Che facciamo ? .... Colletta o lo ospitiamo a rotazione

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

Seisul

Utente Registrato
Registrato
27/12/08
Messaggi
8.551
Punti reazioni
229
Re Mida Berlusconi diventerà povero? Il Cavaliere intravede la bancarotta

Tre milioni di euro al mese di alimenti a Veronica Lario. Ben 560 milioni di euro a rischio esborso per risarcire Carlo De Benedetti, se la Cassazione tra poche settimane confermerà la sentenza. Le cene eleganti e le altre spesucce correnti che costano quello che costano. Cinque figli da munire di una buona eredità per il futuro. E due aziende in difficoltà, Mondadori e Mediaset, come tutte nel settore editoriale e in particolare quelle che non hanno investito abbastanza su Internet: l’inverno di Silvio Berlusconi potrebbe essere molto peggiore di quel che da solo il quadro politico, certo non più a lui favorevole come diciotto anni fa, lascia presagire. Potrebbe segnare un’inversione di tendenza nella sua favolosa ricchezza. Non affiancata da una simmetrica frenata delle sue spese galoppanti: due milioni di euro all’anno, ad esempio, solo per la manutenzione della villa di Macherio, dove continuerà a vivere usque ad mortem la ex moglie.

P.s Vada come vada io mi sono gia' innamorato della Veronica :p

Per il resto pur contando dei miliori avvocati la mazzata e' grossa....se ne aveva preso uno d'ufficio sarebbe gia' a Guantanamo :D:D
 
Ultima modifica:
Indietro