Come valutare un trading system?

X ATIMA

Da dove li prendi gli articoli? Ho iniziato a leggerne qualcuno. Alcuni aspetti descritti non li avevo ancora considerati. O altri che credevo fossero errori a me propii, sono invece stati formalizzati già da altri.
I limiti della metodologia De Lorenzo descritta sono stati da lui medesimo comunicati, non siamo noi che lo sottoponiamo a critica, è già lui che lo fa su di sè consciamente. Ha anche individuato delle strade da percorrere con metodologie riservate a matematici puri! Noi possiamo solo capire a fondo bene quel che ci è stato proposto.
Riguardo a Kaufman, se Gioric51 è così gentile da pubblicare qualche info in più, glie ne sarei ben grato.

Grazie a tutti
 
X ATIMA
ancora con sta storia delle 8 operazioni in utile, io non so se quando dici queste cose, ripeto di nessunissima rilevanza statistica (guardando i risultati del mio TS negli ultimi 5 mesi, leggo max win cons=9, max loss cons=6) riesci ancora a stare serio o ,sotto sotto, te la ridi pure tu, ma parliamo di cose un pò più serie.
Non ce l'ho col tuo amico Renato (tra l'altro siamo colleghi) che oltre ad essere un bravo gestore (sembra) è anche un ottimo autore di libri di successo, ma attenzione, quando si vuole approfondire gli argomenti bisogna cambiare autore, per esempio per chi come me studia i TS, deve passare a Kaufman, Krutsinger, ecc.
Che poi Kaufman guadagni più o meno di Di Lorenzo, beh, questo, se permetti, non mi interessa più di tanto.
E veniamo all'articolo che hai postato: è tremendamente vero! Chi si avvicina alla Borsa lo impara in fretta e cioè che in Borsa è molto più facile perdere che guadagnare; a lungo sopravvivono solo alcune mosche bianche (parlo degli speculatori): 1-2 % non di più.
Operare in Borsa è difficilissimo, occorre avere le idee molto chiare, una buona preparazione di base, autocontrollo, ecc. ( tutte quelle cose che dice il tuo Test) e, sopratutto, occorre avere una strategia sufficientemente testata su cui fare riferimento.
Alla prossima, e per favore lascia perdere le 8 operazioni in gain
Saluti
 
...(guardando i risultati del mio TS negli ultimi 5 mesi, leggo max win cons=9, max loss cons=6)

Se vuoi vedere Tre dei miei TS Max win cons= 15, max loss cons =4

Tutto questo lascia il tempo che trova....

Ho imparato che quello che contano...sono i CONTI BANCARI... e gli eseguiti!!!

Come vedi riesco a stare serio:):):)

con simpati (e nessun intento polemico, anzi apprezzo il lavoro che stai proponendo)

Stefano






P.S.

voglio dire in sostanza che operare in borsa è diverso da ...seguire un TS...
D'altra parte ce ne sono degli ottimi a prezzi irrisori che si vendono negli USA...
Meditare....
 
X Stefano
Vedi che mi dai ragione: 8,10, 15 operazioni non dicono nulla .
Concordo , quello che conta sono le contabili degli eseguiti, non di 8, ma bensi' di 800, 8000, ecc.
Precisazione: io sono uno dei pochi che si è costruito un TS, buono o cattivo che sia, ed ha la costanza di seguirlo giorno dopo giorno ed in base ai segnali che dà eseguire i relativi ordini sul mercato derivati con denaro reale.
Saluti
PS
Postami i parametri dei tuoi TS che li discutiamo
Gio'
 
x gioric..

certo che ti dò ragione...:)
a me interessano i "conti";)

Comunque fai già parte di una "elite" sono in pochissimi a progettare e seguire fedelmente un TS, complimenti.

Vai a leggerti i miei articoli forse potranno esserti utili.
(home page www.finanzaonline.com/calamita/index.htm)
(www.finanzaonline.com/glossario)


Ed Seykota diceva: imparare a seguire le regole, e poi imparare quando non seguirle.



x scalpo
leggiti i miei articoli e vedrai che la tecnica conta solo per il 20% il resto è gestione del capitale psicologico, 80% per avere successo nel trading.


Ciao
 
Grazie ATIMA per il contributo. Ho letto molti dei tuoi articoli. Consiglio a tutti di leggerli. Spesso ci concentriamo su tecniche ed eventi "esterni" a noi stessi, dimenticando così che alla fine è l'uomo che decide. Una buona tecnica se non è usata da un uomo che non si è sacrificato a sviluppare le proprie capacità personali non serve a nulla. Concordo pienamente.

Ciao
 
Visto che se n'è parlato, calcoliamo il Rischio di Rovina per un TS utilizzando la formula di Vince che è usata anche da Kaufman

R=((1-P)/P)^(MaxRisk/A)
dove:
P=.5*(1+Z/A)
Z=ProbWin*AvgWin%-ProbLoss*AvgLoss%
ProbWin=% di trades vinti
ProbLoss= Persi
AvgWin%=ABS(AvgWin/Invest.Iniziale)
AvgLoss% Loss
A=(ProbWin*AvgWin%^2+ProbLoss*AvgLoss^2)^(1/2)
MaxRisK=Parte dell'Invest.Iniziale che si è disposti a perdere in %

Applicando la formula al mio TS avremo, pensando di tradare il minifib
AvgWin 1136000 Lire
AvgLoss 472000 Lire
Invest.In. 20000000 Lire
ProbWin 0,436
ProbLoss 0,564
MaxRisk 0,25
AvgWin% 0,0568
AvgLoss% 0,0236
Z 0,0114544
A 0,041482118
P 0,638064311
R 0,032811717

Quindi nel mio caso Il rischio di rovina, pensando di essere disposti a perdere 1/4 del capitale iniziale, è del 3,28%
A mio avviso, se non ho commesso errori, la formula è molto ottimistica ed il rischio di rovina, sempre a mio avviso, è molto più alto poichè, ad esempio, non si è tenuto conto della dispersione dei valori dei trades o del drawdown, cose che sui futures, con l'effetto leva, incidono parecchio.
Saluti
 
I tuoi dati con altre formule (sono valori tabellati che non posso postare) ti verrebbe un rischio di rovina compreso tra il 10 ed il 25% -sono dati che ho interpolato tra due tabelle: una con capitale pari al 10% e l'altra al 50%-
Ti ho considerato un pay off ratio pari a 1136000/
472000 = 2,41 ed una probabilità di successo del 43,6%. Mentre a me con uno dei miei Ts viene un rischio di rovina del 12% ( è xrò il TS di soli 100 casi) a parità di % di capitale da buttare via, cioè 25%.
Applicando la tua formula di rischio sui miei dati viene un'R molto piccolo: 2,25%. C'è qualcosa che non va. Prova a guardare bene il significato del valore di Z, è una terminologia per cui in statistica, di norma, le medie s'esprimono tramite i loro valori standard e non come semplici medie.

Per quanto riguarda il DrawDown che cos'hai da dire invece? Hai una formula furba?
 
Per la formula che ho postato Kaufman fa un esempio che torna perfettamente, per cui errori non dovrebbero essercene, evidentemente le ipotesi alla base della formula sono molto ottimistiche.
Dimmi che valore del rischio di rovina ti viene (dalle tue tabelle) col mio TS considerando di mettere in gioco il 50% del capitale che è l'ipotesi che ho fatto io inizialmente
Perchè nelle tabelle devi dare la probabilità di successo? mi pare una contraddizione
Posta i risultati del tuo TS che li discutiamo
Ciao
 
Con la % di capitale esposto alla speculazione pari al 50%, ti verrebbe, secondo le mie tabelle, un rischio di rovina:
29,5%<R<38,2%.
Il rischio di rovina, come tutte le funzioni probabilistiche, s'esprime con un numero compreso tra 0 e 1, quindi ho esposto i numeri in percentuale a solo scopo di leggibilità.
Non è una contraddizione utilizzare la probabilità di successo, in quanto la formula base (non esposta in modo completo sul documento in mie mani) è: (Q/P)^K. Ma vi mancano, evidentemente delle parti importanti, in quanto le tabelle sono in funzione, oltre che della sopracitata probabilità di successo (da cui la prob. d'insuccesso Q=P-1, ovvio) anche del pay off ratio nonchè della % di capitale esposto qui denominata K.

I miei dati sono i medesimi del post con l'equity system già postato nei giorni scorsi. Considera un k=25%.

Se, secondo la tua esperienza li trovi realistici cioè realmente utili, ti faccio un file excel con le tabelle.
A me sembrano realistici in quanto conducendo un semplice ragionamento: se ho a disposizione 100 di capitale e decido di rischiarne 25 per trade, il massimo che posso rischiare è evidentemente 25. Ma questo 25 dev'essere mitigato dalla probabilità di successo che ad es. fosse del 60%, significa che la prob. d'insuccesso è del 40%, quindi attraverso la banale moltiplicazione s'avrebbe un rischio R effettivo: 0,25*0,4= 10%, che mi pare ragionevolissimo. Poi se voglio fare il fine tengo anche conto dell'errore statistico che, se il mio campione è di 100, significa che il mio errore probabile è +/- 10%. Arrotondato per difetto, il mio R sarebbe quindi: 0,1*1,1=11%.
Queste formule in realtà tengono conto del coefficiente binomiale, che non è stato riportato, ma ragionandoci un pò su si potrebbe inserirlo.

Dimmi che ne pensi, saluti. ;)
 
Guarda che non ci siamo.
Se io aumento il capitale di esposizione dal 25% al 50%, il rischio di rovina, a parità delle altre condizioni, mi deve diminuire; con le tue tabelle aumenta (?)
 
Il rischio di rovina è la possibilità di perdere tanto.
Se io mi espongo con 100 rischio al massimo, 100.
Se espongo 50 rischio al massimo solo 50.
E' evidente che il rischio di rovina aumenta con l'aumentare della percentuale di capitale esposta ed è invece inversamente proporzionale alla probabilità di successo. Non sarai mica come quei giocatori d'azzardo che, quando perdono continuano a giocare (aumentando quindi il capitale esposto) e continuando a perdere (perchè hanno una probailità di successo scarsa!), pensando di "rifarsi" prima o poi?
 
"I grandi trader tendono a non rischiare mai più del 5% per operazione e molti anche meno"

Ogni altro commento è superfluo.

Ciao.
 
Non sono affatto d'accordo
Dalla formula di Vince, che non è proprio l'ultimo arrivato, aumentando il capitale esposto il rischio di rovina diminuisce come è giusto che sia
Cosa c'entra il 5% ad operazione, io sto calcolando il rischio di rovina relativo ad una strategia
Se fai il Fib devi mettere in gioco un capitale adeguato per superare il drawdown relativo alla tua strategia, se questo non lo fai, dopo qualche trades sei già fermo perchè hai finito i soldi, ovvero sei arrivato al rischio di rovina= 100%
Intendi?
 
X GIORIC & VEGETAVEB & LUONTO

Ho intuito la tua interpretazione finalizzata al superamento del drowndown. Effettivamente esistono strategie più complesse che, per essere attuate, possono richiedere il superamento di un numero di perdite consecutive superiori a quanto normalmente accettato. E per poterlo fare necessita di capitale (oltre che di fegato). Ripeto, intuisco solo, ma non posso capirlo appieno perchè non opero sul fib30.
Credo però che ci debba essere un solo concetto di rischio di rovina, indipendentemente dallo strumento finanziario usato. Ed io conosco quello esposto. Che ho letto da una rivista.
Anch'io come te mi sono costruito un TS tutto mio, originale. Che per me funziona, xchè me lo sono ritagliato sulla mia persona. Non uso meta o realtick. Si potrebbe chiedere a chi usa questi soft come è inteso il famigerato Rischio.

Chiedo quindi anche ad altri come vengono intesi i rischi di rovina.

Grazie
 
Ogni strategia ha un suo intrinseco livello di rischio che devo tener presente, sia che la usi per tradare il Fib ,sia che la usi per tradare qualsiasi altro titolo o insieme di titoli (portafoglio); in questo caso la valutazione del rischio è più complessa, occorre scomodare Markovitz e concetti come la Frontiera Efficiente.
Spiegami come hai fatto a costruirti , ottimizzare e testare un TS senza avere un programma specifico e ,sopratutto, senza conoscere quelli che sono i suoi principali parametri; come fai a dire che è buono o che funziona?
Ciao
 
Per ciò che riguarda la misura del rischio di rovina mi sono attenuto alle mie tabelle, quello che conta sono i risultati. Lo sai benissimo. I miei TS non hanno perdite consecutive superiori a 2 in fase di test, e non superiori a 4 nel reale.
Di Markowitz conosco il modello di diversificazione.
La curva a "C" (è un parabola rovesciata) della frontiera efficiente earning/rischio, da dove si può vedere non solo che il rischio non è proporzionale al guadagno, ma che in corrispondenza di ogni livello di guadagno vi sono 2 livellli di rischio. Si scieglie il portafoglio per cui nel punto di ottimo esiste un solo livello di rischio (il fuoco della parabola), al fine di ottimizzare il rapporto rischio/rendimento.
Ma non credo che tu abbia applicato la frontiera efficiente ai TS ( di norma s'applica ai portafogli, sono tecniche di asset allocation).
Tu hai applicato il metodo di R. Vince che è un metodo per paragonare tra loro strategie diverse di trading. Che è una cosa che ti serve a controllare i famigerati drawndown, in quanto in caso di numerose (e pesanti) perdite consecutive sul fib, tu vuoi misurare la possibilità di rifarti con i prossimi trade, è per questo che ti interessa tanto Vince. Tu vuoi verificare se le basse probabilità di di vincita (43,6% mi sembra) sono compensate dagli alti guadagni successivi.
Comunque non sono sicuro che la formula di Vince s'applica esattamente al rischio di rovina in senso assoluto. Mi informerò meglio.

Ciao.
 
Vince serve per calcolare solo uno dei tanti parametri che occorre avere sotto controllo quando si segue un TS e, se vuoi saperlo, non lo metto certamente tra i principali.
Vincite al 40 o al 60% da sole non dicono nulla, bisogna guardare tutti i parametri che caratterizzano un TS e fare un bilancio , poi si decide
Saluti
 
In questo post ne abbiamo gia visti un pò, aggiungerei un'altro parametro: il numero di gradi di libertà effettivi di un TS (cioè il numero di indicatori impiegati). Le tecniche d'ottimizzazione (pericoli da sovra-ottimizzazione).
Appena ho un pò di tempo scrivo altre due righe.

Bye
 
Ho dato un'occhiata all' equity line del tuo TS; c'è qualcosa che non mi torna:
Hai tradato le Tim, quindi hai fatto solo operazioni long?
Qual'è il rendimento medio annuo del TS?
Che tipo di TS è : trend follower, breakout, ecc
Ciao
 
Indietro