Cementificare il sud Italia come il sud della Spagna

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
In sardegna non puoi costruire sulla spiaggia, sai la bnatura bla bla bla, peccato che i tuiristi vogliono hotel sulla spiaggiam bar negozi ristoranti discteche.
Parli di te. altri tipi di turisti vogliono cose diverse
 
Parli di te. altri tipi di turisti vogliono cose diverse
Sicuro ma se vuoi fare soldi devi adattarti alla maggioranza dei turisti, che ripeto vogliono comodità e possibilmente non utilizzare l'auto per andare in spiaggia, dal medico, in un negozio ecc e l'italia tolto "rimini" non offre nulla di tutto ciò risultato la spagna ci batte 30 a 0
 
Sicuro ma se vuoi fare soldi devi adattarti alla maggioranza dei turisti, che ripeto vogliono comodità e possibilmente non utilizzare l'auto per andare in spiaggia, dal medico, in un negozio ecc e l'italia tolto "rimini" non offre nulla di tutto ciò risultato la spagna ci batte 30 a 0
ma non è affatto così. Non è che quelli che vogliono cose diverse sono poveraci. Non c'entra nulla la tua dicotomia.
Tu vai pure dove hanno cementificato tutto. Io la Spagna la conosco bene. la ho girata in lungo e in largo. Se non ti piace la Sardegna vai da un'altra parte. Ma tranquillo che in Sardegna anche senza di te faranno turismo lo stesso.
 
Sicuro ma se vuoi fare soldi devi adattarti alla maggioranza dei turisti, che ripeto vogliono comodità e possibilmente non utilizzare l'auto per andare in spiaggia, dal medico, in un negozio ecc e l'italia tolto "rimini" non offre nulla di tutto ciò risultato la spagna ci batte 30 a 0
Infatti nella località in Italia meridionale dove attualmente mi trovo l’unica struttura decente, potenzialmente adatta ad un turismo internazionale, sta a un paio di km dalla spiaggia e i turisti vanno avanti e indietro con delle navette dellA struttura medesima.
Gli ospiti sono quasi tutti italiani, immagino quelli che non sono andati all’estero per non privarsi dell irrinunciabile piatto di pastasciutta, ma la struttura lavora a quello che mi dicono 4/5 settimane a stagione e per il resto si e no al 50%.

Certo si potrebbe fare un bel
Resort direttamente sul mare e non necessariamente un palazzo e orribile, ma una cosa decente, magari facendo lavorare qualche architetto capace…. Ma alla fine? … forse si dovrebbero importare pure i lavoratori, perché qui i disoccupati mi sembra che esistano solo nelle statistiche dell’INPS, trovare una donna delle pulizie è più difficile che a Roma, se poi hai problemi di manutenzione… idraulico, fabbro ecc. stai nei guai e ci vuole la raccomandazione.

Quindi va bene così è aspettiamo il PNRR. :D
 
ma non è affatto così. Non è che quelli che vogliono cose diverse sono poveraci. Non c'entra nulla la tua dicotomia.
Tu vai pure dove hanno cementificato tutto. Io la Spagna la conosco bene. la ho girata in lungo e in largo. Se non ti piace la Sardegna vai da un'altra parte. Ma tranquillo che in Sardegna anche senza di te faranno turismo lo stesso.
Guarda i numeri e non le impressioni, guarda il PIL turismo mare in spagma. grecia ed italia
 
Guarda i numeri e non le impressioni, guarda il PIL turismo mare in spagma. grecia ed italia
Se in sud Italia togli il turismo di rientro (i meridionali o di origine meridionale che rientrano al paesello) non resta più nessuno e se c'è qualche straniero sicuramente non ritornerà l'anno successivo.

Nel sud Italia, capri compreso, il turista viene visto come un pollo da spennare e un limone da spremere.

Ci sono alcuni bar dalle mie parti che hanno due listini, uno per i locals e uno per i polli.

Provate ad andare in costa del sol a Marbella e poi in Sicilia (stessa situazione climatica)... Da una parte ti trattano come un dio, dall'altra una volta che riesci a fare slalom tra la spazzatura devi camminare spalle al muro perché ovunque ti giri trovi qualcuno pronto a mettertelo dietro.

Come si può fare turismo così?
 
Guarda i numeri e non le impressioni, guarda il PIL turismo mare in spagma. grecia ed italia

Ma che vuol dire. Avoja a parlare di PIL per un settore che vive di stagionali a nero sottopagati...

Adesso la risposta è fare del mezzogiorno la nuova Alicante?

La differenza non è negli obrobri di cemento (che come detto ti portano a sfidare l'Albania tra poco), ma sul pacchetto di servizi che non c'entra niente con quello italiano.

In Grecia (che fa praticamente solo quello), tolte poche località si spende poco o pochissimo, l'inglese è molto diffuso nel turistico, letteralmente ovunque trovi servizi al turista.
In Spagna spesso situazione simile (oltre al fatto che sarei curioso di vedere se mettono Barcellona dentro "mare") oltre al fatto che hanno definito anni fa dei modelli internazionali con ampio anticipo.


Il nostro meridione non ha bisogno di cemento, ha bisogno di modernità. Se non sei italiano non oso immaginare come sia fare cose normali da vacanza rispetto a località EU, alcuni esempi:
- discoteche, Rimini e Riccione erano tanta roba, col tempo calate. Il Salento aveva iniziato a soppiantarlo. Navette imbarazzanti, locali invivibili dalla quantità di gente che veniva stipata. Infatti son tutti italiani;
- servizi in spiaggia: o hai il lido o non hai NULLA, manco il bar. Al contrario Grecia e Spagna spesso hanno soluzioni ibride, che vedo molto apprezzate;
- indicazioni / fregature: "eh solo cash", prezziari differenziati, parcheggi "dubbi" (più volte ho trovato spiazzi "vietati" senza troppa chiarezza e il losco parcheggiatore che aveva l'unico parcheggio fruibile).
On top rifiuti sparsi, infrastrutture maltenute, incuria, case che paiono bombardate, incendi in allegria (2020 ero alla valle dei Templi e una collina vicina stava bruciando..), parcheggiatori abusivi, aggiungere a piacere.

Adesso che il mondo, Spagna in primis, ha capito che la chiave è la sostenibilità (che non è una baggianata green, è quell'insieme di pratiche che preservano il territorio e MIRA A INCREMENTARE LA MARGINALITA CHE PAGA IL TURISTA), mi sembrerebbe abbastanza stupido fare la corsa al cemento.

Il modello è lì da copiare: il Garda.
 
Ultima modifica:
Se in sud Italia togli il turismo di rientro (i meridionali o di origine meridionale che rientrano al paesello) non resta più nessuno e se c'è qualche straniero sicuramente non ritornerà l'anno successivo.

Nel sud Italia, capri compreso, il turista viene visto come un pollo da spennare e un limone da spremere.

Ci sono alcuni bar dalle mie parti che hanno due listini, uno per i locals e uno per i polli.

Provate ad andare in costa del sol a Marbella e poi in Sicilia (stessa situazione climatica)... Da una parte ti trattano come un dio, dall'altra una volta che riesci a fare slalom tra la spazzatura devi camminare spalle al muro perché ovunque ti giri trovi qualcuno pronto a mettertelo dietro.

Come si può fare turismo così?
Bhe io in sardegna qualche volta ci sono andato ma dopo la IV volta in 20 anni, la moglie mi ha chiaramente detto che - ok il mare unico - ma a magaluf in spagna il mare è 30 volte meglio di rimini, un 30 % meno bello che in sardegna, ma vi sono tutti i servizi: ristoranti dove puoi spendere 10 euro per cenale o 200, negozi da 10 euro a capo a 500, parrucchieri, dermatologi H24, in sardegna ho avuto necessità di un ortopedico a stintino e sono dovuto andare al alghero 1 ora di auto + aspettare all'ospedale civile 4 ore + aspettare all'ospedale ortopedico "al mare" 2 ore ed infine per avere una infiltraizone sono dovuto andare il gg seguente a sassari in provato 150 euro
mentre in spagna visita dermatologica su nipote per insolazione 60 euro in 10 minuti fatta la visita a pochi passi dall'hotel.
In sardegna senza auto sei un zombie che non cammina in spagna puoi evitare l'auto completamente.
1 settimana in sardegna suite 4 stelle suoperior melià con trattamento the level tot 2900 euro + 3 voli aerei 500 euro in sardegna li ho spesi solo per traghetto gasolio autostrada (consumo dell'auto) + una cena fuori e fare la spesa al supermercato, aggiungi percheggi, e girare tutti i gg come una trottola per trovare la spiaggia piu "bella" + lettini + ombrelloni, + sbattimento e 2 gg tra andare e tornare.... + affitto appartamento a 2 km dal mare circa per 1400 euro a settimana
lassa stà!!!! in grecia poi stendiazmo un velo pietoso hotel 5 stelle Luxury con piscina privata per ogni camera ho speso come in sardegna ma con auto a noleggio e hotel 5 stelle. e mangiando sempre in ristoranti di alto livello
insomma chi va in sardegna ci ritorna per il mare azzurro con non ha eguali, ma la carenza di servizi c'è ed è evidente.,
Idem in sicilia (anche se leggermente più avanti della sardegna).
io lo dico, togliamo ai fieri sardi e siculi lo statuto speciale, e vediamo se poi le regioni non liberalizzano il costruire sulle spiaggie e persino nei parchi naturali.
 
Se in sud Italia togli il turismo di rientro (i meridionali o di origine meridionale che rientrano al paesello) non resta più nessuno e se c'è qualche straniero sicuramente non ritornerà l'anno successivo.

Nel sud Italia, capri compreso, il turista viene visto come un pollo da spennare e un limone da spremere.

Ci sono alcuni bar dalle mie parti che hanno due listini, uno per i locals e uno per i polli.

Provate ad andare in costa del sol a Marbella e poi in Sicilia (stessa situazione climatica)... Da una parte ti trattano come un dio, dall'altra una volta che riesci a fare slalom tra la spazzatura devi camminare spalle al muro perché ovunque ti giri trovi qualcuno pronto a mettertelo dietro.

Come si può fare turismo così?

Finalmente qualcuno che lo dice. Personalmente trovo questo atteggiamento tipico del meridionale trasferito al nord insopportabile. Il turismo interno dovrebbe avere le stesse regole per tutti ma che ricchezza porta una famiglia che si trasferisce a casa di mamma, scrocca l'auto così non la deve affittare, si fa tenere i bambini dai nonni giusto per il gusto di dire "mi sono fatto tre mesi al mare perché sono di..."?
 
  • Like
Reazioni: aes
Finalmente qualcuno che lo dice. Personalmente trovo questo atteggiamento tipico del meridionale trasferito al nord insopportabile. Il turismo interno dovrebbe avere le stesse regole per tutti ma che ricchezza porta una famiglia che si trasferisce a casa di mamma, scrocca l'auto così non la deve affittare, si fa tenere i bambini dai nonni giusto per il gusto di dire "mi sono fatto tre mesi al mare perché sono di..."?
Premesso che da meridionale ormai trasferito da una decina d'anni concordo con quanto detto da Napoli1986, per quanto sia sgradevole da leggere, c'è questo lato oscuro e pure tanti artifizi per fregare il prossimo (vedi truffe sui noleggi in Sicilia) oltre che sempre più carente controllo del territorio.
Il tuo mi pare una sorta di razzismo al contrario. Dato che uno da casa sua e famiglia dovesse andarsene da giovane per assenza di occupazione, farebbe come il tuo "meridionale trasferito al nord" e potrebbe, per dire, essere un settentrionale trasferito oltremanica...
 
Finalmente qualcuno che lo dice. Personalmente trovo questo atteggiamento tipico del meridionale trasferito al nord insopportabile. Il turismo interno dovrebbe avere le stesse regole per tutti ma che ricchezza porta una famiglia che si trasferisce a casa di mamma, scrocca l'auto così non la deve affittare, si fa tenere i bambini dai nonni giusto per il gusto di dire "mi sono fatto tre mesi al mare perché sono di..."?
quindi che facciamo? li facciamo rimanere a respirare l aria salubre della pianura padana?
che discorsi sono, da questo punto di vista sono privilegiati...

fate un sacco di chiacchiere, uscita dal mondo del lavoro con 1KK, blablabla, chiacchiere e distintivo...
la volete sapere una cosa? è tutto una questione di testa...
se vi trasferite in un paese del sud sulla costa, state da aprile/maggio a settembre /ottobre con le p...le al sole, triplicate subito il vostro denaro, potete permettervi di acquistare case indipendenti a poco, mangiare bene, condurre una vita sana e rilassata, riscoprire il piacere di vivere in una comunità e non in posti alienanti, si perché in 6 mesi diventate gente del "posto", la barba ve la potete fare nel "salone", quando volete, senza aprire un fido bancario...ecc..
in inverno ve ne andate in montagna, a prendere il bello del settentrione, e per l'occasione vi fate un check-up, che magari adesso non avete neanche il tempo ed il pensiero di farlo (e sbagliate), tanto se vi prende un coccolone serio, siete fritti anche a Milano, cosa credete che al centro nord non si crepa per infarto? e magari aumentano le probabilità di essere investiti, o subire una nube radioattiva...
e poi se volete potete curarvi dove vi pare...se occorresse andare in svizzera per motivi di salute, che fate non andate, pur abitando a Milano ?
e i figli? se per i figli prospettate carriere di un certo livello devono studiare all estero, quindi il problema non si pone, sempre fuori sede saranno...
se invece optate per un università italiana, si può dire quasi che una vale l'altro, perché a quel punto prima ti laurei meglio è...
volere è potere, è solo una questione di testa e di abitudini dure da cambiare...
 
Premesso che da meridionale ormai trasferito da una decina d'anni concordo con quanto detto da Napoli1986, per quanto sia sgradevole da leggere, c'è questo lato oscuro e pure tanti artifizi per fregare il prossimo (vedi truffe sui noleggi in Sicilia) oltre che sempre più carente controllo del territorio.
Il tuo mi pare una sorta di razzismo al contrario. Dato che uno da casa sua e famiglia dovesse andarsene da giovane per assenza di occupazione, farebbe come il tuo "meridionale trasferito al nord" e potrebbe, per dire, essere un settentrionale trasferito oltremanica...

Scusa ma qui il razzismo non c'entra, è un pregiudizio sì, ma non tutti i pregiudizi sono necessariamente basati sulla razza (concetto che tra parentesi non esiste neanche).

È una abitudine culturale che ho verificato di più nel sud Italia, io penso che se un adulto esce di casa, non lo fa per rientrare a 40 anni perché non vuole pagare la casa al mare. Se volessimo promuovere il turismo interno, una persona con la residenza al nord andrebbe al sud in vacanza e pagherebbe la stessa cifra sia se i suoi parenti hanno la casa sia che no. Parafrasando, quando vado a trovare parenti al nord non dormo a casa loro, mi prendo un B&B.

E invece guarda caso quello che fanno molte persone che ho conosciute è farsi le vacanze in meridione, e non pagare un centesimo di tasca loro, approfittando di ogni sotterfugio per pagare il meno possibile. Ad esempio noleggiare le auto in Sicilia costa uno sfacelo a causa delle truffe alle assicurazioni, ma quelli che ho conosciuto io in estate non andavano a noleggiare, la chiedevano in prestito e problema risolto.

Col risultato che a oggi il sud Italia costa troppo per chiunque non abbia i suoi agganci, e io me ne vado in Grecia o in Spagna che costa molto meno e mi trattano meglio. Ed è un peccato perché è pieno di posti che vorrei visitare, ma non me ii posso permettere perché neanche gli eredi dei meridionali vogliono portare ricchezza al sud. Questo perché è una macchina spremi turista americano o tedesco, e io in a questo giochino malato non ci voglio partecipare.
 
Hai mai pensato che tutti quei meridionali se avessero possibilità economica si farebbero una vacanza "ordinaria"? Perché a me pare che ti dimentichi che buona parte di loro è partita da un contesto svantaggiato... Per arrivare in altri contesti senza appoggi familiari né santi in paradiso rispetto chi in quei contesti meno disagiati c'ha la famiglia da generazioni. E te lo dico, dubito che buona parte di loro si senta "turista" nella sua terra di origine. E comunque quella del sud che tu riporti è una questione di mentalità, non c'entra col discorso vacanze... E' un sistema di welfare informale il mutuo aiuto.
Sul discorso prezzi non mi esprimo perché non torno in Sicilia da ormai due anni, i prezzi comunque sono alti ovunque e una persona con uno stipendio medio ormai non puo' permettersi una vacanza decente senza intaccare risparmi.
 
Hai mai pensato che tutti quei meridionali se avessero possibilità economica si farebbero una vacanza "ordinaria"? Perché a me pare che ti dimentichi che buona parte di loro è partita da un contesto svantaggiato... Per arrivare in altri contesti senza appoggi familiari né santi in paradiso rispetto chi in quei contesti meno disagiati c'ha la famiglia da generazioni. E te lo dico, dubito che buona parte di loro si senta "turista" nella sua terra di origine. E comunque quella del sud che tu riporti è una questione di mentalità, non c'entra col discorso vacanze... E' un sistema di welfare informale il mutuo aiuto.
Sul discorso prezzi non mi esprimo perché non torno in Sicilia da ormai due anni, i prezzi comunque sono alti ovunque e una persona con uno stipendio medio ormai non puo' permettersi una vacanza decente senza intaccare risparmi.

Scusa eh ma se io non mi posso permettere la vacanza non la faccio. Non la faccio a scrocco dai miei genitori. Però siamo d’accordo, se i meridionali pagassero le stesse cifre che pago io per scendere andrebbero a trovare i parenti molto meno e tutti sarebbero molto tristi, me ne rendo conto.

Come ha detto qualcuno, è un privilegio, come avere la casa e ereditata a Milano comprata negli anni ‘50. Solo che a me hanno insegnato a non vantarmi dei privilegi, il meridionale trasferito su te lo sbatte in faccia senza rendersi conto di cosa sta succedendo.
 
Scusa eh ma se io non mi posso permettere la vacanza non la faccio. Non la faccio a scrocco dai miei genitori. Però siamo d’accordo, se i meridionali pagassero le stesse cifre che pago io per scendere andrebbero a trovare i parenti molto meno e tutti sarebbero molto tristi, me ne rendo conto.

Come ha detto qualcuno, è un privilegio, come avere la casa e ereditata a Milano comprata negli anni ‘50. Solo che a me hanno insegnato a non vantarmi dei privilegi, il meridionale trasferito su te lo sbatte in faccia senza rendersi conto di cosa sta succedendo.
Quindi secondo te io che ho i miei a Capri devo andare a spendere 2000 euro per una settimana a farmi fregare da qualche parte quando posso stare 2 mesi al mare con barca praticamente gratis?
 
Questa di “fare la vacanza a scrocco dei propri genitori” mi sembra veramente grossa..😂

Allora forse quando ho ospitato mio padre che stava male mi ha scroccato qualcosa? :o
 
Questa di “fare la vacanza a scrocco dei propri genitori” mi sembra veramente grossa..😂

Allora forse quando ho ospitato mio padre che stava male mi ha scroccato qualcosa? :o
Che poi io quando sto dai miei cucino, faccio le faccende domestiche, e quando voglio cenare qualcosa di particolare faccio la spesa.

Secondo te dovrei pagare l'alloggio?
 
Scusa ma qui il razzismo non c'entra, è un pregiudizio sì, ma non tutti i pregiudizi sono necessariamente basati sulla razza (concetto che tra parentesi non esiste neanche).

È una abitudine culturale che ho verificato di più nel sud Italia, io penso che se un adulto esce di casa, non lo fa per rientrare a 40 anni perché non vuole pagare la casa al mare. Se volessimo promuovere il turismo interno, una persona con la residenza al nord andrebbe al sud in vacanza e pagherebbe la stessa cifra sia se i suoi parenti hanno la casa sia che no. Parafrasando, quando vado a trovare parenti al nord non dormo a casa loro, mi prendo un B&B.

E invece guarda caso quello che fanno molte persone che ho conosciute è farsi le vacanze in meridione, e non pagare un centesimo di tasca loro, approfittando di ogni sotterfugio per pagare il meno possibile. Ad esempio noleggiare le auto in Sicilia costa uno sfacelo a causa delle truffe alle assicurazioni, ma quelli che ho conosciuto io in estate non andavano a noleggiare, la chiedevano in prestito e problema risolto.

Col risultato che a oggi il sud Italia costa troppo per chiunque non abbia i suoi agganci, e io me ne vado in Grecia o in Spagna che costa molto meno e mi trattano meglio. Ed è un peccato perché è pieno di posti che vorrei visitare, ma non me ii posso permettere perché neanche gli eredi dei meridionali vogliono portare ricchezza al sud. Questo perché è una macchina spremi turista americano o tedesco, e io in a questo giochino malato non ci voglio partecipare.

Turismo,gli stranieri preferiscono il Nord, al Sud i turisti sono quasi tutti italiani - AgenziaCult

Alcuni territori italiani sono meta di una clientela prevalentemente straniera, tra questi la Provincia autonoma di Bolzano (68,3%), il Veneto (68,1%), il Lazio (62,2%) e la Lombardia (60,9%). Alcune regioni del Centro e del Sud, invece, hanno un bacino di attrazione quasi esclusivamente nazionale: è il caso di Molise (90,3% di presenze di clienti residenti sul totale regionale), Basilicata (89,5%), Abruzzo (86,0%), Marche (82,0%), Puglia (78,5%) e Calabria (77,5%).

Tutto giusto.

Il problema di questa politica dei meridionali di ritorno è che morti mamma e papà. Fra una generazione mi domando chi ci andrà al sud, alla fine mancano tutte le infrastrutture, servizi ecc. Poi fra 20 anni piangono...

Il turista internazionale vuole servizi ed infrastrutture senza prendersi fregature.

Forse giù al sud è ora che capiscano che in Costa Azzurra ti fai 13 giorni x 2 persone con €1.950 o 7 giorni a €1.050 il tutto circondato da servizi di primissimo ordine e spiagge libere diffuse e frequentate da gente nomale e non da animali di ogni specie.

Edit: Comunque è normale che le persone vadano dove hanno abitazioni private, chi ha la casa a Santa Margherita Ligure va lì, chi a Panarea va a Panarea chi c'è l'ha a Bari va a Bari. Poi che molti torinino giù dai genitori per tutte le ferie solo per risparmiare e non spendere assolutamente, hai ragione.
 

Allegati

  • Schermata 2023-08-04 alle 03.05.53.png
    Schermata 2023-08-04 alle 03.05.53.png
    111 KB · Visite: 12
  • Schermata 2023-08-04 alle 03.07.28.png
    Schermata 2023-08-04 alle 03.07.28.png
    102,5 KB · Visite: 11
Ultima modifica:
Indietro