Class Action USA - PARMALAT

pietro66

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
3/12/03
Messaggi
562
Punti reazioni
38
Sveliamo un "segreto di Pulcinella", almeno per chi già mi conosce .... il legale che segue la class action dello Studio Milberg Weiss sono io ... Pietro Adami.
Ciò fatto, sono a disposizione per ogni chiarimento, anche sulle alternative, nell'ottica di dare a tutti un'informazione il più possibile completa, trasparente, imparziale e - nei limiti di tempo disponibile - tempestiva, come già ebbi a fare per la questione Argentina.
Se volete ... sono qui.
 
...

Rabin, Murray & Frank LLP Commences Class Action Against Parmalat Finanziaria S.P.A. and Others Alleging Violations of Federal Securities Law
NEW YORK, Jan. 16, 2004 (PRIMEZONE) -- A class action complaint has been filed in the United States District Court for the Southern District of New York, case number 04-CV-367, on behalf of all persons or entities who purchased or otherwise acquired Parmalat Finanziaria S.p.A. ("Parmalat" or the "Company") securities (OTCBB:PARAF) (Milan:PFR IM) during the period January 5, 1999 and December 29, 2003, both dates inclusive (the "Class Period"). The Complaint names Parmalat, Calisto Tanzi, Luciano Del Soldato, Stefano Tanzi, Domenico Barili, Francesco Giuffredi, Giovanni Tanzi, Fausto Tonna, Citigroup, Inc., Deloitte & Touche Tohmatsu, Deloitte & Touche S.p.A., Grant Thornton International, Grant Thornton S.p.A., Bonlat Financing Corp., Coloniale S.p.A., Zini & Associates, and Buconero LLC as defendants. To discuss this action, this announcement, or your rights or interests, please contact plaintiff's counsel, Eric J. Belfi or Gregory Linkh at Rabin, Murray & Frank LLP, 275 Madison Avenue, New York, NY 10016, by telephone at (800) 497-8076 or (212) 682-1818, by facsimile at (212) 682-1892, or by e-mail at info@rabinlaw.com.

The Complaint alleges that defendants violated section 10(b) of the Securities Exchange Act of 1934 and Rule 10b-5 promulgated thereunder by the Securities and Exchange Commission. The Complaint alleges that defendants made materially false and misleading statements concerning the Company's financial statements. In particular, the Complaint alleges that defendants failed to disclose and/or misrepresented the following: (1) that its assets in its audited financial statements were overstated; (2) that Parmalat falsely stated that it had used its "excess cash balances"-which actually did not exist-to repurchase corporate debt securities worth 2.9 billion euros (approximately $3.6 billion), when in fact it had not repurchased those debt obligations and they remained outstanding; (3) that the $625 million of Parmalat's cash allegedly invested in a liquid investment fund in the Cayman Islands could not be retrieved because it was falsified; (4) that the Company used off-shore shell companies, such as Bonlat Financing Corp., Buconero LLC, and Epicurum to falsify its financial results; (5) that defendants C. Tanzi and S. Tanzi siphoned as much as 800 million euros ($1 billion) from Parmalat operations, mainly to finance other family businesses; (6) that the Company lacked adequate internal controls and was therefore unable to ascertain the true financial condition of the Company; and (7) that as a result, the value of the Company's net income and financial results were materially overstated at all relevant times. The Complaint alleges that as a result of these false and misleading statements and omissions of material fact the price of Parmalat securities were artificially inflated throughout the Class Period causing plaintiff and the other members of the Class to suffer damages.

Plaintiff is represented by the law firm of Rabin, Murray & Frank LLP. Rabin, Murray & Frank LLP and its predecessor firms have devoted its practice to shareholder class actions and complex commercial litigation for more than thirty years and have recovered hundreds of millions of dollars for shareholders in class actions throughout the United States.

If you purchased or otherwise acquired Parmalat securities during the Class Period described above, you may, no later than March 5, 2004, move the Court to serve as lead plaintiff. To serve as lead plaintiff, however, you must meet certain legal requirements. You can join this action as a lead plaintiff online at www.rabinlaw.com. Contact plaintiff's counsel Eric J. Belfi or Gregory Linkh of Rabin, Murray & Frank LLP to further discuss this action, this announcement, or your rights or interests.

More information on this and other class actions can be found on the Class Action Newsline at www.primezone.com/ca.



CONTACT: Rabin, Murray & Frank LLP
(800) 497-8076
(212) 682-1818
(212) 682-1892, Fax
info@rabinlaw.com
 
Lo riporto anche qua

..dal thread

http://www.finanzaonline.com/forum/showthread.php?s=&threadid=422141&perpage=15&pagenumber=9

Almeno si capisce di cosa si vuole parlare.

Fonte sole 24 ore del 16 gennaio

Prmalatclassaction.gif
 
par condicio avvocatorum ....

Milberg Weiss Announces Class Action Lawsuit
Against Parmalat Finanziaria SpA's Senior
Insiders and Its Legal, Accounting and Financial Advisors
January 5, 2004 – Milberg Weiss (http://www.milberg.com/cases/parmalat/) today announced that a class action has been commenced in the United States District Court for the Southern District of New York on behalf of purchasers of the securities of Parmalat Finanziaria, SpA (“Parmalat”) (OTC:PARAF.PK) (Milan:PRF IM) and its subsidiaries during the period between January 5, 1999 and December 29, 2003 (the “Class Period”).

If you wish to serve as lead plaintiff, you must move the Court no later than 60 days from today. If you wish to discuss this action or have any questions concerning this notice or your rights or interests, please contact plaintiff’s counsel, William Lerach or Darren Robbins of Milberg Weiss at 800/449-4900, 619/231-1058 or via e-mail at wsl@milberg.com. If you are a member of this class, you can join this class action online at http://www.milberg.com/cases/parmalat/. Any member of the purported class may move the Court to serve as lead plaintiff through counsel of their choice, or may choose to do nothing and remain an absent class member.

The complaint charges certain of Parmalat’s senior insiders and its legal, accounting and financial advisors with violations of the Securities Exchange Act of 1934. Parmalat is an international food and dairy company.

The complaint alleges that Parmalat’s senior insiders, together with Parmalat’s legal, accounting and financial advisors, concocted a massive scheme whereby they overstated Parmalat’s reported profits and assets for more than a decade. The alleged scheme involved the creation of bogus bank accounts, the use of forged financial records and the manipulation of Parmalat’s balance sheet and income statement via fictitious investment assets and sham transactions, and was designed to and did allow defendants to divert approximately $1 billion to themselves and/or to companies controlled by them via professional fees and clandestine asset transfers and enabled Parmalat to raise more than $5 billion from unsuspecting investors from the sale of newly issued securities.

The fraudulent scheme began to unravel in the fourth quarter of 2003, when, contrary to defendants’ Class Period representations that Parmalat was experiencing strong growth in net operating profit and had a healthy balance sheet, it was disclosed that: (i) almost 40% of Parmalat’s entire asset base, purportedly held in a bank account at Bank of America, did not exist; (ii) Parmalat had been declared insolvent; (iii) the $625 million of Parmalat’s cash purportedly invested in a liquid investment fund in the Cayman Islands could not be retrieved; (iv) defendants had manipulated the Company’s income statements and balance sheet for more than a decade by using off-shore shell companies, special purpose entities, forged documents and sham transactions; and (v) at least eight Parmalat senior insiders, auditors and lawyers, including certain of the defendants, had been taken into custody for the perpetration of this multi-billion dollar fraud.

As the magnitude of the fraud began to reach the market, the complaint alleges that defendants attempted to destroy evidence and/or ordered their subordinates to destroy evidence of the fraudulent scheme in an effort to evade liability for their participation in one of the most shocking corporate scandals ever to afflict the public financial markets. The revelations of defendants’ misconduct caused the price of Parmalat stock to plunge 95% before trading was suspended on December 29, 2003.

Plaintiff seeks to recover damages on behalf of purchasers of Parmalat securities during the Class Period (the “Class”). The plaintiff is represented by Milberg Weiss Bershad Hynes & Lerach LLP, who has expertise in prosecuting investor class actions and extensive experience in actions involving financial fraud.

Milberg Weiss Bershad Hynes & Lerach LLP, a 190-lawyer firm with offices in New York, San Diego, San Francisco, Los Angeles, Boca Raton, Seattle and Philadelphia, is active in major litigations pending in federal and state courts throughout the United States. Milberg Weiss has taken a leading role in many important actions on behalf of defrauded investors, consumers, and companies, as well as victims of World War II and other human rights violations, and has been responsible for more than $30 billion in aggregate recoveries. The Milberg Weiss website (http://www.milberg.com) has more information about the firm.
 
...

:p non ho alcun interesse nella causa era solo per vedere su cosa si fondava la class action dell' altro studio...
saluti
fgtp1@inwind.it
 
Scritto da pietro66
Sveliamo un "segreto di Pulcinella", almeno per chi già mi conosce .... il legale che segue la class action dello Studio Milberg Weiss sono io ... Pietro Adami.
Ciò fatto, sono a disposizione per ogni chiarimento, anche sulle alternative, nell'ottica di dare a tutti un'informazione il più possibile completa, trasparente, imparziale e - nei limiti di tempo disponibile - tempestiva, come già ebbi a fare per la questione Argentina.
Se volete ... sono qui.
Ho acquistato bond Parmalat tramite il mio promotore che mi segue da più di 5 anni. Non gli faccio nessuna colpa, dato che i titoli li abbiamo scelti insieme, mi ha fatto leggere una scheda da cui si evinceva il rating, che era accettabile, e ho impegnato in questi titoli circa un decimo dei miei risparmi. Il mio promotore mi ha fatto sapere che i titoli in mio possesso sono garantiti dalla Parmalat finance olandese che è a sua volta controllata da Parmalat finanziaria italiana.
I miei quesiti sono i seguenti:
1)come fare per partecipare alla class action?
2) I titoli da me comprati sono meno garantiti?
3)Se partecipo alla Class action, posso partecipare ad altre iniziative?
Non voglio più di tanto monopolizzare in Suo tempo (anche se di sicuro Le farò in seguito altre domande) e La ringrazio fin d'ora per le risposte.
 
Re: ...

Scritto da redon
:p non ho alcun interesse nella causa era solo per vedere su cosa si fondava la class action dell' altro studio...
saluti
fgtp1@inwind.it

Assolutamente nessun problema, anzi ....

Io stesso sto cercando notizie di un'ulteriore causa, della quale ho solo cenni dalla stampa ... e se la trovo la posto qui.
Qui non si vuole fare propaganda, ma SOLO INFORMAZIONE.
Pietro
 
Bingham McCutchen

By Dane Hamilton

NEW YORK (Reuters) - Milk giant Parmalat SpA <PRFI.MI> is poised to appoint a leading U.S. bankruptcy law firm to fend off creditors as it grapples with the widening fallout from Europe's worst financial meltdown in years, a person familiar with the situation told Reuters on Friday.

Parmalat next week is expected to appoint Weil Gotshal & Manges, a New York-based global firm which represented clients such as Enron Corp., WorldCom and Republic Steel, the source said.

Hiring a high-powered U.S. firm indicates that Parmalat is worried that activist North American creditors may take legal action to force Parmalat into an involuntary U.S. Chapter 11 proceeding after it defaulted on certain bond issues in December.

The global food group already filed for bankruptcy protection in Italy last month as it struggled to maintain operations and account for billions of euros in missing cash. It could voluntarily take similar action in the United States within several weeks, the source said.

"It is possible that some of the Parmalat entities could file (for creditor protection) in the U.S.," said the source. "The main concern is to make sure the value of the domestic and U.S. assets are maximized and that all creditors are treated fairly."

A representative of Weil Gotshal declined to comment.

The move comes as at least three groups of Parmalat creditors are organizing to take action and maximize returns in what is likely to eventually become a massive debt-for-equity swap.

Bingham McCutchen attorney Evan Flaschen, who heads the largest creditor group, said last week the group is considering forcing the company to file for Chapter 11 in the United States. But he said the group, advised by U.S. investment bank Houlihan Lokey Howard & Zukin, is working with Enrico Bondi, Parmalat's turnaround chief, to forge a solution.

Another creditor group, led by noted bankruptcy lawyer Bruce Zirinsky of Cadwalader, Wickersham & Taft, already filed suit two weeks ago in the Cayman Islands on behalf of six insurance companies that held defaulted Parmalat bonds, Cadwalader said.

The group won a Cayman Islands Grand Court in late December to place a subsidiary of Parmalat and two related entities into "provisional liquidation," a kind of bankruptcy proceeding of the Caribbean tax haven.

A third creditor group representing holders of debt issued by Parmalat's Canadian units is represented by New York law firm Debevoise & Plimpton, sources said.

PROFESSIONAL FEES

In a U.S. bankruptcy, creditor committee professional fees are typically funded by the bankrupt company, or debtor. That contrasts with the new Italian law just passed to protect Parmalat, where the debtor is not obligated to pay such fees, according to Stefano Aversa, Milan-based managing director of U.S. restructuring firm AlixPartners.

That fact alone gives creditor representatives an incentive to force a Chapter 11 filing in the United States, since professional fees in a large bankruptcy case can easily run into many millions of dollars, experts say.

"A Chapter 11 filing would provide a mechanism for Bingham and Houlihan to get paid," said one investment banker who is seeking to represent a fourth group of Parmalat creditors.

This banker said that, short of a U.S. Chapter 11 filing, Parmalat could file an action under Section 304 of the U.S. bankruptcy code, which would let the company protect U.S. assets pending decisions by the Italian court.

http://news.findlaw.com/business/s/20040102/financialparmalatlawfirmdc.html
 
Posted on Thu, Jan. 08, 2004

BofA helped sell Parmalat bonds in U.S.
Insiders: Bank placed $300 million in notes before firm's collapse
OTIS BILODEAU
Bloomberg News

Bank of America Corp., which helped trigger the collapse of Parmalat Finanziaria SpA when it last month disclosed a $4.9 billion account doesn't exist, helped Italy's biggest dairy company sell at least $300 million in notes to U.S. investors, said people familiar with the sales.

Banks that were agents or underwriters for Parmalat may become a target for investors trying to recoup some of their investments, said Anthony Smits, partner at Bingham McCutchen in Hartford, Connecticut. Citigroup Inc., another Parmalat bank, was named this week as a defendant in the first class-action lawsuit in the U.S. following the Italian company's collapse.

"Every bank that participated in setting up any of these transactions has got to be worried," said Smits, whose firm represents investors in all of Parmalat's private U.S. debt sales.

Parmalat filed for bankruptcy last month after saying a Bank of America account supposed to contain almost $5 billion did not exist. Italian police have jailed founder Calisto Tanzi and seven others. Tanzi has admitted siphoning off 500 million euros ($630 million), court documents show.

In an interview with The Observer Wednesday, Bank of America Chairman and Chief Executive Ken Lewis confirmed that his company made private placements of Parmalat bonds.

When asked about Bank of America's role in the investigation of the Italian company, Lewis said: "We're supplying information to the authorities as they request it, and cooperating fully."

In recent months, the bank has been involved in probes of Parmalat, the mutual fund industry and trading activities in its San Francisco office, but Lewis said they were isolated incidents.

"We have a world-class risk management system, and we're always trying to strengthen it and learn from the past," he said.

Tanzi, who stepped down as chairman last month, told investigators they may find a "hole" in the company's accounts of about 8 billion euros, or $10.1 billion. That would make it the biggest cover-up since WorldCom Inc., which had at least $6.6 billion in losses before filing for the largest reorganization in U.S. history.

Bank of America's role as agent or underwriter for Parmalat bonds has heightened interest by the U.S. Securities and Exchange Commission and other regulators in the relationship between the Charlotte-based bank and Parmalat, the people familiar with the sales said. Regulators have been scrutinizing Bank of America's ties to Parmalat since Italy's biggest dairy company revealed the bogus account three weeks ago.

Unlike public bond offerings, which in the U.S. are registered with the SEC, private placements are not typically registered with the SEC. Documents spelling out the terms of the sales are often subject to confidentiality agreements.

http://www.miami.com/mld/miamiherald/business/industries/banking/7658452.htm
 
milberg & weiss

ho letto che è anche consulente per la corte di Houston nel processo contro Enron e Arthur Andersen.
Se per fare una battuta Lay sta a Tanzi come Fastow sta a Tonna..spero che per lo meno si vada oltre nel reperire lo sbocco dei flussi di denaro perchè secondo me nel caso Enron si è fetto poco su questo.
 
Scritto da pietro66
Sveliamo un "segreto di Pulcinella", almeno per chi già mi conosce .... il legale che segue la class action dello Studio Milberg Weiss sono io ... Pietro Adami.
Ciò fatto, sono a disposizione per ogni chiarimento, anche sulle alternative, nell'ottica di dare a tutti un'informazione il più possibile completa, trasparente, imparziale e - nei limiti di tempo disponibile - tempestiva, come già ebbi a fare per la questione Argentina.
Se volete ... sono qui.


sottopongo una idea disperata ma ..................... chissà

http://www.finanzaonline.com/forum/showthread.php?threadid=428933
 
Allora...
..passiamo ad un caso concreto di cui poter discutere.

io ho giàparlato con pietro66 e ci siamo già detti alcune cose.

Ora vorrei approfondire il mio caso.

Il giorno prima della bufera (era un venerdi di dicembre) io ero in possesso di 30mila parmalat ad un prezzo medio di 2.25.
E di 35 milioni di lire di obbligazioni 2007 a circa 88.

Il giorno che aprì a -50% circa, dopo aver letto tutto quello che era stato scritto nei giorni di sopensione, decisi di vendere il tutto ad 1.25 ritenendo molto elevate la probabilità di azzeramento del titolo.

Perdita netta 30mila euro.

Girai i 35mila euro residui della vendita del titolo sui bond a circa 55 (130 milioni nominali), sperando di recuperare parte della perdita.

Dopo qualche giorno di trading su questi titoli (venduti e comprati alcune volte per ammortizzare la perdita) infine crollarono a circa 20 e poi da allora furono sospesi.

Risultato: attualmente ho ancora 165 milioni di bond (con un prezzo di carico intorno ai 42, frutto di alcune compere e vendite sui bond).

Volessi aderire alla class action negli Usa , per quali cifre potrei chiedere il risarcimento??

Mi pare di aver capito che potrei vantare un danno per i 30mila euro perduti sulle azioni.

E per le obbligazioni?

Una parte le avevo a quasi 90.
Una parte a 55, anche se avendole "girate" per limitare i danni ora le ho in carico a circa 42 in totale.

Potrei portare a mio carico le minusvalenze certificabili (su titolo e bond) dal mio intermediario, che sono circa 40mila euro ed a queste sommarci la perdita potenziale ancora presente in portafoglio (circa 20mila euro a prezzi attuali di mercato).

Nel caso si ottenesse un risarcimento , come verrebbe ripartita la cifra globale tra i singoli partecipanti alla class action??
Di questo non ne avevamo ancora parlato


Penso che il mio caso, essendo piuttosto articolato, possa ricomprendere numerosi casi di altri folisti, e quindi essere di interesse generale.
 
Scritto da Chagans
Allora...
..passiamo ad un caso concreto di cui poter discutere.

io ho giàparlato con pietro66 e ci siamo già detti alcune cose.

Ora vorrei approfondire il mio caso.

Il giorno prima della bufera (era un venerdi di dicembre) io ero in possesso di 30mila parmalat ad un prezzo medio di 2.25.
E di 35 milioni di lire di obbligazioni 2007 a circa 88.

Il giorno che aprì a -50% circa, dopo aver letto tutto quello che era stato scritto nei giorni di sopensione, decisi di vendere il tutto ad 1.25 ritenendo molto elevate la probabilità di azzeramento del titolo.

Perdita netta 30mila euro.

Girai i 35mila euro residui della vendita del titolo sui bond a circa 55 (130 milioni nominali), sperando di recuperare parte della perdita.

Dopo qualche giorno di trading su questi titoli (venduti e comprati alcune volte per ammortizzare la perdita) infine crollarono a circa 20 e poi da allora furono sospesi.

Risultato: attualmente ho ancora 165 milioni di bond (con un prezzo di carico intorno ai 42, frutto di alcune compere e vendite sui bond).

Volessi aderire alla class action negli Usa , per quali cifre potrei chiedere il risarcimento??

Mi pare di aver capito che potrei vantare un danno per i 30mila euro perduti sulle azioni.

E per le obbligazioni?

Una parte le avevo a quasi 90.
Una parte a 55, anche se avendole "girate" per limitare i danni ora le ho in carico a circa 42 in totale.

Potrei portare a mio carico le minusvalenze certificabili (su titolo e bond) dal mio intermediario, che sono circa 40mila euro ed a queste sommarci la perdita potenziale ancora presente in portafoglio (circa 20mila euro a prezzi attuali di mercato).

Nel caso si ottenesse un risarcimento , come verrebbe ripartita la cifra globale tra i singoli partecipanti alla class action??
Di questo non ne avevamo ancora parlato


Penso che il mio caso, essendo piuttosto articolato, possa ricomprendere numerosi casi di altri folisti, e quindi essere di interesse generale.

danno: fai la somma di quanto hai speso per acquistare, detrai quanto hai via via ricavato dalle vendite, detrai ancora l'eventuale valore residuo dei titoli e questo è il Tuo danno, cui puoi aggiungere il mancato introito delle cedole (eventualmente da capitalizzare ad oggi ..)

ripartizione eventuali somme recuperate: detratte l ecompetenze dei legali (che verrannostabilite dal Tribunale) " any recovery from the defendants will be divided acoording to the damage incurred by investors, based on a plan of allocation aproved by the Court" (cito dal testo dell'accordo da sottoscrivere)

Pietro
 
Scritto da pietro66
danno: fai la somma di quanto hai speso per acquistare, detrai quanto hai via via ricavato dalle vendite, detrai ancora l'eventuale valore residuo dei titoli e questo è il Tuo danno, cui puoi aggiungere il mancato introito delle cedole (eventualmente da capitalizzare ad oggi ..)

ripartizione eventuali somme recuperate: detratte l ecompetenze dei legali (che verrannostabilite dal Tribunale) " any recovery from the defendants will be divided acoording to the damage incurred by investors, based on a plan of allocation aproved by the Court" (cito dal testo dell'accordo da sottoscrivere)

Pietro

Quindi il piano di ripartizione verrà deciso in seguito ??

Su quali basi normalmente viene redatto??

Viene distribuita una percentuale fissa a tutti quanti, cioè fatto 1000 il rimborso ed essendo 5000 il danno globale, viene rimborsato a ciascuno il 20% del proprio danno.
Oppure esistono dei minimi di rimborso o fasce percentuali in base all'entità del danno??

Inoltre...per le obbligazioni...
rimango pienamente creditore al 100% (nei confronti di parmalat) delle mie obbligazioni anche se ottenessi un risarcimento da questa azione?
Oppure il mio credito viene diminuito della cifra eventualmente rimborsata?



Ciao e grazie
 
Scritto da Chagans
Quindi il piano di ripartizione verrà deciso in seguito ??
Su quali basi normalmente viene redatto??
Viene distribuita una percentuale fissa a tutti quanti, cioè fatto 1000 il rimborso ed essendo 5000 il danno globale, viene rimborsato a ciascuno il 20% del proprio danno.
Oppure esistono dei minimi di rimborso o fasce percentuali in base all'entità del danno??
Inoltre...per le obbligazioni...
rimango pienamente creditore al 100% (nei confronti di parmalat) delle mie obbligazioni anche se ottenessi un risarcimento da questa azione?
Oppure il mio credito viene diminuito della cifra eventualmente rimborsata?
Ciao e grazie

RI-POSTO IL TESTO, CON MODIFICA (SPERO) MIGLIORATIVA

Il piano di rtipartizione dovrà essere APPROVATO (non "deciso") dal Tribunale, e verrà steso su base proporzionale rispetto al danno effettivo.
Ovvio che se in corso di causa (Class Action USA) Tu recuperassi somme dalla procedura italiana (a seguito dell'ammissione al passivo), il Tuo danno calerebbe e di tale variazione dovresTi dare comunicazione al "class representative".
Per contro, se ottieni 100 da questa azione (risarcimento danni da illecito) ... Te li metti in tasca ed il Tuo credito quale portatore di un bond rimane immutato (diritto di credito).
 
Scritto da pietro66
RI-POSTO IL TESTO, CON MODIFICA (SPERO) MIGLIORATIVA

Il piano di rtipartizione dovrà essere APPROVATO (non "deciso") dal Tribunale, e verrà steso su base proporzionale rispetto al danno effettivo.
Ovvio che se in corso di causa (Class Action USA) Tu recuperassi somme dalla procedura italiana (a seguito dell'ammissione al passivo), il Tuo danno calerebbe e di tale variazione dovresTi dare comunicazione al "class representative".
Per contro, se ottieni 100 da questa azione (risarcimento danni da illecito) ... Te li metti in tasca ed il Tuo credito quale portatore di un bond rimane immutato (diritto di credito).

ok, chiaro

Grazie
 
Ecco le mie domande per pietro66,possiedo le obbligazioni parmalat scadenza 25/07/2008 di diritto olandese posso insinuarmi nello stato passivo presso il tribunale di parma entro il 20 aprile per adesso non ho avuto nessuna risposta certa,in caso positivo posso farlo direttamente da solo in tribunale o devo passare tramite legali o associazioni consumatori
Con tali obbligazioni posso eventualmente partecipare alla tua iniziativa,in caso di vittoria uno che possiede 5000 euro di bond è uguale a uno che ne possiede 50000,mi spiego meglio la cifra si divide uguale per tutti oppure è in proporzione al valore posseduto,grazie delle risposte
forevers
p.s le obbligazioni sono cointestate con mia moglie in questo caso ogni mia azione deve avere anche la sua presenza domanda
 
Ultima modifica:
questioni di giusdizione

Da profano chiedo: sussiste una giurisdizione del giudice americano per un' azione da fatto illecito extracontrattuale commessa fuori dalla giurisdizione statunitense, da sottetto attivo non residente o cittadino americano, a soggetto passivo non residente o cittadino americano? Ovvero, è ammissibile, ci sono precedenti della Supreme Court od indirizzi in materia, sul "forum shopping" per vertenze da illecito extracontrattuale?
 
Re: Re: ...

Scritto da pietro66
Assolutamente nessun problema, anzi ....

Io stesso sto cercando notizie di un'ulteriore causa, della quale ho solo cenni dalla stampa ... e se la trovo la posto qui.
Qui non si vuole fare propaganda, ma SOLO INFORMAZIONE.
Pietro
Posso sapere come fare per aderire alla Class Action, avendo solo azioni Parmalat.
 
Ecco le mie domande per pietro66,possiedo le obbligazioni parmalat scadenza 25/07/2008 di diritto olandese posso insinuarmi nello stato passivo presso il tribunale di parma entro il 20 aprile per adesso non ho avuto nessuna risposta certa,in caso positivo posso farlo direttamente da solo in tribunale o devo passare tramite legali o associazioni consumatori

Sto verificando i termini ed i limiti della insinuazione al passivo; prometto di tornare quanto prima sull'argomento. (di primo acchito direi di no ma ... non disperiamo)

Con tali obbligazioni posso eventualmente partecipare alla tua iniziativa?

Certamente si, al momento. Poi in un secondo tempo sarà il Tribunale di NY a stabilire l'esatta definizione della "class" e da tale definizione dipenderà la proseguibilità dell'azione (aggiungo: se non potessi partecipare alla "seconda fase", comunque non dovrai sostenere alcun costo per quanto fatto sino ad allora)

in caso di vittoria uno che possiede 5000 euro di bond è uguale a uno che ne possiede 50000,mi spiego meglio la cifra si divide uguale per tutti oppure è in proporzione al valore posseduto?

Il criterio di ripartizione sarà proporzionale al danno effettivamente subito; se possiedi 5000 euro di bonds, oggi a valore zero, prenderai (qualunque sia la somma incassata) la metà di uno che possieda 10000 euro dei medesimi titoli.


p.s le obbligazioni sono cointestate con mia moglie in questo caso ogni mia azione deve avere anche la sua domanda ?

La domanda di partcipazione in questo caso va firmata da entrambi, su un unico modulo
 
Indietro