamente è un ciclo caratterizzato da inflazione in ripresa ma controllata , solitamente espansione economica ma in cui le banche centrali hanno un ruolo chiave
se sbagliano mosse il rischio è che parta l'iperinflazione è concreto ecco perchè non è affatto scontato che i tassi si possano muovere

in questa fase solitamente sono da preferire azioni, le obbligazioni inflation linked, oro, e materie prime specialmente legate all'industria e l'energia.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Indietro