Come valutare un trading system?

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
Mi pare che tu abbia fatto un ottimo lavoro
Chissà se sti sistemi ci daranno una qualche soddisfazione, mah, vedremo
Saluti e buon trading :)
 
The Correct Way to Optimize Commodity Trading Systems

In previous articles in this space I have made the case that the average person has the best chance to be a profitable trader if he or she adopts a 100-percent mechanical approach.
This is the only surefire way to minimize the emotional influences that inevitably destroy nearly every trader.

It is also the only way to know whether your method has been profitable historically.



Abandon the idea that you will ever find the "perfect" system. 




he perfect system this month may be lousy next month.

It will definitely have many difficult periods in the future.
Just as  every trader and every methodology has losing periods, every system, no matter how brilliantly created, will encounter periods of market price action it cannot trade successfully.

Thus, I am content with a good system. I define a good system as one that has a low enough drawdown and sufficient profitability in hypothetical historical testing to satisfy me as well as being robust enough to trade many markets profitably using the same parameters.


In creating a system, the designer must not fall into the trap of over-curve-fitting the system to back data. The more you bend your system around to improve performance on past data, the less likely it is your system will trade profitably in the future. This is very hard for inexperienced traders to accept. They expect that methods which worked well in the past will probably work well in the future. Past performance will only approximate (and I emphasize approximate) future performance to the extent the system is not over-curve-fitted.
The best way to guard effectively against over-curve-fitting is to make sure your system works in many markets using the same parameters. Successful system traders use the same system parameters for each market no matter how counter-intuitive this seems. If you doubt me, read the two "wizards" books by Jack  Schwager. Jack himself manages money using systems that employ the same parameters for each market.
The more markets and the longer the historical time period your system can trade profitably, the more robust it is. I trade one of my systems in fifteen markets using the same parameters for each. It is historically profitable in even more markets over the last ten years.
So long as a system tests well over a large number of markets,  there is no requirement that you trade it in all of them to diversify. You could have ten systems that all tested profitably in fifteen markets over the last six years and choose to trade each of them in only one market. That would allow you to trade ten diverse markets using a non-curve-fitted system in each. It would be just as acceptable theoretically as trading one of those systems in the same ten markets.
That principle permits a kind optimization that will allow you  trade one system using a different set of optimized parameters  for each market. Those who want to optimize each market  separately can do so without fear of over-optimizing.
Here is the correct process. Decide which markets you may want to trade. To be safest, you should trade only markets which test profitably using the same set of parameters (the system default  parameters perhaps) for at least the last five years. Let's say your system trades twenty markets profitably using the default  parameters. That will be your universe for testing.
You may optimize the system on each market individually. Go ahead and knock yourself out trying to maximize the profit and minimize the drawdown in each market. You will probably come up with twenty different parameter sets. Now comes the hard part. Take each one of your twenty optimized parameter sets and use it on the entire universe of twenty markets. See whether the optimized parameters hold up as well as the default parameters in trading all the other markets. If an optimized parameter set trades all twenty markets profitably, you can be confident that you have not over-optimized to the point of curve-fitting. You  may use that parameter set to trade the market you have created it for.
If an optimized parameter set has a hard time trading other markets profitably, that is a warning signal you have over-optimized. You should start over with the commodity it was designed for and create another parameter set that does a better  job on the rest of the markets.
Whether you require an optimized parameter set to trade all markets profitably that the default parameters do or just a certain percentage of them, is a question of judgment. You may want to use an optimized parameter set that trades profitably  most, but not all, the markets in your universe. The more markets you require, however, the greater the chance that your system will work in the future and not just on past data.
While I have described this hyper-optimization process, I am not personally convinced that it is worth the effort. I know of no  evidence that suggests such individually optimized parameter sets are likely to be more profitable in the future than an unoptimized single parameter set. If it makes you feel better to show larger hypothetical historical profits, however, it probably won't hurt.
When you are satisfied with the parameter sets for all the markets in your universe, you are ready to create the portfolio you will actually trade. I arrange the markets in order of profitability using the average trade as the benchmark. Then I experiment with different portfolios trying to create one with as much diversification as possible while maintaining a low maximum drawdown in relation to the average annual portfolio profit. The proper starting account size should be equal to or greater than twice the maximum historical portfolio drawdown plus the total portfolio initial margin.
My software allows the portfolio selection process to be expanded even further by testing and including multiple systems in the total trading plan.
 
day-trading systems:What works and what not

Of all the day-trading systems I've tested over the years, 90% of them
trade the S&P 500. This is the market of choice for most day-traders
because it affords enough potential to make it a worthwhile venture (see
"Volatility heaven," below). By definition, day-trading means you exit at the end of the day,
so your profits must at least cover your commissions and slippage.
Although a key difference with the S&P systems I've tested is their
approach to entering the market -- they have ranged from basic breakout
systems to systems based on the phases of the moon -- the exit signals
usually fall into four categories: protective stop, profit target, trailing
stop and, of course, market on close. Many of the systems use a combination
of these exits.
Because the exit technique is as much or more important than the entry
in day-trading the S&P 500, I'll demonstrate that different types of
exits work with various types of systems.
Over the past eight years I've often been asked which exit technique
is the best. The answer is it depends on the system; there is no black
or white answer. However, through research, I've found the success of these
exit techniques usually depends upon the frequency of trades a system generates:
More frequent trading systems need tighter exits whereas less frequent
trading systems need looser exits.
Volatility heaven
To demonstrate the success or failure of
protective stops, profit targets and trailing stops, I've created two systems
and tested them over the past 11 years.
These systems use basically the same entry technique, except one trades
about five times as much as the other. Buy and sell signals are calculated
by adding/subtracting a certain percentage of the 10-day-average range
to yesterday's close. In addition, today's range must be less than the
10-day-average range before a buy/sell signal can be placed. The only difference
in the two systems is the percentage used to calculate the buy/sell signals.
System A uses 50% and System B uses 120%. These percentages were determined
by the frequency of trades I was trying to attain.
The systems were tested using five-minute bar data and deducting $100
commission/
slippage per trade. I ran three tests on each system, optimizing different
dollar levels for each exit technique. None of the test results of these
two systems includes any trades that took place during October 1987 and
October 1989. Due to extremely high market volatility, these two time periods
can skew performance data.
Protective stop If a system has a high frequency of trades, tight
stops usually work best. My definition of a tight stop is anywhere between
$300 and $750. Systems that trade frequently are trying to make money almost
on a daily basis. If the system takes a small loss, then there is always
tomorrow; why take a major loss when you know a trade probably will be
generated tomorrow? System A
(see "Protective stop
comparison," right) shows the performance of the system using
several different protective
stop levels. Notice that too tight of a stop
also degrades performance. A protective stop, at the right level, can turn
a losing system into a winner. A system that trades less frequently usually
will need a larger stop.
Unlike faster approaches, these systems are in the market for considerably
less time and therefore need to make more money per trade. A larger stop
prevents a premature loss due to market volatility. System B shows the
performance of the slower system using different protective stop levels.
As you can see, a larger stop is needed in this case. Profit
targets Pure profit targets generally don't work. A good portion of
the profit that is
generated by an S&P day-trading system comes from
those days when the S&P takes off and keeps going in the same direction.
If you limit these potential high-profit days, then you limit the overall
profit of your system. System A (see "Variation
in profit targets," right) shows terrible performance using tighter
profit targets. Due to its frequency of trades, the risk reward ratio is out of whack. Are you willing to risk trading the S&P 500 on a daily
basis in hopes of a $250 win? System B also shows degraded performance
by using tight profit targets. This system trades so infrequently, it almost
has to hit a home run on every trade.
Trailing stops A trailing stop is a combination of a protective
stop and profit target. This type of stop gives the market room to breath
but at the same time tries to lock in profit. In this analysis, I trailed
the high/low of the day by x-amount after a trade was initiated. The trailing
stop did not help System A (see "Hitting
the trailing stops," below, left) as much as the fixed protective
stop. The profit target aspect of the trailing stop was too limiting on
the big profit days. Nonetheless, the trailing stop turned a losing system
into a winner. System B showed a slight increase in performance at the
high end of the trailing stop. This re-emphasizes the need for a large
protective stop and large profit target. All tests
were done using static stop amounts. In today's market, $500 is totally
different than it was in 1986. I have found, in
almost all cases, that
self-adjusting parameters create a much more robust system. An alternative
to static dollar stops, would be to use volatility-based, self-adjusting
stops. For example, instead of $500 fixed stop, use 10% of the past 10-day
average range. This market-defined stop would change with market conditions.
There is no black or white answer to which type of stop is the best
to use in a day-trading system. The results shown are consistent with my
research; however, it is not a guarantee that all systems will follow suit.
A large portion of S&P day-trading systems use a combination of these
exits. I have seen systems that will use a protective stop early in the
day and a trailing stop later in the afternoon. Whichever stop you pick,
it should be based on thorough research. The longer time frame over which you can test, the more robust your parameter selection will be.
We are fortunate to have so much intraday data at our disposal, yet
at the same time the data is somewhat skewed. We basically have been in
a bull market ever since the S&P 500 futures contract has been traded.
Close to 100% of the symmetrical S&P day-trading systems (buy/sell
signals are mirror images of each other) have shown much more profit on
the long side. With this fact, the question "Why short the S&P?"
always arises. And of course the answer always is: "Who knows when
a major retracement or bear market is going to occur." The second
question is: "Is it okay for a system to have a bullish bias?" In other words, should a system try to buy more often than it sells? Again,
there really is no correct answer. There won't be good answer until we
have a good sample of bear market data on which to test.
Let's look at some before and after performance numbers on System A
and System B (see "Before
and after," right). System A, without an exit, was a big loser.
However, with a simple $500 protective stop, the system turns into a winner.
System B was a mediocre winner without any type of stop, but with a $1,250
protective stop and a $3,000 profit target, the system's overall drawdown
decreased by about 60%. Notice the profit/loss that came from the long
and short positions.
The changes we made look great, but I must warn you about curve fitting,
which is when you historically back test to derive a parameter. Don't fool
yourself into thinking you've found the holy grail, when in fact you had
your 166 MHz computer run two weeks optimizing six parameters. You don't
want history to have to repeat itself exactly for your system to make money. Never test the S&P with less than $100 commission/slippage; in fact
real-time analysis has shown slippage to be well over $100. A system tested
at $50 commission/slippage looks totally different than one tested at $100.
The lack-luster
performance of System A and System B may lead you to believe that
day-trading
the S&P 500 is not your cup of tea. I derived these systems for demonstration
purposes only and didn't strive to make them profitable. Futures Truth
monitors about 20 S&P day-trading systems, and about nine of them
have shown a profit since they were released to the public (see "Top S&P day-trading systems," above).
The best two systems, R-Breaker and R-Levels by Richard Saidenberg,
have shown real-time performance similar to hypothetical performance (see
"Top performers," below, left). These systems were released to the public in July 1993. The
equity curve after this date looks as good as the equity curve before. These systems have been successful because of Saidenberg's countertrend
approach to entry and his exit mechanisms. He incorporates a combination
of the exit techniques discussed here. His two systems took advantage of
the heightened volatility in 1996. In the 1980s, any simple breakout approach
seemed to work in the S&P. But during the 1990s, other types of entry
and exit techniques have excelled. Because no
system wins all the time, exit techniques provide a form of insurance when
the system is
wrong. As with all trading, risk should be measured and taken
into consideration before placing an order. Don't arbitrarily place some
type of exit technique without knowing the mentality of the system. I've
been told that 40% of research should be spent on the system and 60% should
be spent on money management. In day-trading, your exit is your money management.
 
Grazie ad Atima per i contributi sempre pertinenti
Se fossero anche nel ns dialetto ( l'italiano) sarebbe il max :)
Saluti
 
qualche cosa di interessante la sto traducendo.
a tra qualche giorno

atima
 
controcorrente:

quì parla un grande, a porte chiuse....

I always find a desire to daytrade interesting given the appalling failure rate. Most figures state that almost 95% of daytraders fail and fail dismally.

From my own experience daytrading I have found that the only way to daytrade with any degree of success is to rely on pattern recognition such as breaks of support and resistance.

And to have trailing stops only a tick or two away from the point of breakout.
 
Mah, io non sono molto d'accordo
Chi è questo signore?
All'interno di una giornata, considerato l'alto noise presente, mi paiono più profittevoli tecniche di countertrend
Cmq per saperlo basta fare qualche prova con un TS
Saluti
 
n giornate con rumore elevato, è meglio restringere il time,
oppure passare a calcolra il ciclo superiore con elasticità.


spesso passo dai 15 ai 5 minuti


ciao


atima
 
vorrei tornare al tema principale di quesi posts: come valutare un ts. Inserisco anche qui parte di alcune riflessioni personali sull'argomento già inserite in altro post:

Che tipo di Ts scegliere

Possiamo certamente suddvidere i Ts in due grandi categorie: quelli stop and reverse che implicano il posizionamento continuo sul mercato e quelli che prevedono invece la possibilità di starne fuori(NSR). Entrambi, credo, presentano vantaggi e svantaggi.
Gli stop and reverse (SR) permettono, a differenza degli altri, di capire meglio la tecnica utilizzata attribuendo ad essa esatte percentuali di successo e quindi di esprimere un parere per quanto possibile obiettivo su essa. D’altra parte ci sono due possibilità: o un NSR indica solo il momento di ingresso, per esempio al rialzo, (ed esce magari solo dopo un certo numero di giorni) oppure, se è previsto anche il momento di uscita l’NSR dovrebbe prevedere una eventuale fase orizzontale (altrimenti darebbe un segnale di vendita e sarebbe quindi come un SR). Non conosco nessuna tecnica di analisi che possa far questo.
Tuttavia non vorrei ingenerare false idee: nel trading concreto, a meno che, cosa per altro alquanto difficile, non si disponga di un TS valido, solido e testato su differenti periodi e quindi di confermata efficacia, si procede solo in parte basandosi sui TS, per cui sono molti i periodi che si passano fuori dal mercato. Per quanto mi riguarda poi, anche se sviluppo TS di tipo daily, che mi servono per studiare i metodi dell’a.t. e (se funzionano almeno in parte) per individuare meglio il trend, finora praticamente ho operato solo in intraday.

Come valutare un trading system? –1-

Secondo me non possiamo parlare di valutazione, in quanto questa è evidentemente soggettiva, ma possiamo parlare di efficacia.
Vi sono parecchi parametri che possono essere considerati per esprimere un giudizio sull’efficacia di un sistema di regole: guadagno netto, percentuale di operazioni in guadagno, livello di rischio, massima perdita subita ecc.
Qui mi limiterò a considerare come parametro la percentuale di operazioni in vincita e supporrò per semplicità che le operazioni in acquisto e in vendita abbiano la stessa probabilità di riuscita. Consideriamo ad esempio un TS che abbia realizzato 30 operazioni in guadagno su 39 effettuate e chiediamoci qual è la probabilità di un simile evento (cioè numero di operazioni in successo >29)
Considerando che abbiamo una distribuzione binomiale che può essere approssimata da una normale, dopo avere standardizzato i valori considerati, otteniamo,se i miei calcoli non sono sbagliati, una probabilità circa pari allo 0.04%. Non ho considerato su quante giornate lavorava il TS perche ciò mi sembra ininfluente (qualcuno esperto di calcolo delle probabilità mi darebbe il suo parere?). Chiediamoci poi: è migliore un TS che mi dia almeno k operazioni in successo su m, oppure uno che me ne dia almeno ck su cm (stesso rapporto operazioni in guadagno/totale operazioni)? Esaminiamo la domanda con un’altra tecnica, per semplicità su numeri molto più piccoli dei precedenti, ad esempio 2 su 3 e 4 su 6.
In una distribuzione binomiale in cui p è la probabilità di successo e q=1-p quella di insuccesso, la probabilità che in n prove si abbiano esattamente x successi è data dalla seguente formula:



Nel nostro caso p=q=0.5, quindi abbiamo che la probabilità di almeno 2 successi su 3 è p(2)+p(3)=0.5 mentre la probabilità di 4 successi su 6 è p(4)+p(5)+p(6)=11/32, come si vede molto più bassa! Da tutto ciò possiamo dedurre un risultato alquanto paradossale e contraddittorio: un buon TS di tipo daily, come abbiamo visto in altro post, potrebbe non fornire un alto numero di segnali, ma lo stesso TS, per essere considerato valido da un punto di vista statistico dovrebbe darci un buon numero di segnali. Ma allora quale TS preferire: un TS che dia molti segnali, anche con una percentuale di successi non troppo alta (es. 60%) oppure un TS con pochi segnali e quindi statisticamente poco significativo ma con una percentuale di operazioni in guadagno alta?

Come valutare un trading system? –2-

Un parametro di cui non ho mai letto niente, secondo me fondamentale per lo studio dell’efficacia di un TS è quello che chiamerei “stabilità”. Fra i motivi per cui un TS può non funzionare inserirei la possibilità che, per mutate condizioni economico-sociali, i parametri che in passato hanno dimostrato di ottimizzare il TS debbano essere cambiati, anche se di poco, per ottimizzare il TS nelle nuove condizioni. Allora sorge spontanea la domanda: a parità di guadagno totale preferire un TS che raggiunga un picco solo per pochi valori delle variabili, magari distanti, oppure preferirne uno che per scostamenti relativamente “piccoli” dei parametri mantenga tutta la sua efficacia?. Evidentemente un tale TS ci darebbe un maggior senso di sicurezza. Ma allora: come definire matematicamente tale concetto di stabilità? Le possibilità che mi vengono in mente sono quattro:
1. misurare la stabilità calcolando la media dei guadagni per valori delle variabili “vicini” a quelli che lo ottimizzano
2. oppure misurarla come varianza media sempre per valori delle variabili “vicini” a quelli che che ottimizzano il TS.
3. oppure calcolare una media ponderata dei guadagni in cui i pesi diminuiscano allontanandosi dal valore ottimo.
4. oppure ancora calcolare la media dei guadagni per tutti i valori delle variabili in gioco.
In tutti i metodi presentati sorge il problema di quale intervallo considerare, di quando considerare “vicini” i valori delle variabili usate; problema spinoso, tipico di tutta l’a.t. Senza entrare in merito all’ipotesi ad hoc di introdurre una topologia del discreto, ipotesi per altro interessante, fissato, se vogliamo anche ad “arbitrio”, un passo per le variabili in gioco (uso le virgolette perché in effetti qualche criterio per determinarlo credo di averlo individuato), fra i quattro metodi esposti, quello che mi sembra più convincente per semplicità e facilità di implementazione, mi appare il terzo. So di non avere dato una risposta motivata.

Come valutare un trading system –3- risposta a Babar

Si, hai ragione: è veramente poco probabile una lunga serie di successi ed un’altrettanto lunga serie di insuccessi. Se ad esempio supponiamo, sempre per semplicità che siano uguali le probabilità di successo e insuccesso allora possiamo calcolare la probabilità di avere esattamente metà successi e metà insuccesi consecutivi:

n.operazioni probabilità dell’evento
2 2/4
4 2/16
6 2/64
e così via. Come si vede se il numero di operazioni è significativo, la probabilità di un simile evento è molto bassa.
Ancora, se ipotizziamo che sulle prime (ad esempio) 39 operazioni almeno 30 siano in successo (quindi circa il 77%) e nelle successive 39 lo siano al massimo 9 (meno del 23%) allora, considerando che la probabilità del secondo evento coincide con la probabilità di avere almeno 30 insuccessi su 39, quindi che le due probabilità sono uguali, e ancora che gli eventi sono indipendenti, cioè il verificarsi dell’uno non è influenzato dal verificarsi dell’altro, abbiamo per quanto scritto in un precedente post, che la probabilità dell’evento è circa 0.04% x 0.04%, come si vede, estremamente bassa.
La questione andrebbe comunque approfondita almeno per ciò che riguarda i TS: io non ho mai visto TS che lavoravano benissimo per un certo periodo (abbastanza lungo) e malissimo per un altro periodo di uguale durata, però, almeno in liea teorica possiamo ipotizzarlo, ad esempio per sopravvenute differenti condizioni economico-sociali. Certamente la letteratura presenta casi di TS che hanno fornito buoni guadagni e poi anche perdite per un altro periodo (over-fitting). Il problema mi appare complesso e fa riferimento alle stesse basi dell’a.t. ed ai motivi per cui si costruiscono TS. In effetti l’ipotesi che almeno implicitamente facciamo è che ciò che è valso in passato continui a valere anche in futuro ma non è detto che sicuramente ciò avvenga, d’altra parte, se vogliamo in qualche misura prevedere ciò che può accadere in futuro non abbiamo altra possibilità che capire ciò che è successo nel passato.
Per quanto invece concerne le tue interessanti osservazioni sulla volatilità, ti suggerisco la lettura dell’articolo di P.Panerai, credo condivisibile, sull’ultimo numero di Milano Finanza (anche se, sull’aumento della volatilità, andrebbe fatto uno studio statistico molto serio). ciao

Come valutare un trading system –4-

I parametri principali per la valutazione: guadagno totale, validità statistica, stabilità, percentuale di successi, massima perdita subita, totale perdite successive, rischiosità..ce ne sono altri? Come si vede sono tanti..quali privilegiare? E’ possibile creare ad hoc un parametro che sia costituito da una media ponderata, ma allora come distribuire i diversi pesi? Questa è evidentemente una scelta soggettiva: io tendo a dare maggiore importanza al guadagno totale e poca, molto poca, al totale delle perdite subite, alla massima perdita o anche al livello di rischio (che fra l’altro andrebbe definito e non semplicemente come varianza media dei corsi - ma anche questo argomento dovrebbe essere soggetto di un altro post). Infatti se un TS è “buono” devono essere basse anche le perdite subite e alto il guadagno totale. Mi sono chiesto invece spesso come miscelare guadagno totale e percentuale di successi: è, ad esempio preferibile un TS che dia 300 milioni in un anno con una percentuale di successi del 60% oppure uno che ne dia 250 con una percentuale del 75%? Come valutare un 5% in più? Nella nostra scala tutto dovrebbe avere un posto preciso..ma è difficile! Inoltre queste valutazioni per quanto riferite a parametri oggettivi (che, abbiamo visto, è molto difficile quantificare in modo preciso) non possono prescindere da una attenta considerazione sul grafico delle operazioni effettuate: quello che in fin dei conti vorremmo è che le operazioni seguissero sempre una logica valida.
 
Per i motivi indicati sopra le formule da voi inserite non soddisfano le esigenze di una valutazione oggettiva che tenga conto dei diversi parametri. Ora, senza considerare, per semplicità il problema della valutazione del comportamento futuro di un ts mi interesserebbe conoscere la vostra opinione su quali parametri considerate fondamentali: infatti se riuscissimo a capire questo, mediante magari una media ponderata, potremmo sviluppare insieme una buona formula.
 
Come valutare un trading system –5-

Uno dei parametri che vengono normalmente usati è il ritorno annuo netto come percentuale rispetto al capitale iniziale. Un utile del 1500% sembra veramente eccezionale.. ma è veramente così?
Dipende dallo strumento finanziario che si sta analizzando: un ts T1 che guadagni 200 se applicato allo strumento S1 che permetterebbe un ritorno annuo pari a 1000, non è migliore di un ts T2 che, applicato a S2 in grado di realizzare in un anno un guadagno di 500, mi permettesse di ottenere un rientro di 150: 150/500 > 200/1000.
A tale parametro andrebbe quindi sostituito il rapporto
A) utile/massimo guadagno possibile.
Questo per quanto riguarda due ts applicati a strumenti differenti. E se volessimo confrontare due ts sullo stesso strumento? Anche stavolta il parametro non avrebbe grande significato se i periodi usati per il back test fossero diversi e anche in tal caso dovrebbe essere sostituito col rapporto A)
Guadagno possibile= Somma(valore assoluti (differenza prezzi)).
Va da sè che quanto ho detto vale per modelli discreti. un saluto
 
Ultima modifica:
Come valutare un trading system –6-

La convinzione che si sta sviluppando in me è che i numeri normalmente utilizzati per la valutazione di un ts sono almeno parzialmente fuorvianti. Mi spiego con un esempio estremo: è meglio guadagnare 100 milioni in un’unica operazione, in dieci anni, oppure guadagnarne sempre 100, anche con 1000 operazioni, delle quali magari 500 sbagliate, ma in un anno? Credo che per tutti la risposta sarebbe uguale anche se tutti o quasi tutti gli indicatori (average losing trade, average winning trade, percent profitable ecc.) sarebbero migliori nel primo ts.
L’obiettivo principale che si pongono quasi tutti i traders, quello di massimizzare il rapporto guadagno/tempo impiegato e non il rapporto guadagno/numero operazioni, dimostra che nella teoria della valutazione manca un fattore veramente fondamentale: il tempo. E ciò vale in particolare per gli automating systems, dove, non intervenendo la psicologia dell’operatore, risultano ancora più evidenti gli obiettivi da perseguire.
Tutti o quanto meno la maggior parte degli indicatori su citati vanno modificati alla luce di questa banale considerazione ed è quanto cercherò di fare nei prossimi interventi. E’ gradito il contributo di tutti. un saluto, quirus
 
da questi post, evinco che forse lei ha un pò le idee confuse su cosa sia realmente e praticamente di una certa rilevanza riguardo l'affidabilità di un TS.
Gli indici di attendibilità delle previsioni elaborati in campo statistico si articolano in differenti misure dell'errore commesso dal sistema, il quale, quando sbaglia, indica un segno diverso da quello che si manifesta e comporta una perdita per il trader: quindi possiamo dire che si può misurare l'affidabilità in termini di numerosità dei segnali corretti oppure in termini di guadagno realizzato.
La seconda soluzione, preferibile se si ritiene che un sistema a supporto dell'attività di trading è comunque finalizzato alla massimizzazione del capitale investito, comporta che un sistema che abbia fornito molti segnali corretti ma di ridotta significatività risulti inaffidabile se ai pochi segnali sbagliati hanno corrisposto perdite elevate.
Per cui indicatori come l'errore medio, assoluto medio e quadratico medio non hanno una certa valenza per valutare adeguatamente un TS(ad eccezione per i pricing system), piochè misura sia gli errori in eccesso sia quelli in difetto, mentre sono degni di nota solo quelli di segno opposto.

In definitiva assumono primaria (se non esclusiva) importanza il valore annualizzato del total net profit e sopratutto gli indici di performance che incorporano una misura del rischio nell'unità di tempo.
Ho già indicato in un post precedente di questo thread i suddetti indicatori.

bibliografia:
Choey-Weigend: Non linear trading models through sharpe ratio maximization

Muller-Dacorogna: A mesaure of trading model performance with a risk component
 
prof Hoolywood, sei un grande!;)
Ciao!
 
La ringrazio per il Suo intervento e per aver letto i miei posts che, presumo, ha trovato interessanti, nonostante l'incertezza che li pervade (non avrebbe continuato a leggerli se non fosse stato così..). Ha ragione: ho le idee un po' confuse, anzi molto confuse! Ma, ahimè:
1) sono ancora confuse nonostante il Suo brillante intervento;
2) continuo a ritenere di non essere il solo ad averle;
Le mie riflessioni, tentativo, ben misero, ne sono conscio, di chiarire certi aspetti della questione, si basano su alcuni assunti che, me ne rendo conto, vanno ulteriormente esplicitati:

a) per semplicità, nelle mie considerazioni, rifletto esclusivamente sul passato, nella speranza che capire il passato mi possa aiutare a capire il futuro;
b)in tutto ciò che ho scritto, come per altro detto, l'intenzione (forse utopistica, me ne rendo conto) sarebbe quella di sostituire tutti quei numeri (mi risparmi di elencarli) con un solo indicatore o al massimo due. Lei, Sig. Hollywwod, effettivamente pone l'accento su quelli che anch'io ritengo più validi, ma, a parte il fatto che anch'essi vanno rivisitati, a mio avviso, alla luce delle considerazioni già svolte nei precedenti posts, non rispondono all'esigenza sopra esposta e non rispondono alle tante domande e dubbi presenti nei miei posts. In sostanza, Sig. Hollywood, Lei mi propone una risposta già conosciuta ma purtroppo per me non soddisfacente. La prego, rilegga i miei posts e mi indichi i punti sui quali non è d'accordo; potremo così iniziare una discussione che, ne sono certo, sarà per me oltremodo proficua.
Nello scusarmi per tanta inutile lungaggine, la saluto, quirus
 
Scritto da quirus
La ringrazio per il Suo intervento e per aver letto i miei posts che, presumo, ha trovato interessanti, nonostante l'incertezza che li pervade (non avrebbe continuato a leggerli se non fosse stato così..). Ha ragione: ho le idee un po' confuse, anzi molto confuse! Ma, ahimè:
1) sono ancora confuse nonostante il Suo brillante intervento;
2) continuo a ritenere di non essere il solo ad averle;
Le mie riflessioni, tentativo, ben misero, ne sono conscio, di chiarire certi aspetti della questione, si basano su alcuni assunti che, me ne rendo conto, vanno ulteriormente esplicitati:

a) per semplicità, nelle mie considerazioni, rifletto esclusivamente sul passato, nella speranza che capire il passato mi possa aiutare a capire il futuro;
b)in tutto ciò che ho scritto, come per altro detto, l'intenzione (forse utopistica, me ne rendo conto) sarebbe quella di sostituire tutti quei numeri (mi risparmi di elencarli) con un solo indicatore o al massimo due. Lei, Sig. Hollywwod, effettivamente pone l'accento su quelli che anch'io ritengo più validi, ma, a parte il fatto che anch'essi vanno rivisitati, a mio avviso, alla luce delle considerazioni già svolte nei precedenti posts, non rispondono all'esigenza sopra esposta e non rispondono alle tante domande e dubbi presenti nei miei posts. In sostanza, Sig. Hollywood, Lei mi propone una risposta già conosciuta ma purtroppo per me non soddisfacente. La prego, rilegga i miei posts e mi indichi i punti sui quali non è d'accordo; potremo così iniziare una discussione che, ne sono certo, sarà per me oltremodo proficua.
Nello scusarmi per tanta inutile lungaggine, la saluto, quirus


:eek: :eek: :eek:
 
Come valutare un trading system –7-

In un articolo leggo:
“..Si noti inoltre che la vincita media come la perdita media sono ben equilibrate. Tutto questo conferisce alla curva dell’equity..un andamento crescente ed armonioso e senza particolari scossoni.”
Dall’articolo su citato sembrerebbe di capire che una curva dell’equity “crescente ed armoniosa”, dall’andamento quasi lineare, sia un fattore positivo per la valutazione di un ts..ma è proprio così?
Ancora una volta consideriamo un banale esempio e supponiamo di avere realizzato un ts ottimo anzi, quasi perfetto sul fib ed esaminiamo come si comporterebbe la nostra equity line nel caso di movimenti di questo tipo: rialzo del 20% in un mese – andamento quasi piatto nel II mese – ribasso del 5% nel III.
In questo caso la curva avrebbe un andamento armonioso, crescente, senza scossoni? Direi di no: insomma quello che vorrei sostenere è ancora una volta quella che mi appare come una banalità: la curva dell’equity non ci aiuta a giudicare il nostro ts in quanto evidentemente influenzata dall’andamento dello strumento oggetto del nostro operare.
Secondo poi quanto affermato nei punti 5-6 sarebbe quanto meno opportuno, secondo me, affiancare ad essa una analoga curva nel piano tempoxequity (mai incontrata nelle mie modestissime letture) ma di questo conto di parlarne in seguito. Un saluto, quirus
 
Ultima modifica:
A mio modesto avviso, la curva della equity è sì influenzata dall'andamento del sottostante, ma stà proprio nella bontà del TS fare sì che i grossi scossoni scompaiano.

Se poi il nostro TS prevede posizioni sia long che short le due curve potrebbero prendere direzioni opposte: ad un grande ribasso del sottostante la nostra equity si impenna perchè si è aperta una posizione short.

Se il nostro TS prevede operazioni intraday potremo avere, a fronte di un andamento del sottostante laterale, una continua salita della nostra equity.
Stiamo entrando ed uscendo tra piccoli supporti e resistenze intraday.

Quindi il tutto è anche da inquadrare nell'ottica del tempo medio dell'investimento.
Più piccolo è questo tempo, maggiore ininfluenza si avrà dall'andamento del sottostante.
Si pensi ad un TS basato su scalping di qualche minuto.
Anche nelle giornate di ribasso sarà possibile sfruttare i movimenti contrari al trend giornaliero.

Però penso che non sarebbe male sovrapporre la nostra equity con l'andamento del sottostante interessato.

Con i suoi difetti e limiti, come tu giustamente evidenzi, la curva della equity rimane pur sempre uno dei mezzi più "sbrigativi" ed a colpo d'occhio per farsi una idea della affidabilità di un TS.


x Luonto
grazie per la risposta largamente condivisibile. Comunque sono, utili,credo, alcune precisazioni:
1. hai perfettamente ragione quando dici che tutte le considerazioni che svolgiamo non possono non prescindere dal time frame, tuttavia, lo ribadisco, per semplicità, sto considerando solo ts daily.
2. In effetti, poichè sono soprattutto interessato al fib, prendo anche in considerazione le operazioni short e, sempre per semplicità, in genere suppongo il ts di tipo stop and reverse.
3. ciò premesso, su un punto non sono d'accordo, quando dici che un buon ts potrebbe "stemperare" l'andamento non lineare del sottostante. Non sono d'accordo perchè un ts "perfetto" in effetti non farebbe altro che replicare il sottostante (con la dovuta precisazione che ovviamente nel caso questo scendesse, doverbbe andare short), quindi con tutti gli alti e bassi del caso.
Nel banale esempio precedente, il ts "perfetto" prenderebbe posizione all'inizio della salita, guadagnando un primo 10%, uscirebbe in sr alla fine del secondo mese, guadagnado poi un altro 5% nel terzo, in tutto 15% ma con andamento assolutamente non lineare.
4. su un altro punto sono solo parzialmente d'accordo (quando dici che l'equity è uno dei mezzi più rapidi per rendersi conto dell'affidabilità di un ts; mi riprometto di pensare ed approfondire la questione, tuttavia mi sembra che anche in un' ottica non temporale (quindi già poco condivisibile) quanto meno l'equity nelle ordinate dovrebbe essere sostituita dalla percentuale di guadagno del ts rispetto al sottostante. Insomma ho molte, molte perplessità sull'uso che normalmente si fa di tale strumento. un saluto, quirus
 
X quirus

Plottare il guadagno "incrementale" del TS rispetto al sottostante in funzione del tempo non sarebbe cosa malvagia.

Ma a mio avviso potrebbe essere fuorviante.
Supponi che il sottostante sia sceso del -15% mentre la tua equity sia scesa del 10%.
Se fai la differenza troverai un valore positivo:+5%.
Però la realta è che si è perso!

Per questo motivo pensavo di plottare contemporaneamente le due, anche se debbo ammettere che dal punto della leggibilità grafica non è il massimo.

un saluto
 
Come valutare un trading system –8-

grazie per il tuo contributo, Luonto e scusa se mi ripeterò, ma il ripetermi serve per chiarire, innanzitutto a me stesso, le idee:
1. il pensiero di fondo dal quale sono partito per una critica, a mio avviso radicale, del modo abituale di valutare un ts è che la valutazione non deve in alcun modo essere influenzata dai movimenti del sottostante; per meglio capire: io devo valutare esclusivamente il ts e non il sottostante!
2. credo di avere chiaro il problema che poni: come valutare i movimenti negativi della mia equity, cioè le operazioni in perdita?
Facciamo un esempio su 4 operazioni (ricordo che sto esaminando ts daily di tipo stop and reverse ad es. su fib)
I op.: il fib sale in t2-t1 giorni di 3000 p. ed io ne guadagno 600
(ATTENZIONE: quando dico che il fib sale di 3000 p. intendo dire che in quei t2-t1 gg. la somma dei valori assoluti delle variazioni di prezzo è 3000 p.; es. +1000, -600, +1400)
II op.:nei giorni da t2 a t3 il fib perde 2000 p. ed io guadagno 200 p.
III op.: da t3 a t4 il fib guadagna 1000 p. ed io 500
IV op.: da t4 a t5 il fib perde 1600 p. ed io perdo 400p.
In un primo momento prescindiamo dai tempi e chiediamoci quale di queste operazioni è la migliore, quale la peggiore. Io ritengo che la migliore è la terza, perché maggiore il rapporto guadagno ottenuto/massimo guadagno ottenibile, la peggiore chiaramente l'ultima. In effetti un ts sarà tanto migliore quanto maggiore è la parte del movimento avutosi nel lasso di tempo considerato “catturata”.
In quest’ottica, nel piano (n.operazioni x percentuali guadagnate) i punti segnati sarebbero (I,0.2=600/3000); (II,0.1+0.2); (III,0.5+0.2+0.1); (IV,0.8-0.25); su quest’ultimo punto essendovi qualche dubbio: in effetti potrebbe essere valida anche la soluzione (IV,0.8-1.25). I vantaggi di tale curva sarebbero sostanzialmente due:
a) nel raffronto con il sottostante, risulterebbero evidenti i tratti in cui il ts va meglio;
b) l’andamento della curva non sarebbe direttamente influenzato dal sottostante.
Ho cercato, senza trovare soluzioni valide, di inserire in questo discorso il fattore tempo: un semplice grafico come il precedente, che in ascisse ponesse il tempo, non mi sembra molto significativo.
Con riferimento al tuo post in aspetti matematici dell’at, potresti scrivere la formula che usi per la valutazione dei tuoi ts?
 
Indietro