Cindia: una nuova fase dell'umanità?

Freedom

Carità e umiltà
Registrato
7/3/00
Messaggi
9.066
Punti reazioni
486
Cina e India.............sorry for the neologismo....:D

Al di là del fatto che Cindia si è affermata come nuova, primaria potenza mondiale da un punto di vista economico (by by Usa.......) cosa ne pensate delle conseguenze politiche, sociali, religiose che questa "rivoluzione" sta innescando?
 
delle religiose non mi preoccuperei, Cina e India sono portatrici
di valori religiosi assolutamente non fanatici...
Politica. Beh la Cina qualche grattacapo potrebbe darlo...
c'è sempre il problema Taiwan....e l'appoggio che dà
a Paesi non democratici per ottenere in cambio materie prime..
(oddio questo lo fanno anche altri...)
Sociale. Beh qui hai voglia........non c'è lavoratore sul pianeta
che non abbia da temere.....se non la perdita del posto di lavoro
quantomeno salario ridotto...
 
Senza contare il recente discorso di Putin che vuole riportare la russia alla sua antica potenza bellica....
Se si tira dietro la Cina (l'India è più difficile, almeno politicamente) daranno da pensare.

Certo è che Cina e India sono realtà che si ipongono non fosse altro per la massa di persone che colà vivono. La storia ci dirà cosa accaddrà...
 
Beh l'india è molto vicina alla Russia, politicamente parlando. Sempre stato. Infatti i miei investimenti sono stati proprio indirizzati verso quei due Paesi dove ho acquisito partecipazioni dirette in piccole società nel mio settore che stanno andando entrambe molto bene e danno soddisfazioni. Peccato che manchi il tempo per andare a trovarli...
 
Riguardo alla cina bisognerebbe domandarsi cosa succederà quando l'esercito di schiavi sottopagati che lavorano attualmente chiederanno condizioni di vita più decenti.
Non potranno ripetere una seconda volta il fuoco a volontà come fecero in piazza tien an men se queste fossero un centinaio.

Per l'india questo problema invece non lo vedo perchè hanno una cultura democratica di discreto livello, grazie al colonialismo inglese che quella l'ha lasciata quasi ovunque ha avuto possedimenti, e da quel che ho visto l'ultima volta (2001) ha una middle class in crescita continua e parecchio soddisfatta.

In ogni caso più si evolveranno e più avranno problemi simili a quelli occidentali, quando la gente sta bene inizia a lavorare meno e consumare/indebitarsi di più per divertirsi con tutti gli annessi e connessi.

Chissà se saranno gli africani i futuri schiavi del pianeta che faranno quel che cinesi e indiani non vorranno più fare ?

:yes: :no: :confused: :)
 
La mia opinione è che la questione è assai complessa e contraddittoria: Cindia è il nuovo leader economico mondiale. Questo è, oramai, sotto gli occhi di tutti. Tuttavia sappiamo bene che, il comando, si esercita essendo i più forti non solo economicamente ma, anche, militarmente. Ed in questo campo gli Usa sono ancora leader planetari. La leadership mondiale sarà dunque, a mio modesto avviso, Usa/Cindia. Complicata dal fatto che Russia vuol nuovamente emergere, Europa non ci sta più a fare la contrifigura, e Paesi arabi è da un bel pezzo che premono. Insomma un bel caos................

Da un punto di vista sociale non riesco davvero a immaginare le conseguenze............e se l'immigrazione mondiale si spostasse verso di loro? E se le masse sfruttate facessero la rivoluzione? E se viceversa le masse, obnubilate da questo tanto terribile quanto inutile consumismo, continuassero, anzi peggiorassero progressivamente?

L'unica cosa certa è che un'arricchimento culturale e religioso, prima o poi, dovrà riguardare un pò tutti.

A me piacerebbe tanto che si cominciasse a studiare un fenomeno così imponente, rapido e dirompente in modo equilibrato ed approfondito. Ma l'intelllighenzia mondiale si occupa esclusivamente di armi e denaro. Dazi, copyright.........non si riesce a discutere d'altro.

Indubbiamente questo è un ennesimo segnale di quanto la vecchia Europa e anche gli Usa stiano attraversando una profonda crisi. In primo luogo di mancanza di prospettiva ideale (insomma manca la visione del futuro!), in secondo luogo di deficienza morale, religiosa, culturale e sociale.

Speriamo di svegliarci caspita!!!
 
Ciao Freedom,

non credo che l'intellighenzia mondiale si occupi solo di armi e denaro. il problema è che il fenomeno Cindia, come lo definisci tu, non è un fenomeno, bensi' due fenomeni concomitanti. quindi fare del sincretismo tra i due è un po' una forzatura. Cosa hanno in comune a parte il fatto della crescita economica? Non molto.. potrai dire il costo del lavoro, ma non è poi mica cosi' vero tenendo conto che gli stipendi pagati in india non sono niente male. Ho rifiutato di recente lavori a Bangalore che pagavano quanto guadagno qui' in Europa... Certo dipende dai settori: uno principalmente manifatturiero l'altro piu' IT. Ma a parità di settore i costi del personale sono diversi, molto diversi.

Credo che i due fenomeni vadano vagliati separatamente perchè, come hai detto da qualche parte, sono sostanzialmente diversi come Paesi, ed anche se appartengono allo stesso continente hanno ben poco in comune.

Ciao ;)
 
luigir ha scritto:
Credo che i due fenomeni vadano vagliati separatamente perchè, come hai detto da qualche parte, sono sostanzialmente diversi come Paesi, ed anche se appartengono allo stesso continente hanno ben poco in comune.

Ciao ;)

Certamente non condividono la religione, la storia, la razza, la nazionalità e tante altre cose.

Ma in un mondo (perdona la vena pessimistica) in cui solo le armi e il denaro sono assurti a valori guida mi viene spontaneo pensare che da lì tutto nasca e...........muoia. Oddio è sempre stato un pò così.....ma non in modo così sfacciato e prepotente. Se sei ricco e armato comandi. E all'uomo d'oggi solo questo interessa.

E dunque il Dio Denaro riunisce tutti! E' lui la nuova religione del terzo millennio. Non c'è più sentimento di storia condivisa: c'è solo il soldo!

Lo dico con serenità e ironia: i vincenti di questo mondo non li invidio. Assolutamente no. Dite quello che vi pare ma i perdenti, gli sconfitti sono i miei fratelli. E sono quelli che, in un modo o nell'altro, pur perdendo tutte le battaglie, VINCERANNO LA GUERRA!
 
ah su quello sono d'accorod. in fondo è stao il Dio Denaro ad accomunare gli esseri umani una volta che è stato decretato che gli ideali non sono piu' perseguibili. lo vedi tutti i giorni, anche nei forum, che la gente ormai si divide tra ricchi e poveri e coloro che guadagnano poco automaticamente sono dei parassiti ed automaticamente non lavorano, mentre chi guadagna di piu' è indubbiamente il piu' bravo, il migliore... tutti a seguire il sogno della ricchezza... Anche indebita.

La caduta degli ideali ha portato l'uomo a misurarsi con se stesso e gli altri attraverso i soldi.

contenti loro...
 
La Cina sta diventando un modello per i paesi del terzo mondo autoritari , l'India per quelli democratici .Stanno diventando più attraenti loro dell'occidente che per motivi a volte poco spiegabili razionalmente provocano spesso un senso di rigetto in molte popolazioni con culture autoctone ; in quanto danno l'impressione di prendere una via verso il progresso senza rinnegare completamente le tradizioni .Dato che la popolazione mondiale sta quasi tutta in asia e nel restante terzo mondo , alla fine la massa conta , e anche in democrazia il numero non è poca roba .
Intanto hanno imposto la loro presenza nel mercato delle materie prime e di questo ne risentiamo anche noi, probabilmente ancora di più in futuro , dato che ci sono altri 3 miliardi di prossimi consumatori in attesa .Hanno situazioni finanziarie molto critiche , ma un loro crack sarà solo temporaneo , come quello del '98 delle tigri asiatiche , perchè ormai è un fenomeno con troppa massa ed energia.
 
luigir ha scritto:
ah su quello sono d'accorod. in fondo è stao il Dio Denaro ad accomunare gli esseri umani una volta che è stato decretato che gli ideali non sono piu' perseguibili. lo vedi tutti i giorni, anche nei forum, che la gente ormai si divide tra ricchi e poveri e coloro che guadagnano poco automaticamente sono dei parassiti ed automaticamente non lavorano, mentre chi guadagna di piu' è indubbiamente il piu' bravo, il migliore... tutti a seguire il sogno della ricchezza... Anche indebita.

La caduta degli ideali ha portato l'uomo a misurarsi con se stesso e gli altri attraverso i soldi.

contenti loro...


C'è ancora una sparuta minoranza che crede ancora nei valori e si sforza di seguirli, anche se per farlo deve un pò "isolarsi" e nuotare come un salmone controcorrente. Certo questa minoranza finirà con l'estingeursi, o forse resterà sempre una piccola sparuta minoranza.
Il dramma è che si segue solo il dio mammona, si finirà presto o tardi, ai ferri corti. Nessuno in un negoziato qualsiasi sarà disposto a fare un passo indietro.

E dire che a Cicerone, che scriveva "Virtute duce, comite fortuna" (Ti guidi la virtù , abbi come amica la fortuna), ormai contrapponiamo Woody Allen :
"al mondo ci sono buoni e cattivi : i buoni dormono meglio, ma i cattivi da svegli si divertono di più".....

Mala tempora currunt ? Naaaa sono ragazzi
 
quote..Intanto hanno imposto la loro presenza nel mercato delle materie prime e di questo ne risentiamo anche noi, ..unquote
.
sarà anche vero...ma tu hai mai visto un'inflazione così bassa per
un periodo così lungo?
Voglio dire, non guardiamo solo un aspetto del problema...
le materie prime sono cresciute ma i prezzi dei beni poco poco...
quelli che sono cresciuti mooolto sono i prezzi degli asset
(soprattutto immobili..)
 
l'inflazione è calcolata con distorsioni intenzionali.
Poi continuano a rifilarci quella core , che è una cosa ridicola.
Negli Usa l'inflazione è al 4% , per ora , perchè con l'importazione di beni a basso costo dall'asia riescono a compensare le spinte inflattive.
Ma se oggi compri beni che valgono 100 invece che 200 come prima , fra un pò se compri ancora a 100 ,come prima ,l'effetto deflattivo non ci sarà più.
Un pò come se la benzina va a 1,4 e ci rimane :dopo un pò ti dicono che l'inflazione s'è fermata .La stessa cosa con le merci asiatiche al contrario.
 
Se si parte sempre con i segreti, i poteri occulti ed i dati tarocati, allora non parliamo piu' di economia ma di fiction, a questo punto senza prove alla mano diventa tutto una chiacchiera da Bar ed io a questo putno posso anche dire che Marilyn è viva...
 
ora ho da fare , ma più tardi , se ci riesco , trovo l'articolo di gente quotata che mostra che i dati vengono taroccati da 10/15 anni , negli Usa
 
manx ha scritto:
ora ho da fare , ma più tardi , se ci riesco , trovo l'articolo di gente quotata che mostra che i dati vengono taroccati da 10/15 anni , negli Usa

OK!
 
Ultima modifica:
manx ha scritto:
non vorrei fare una figuraccia , ma dato che devo chiedere l'articolo a chi me lo aveva passato e non ho l'abbonamento devo aspettare che me lo rimandi .Comunque il sito è questo
http://www.gillespieresearch.com/cgi-bin/bgn/
e si vede un grafico di come sarebbe l'inflazione se calcolata come nell'era pre-Clinton

Manx, non ti preoccupare. mica è una questione di vita o di morte....

I metodi di calcolo dell'inflazione vengono aggiornati molto spesso soprattutto per tenere conto dei variati stili di vita. inoltre si passa ad adeguarli, armonizzarli per renderli il piu' simile a quello degli altri Paesi.

Non c'è nulla di criminale. Infatti se si pone ad un trader la domanda: Qual'è il dato macroeconomico piu' importante? Avai risposte diverse a seconda del periodo che si attraversa.

Solo per fare un esempio riguardo agli USA, una volta la media aritmetica dei prezzi formava il dato sull'inflazione. Parliamo degli USA. Con Greenspan, non ricordo l'anno, ci fu un cambiamento si passo' alla media geometrica che tiene conto del peso delle merci che crescono riducendone appunto il peso. A questo viene poi applicato la regressione edonistica... per tenere sotto controllo le variazioni di prezzo dovute ad una migliore qualità del prodotto...

Insomma l'economia si evolve e cambia di continuo ed i dati importanti ora non lo sono tra un anno. Ricordo che quando ero un trader c'era un collega che lo chiamavamo M1 perchè guardava ancora l'M1 sul DEM quando nessun altro se lo filava...
 
Indietro