Buzzi, Cementir e Italcementi a confronto

Andy D

Nuovo Utente
Registrato
24/3/02
Messaggi
74
Punti reazioni
4
P/e P/Mp P/Ricavi

Buzzi 8,3 1,73 1,05
Cementir 6,81 0,90 1,39
Italcementi 6,62 0,88 0,58

Utile/Ricavi Utile/Asset

Buzzi 12,6% 6,6%
Cementir 20,50% 9,7%
Italcementi 8,70% 5,4%

Mp/Asset payout

Buzzi 53% 22,13%
Cementir 75% 15,8%
Italcementi 41% 43,54%

la Cementir per redditivita' e solidita' credo sia la migliore delle tre
Ciao :)
 
Scritto da Andy D
P/e P/Mp P/Ricavi

Buzzi 8,3 1,73 1,05
Cementir 6,81 0,90 1,39
Italcementi 6,62 0,88 0,58

Utile/Ricavi Utile/Asset

Buzzi 12,6% 6,6%
Cementir 20,50% 9,7%
Italcementi 8,70% 5,4%

Mp/Asset payout

Buzzi 53% 22,13%
Cementir 75% 15,8%
Italcementi 41% 43,54%

la Cementir per redditivita' e solidita' credo sia la migliore delle tre
Ciao :)

Bello questo confronto. Pero', se hai trovato che italcementi e' migliore come p/e, come p/mp, come p/ricavi, non riesco a condividere la tua conclusione.

Oltretutto, i rapporti utile/ricavi, utile/asset e mp/asset sono falsati dal fatto che al numeratore c'e' l'utile (o i mezzi propri) di pertinenza della capogruppo, mentre al denominatore ci sono i ricavi e gli asset di pertinenza di tutto il gruppo, comprese le minoranze, che su italcementi pesano in misura molto consistente (ciments francais), mentre cementir non ne ha

Infine i calcoli sono fatti sulla base dell'utile di bilancio, che e' al netto degli ammortamenti dell'avviamento. Se, come e' piu' corretto e come richiederanno gli IAS a partire dall'anno prossimo, l'avviamento non dovra' piu' essere ammortizzato, gli indici si spostano ulteriormente in favore di italcementi (che ha un ammortamento dell'avviamento molto elevato).

Ciao
 
Re: Re: Buzzi, Cementir e Italcementi a confronto

Scritto da sedix
Bello questo confronto. Pero', se hai trovato che italcementi e' migliore come p/e, come p/mp, come p/ricavi, non riesco a condividere la tua conclusione.

Grazie Sedix, il mio e' un confronto senza pretese.
Non sono in grado di utilizzare metodi complessi cosi ricorro all'utilizzo di indici semplici che tengono in considerazione dati gia acquisiti.
Principalmente verifico l'indipendenza finanziaria della societa', la redditivita' del totale delle fonti impiegate e il grado di copertura delle immobilizzazioni.
I numeri che escono fuori non mi permettono di stabilire quanto una societa' sia sottovalutata/sopravvalutata li utilizzo principalmente per selezionare i titoli da tenere sotto controllo.
Visto che con lo stesso metodo ho individuato l'acegas allora ci riprovo :)
Il p/e e il p/mp delle due societa' viaggiano su valori simili...preferisco la cementir perche' ha una situazione finanziaria migliore rispetto alle altre due.


Oltretutto, i rapporti utile/ricavi, utile/asset e mp/asset sono falsati dal fatto che al numeratore c'e' l'utile (o i mezzi propri) di pertinenza della capogruppo, mentre al denominatore ci sono i ricavi e gli asset di pertinenza di tutto il gruppo, comprese le minoranze, che su italcementi pesano in misura molto consistente (ciments francais), mentre cementir non ne ha
Infine i calcoli sono fatti sulla base dell'utile di bilancio, che e' al netto degli ammortamenti dell'avviamento. Se, come e' piu' corretto e come richiederanno gli IAS a partire dall'anno prossimo, l'avviamento non dovra' piu' essere ammortizzato, gli indici si spostano ulteriormente in favore di italcementi (che ha un ammortamento dell'avviamento molto elevato).
[/QUOTE]

Terro' conto di queste tue preziose osservazioni per migliorare.
A parita di redditivita' non credi sia da prendere in considerazione la societa' che presenta una struttura meno pesante?
Sarebbe interessante mettere a confronto la crescita dell indebitamento rispetto a quella dei ricavi e del reddito.
Forse e' proprio per un mancato controllo sull'equilibrio patrimoniale che da un certo punto in poi gran parte degli utili vengono risucchiati dagli oneri e dalla pesantezza degli investimenti durevoli.

Ciao
 
Re: Re: Re: Buzzi, Cementir e Italcementi a confronto

Scritto da Andy D
A parita di redditivita' non credi sia da prendere in considerazione la societa' che presenta una struttura meno pesante?
Sarebbe interessante mettere a confronto la crescita dell indebitamento rispetto a quella dei ricavi e del reddito.
Forse e' proprio per un mancato controllo sull'equilibrio patrimoniale che da un certo punto in poi gran parte degli utili vengono risucchiati dagli oneri e dalla pesantezza degli investimenti durevoli.

Ciao [/B]

Sono assolutamente d'accordo con te. In effetti il punto di forza di Cementir e' proprio la posizione finanziaria. Se, invece che tenere tutta quella liquidita' sul conto corrente, remunerata magari al 2% tassato, si decidesse a farne un uso piu' proficuo (un dividendo straordinario, o magari una bella acquisizione), credo che preferirei anch'io Cementir.

Cosi', pero', l'impiego del capitale e' altamente inefficiente.

Certo che se si sblocca la liquidita', probabilmente bisognera' prenderne una vagonata. Teniamola d'occhio. Ciao
 
Io seguivo le cementir,bello davvero il confronto,ho smesso di

seguirle per il cassetto,per il semplice motivo che la posizione

finanziaria netta serve solo per i loschi intrallazzi di caltagirone,

a noi non da mai niente,personaggio da evitare,come nel caso di

caltagirone editore,prima opoi con i suoi giochi di potere erodera

la posizione utile, si buttera in bisness,che a noi come profitti

nel medio daranno meno di niente,

al contrario di italcementi che da grassi dividendi e Buzzi che

almeno fa acquisizioni nel settore ed è apprezzata dai grossi

fondi quindi nel tempo anche l'azione potra trarne benefici,poi

molto liquida e meno manovrabile.

CIAO a tutti.
 
il modo migliore per comprare il cemento è italmobiliare risparmio che sostanzialmente è italcementi.
 
Indietro