Camerino.

Addison

Nuovo Utente
Registrato
6/2/00
Messaggi
16
Punti reazioni
2
Dicasi Camerino anche
latrina,
ma anche gabinetto,
luogo comodo,
stanza da bagno.

Non esclusivamente di area livornese, il termine è erroneamente ritenuto triviale; letteralmente sta a indicare il piccolo ambiente destinato alle funzioni corporali ed è da considerarsi diminutivo di camera.
Anchese la parola ha origini eleganti e settecentesche, l'immagine del mi' cognato Oreste che si precipita col giornale («Il Tirreno») verso la toilette urlando: «Argia, io vo ar camerino, sennò mi cáo addosso!...» non è tra le più edificanti e raffinate.

In una recente inchiesta de «Il Sole/24 Ore», effettuata su un campione significativo di livornesi di estrazione popolare, alla domanda «Che cosa si fa al camerino?», si è ottenuta la seguente casistica di risposte:
Si cáa 58%;
le se-ghe 12%;
si legge il Vernacoliere 22%;
si scrive sul muro "viva la fìa" 0,8%:
ma vai in cu lo 7,8%.;

Il carattere negativo e deteriore delle suddette funzioni ha indotto nell'uso del termine un'ulteriore figurazione dispregiativa, per cui, con piacevole traslato, si appellerà correttamente 'camerino' la persona particolarmente lercia e disgustosa.

Alla prossima lezione,
Addison.
 
Chissa' cosa ne pensano gli abitanti di Camerino, nota cittadina in provincia di Macerata nelle Marche, sede anche di antica Universita', di cotanto discernere.........:D
 
Indietro