carlà e la fiera del buongusto......

LorysPanza

Nuovo Utente
Registrato
8/3/00
Messaggi
6
Punti reazioni
0
ciao a tutti , mi affaccio un attimino in questo forum che mi vede totalmente newbie (o esami di diritto alla mia ex università :p)

non è per fare dietrologie o falso perbenismo, ma c'è qualche buontempone esperto che una volta letta la newsletter di carlà di oggi riesce a trovare gli estremi per vedere questo poco pregevole personaggio sparire per sempre dal "Simulmondo"(poi sulla terraferma farà un pò che cavolo gli pare,ma dopo questo con le sue baggianate non ci deve più mangiare!!).

vi ringrazio per ogni eventuale contributo....

THINK SMART IL PANZA

non se ne può proprio più:mad:
 
Copio la newsletter di oggi del più autorevole esperto di web-finanza (questo ci tocca...). Vado a mangiare e poi torno....ma non so se torno in serata....e forse è meglio.

---------------------------------------------------------------------------
Ma c'e' una storia ancora calda che mi ha fatto pensare:
Nadia Meneghini, 20 anni di Torino, e' stata trovata
strangolata nella sua abitazione dai genitori che tornavano
dalle vacanze.

Forse ha incontrato l'assassino in una chat sulla rete.

Pare che usasse il nickname YuYu e che avesse l'abitudine
di trascorrere alcune ore al giorno nel simulmondo delle
chat internettiane.

La polizia indaga in tutte le direzioni.

Intanto il fidanzato di Nadia e' trattenuto in questura
per essere interrogato e giura che nella notte Nadia non
ha aperto alla porta. Lui si era sempre lamentato di
questa sua passione per le chat.

I vicini hanno sentito rumori di lite provenire dalla casa.

Nadia era sicura di conoscerlo bene questo suo amico di
chat: erano mesi che ci comunicava su Internet,
magari lui aveva anche chiamato da un cellulare e la
voce era cosi' rassicurante e simpatica.

Aveva accettato di incontrarlo, direttamente a casa sua.

Cosi' aveva violato, senza saperlo, le regole auree
del Simulmondo ed era cominciata la sua fine. Se le cose
sono davvero andate cosi', credo di sapere cosa possa
essere successo.

Perche' io le regole del Simulmondo le conosco abbastanza.


Ci sono due modi per usare Internet e le sue risorse:
1 Per comunicare;
2 Per simulare.

Fa una bella differenza.

Nel primo caso si usano le possibilita' di Internet,
chat incluse, per rendere migliore e piu' interattiva
la Terraferma, il nostro mondo di tutti i giorni.
Nel secondo caso si usano le possibilita' di Internet,
chat incluse, per acquisire una nuova identita',
insofferenti di quella vera, per sfuggire al mondo reale.

Nadia, forse, usava Internet nel pericoloso modo numero 2.

Nelle chat si possono solo cercare (e trovare) persone
che comunicano in un modo che ci piace. Intrecciando
altri media, per esempio foto (via email) e voci (via
cellulare) possiamo aumentare il senso di conoscenza
e quindi il piacere della comunicazione.

Ma l'identita' delle persone, all'inizio, ci sfugge.

Quando Nadia ha aperto all'assassino la porta della sua
casa, quell'uomo, se le cose sono davvero andate cosi',
non era nessuno. Gli amici di Torino non lo conoscevano,
i parenti non lo avevano mai visto e nemmeno sentito
nominare, i vicini di casa non ne sapevano nulla...

Era solo un simuloide che irrompeva sulla Terraferma.

Si sa ancora poco su questa vicenda e quindi procedo
per congetture. Ma mi piacerebbe molto dare il mio
contributo alle indagini, per quell'esperienza che ho
di queste cose. Adesso la polizia sta cercando tracce
nel computer di Nadia e trovera' indirizzi web di
chat assortite e piccole tracce digitali non molto utili.

In realta' le cose potrebbero essere semplici.

Il killer potrebbe averla ammazzata perche' Nadia non
lo ha 'riconosciuto'. In chat e per telefono era cosi'
dolce e tranquillo, dal vivo lo era molto meno.
La foto non gli somigliava quasi per niente, magari
non era neppure davvero la sua. Varcata la soglia
della Terraferma era diventato un altro.

Lui aveva usato il Simulmondo per simulare.

Lei voleva cancellare tutto, ricacciarlo dietro
lo schermo, nella chat da dove era venuto. Ma ha,
scoperto, troppo tardi, che non era piu' possibile.
Lui, intanto, ha capito che la sua vera identita' non
piaceva alla povera Nadia. Tutto il castello e' crollato.

E invece di spegnere il computer l'ha strangolata.

Ps. Proviamo ad aiutare le indagini?
Magari tra i miei oltre centomila lettori c'e'
qualcuno che sa qualcosa, oppure ha soltanto
suggerimenti o idee da dare agli inquirenti.
-------------------------------------------------------------------
 
Scritto da Voltaire

La polizia indaga in tutte le direzioni.


E invece di spegnere il computer l'ha strangolata.

Ps. Proviamo ad aiutare le indagini?
Magari tra i miei oltre centomila lettori c'e'
qualcuno che sa qualcosa, oppure ha soltanto
suggerimenti o idee da dare agli inquirenti.
-------------------------------------------------------------------


Saranno le perdite delle sue top ten che lo hanno ridotto così ?
Gli oltre centomila lettori potrebbero cominciare ad avere sospetti sul loro scrittore preferito ... :cool:
 
http://www.repubblica.it/news/ired/ultimora2/meneghini.htm

Omicidio Torino, indagato il fidanzato

TORINO - E' stato indagato a piede libero per omicidio Tony Rizzo, il fidanzato di Nadia Meneghini, trovata uccisa sabato mattina nella sua abitazione di Torino. Il giovane era stato nuovamente convocato in questura nella tarda mattinata. Nel pomeriggio sono stati resi noti i risultati dell'autopsia: la ragazza è morta per strangolamento venerdì scorso tra le 15.30 e le 19.30.

Il corpo di Nadia era stato trovato il mattino dopo, dai genitori di ritorno dalle vacanze. Rizzo, 28 anni, era stato già interrogato per 15 ore tra sabato e domenica.


Voltaire ti ho appena letto in tutti gli altri forum scusa se ho replicato, ma cmq credo che non sarebbe mai abbastanza....io intanto una segnalazioncina alla repubblica l'ho mandata...

THINK SMART(micatanto)

IL PANZA
 
Scritto da LorysPanza
Omicidio Torino, indagato il fidanzato


L'idea della chat faceva più presa.....ricordo, anni fa, un titolo di giornale "Uccisa dall'uomo conosciuto in chat": leggendolo, si poteva credere ad una conoscenza casuale finita male, ed invece erano marito e moglie che si erano conosciuti in chat...ma sappiamo che gli omicidi tra coniugi sono ordinari.
 
sì una vicenda molto brutta,

di problemi con le chat ce ne sono sempre stati,basta fare un giretto in quelle con CAM (vedi paltalk o netmeeting) ed in effetti non si può mai sapere con chi si ha a che fare visti i tipi strani che si vedono.....cmq da qui ad assumere una supposizione per categorizzare in modo anche meschino una ragazza cadavere da due giorni per poi mettere quel linkettino......azz ....ce ne corre....
vabhè non continuo, mi auguro però che non abbia più lo studio adiacente a quello del mitico paolo tommasini altrimenti mi ci faccio nascondere dopo il prossimo raduno del fol :D

azz devo stare attento con queste dichiarazioni, non vorreiche questi byte venissero ripescati in futuro in caso il grande detective della rete fosse preso a sassate da un gruppo di neobarboni della terraferma grazie al suo vituperato fastoso Simulmondo;
 
Scritto da LorysPanza
di problemi con le chat ce ne sono sempre stati


Esattamente come qualsiasi altro ambiente....solo che il web fa più moda.
 
sì è esatto

era quello che sottintendevo,infatti direi che non sia il caso di fare un processo alla rete appunto, non vorrei che qualche rompiballe ricominciasse a tirarfuori l'intenzione di mettere il bavaglio alla libertà di circolazione in internet(come se già non bastassero gli impiastri che ci sono);

come in tutti i luoghi è il tuo comprtamento che alla fine ti rende giudice di te stesso ed a tal proposito la rete non ti induce in una determinata direzione come lo fanno molti altri strumenti d'informazione e luoghi d'incontro,
poi se ne vedono di tutti i colori pure lì,ma bisogna anche andarsele a cercare.......

beh io riporterei l'attenzione prettamente al topic e mi auguro che le redazini alle quali ho mandato una mail di segnalazione non rimangano inoperose.....

beh eticamente sarebbe da scrivee un trattato senza trovarne una via risolutiva,quindi vorrei solo sapere se è perseguibile un atto come quello commesso dal nostro prof.Calget forse depistaggio verso un bookstore:D?
 
Scritto da Voltaire

Era solo un simuloide che irrompeva sulla Terraferma.

[/B]

Questa è una vera perla !!!
Tra Spazio 1999 e Pianeta delle scimmie.

PS non solo nelle chat ma anche nei forum ci si crea un'altra identità. :eek: :eek:

E probabilmente anche tramite l'invio di newsletter.

ciao
Marco:)
 
non vi preoccupate

che nessuno metterà il bavaglio alla rete...anche la magistratura e le forze dell'ordine viaggiano ed indagano in rete...e vi assicuro che non hanno affatto bisogno dei 100 mila... :confused: :rolleyes: ... lettori di quel "fenomeno" di Carlà per fare luce su possibili ipotesi investigative...o deviate trovate giornalistiche.
E' solo la voglia di mettersi in mostra in TV e farsi una bella pubblicità... ricordate "Tempi Moderni" ?...ci è andato pure un mio conoscente ...so che adesso è in cura psichiatrica.
provate ad immaginare se l'assassino fosse stato veramente un tizio conosciuto in rete dalla vittima, mi immagino già i titoli delle principali testate e Carlà alla ribalta della cronaca ...sono sicuro che ne sarebbe scaturito magari un bel thriller web-finanziario con un titolo accattivante...per la gioia dei suoi 100 mila lettori che nel frattempo sarebbero diventati 500 mila...forse 1 milione.
Vai col Businesssssss !

;)
 
Ultima modifica:
Scritto da Voltaire
Copio la newsletter di oggi del più autorevole esperto di web-finanza (questo ci tocca...). Vado a mangiare e poi torno....ma non so se torno in serata....e forse è meglio.
---------------------------------------------------------------------------
(.............)


Il più autorevole esperto di Web-Finanza ???????


168.gif
 
Scritto da sciabola
Il più autorevole esperto di Web-Finanza ???????


168.gif


E' presentato ovunque come tale....questo ci tocca.
 
Riporto l'intervento di Domenico De Simone, in altro forum.

-------------------------------------------------------------------------------






Beh la cosa è andata tutta in un altro modo, ad uccidere Nadia è stato il fidanzato geloso della chat che lei aveva lasciato proprio per la sua morbosa gelosia.

Lo spettacolo di questi avvoltoi pronti a sparare idiozie sulla pericolosità di internet mistificando la realtà è stomachevole. Non è il solo, il prof. Carlà. Anche su molti quotidiani sono apparsi titoloni in prima pagina sui pericoli della rete e delle chat. Salvo, poi, a confinare in un trafiletto di cronaca la notizia vera che con internet non ha nulla a che vedere.

Che il mondo dell'editoria e i suoi manutengoli stupidi, come l'esimio prof. Carrà, siano terrorizzati da internet è un dato di fatto. Cercano di esorcizzare un nemico che toglie loro il privilegio di manipolare le notizie a piacimento ed il potere di faersi i propri affari.

Però uno straccio di Procura della Repubblica che si ricordi che la propalazione di notizie false e tendenziose è un reato non si trova in questo paese.

Ah già, dimenticavo che internet è nemico di ogni potere, compreso quello giudiziario.

domenico
 
forse per pudore non dovrei neppure incollarlo, ma urge che qualche reazione seria faccia il suo dovere dato che quelli della repubblica neppure si sono degnati di rispondermi:



Il caso e' chiuso
------------------------------

Il Simulmondo e' innocente.

La povera Nadia Menighini e' stata uccisa dal fidanzato.
Ha confessato dopo altre 50 ore di interrogatorio,
incastrato proprio dalle tracce digitali di quei
computer e telefonini di cui era tanto geloso.

La ragazza di schede ne aveva addirittura tre.

Una, segretissima, era riservata agli amici della chat.
Il vero maniaco non era nascosto nelle stanze di
Digilander, ma si aggirava nella vita di Nadia gia'
da qualche tempo, come avevano suggerito molte delle
tantissime email che mi erano arrivate ieri.
http://www.finanzaworld.it/newsletter.asp?idnl=616&a=1

Il caso e' chiuso.

Mi aveva fatto uno strano effetto andare nella stanza
di Torino della chat di Iol. Nel pomeriggio c'erano
una trentina di chatters di routine, piu' o meno come
ogni giorno a quella stessa ora. Ho chiesto in giro
se qualcuno conosceva YuYu, il nickname della ragazza
strangolata, ma nessuno le aveva mai parlato.

Cinque ragazzi, pero', l'avevano incontrata nei mesi scorsi.

La polizia non aveva mai creduto alle storie raccontate
dal fidanzato. La povera Nadia aveva paura di quel
ragazzo geloso e dal passato incerto (adesso i magistrati
vogliono riaprire il caso della sua precedente
fidanzata sparita nel nulla in Sicilia...) e non dei
suoi amici delle chat.

L'assassino veniva dalla Terraferma.

Sempre ieri, mentre il fidanzato-killer non aveva
ancora confessato, ho provato a scrivere 'YuYu' nel motore
di ricerca di Digilander. Niente di speciale,
solo il titolo di un personaggio dei cartoni animati
giapponesi, oppure un nome popolare a Tokyo, una teenager.

Adesso sappiamo come e' andata tutta la storia.

Erano davvero due i mondi in lotta fra loro e nella
vita di Nadia Menighini, ma non erano la Terraferma e il
Simulmondo. Erano il fidanzato che lei non voleva piu' e
la nuova vita che intuiva nei tanti ragazzi che poteva
conoscere grazie alla chat di Internet.

Troppi per quel ragazzo cosi' geloso.

Talmente tanti che non sapendo chi odiare di preciso,
difficile picchiare un rivale del Simulmondo, l'assassino
ha deciso di incolparli tutti. Ha strangolato Nadia
e poi ha raccontato alla polizia di questo strano mondo
delle chat, sfuggente e leggero, ideale per nascondere
un killer.

Invece faceva piu' paura la Terraferma.

I 5 ragazzi delle chat erano gia' stati tutti identificati
e uno si era addirittura presentato spontaneamente
ieri mattina. Con Nadia aveva trascorso qualche ora a
Torino, poche chiacchiere e un giro assieme, niente di piu'.
La soluzione del rebus stava da un'altra parte.

Il telefonino sparito sapeva tutto.

Inchiodato dai tantissimi errori digitali seminati in giro,
il fidanzato alla fine ha confessato. Aveva fatto una
telefonata dal cellulare di Nadia, con la sua sim,
quando la ragazza era gia' morta. Invece di un alibi
aveva scritto la sua condanna finale.

Esiste una morale in questa storia scellerata?

Forse. Si fa presto a buttare la croce addosso a Internet e
al Simulmondo, ma la verita' e' che, se usati a dovere,
questi media migliorano la vita. Gli assassini e i pedofili
c'erano anche prima, ma adesso fanno piu' fatica a sparire.
Nascondono i coltelli e buttano via le pistole, lavano
le macchie di sangue dalla scena del delitto.

Ma non possono cancellare le loro invisibili orme digitali.

Ps. A proposito di criminali veri e virtuali: da ieri e'
ripartita la nostra newslettera settimanale sulla
sicurezza digitale, Security World, in collaborazione
con Paolo Ardemagni e Symantec. Se non siete ancora
iscritti e volete riceverla gratis, cliccate subito qui:

http://www.finanzaworld.it/abbonati.asp


beh e come diceva peppino "e ho detto tutto".

sono letteralmente skifato punto e basta
 
Indietro