Chissà chi era nella vita passata Il Grigio Arlecchino...

Julius67

methos
Registrato
24/9/07
Messaggi
37.680
Punti reazioni
1.792
Per me Russianbear anche se lui ha negato...:D
 

Zuger

Nuovo Utente
Registrato
26/10/09
Messaggi
24.907
Punti reazioni
741
Ciao Julius, tu scherzi ma guarda che quella categoria sociale in Italia e' molto piu' estesa di quanto si pensi. E se poi alla fine avessere ragione loro e ci fregassero tutti? Quando vado in Italia una delle cose che mi colpisce di piu' visto ü vedere una certa quantita' di gente nei bar in momenti impensabili. Bar di periferia pieni di gente in un pomeriggio di meta' settimana, centri commerciali idem. In altri paesi c'ü meno gente in giro in quelle ore del giorno, perchü lavorano. Il famoso record del tasso di inoccupati lo si vede anche da queste piccole cose. Pero' io li osservo e vedo gente in fin dei conti felice con il suo status. Sono persone che vivono con qualche forma di sussidio statale, che non hanno mai lo stress del rincorrere il business / il salario / il bonus. Che vivono tra il divano, la tv e il bar di quartiere dove si trovano quasi tutti i giorni a giocare e perdere tempo coi loro simili. Mentre il resto del mondo vive nell'eterna spirale sacrifici-fatica-soddisfazione-successo, presi dall'altalena quotidiana di scoramenti e preoccupazioni sul lavoro, questi no. Mai. Loro sono felici cosi', con una piccola spesa al supermarket, mangiare sul divano guardando il calcio e il GF, stare al PC, etc. Non hanno una macchina, non andranno in vacanza (se non in giornata e vicino) , ma magari hanno l'appartamento lasciato dal nonno e il sussidio. E se avessero ragione loro? :D
 

Gigirock1

Mercoledì Addams
Registrato
27/5/05
Messaggi
59.192
Punti reazioni
1.756
Ciao Julius, tu scherzi ma guarda che quella categoria sociale in Italia e' molto piu' estesa di quanto si pensi. E se poi alla fine avessere ragione loro e ci fregassero tutti? Quando vado in Italia una delle cose che mi colpisce di piu' visto ü vedere una certa quantita' di gente nei bar in momenti impensabili. Bar di periferia pieni di gente in un pomeriggio di meta' settimana, centri commerciali idem. In altri paesi c'ü meno gente in giro in quelle ore del giorno, perchü lavorano. Il famoso record del tasso di inoccupati lo si vede anche da queste piccole cose. Pero' io li osservo e vedo gente in fin dei conti felice con il suo status. Sono persone che vivono con qualche forma di sussidio statale, che non hanno mai lo stress del rincorrere il business / il salario / il bonus. Che vivono tra il divano, la tv e il bar di quartiere dove si trovano quasi tutti i giorni a giocare e perdere tempo coi loro simili. Mentre il resto del mondo vive nell'eterna spirale sacrifici-fatica-soddisfazione-successo, presi dall'altalena quotidiana di scoramenti e preoccupazioni sul lavoro, questi no. Mai. Loro sono felici cosi', con una piccola spesa al supermarket, mangiare sul divano guardando il calcio e il GF, stare al PC, etc. Non hanno una macchina, non andranno in vacanza (se non in giornata e vicino) , ma magari hanno l'appartamento lasciato dal nonno e il sussidio. E se avessero ragione loro? :D

anni fa (20) andai ospite da un amico in brasile , vicino a natal dove lui aveva appena acquistato un resort, chi gli teneva la barca utilizzate per portare gli ospiti era un italiano di roma, sua moglie era brasiliana e faceva la parrucchiera in loco, si erano conosciuti a roma anni prima, dove lei aveva avuto un negozio sempre di parrucchiera, da li erano "scappati" per una serie di ragioni che portavano sostanzialmente al ragionamento bisogna correre come degli asini tutti i gg per arrivare a sera e andare a letto per poi ricominciare uguale il mattino dopo, in brasile, il paese si chiama pipa, invece lui portava in giro esclusivamente gli ospiti del resort 2/3 volte a settimana e lei faceva la parrucchera al martedi, tutti gli altri gg erano in spiaggia a cazzaggiare e a ridere insieme ad altri come loro, alla nostra domanda ma come fate a vivere? qui basta poco una maglietta un paio di infradito e dei mini short, quello che serve per mangiare e le per piccole altre spese lo guadagnamo x il resto viviamo alla giornata, non abbiamo auto, non dobbiamo spostarci, qui non si pagano tasse di nessun tipo, mi sono spesso chiesto se i fessi non fossimo noi.......
 

Triplet

I love Greyhound
Registrato
23/5/10
Messaggi
38.044
Punti reazioni
1.092
Ciao Julius, tu scherzi ma guarda che quella categoria sociale in Italia e' molto piu' estesa di quanto si pensi. E se poi alla fine avessere ragione loro e ci fregassero tutti? Quando vado in Italia una delle cose che mi colpisce di piu' visto ü vedere una certa quantita' di gente nei bar in momenti impensabili. Bar di periferia pieni di gente in un pomeriggio di meta' settimana, centri commerciali idem. In altri paesi c'ü meno gente in giro in quelle ore del giorno, perchü lavorano. Il famoso record del tasso di inoccupati lo si vede anche da queste piccole cose. Pero' io li osservo e vedo gente in fin dei conti felice con il suo status. Sono persone che vivono con qualche forma di sussidio statale, che non hanno mai lo stress del rincorrere il business / il salario / il bonus. Che vivono tra il divano, la tv e il bar di quartiere dove si trovano quasi tutti i giorni a giocare e perdere tempo coi loro simili. Mentre il resto del mondo vive nell'eterna spirale sacrifici-fatica-soddisfazione-successo, presi dall'altalena quotidiana di scoramenti e preoccupazioni sul lavoro, questi no. Mai. Loro sono felici cosi', con una piccola spesa al supermarket, mangiare sul divano guardando il calcio e il GF, stare al PC, etc. Non hanno una macchina, non andranno in vacanza (se non in giornata e vicino) , ma magari hanno l'appartamento lasciato dal nonno e il sussidio. E se avessero ragione loro? :D



aggiungerei fallimenti, tanti fallimenti....

potrebbero avere ragione loro, sopratutto in questi momenti di pandemia...