Chiusura di ufficio di un c/c

mac

Nuovo Utente
Registrato
9/1/01
Messaggi
3.805
Punti reazioni
330
Naturalmente una banca può rescindere unilateralmente un contratto di c/c (ci mancherebbe).

Avrà le sue buone ragioni (nel caso che stò esaminando queste sono delle condizioni di conto assolutamente fuori mercato).

Quello che mi aspetto è che debba seguire una "procedura" e che debba addurre delle motivazioni (che non possono essere quelle sopra postate).

Chi mi dice qualcosa?
 
Nessuno ne sa niente?

:rolleyes:
 
I contratti prevedono la facoltà di estinzione per ambo le parti.

La banca non deve necessariamente giustificare l'estinzione, anche se è buona regola farlo.

Anche solamente dire "Le condizioni precedenti sono per noi insostenibili" sarebbe meglio di un silenzio: è cio che ha fatto B Intesa, ad esempio, nell'eliminare i conti a costo zero.
 
Scritto da Voltaire
I contratti prevedono la facoltà di estinzione per ambo le parti.

La banca non deve necessariamente giustificare l'estinzione, anche se è buona regola farlo.

Anche solamente dire "Le condizioni precedenti sono per noi insostenibili" sarebbe meglio di un silenzio: è cio che ha fatto B Intesa, ad esempio, nell'eliminare i conti a costo zero.


Si Volt, va bene...
ma se le condizioni sono diventate insostenibili... semplicemente si cambiano le condizioni non si chiude il conto d'ufficio.

Ci deve essere qualcos'altro.

Comunque ci saranno pure delle procedure da seguire per rescindere unilateralmente dal contratto, che sò un preavviso o qualcosa d'altro (su quel conto potrebbero esserci bollette domiciliate o stipendi accreditati)... o no!?!
 
Infatti, l'estinzione comporta la perdita del cliente.

Non è che quel conto era molto poco movimentato?

(Non è che hai talmente rotto che ti mandano via?:D)
 
Ultima modifica:
Scritto da Voltaire

...
(Non è che hai talmente rotto che ti mandano via?:D)


Infatti :p

E devono ancora vedere il seguito... :D :cool: :D ;)
 
Indietro