censis: è finita l'epoca della casa per tutti

reganam

Utente Registrato
Registrato
19/11/09
Messaggi
25.621
Punti reazioni
1.460
censis: è finita l'epoca della casa per tutti

Venerdì, 28 dicembre, 2012 - 08:22
censis: è finita l'epoca della casa per tutti — idealista.it/news/
il censis ha elaborato il proprio tradizionale rapporto di fine anno, in cui fa il punto della situazione economica e sociale del paese. anche il mercato immobiliare fa parte dei temi di rilievo. al riguardo il centro di ricerche emette delle previsioni assai negative per il futuro: è finita l'epoca della casa per tutti

secondo il censis, infatti, a comprare casa saranno d'ora in poi fondamentalmente due categorie:

1. le famiglie che hanno già degli immobili da usare come punto di partenza

2. le famiglie con due redditi solidi

in alcuni casi, come a roma o milano, serve inoltre la combinazione di entrambi i fattori

nel rapporto del censis si evince la fotografia di un'italia impoverita, in cui le famiglie fanno ormai i conti con la nuova situazione. tra i "sintomi" più eclatanti, c'è il sorpasso delle biciclette vendute sulle auto (oltre 3 milioni) o la diffusione degli orti urbani

in questo quadro la casa non poteva certo restare immune dagli obiettivi e dalle possibilità reali di spesa. in calo infatti gli investimenti nel mondo delle costruzioni con un netto -25% rispetto al 2011 e con sole 907 mila famiglie che hanno palesato la volontà di acquistare casa contro 1 milione e 400 mila di circa 10 anni fa. tra l’altro quelle che effettivamente concretizzano questo desiderio sono soltanto il 53,5% del totale
 
parere

Come ho già scritto........:
Effe di giugno, pag.81, Ezio Bruna, docente di Finanza immobiliare al Politecnico di Torino: i minimi di mercato in Italia si vedranno tra il 2017 ed il 2020......
Qual è la vera occasione oggi? Risposta: comprare oggi al 50% del prezzo del 2007 ....
 
Come ho già scritto........:
Effe di giugno, pag.81, Ezio Bruna, docente di Finanza immobiliare al Politecnico di Torino: i minimi di mercato in Italia si vedranno tra il 2017 ed il 2020......
Qual è la vera occasione oggi? Risposta: comprare oggi al 50% del prezzo del 2007 ....
Qual'è la vera occasione oggi? Riuscire a comprare una casa di qualità, anche ai prezzi del 2007, perché ormai si usano solo materiali scadenti e si tira al risparmio. I materiali costano sempre di più, la manodopera meno ma è anche sempre meno qualificata, la burocrazia costringe a fare cose improponibili ed ha costi enormi.
E' finita l'epoca della casa per tutti, ed è anche finita l'epoca della casa che dura 20-30 anni senza bisogno quasi di manutenzione. In giro c'è tanto invenduto, ma il 90%, forse più, è veramente robaccia.
 
Qual'è la vera occasione oggi? Riuscire a comprare una casa di qualità, anche ai prezzi del 2007,.

oppure comprare una casa di ottima qualità e fattura ad un prezzo inferiore al costo di costruzione, ad esempio tramite aste, stralci o direttamente da un proprietario in difficoltà economiche disposto a svendere
 
ed è anche finita l'epoca della casa che dura 20-30 anni senza bisogno quasi di manutenzione.
Bollo verde OK!

E' un dato di fatto che si dovrà tenere sempre più in considerazione nella scelta tra acquisto ed affitto. La nostra edilizia ai bei tempi era già quello che ora, pensiamo lo schifo che può essere adesso...
 
Come ho già scritto........:
Effe di giugno, pag.81, Ezio Bruna, docente di Finanza immobiliare al Politecnico di Torino: i minimi di mercato in Italia si vedranno tra il 2017 ed il 2020......
Qual è la vera occasione oggi? Risposta: comprare oggi al 50% del prezzo del 2007 ....


Non sarà che questo prof. Bruna coorrisponde all'utente del FOL Danda?

Hanno dato le stesse previsioni sia in timing che in valore! :o

http://www.finanzaonline.com/forum/...-il-45-55-piu-bassi-di-quelli-del-2010-a.html
 
:rolleyes: in incognito ?
siamo quasi in terra di nessuno, nel grande stanno facendo esperimenti monetari estremamente pericolosi e dagli esiti incerti, nel piccolo stanno indebolendo il potere di acquisto ed erodendo il risparmio in un periodo di contrazione del credito sia nella domanda sia in termini di volumi delle effettive erogazioni. Io non azzardo più previsioni di lungo periodo
 
Indietro