Cementificare il sud Italia come il sud della Spagna

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
Infatti nella località in Italia meridionale dove attualmente mi trovo l’unica struttura decente, potenzialmente adatta ad un turismo internazionale, sta a un paio di km dalla spiaggia e i turisti vanno avanti e indietro con delle navette dellA struttura medesima.
Gli ospiti sono quasi tutti italiani, immagino quelli che non sono andati all’estero per non privarsi dell irrinunciabile piatto di pastasciutta, ma la struttura lavora a quello che mi dicono 4/5 settimane a stagione e per il resto si e no al 50%.

Certo si potrebbe fare un bel
Resort direttamente sul mare e non necessariamente un palazzo e orribile, ma una cosa decente, magari facendo lavorare qualche architetto capace…. Ma alla fine? … forse si dovrebbero importare pure i lavoratori, perché qui i disoccupati mi sembra che esistano solo nelle statistiche dell’INPS, trovare una donna delle pulizie è più difficile che a Roma, se poi hai problemi di manutenzione… idraulico, fabbro ecc. stai nei guai e ci vuole la raccomandazione.

Quindi va bene così è aspettiamo il PNRR.
:D
Mamma mia che tristezza :(

Con il 63% del PNRR vincolato al sud abbiamo buttato nel cesso altri soldi. Purtoppo la mentalità non la cambi facendo piovere soldi a sbafo. :(

Edit: Vedi di non farti male o farti venire un coccolone che lì gli ospedali sono quelli che sono e di privato c'è pochissimo e se non conosci qualcuno che ci lavora sono guai. Tanto lo stipendio lavori bene, o lavori male nel pubblico arriva comunque a fine mese.
 
Ultima modifica:
Se in sud Italia togli il turismo di rientro (i meridionali o di origine meridionale che rientrano al paesello) non resta più nessuno e se c'è qualche straniero sicuramente non ritornerà l'anno successivo.

Nel sud Italia, capri compreso, il turista viene visto come un pollo da spennare e un limone da spremere.

Ci sono alcuni bar dalle mie parti che hanno due listini, uno per i locals e uno per i polli.

Provate ad andare in costa del sol a Marbella e poi in Sicilia (stessa situazione climatica)... Da una parte ti trattano come un dio, dall'altra una volta che riesci a fare slalom tra la spazzatura devi camminare spalle al muro perché ovunque ti giri trovi qualcuno pronto a mettertelo dietro.

Come si può fare turismo così?
Ormai la differenza tra Italia e Spagna come capacità di attrazione turistica è imbarazzante. Persino nel food che è sempre stato il nostro grande cavallo di battaglia.
Ho avuto recentemente una accesa discussione su questo con alcuni parenti le cui uniche poche esperienze sono qualche villaggeto all-inclusive qui è li.

Possiamo seriamente paragonare un buon patanegra con qualsiasi prosciutto italiano, anche quelli più blasonati? Non esiste. E anche sul resto degli insaccati siamo lì se non perdenti.

Possiamo paragonare una Rubia Gallega con una chianina o qualsiasi altro tipo di carne Made in Italy? Qualsiasi ristoratore specializzato onesto anche italiano non si permetterebbe…

Cozze e molluschi della Galizia si trova di simile in Italia? E i maialini allevati all’aperto in Estremadura in Italia dove li possiamo mangiare.

Purtroppo gli spagnoli in questo hanno puntato sulla qualità, mentre da noi a fare soldi pochi sporchi maledetti e subito. E ormai i risultati si vedono bene.
 
Ormai la differenza tra Italia e Spagna come capacità di attrazione turistica è imbarazzante. Persino nel food che è sempre stato il nostro grande cavallo di battaglia.
Ho avuto recentemente una accesa discussione su questo con alcuni parenti le cui uniche poche esperienze sono qualche villaggeto all-inclusive qui è li.

Possiamo seriamente paragonare un buon patanegra con qualsiasi prosciutto italiano, anche quelli più blasonati? Non esiste. E anche sul resto degli insaccati siamo lì se non perdenti.

Possiamo paragonare una Rubia Gallega con una chianina o qualsiasi altro tipo di carne Made in Italy? Qualsiasi ristoratore specializzato onesto anche italiano non si permetterebbe…

Cozze e molluschi della Galizia si trova di simile in Italia? E i maialini allevati all’aperto in Estremadura in Italia dove li possiamo mangiare.

Purtroppo gli spagnoli in questo hanno puntato sulla qualità, mentre da noi a fare soldi pochi sporchi maledetti e subito. E ormai i risultati si vedono bene.
Bhe lasciamo perdere i prodotti di elite, un patanegra + come una ferrari....
il fatto è che in spagna (ma pure ingrecia ed a prezzi molto inferiori) trovi strutture costruite sulla spiaggia, tanto basta per fare le ferie lì: lo ripeto la più "rilassante, quanto meno senza stress ) vacanza della mia vita l'ho fatta a palma magaluf con hotel 4 stelle superiore sulla spiaggia, dove c'era tutto e quando scrivo tutto intendo tutto!
in sardegna per comprare le suigarette a stintino ho dovuto fare 15 km di macchina... a san vito lo capo 2 km per dirne una.
a stintino supermercati chiusi alle 20, 20.30 in spagna a'perti anche all una di notte.
insomma... poi se seguiamo i seguaci del "natura è bello" che si traduce fare le ferie dormendo, mangiando e lavandosi in automobile... ok per la sardegna, (spendono poco o nulla e sono felici) ma per il resto (mare a parte che è unico) la spagna e la grecia vincono sempre.
cmq la magigor parte della gente provata la sardegna una volta o la sicilia o la toscana poi non ci tornano, e vanno all'estero...
 
Ma che vuol dire. Avoja a parlare di PIL per un settore che vive di stagionali a nero sottopagati...

Adesso la risposta è fare del mezzogiorno la nuova Alicante?

La differenza non è negli obrobri di cemento (che come detto ti portano a sfidare l'Albania tra poco), ma sul pacchetto di servizi che non c'entra niente con quello italiano.

In Grecia (che fa praticamente solo quello), tolte poche località si spende poco o pochissimo, l'inglese è molto diffuso nel turistico, letteralmente ovunque trovi servizi al turista.
In Spagna spesso situazione simile (oltre al fatto che sarei curioso di vedere se mettono Barcellona dentro "mare") oltre al fatto che hanno definito anni fa dei modelli internazionali con ampio anticipo.


Il nostro meridione non ha bisogno di cemento, ha bisogno di modernità. Se non sei italiano non oso immaginare come sia fare cose normali da vacanza rispetto a località EU, alcuni esempi:
- discoteche, Rimini e Riccione erano tanta roba, col tempo calate. Il Salento aveva iniziato a soppiantarlo. Navette imbarazzanti, locali invivibili dalla quantità di gente che veniva stipata. Infatti son tutti italiani;
- servizi in spiaggia: o hai il lido o non hai NULLA, manco il bar. Al contrario Grecia e Spagna spesso hanno soluzioni ibride, che vedo molto apprezzate;
- indicazioni / fregature: "eh solo cash", prezziari differenziati, parcheggi "dubbi" (più volte ho trovato spiazzi "vietati" senza troppa chiarezza e il losco parcheggiatore che aveva l'unico parcheggio fruibile).
On top rifiuti sparsi, infrastrutture maltenute, incuria, case che paiono bombardate, incendi in allegria (2020 ero alla valle dei Templi e una collina vicina stava bruciando..), parcheggiatori abusivi, aggiungere a piacere.

Adesso che il mondo, Spagna in primis, ha capito che la chiave è la sostenibilità (che non è una baggianata green, è quell'insieme di pratiche che preservano il territorio e MIRA A INCREMENTARE LA MARGINALITA CHE PAGA IL TURISTA), mi sembrerebbe abbastanza stupido fare la corsa al cemento.

Il modello è lì da copiare: il Garda.
la prima frase sembra quella di un prevosto durante l'omelia, la modernità (anziATTUALITA' vetusta: visto che in spagna e grecia sono 20 anni almeno che vi sono strutture sulla spiaggia ben servite) la ottieni demolendo scogli roccie arbusti inutili, portando strade e palazzi di 5/10 piano per mega hotel, piscine, negozi, reti idriche fogne, ospedali ecc sulla spiaggia e persino nel parco della maddalena se vui che ti arrivini milioni di turisti all'anno, poi devi aprirti alle grandi catene alberghiere, alle multinazionali per supermercati ecc, devi creare le condizioni per cui le compganie aeree low cost portino a prezzo calmierato i turisti dall'est europa, dal nord e dall' ovest in 2 ore a flotte.

Quale sostenibilità in spagna? a chiacchere sono sostenibili, va di moda
non differenziano manco l'immondizia!
 
la prima frase sembra quella di un prevosto durante l'omelia, la modernità (anziATTUALITA' vetusta: visto che in spagna e grecia sono 20 anni almeno che vi sono strutture sulla spiaggia ben servite) la ottieni demolendo scogli roccie arbusti inutili, portando strade e palazzi di 5/10 piano per mega hotel, piscine, negozi, reti idriche fogne, ospedali ecc sulla spiaggia e persino nel parco della maddalena se vui che ti arrivini milioni di turisti all'anno, poi devi aprirti alle grandi catene alberghiere, alle multinazionali per supermercati ecc, devi creare le condizioni per cui le compganie aeree low cost portino a prezzo calmierato i turisti dall'est europa, dal nord e dall' ovest in 2 ore a flotte.

Quale sostenibilità in spagna? a chiacchere sono sostenibili, va di moda
non differenziano manco l'immondizia!
In Italia sempre talebani eh!!

Gli alberghi sulla spiaggia facciamoli nelle spiagge di sabbia dell’Adriatico che non fa male a nessuno.

La Maddalena per favore lasciamola come è.
Tra l’altro se uno vuole andare in un quattro stelle sul mare alla Maddalena già esiste.

√ Hotel Isola della Maddalena

Ottimo 4 stelle direttamente sul mare spiaggia e porto privato. Acqua favolosa.

Ci sono stato l’anno scorso e probabilmente ci torno quest’anno. 400 euro al giorno più o meno camera e colazione.
 
In Italia sempre talebani eh!!

Gli alberghi sulla spiaggia facciamoli nelle spiagge di sabbia dell’Adriatico che non fa male a nessuno.

La Maddalena per favore lasciamola come è.
Tra l’altro se uno vuole andare in un quattro stelle sul mare alla Maddalena già esiste.

√ Hotel Isola della Maddalena

Ottimo 4 stelle direttamente sul mare spiaggia e porto privato. Acqua favolosa.

Ci sono stato l’anno scorso e probabilmente ci torno quest’anno. 400 euro al giorno più o meno camera e colazione.
guarda per me puoi anche chiudere la sardegna e la sicilia pure la puglia in toto.
il problema mica è mio o dei milioni di turisti persi e che si perderanno.
Il problema rimane l'economia di quelle regioni e dello stato.
 
la prima frase sembra quella di un prevosto durante l'omelia, la modernità (anziATTUALITA' vetusta: visto che in spagna e grecia sono 20 anni almeno che vi sono strutture sulla spiaggia ben servite) la ottieni demolendo scogli roccie arbusti inutili, portando strade e palazzi di 5/10 piano per mega hotel, piscine, negozi, reti idriche fogne, ospedali ecc sulla spiaggia e persino nel parco della maddalena se vui che ti arrivini milioni di turisti all'anno, poi devi aprirti alle grandi catene alberghiere, alle multinazionali per supermercati ecc, devi creare le condizioni per cui le compganie aeree low cost portino a prezzo calmierato i turisti dall'est europa, dal nord e dall' ovest in 2 ore a flotte.

Suicidio economico per perdere clienti col montenegro e albania.
"prevosto" certo. Numeri alla mano il valore aggiunto turistico è da fame, ossia non crea indotto tale da pagare la gente, infatti si regge su nero e sfruttamento, altrimenti avrebbe prezzi talmente fuori mercato da perdere anche i turisti italiani.
E tu vorresti trasformare il meridione nella Costa Brava?
demolendo scogli roccie arbusti inutili, portando strade e palazzi di 5/10 piano per mega hotel, piscine, negozi, reti idriche fogne, ospedali ecc sulla spiaggia e persino nel parco della maddalena se vui che ti arrivini milioni di turisti all'anno

Cioè l'idea è deturpare luoghi per i quali si paga caro per trasformarli in carnai low cost? Perché lo sai vero che quelli sono carnai low cost?


Quale sostenibilità in spagna? a chiacchere sono sostenibili, va di moda
non differenziano manco l'immondizia!

Infatti lo sapevo che andavi a guardare il dito, perciò ho messo le maiuscole, ma a quanto pare non serve.

L'esempio più chiaro è Formentera dove le vacanze costano N volte la costa brava. Formentera stupenda anche perché non hai i palazzoni del Corviale a fare da contorno alle calette e la spiaggia è godibile nella sua ampiezza.

Lo riscrivo: la sostenibilità è ECONOMICA, non green. Tu Stato devi preoccuparti del ritorno al sistema, ossia dell'avere un turismo selezionato e più ricco a cui offrire servizi migliori e chiedere costi maggiori.
Avere enormi volumi serve solo a fare la GUERRA DEI PREZZI.
 
non hai dimostrato proprio nulla che non sia un ragionamento senza senso.
Ora la mia situazione, che e' la stessa di molti, e' la seguente:
io ho affetti, amici, famiglia e cuore rimasto al sud. A 24 anni ho dovuto fare valigia e sono dovuto andare a Milano. Sono passato da avere una casa vista mare a una casa vista palazzo.

Sia io, sia mia moglie, possiamo fare full smart working abbastanza liberamente.
L'estate possiamo o fare smart dal nostro soggiorno o dalla nostra terra natia dove alle 17 prendiamo la barca e andiamo a farci un bagno vista grotta blu, quando il mio amico di infanzia ha voglia ci alziamo alle 3 del mattino, andiamo a pescare l'esca viva e poi andiamo fare pesca col vivo e alle 9 siamo operativi per lavorare, dove mangiamo la verdura del giardino e le uova delle galline di papa'.

Mi spieghi, considerando che almeno alle nostre famiglie non diamo nessun fastidio, e anzi l'estate che abbiamo fatto vacanza negli Usa ci sono rimaste male che non siamo tornati, per quale motivo dovremmo rinunciare a questo paradiso ?

PS: le vacanze le faccio ai tropici (due settimane) in inverno, non ti preoccupare che i miei 7/8k annui per vacanze li spendo comunque...
 
In Italia sempre talebani eh!!

Gli alberghi sulla spiaggia facciamoli nelle spiagge di sabbia dell’Adriatico che non fa male a nessuno.
Esattamente!

La Maddalena per favore lasciamola come è.
Tra l’altro se uno vuole andare in un quattro stelle sul mare alla Maddalena già esiste.

√ Hotel Isola della Maddalena

Ottimo 4 stelle direttamente sul mare spiaggia e porto privato. Acqua favolosa.

Ci sono stato l’anno scorso e probabilmente ci torno quest’anno. 400 euro al giorno più o meno camera e colazione.

Ecco, ottimo esempio.

In pratica un bel palazzone, ma anche 2, di 10 piani e voilà! Certo, poi 400 euro a notte per stare nel condominio di Gratosoglio col mare trasparente.
Oltre a ciò, il turista da 400 euro a notte spende: si fa i giri in barca, va al ristorante e compra bottiglie, ecc.
Il turista "Costa Brava" spende 100 a notte e si divide tra pranzi al sacco e menu paella+sangria a 15€ per la cena.


Questo non per disprezzare le capacità di spesa, ma solo per ragionare sui margini. Praticamente hai bisogno di più gente (volumi maggiori) per fare gli stessi incassi (meno margini), quindi hai bisogno di svalutare i costi (salari bassi, taglio investimenti).
 
Sempre considerando che il grosso vantaggio di Spagna e Grecia è che sono arrivati 30 anni prima coi menu internazionali e le indicazioni in inglese, mentre oggi se atterri a Catania (anche pre rogo) puoi apprezzare il marasma di gente che cerca il proprio autobus oppure diversi addetti ai noleggi che faticano a parlare inglese (quelli dei bus non ne parliamo..).

A 18 anni con gli amici andammo a Lloret de mar: volo, mezzo pubblico, hotel, tutto senza difficoltà (nonostante fossimo sbarbati). Ristoranti, discoteche, ecc. tutti english speaking. Località da 18enni con shot a 1€, fast food, locali fino all'alba.

Prova a fare lo stesso in Salento o in Sicilia, magari da straniero, e mi racconti le piacevoli esperienze. Chiaramente ci sono stranieri che resistono e tollerano, ma molti altri semplicemente non sopportano e cambiano destinazione.
A lamentarsi della mancanza di palazzoni sulla spiaggia sono solo gli americani grassi e gli inglesi (noti ovunque per insediarsi nei peggio posti tipo Magaluf. Inglesi li ho beccati a Zanzibar a bere in piscina con il mare trasparente a 10m, rende l'idea dei soggettoni). Tedeschi (e affini), Svizzeri, Francesi, cioè i nostri obiettivi perché il mare non credo se lo facciano i cinesi, apprezzano sicuramente un "modello Formentera / Garda" (infatti i numeri non mentono), di certo apprezzano meno il modello "Porto Empedocle / Gela / Porto Cesareo / Gallipoli"
 
...il "privilegio" dei meridionali emigrati al nord...

le ca**ate che bisogna leggere
 
Bhe io in sardegna qualche volta ci sono andato ma dopo la IV volta in 20 anni, la moglie mi ha chiaramente detto che - ok il mare unico - ma a magaluf in spagna il mare è 30 volte meglio di rimini, un 30 % meno bello che in sardegna, ma vi sono tutti i servizi: ristoranti dove puoi spendere 10 euro per cenale o 200, negozi da 10 euro a capo a 500, parrucchieri, dermatologi H24,

Come immaginavo, il modello Magaluf. Per me terribile, ma evidentemente ognuno ha i suoi gusti. (30% è un concetto di per sé arbitrario, ma certo è più vicino a Rimini che alla Sardegna, che gioca nello stesso campionato di Formentera).

in sardegna ho avuto necessità di un ortopedico a stintino e sono dovuto andare al alghero 1 ora di auto + aspettare all'ospedale civile 4 ore + aspettare all'ospedale ortopedico "al mare" 2 ore ed infine per avere una infiltraizone sono dovuto andare il gg seguente a sassari in provato 150 euro
mentre in spagna visita dermatologica su nipote per insolazione 60 euro in 10 minuti fatta la visita a pochi passi dall'hotel.

Qui hai ragione, ma converrai che Stintino non è paragonabile a località spagnole cittadine, per forza di cose.

In sardegna senza auto sei un zombie che non cammina in spagna puoi evitare l'auto completamente.
Qui ti appoggio pienamente, mobilità inesistente. Poi per carità, pure in Spagna noleggiano in tantissimi per raggiungere le spiagge belle.

1 settimana in sardegna suite 4 stelle suoperior melià con trattamento the level tot 2900 euro + 3 voli aerei 500 euro in sardegna li ho spesi solo per traghetto gasolio autostrada (consumo dell'auto) + una cena fuori e fare la spesa al supermercato, aggiungi percheggi, e girare tutti i gg come una trottola per trovare la spiaggia piu "bella" + lettini + ombrelloni, + sbattimento e 2 gg tra andare e tornare.... + affitto appartamento a 2 km dal mare circa per 1400 euro a settimana
lassa stà!!!! in grecia poi stendiazmo un velo pietoso hotel 5 stelle Luxury con piscina privata per ogni camera ho speso come in sardegna ma con auto a noleggio e hotel 5 stelle. e mangiando sempre in ristoranti di alto livello
insomma chi va in sardegna ci ritorna per il mare azzurro con non ha eguali, ma la carenza di servizi c'è ed è evidente.,
Idem in sicilia (anche se leggermente più avanti della sardegna).
io lo dico, togliamo ai fieri sardi e siculi lo statuto speciale, e vediamo se poi le regioni non liberalizzano il costruire sulle spiaggie e persino nei parchi naturali.

La Sicilia è PEGGIO della Sardegna, altro che più avanti. Quest'anno poi con la gag dell'aeroporto si sta suicidando.
Detto ciò, confermi quanto dico: vuoi il turismo economico. Che ci sta dalla tua prospettiva, cioè di andare a fare le vacanze, ci sta meno dalla prospettiva sistemica. Anche io vado spesso all'estero per motivi simili.
Quello che risparmi tu è però quello che non ricavano gli esercenti, tocca sempre ricordarlo.

Il paragone con la Grecia è noto, ma qui si apre un mondo. A Mykonos non spendi meno che in Sardegna "cool", Santorini probabilmente idem.
Vicino Atene sono stato al mare a Vouliagmeni un giorno e credo costi la metà di Rimini con acqua decisamente migliore, quei prezzi da noi nemmeno nell'entroterra lucano.

Commento a latere: Sicilia (ma anche Sardegna) non possono vivere di turismo. Per questioni di stagionalità, distanze e dimensioni, devono avere (soprattutto la Sicilia) un sistema produttivo. Non sono mica paragonabili alle isolette greche o alle baleari, sono enormi in confronto.
 
Finalmente qualcuno che lo dice. Personalmente trovo questo atteggiamento tipico del meridionale trasferito al nord insopportabile. Il turismo interno dovrebbe avere le stesse regole per tutti ma che ricchezza porta una famiglia che si trasferisce a casa di mamma, scrocca l'auto così non la deve affittare, si fa tenere i bambini dai nonni giusto per il gusto di dire "mi sono fatto tre mesi al mare perché sono di..."?

Boh, io non sono meridionale, ma penso a quelle migliaia di persone che lasciano casa.

Li capisco pure che han voglia di respirare casa loro, figuriamoci se poi è in un bel luogo vacanziero. Il turismo interno porta eccome ricchezza, anche magari limitata: tiene in vita paesi altrimenti morti.

Ma che si pensa, che certe località sicule sarebbero vive allo stesso modo? Togli i meridionali di rientro e non fai che accelerare il declino di molte zone.
 
Tra l'altro annualmente i vari sindaci si pavoneggiano delle grandi performance a livello di passeggeri dell'aeroporto di Catania, vorrei vedere di questi quanti sono i reali turisti, dubito seriamente siano una quota cospicua. Delle mie conoscenze un buon 70% ha lasciato l'isola per cercare futuro altrove.
 
Un colpo al cerchio, uno alla botte, ora tocca smussare certi entusiasmi meridionali:

se vi trasferite in un paese del sud sulla costa, state da aprile/maggio a settembre /ottobre con le p...le al sole, triplicate subito il vostro denaro,

sta roba che i soldi si raddoppiano è proporzionale alla località, non è che Polignano, Taormina o Capri i costi siano così bassi. Il grosso dei miei amici meridionali viene da paesi "quasi al mare". Dove quasi è la macchina da riempire con ombrellone e roba della giornata.
potete permettervi di acquistare case indipendenti a poco, mangiare bene, condurre una vita sana e rilassata, riscoprire il piacere di vivere in una comunità e non in posti alienanti, si perché in 6 mesi diventate gente del "posto", la barba ve la potete fare nel "salone", quando volete, senza aprire un fido bancario...ecc..
Sta roba a me pare sempre una leggenda metropolitana, oltre al fatto che il Nord esiste anche fuori Milano :D.
Ho sempre riscontrato una differenza abissale tra l'essere con un local o meno.

in inverno ve ne andate in montagna, a prendere il bello del settentrione, e per l'occasione vi fate un check-up, che magari adesso non avete neanche il tempo ed il pensiero di farlo (e sbagliate), tanto se vi prende un coccolone serio, siete fritti anche a Milano, cosa credete che al centro nord non si crepa per infarto? e magari aumentano le probabilità di essere investiti, o subire una nube radioattiva...
e poi se volete potete curarvi dove vi pare...se occorresse andare in svizzera per motivi di salute, che fate non andate, pur abitando a Milano ?
e i figli? se per i figli prospettate carriere di un certo livello devono studiare all estero, quindi il problema non si pone, sempre fuori sede saranno...
se invece optate per un università italiana, si può dire quasi che una vale l'altro, perché a quel punto prima ti laurei meglio è...
volere è potere, è solo una questione di testa e di abitudini dure da cambiare...

Questo invece mi pare un po' il solito giudizio un tot al Kg sul Nord, che sarebbe come dire "perché al Sud? vai in Spagna, esistono i servizi e non c'è la mafia, magari non devi nemmeno emigrare per avere speranze".
Con la massima simpatia per gli amici meridionali, io al Nord sto bene e il settentrione ha parecchio da dare tutto l'anno, chiaramente soffrendo oltremodo la calura estiva periodo nel quale è sempre gradito spostarsi altrove.
 
È una abitudine culturale che ho verificato di più nel sud Italia, io penso che se un adulto esce di casa, non lo fa per rientrare a 40 anni perché non vuole pagare la casa al mare.
Sarà mica che sono i genitori che vede una volta l'anno?
Prendersela con i legami famigliari meridionali è un po' eccessivo.

Se volessimo promuovere il turismo interno, una persona con la residenza al nord andrebbe al sud in vacanza e pagherebbe la stessa cifra sia se i suoi parenti hanno la casa sia che no. Parafrasando, quando vado a trovare parenti al nord non dormo a casa loro, mi prendo un B&B.

E invece guarda caso quello che fanno molte persone che ho conosciute è farsi le vacanze in meridione, e non pagare un centesimo di tasca loro, approfittando di ogni sotterfugio per pagare il meno possibile. Ad esempio noleggiare le auto in Sicilia costa uno sfacelo a causa delle truffe alle assicurazioni, ma quelli che ho conosciuto io in estate non andavano a noleggiare, la chiedevano in prestito e problema risolto.

Col risultato che a oggi il sud Italia costa troppo per chiunque non abbia i suoi agganci, e io me ne vado in Grecia o in Spagna che costa molto meno e mi trattano meglio. Ed è un peccato perché è pieno di posti che vorrei visitare, ma non me ii posso permettere perché neanche gli eredi dei meridionali vogliono portare ricchezza al sud. Questo perché è una macchina spremi turista americano o tedesco, e io in a questo giochino malato non ci voglio partecipare.

Sinceramente non capisco la correlazione. In che modo la gente che non partecipa alla domanda turistica alza i prezzi? E' l'unico caso che funziona al contrario?
 
Che poi io quando sto dai miei cucino, faccio le faccende domestiche, e quando voglio cenare qualcosa di particolare faccio la spesa.

Secondo te dovrei pagare l'alloggio?

La mia compagna è ligure. Andiamo ogni tanto dai suoi (anche fuori stagione, ma chiaramente col caldo si va volentieri).
I liguri sono spesso talmente coerenti che mugugnano pure coi conterranei, così da non fare troppe differenze :D

A volte pare strano citare i sentimenti, ma i genitori hanno piacere a vedere lei e la sorella. Così come ai miei fa piacere quando andiamo a pranzo da loro.

La vita è lavoro e sbattimenti, mi pare ingeneroso vedere lo "scrocco" quando si tratta di passare tempo assieme.
Perché io ho diversi amici meridionali che mi dicono che avrebbero piacere anche a fare qualche viaggio in più, ma diverse ferie le investono per vedere i famigliari (o far vedere nonni e nipoti) che magari non vedono tutto l'anno.
 
Turismo,gli stranieri preferiscono il Nord, al Sud i turisti sono quasi tutti italiani - AgenziaCult



Tutto giusto.

Il problema di questa politica dei meridionali di ritorno è che morti mamma e papà. Fra una generazione mi domando chi ci andrà al sud, alla fine mancano tutte le infrastrutture, servizi ecc. Poi fra 20 anni piangono...

Il turista internazionale vuole servizi ed infrastrutture senza prendersi fregature.

Forse giù al sud è ora che capiscano che in Costa Azzurra ti fai 13 giorni x 2 persone con €1.950 o 7 giorni a €1.050 il tutto circondato da servizi di primissimo ordine e spiagge libere diffuse e frequentate da gente nomale e non da animali di ogni specie.

Edit: Comunque è normale che le persone vadano dove hanno abitazioni private, chi ha la casa a Santa Margherita Ligure va lì, chi a Panarea va a Panarea chi c'è l'ha a Bari va a Bari. Poi che molti torinino giù dai genitori per tutte le ferie solo per risparmiare e non spendere assolutamente, hai ragione.

Comunque è ovvio che sia così.

Dovreste provare a essere stranieri e provare la vacanza in meridione senza sapere l'italiano. Di colpo si capirebbe perché vanno in Spagna o Grecia o nel Nord Italia.

Oltre alle distanze/costi di spostamento surreali. Per certe destinazioni del Sud hai tempi e costi comparabili con la Thailandia :D
 
Ormai la differenza tra Italia e Spagna come capacità di attrazione turistica è imbarazzante. Persino nel food che è sempre stato il nostro grande cavallo di battaglia.
Ho avuto recentemente una accesa discussione su questo con alcuni parenti le cui uniche poche esperienze sono qualche villaggeto all-inclusive qui è li.

Possiamo seriamente paragonare un buon patanegra con qualsiasi prosciutto italiano, anche quelli più blasonati? Non esiste. E anche sul resto degli insaccati siamo lì se non perdenti.

Possiamo paragonare una Rubia Gallega con una chianina o qualsiasi altro tipo di carne Made in Italy? Qualsiasi ristoratore specializzato onesto anche italiano non si permetterebbe…

Cozze e molluschi della Galizia si trova di simile in Italia? E i maialini allevati all’aperto in Estremadura in Italia dove li possiamo mangiare.

Purtroppo gli spagnoli in questo hanno puntato sulla qualità, mentre da noi a fare soldi pochi sporchi maledetti e subito. E ormai i risultati si vedono bene.

In realtà credo che la verità stia nel mezzo.
La Spagna ha coltivato eccellenze tranquillamente paragonabili (Cecchini fa la fiorentina con la Rubia) e talvolta "superiori" (per quanto trovi queste gare legate tendenzialmente al marketing..) tanto da diventare un riferimento gourmet. Hanno anche rinfrescato la cucina spagnola, sia "alta" sulla scia di Ferran Adrià, sia più popolare, con la diffusione di ristoranti delle regioni spagnole. Tutto questo per uscire dal solito stereotipo della paella e simili.

Da noi, ed è la grandissima forza enogastronomica del paese, il traino vero è la tradizione. Ogni 30 km trovi piatti diversi, interpretazioni diverse, tutto figlio della cultura campanilistica del nostro paese. Questo è un pregio enorme, ci dà varietà impareggiabile (basti pensare a come spostandosi di relativamente pochi km si abbia la Lomellina, la Liguria, l'appennino emiliano e dall'altro lato il Monferrato), ma è anche una prigione dorata. Tendiamo ad un certo conservatorismo che fatica a intercettare le novità e tende a sedersi, mentre altrove c'è più fermento anche in cucina. Mi sono stupito di come Atene avesse parecchi locali "freschi", proposte moderne che mi aspetterei a Milano, Londra, Madrid.
Abbiamo una storica criticità con la bistecca (tolte poche aree).
 
Ultima modifica:
Indietro