Compravendita azioni società fallita

  • ANNUNCIO: Segui le NewsLetter di Borse.it.

    Al via la Newsletter di Borse, con tutte le notizie quotidiane sui mercati finanziari. Iscriviti per rimanere aggiornato con le ultime News di settore, quotazioni e titoli del momento.
    Per iscriverti visita questo link.

Voltaire

Gennarino Fan's Club
Registrato
25/3/00
Messaggi
13.117
Punti reazioni
454
Il titolo Eurosviluppo sta scambiando al circuito Temex, nonostante lunedì scorso ci sia stato il deposito della sentenza di fallimento (sentenza di giovedì scorso).

Gli scambi avvenuti sono regolari, oppure gli acquirenti possono invocarne la nullità?

Ricordo, nel caso fosse utile, che il Temex non è un mercato regolamentato, ma un S.S.O. = Sistema di Scambi Organizzati.

Grazie.
 
Inoltre: l'eventuale nullità decorre dalla data della sentenza oppure dalla data del deposito?
 
Scritto da Voltaire
Inoltre: l'eventuale nullità decorre dalla data della sentenza oppure dalla data del deposito?

ti posso rispondere in quanto frequento per lavoro tali procedure.
Le compravendite, secondo me sono inefficaci e nulle, l'insolvenza della societa' ovviamente decorre dal momento in cui viene sentenziata, ovvero dal deposito della sentenza la quale dichiara che la societa' e' insolvente.
Ti premetto solo che l'aver richiesto il fallimento di una societa', non presuppone che la societa' fallisca automaticamente (quanti ricorsi vengono rigettati!!) ma e' il giudice, che vaglia l'esistenza di tali presupposti.
Presto e' poi stabilire se in sede penale siano indagati soggetti che hanno ricoperto cariche in Eurosviluppo di qualsiasi tipo e che abbiano fraudolentemente posto inessere manovre "ambigue".
Tuttavia potrebbe anche verificarsi un "ampliamento" del fallimento anche agli amministatori e altri, nonche' revocarsi alcuni atti volti a sviare il patrimonio.
In ogni modo la vedo lunga!
Detto questo lascio la email se mai qualcuno fosse interessato a discutere del caso: ctranquillo@hotmail.com
 
Azioni sospese al Temex da oggi, causa procedura fallimentare.
 
infatti ho provato a vendere le mie quasi 200.000... ma avevano gia' chiuso baracca e burattini...
che dire... mi piacerebbe un bell'articolo, su uno dei giornali finanziari che vanno per la maggiore, di un giornalista, con la schiena ritta come auspicava il Presidente Ciampi, che indaghi bene sulla faccenda.
Il nostro grande Voltaire ha dato prova di valenza a tanti professionisti, o presunti tali, di come ci si debba muovere...
 
a scanso di equivoci

La vendita di azioni di società fallita è perfettamente valida. La società fallisce, gli atti posti in essere dalla società dopo il fallimento sono inefficaci. I soci non falliscono, gli atti da loro posti in essere sono ovviamente validi ed efficaci.
 
Re: a scanso di equivoci

Scritto da Verm & Solitair
La vendita di azioni di società fallita è perfettamente valida. La società fallisce, gli atti posti in essere dalla società dopo il fallimento sono inefficaci. I soci non falliscono, gli atti da loro posti in essere sono ovviamente validi ed efficaci.


non sono d'accordo, in quanto in primo luogo il contraente nella vendita di azioni e' la societa' e non il singolo socio, il quale non ha alcun potere o quasi gestionale nell'azienda.
In secondo luogo una volta fallita tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione vengono svolti dal curatore.
E' ovvvio che i soci non falliscono a titolo personale, se no no esisterebbero le societa' di capitali, e' il socio che a nome dell'azienda, ipotizzando che avesse un ruolo in merito, non puo' piu' operare.
ma davvero credi che siano i soci a compravendere le aizoni di una societa' fallita, mi auguro che tu conosca l'istituto della farudolenza la quale puo' coinvolgere non solo gli amministratori, ma anche i singoli soci.........non di rado terze persone........
 
Re: Re: a scanso di equivoci

Scritto da giakomo
non sono d'accordo, in quanto in primo luogo il contraente nella vendita di azioni e' la societa' e non il singolo socio, il quale non ha alcun potere o quasi gestionale nell'azienda.
In secondo luogo una volta fallita tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione vengono svolti dal curatore.
E' ovvvio che i soci non falliscono a titolo personale, se no no esisterebbero le societa' di capitali, e' il socio che a nome dell'azienda, ipotizzando che avesse un ruolo in merito, non puo' piu' operare.
ma davvero credi che siano i soci a compravendere le aizoni di una societa' fallita, mi auguro che tu conosca l'istituto della farudolenza la quale puo' coinvolgere non solo gli amministratori, ma anche i singoli soci.........non di rado terze persone........

Contraente nella vendita delle azioni assolutamente non è la società. Sull'acquisto di azioni di società fallita mi sono occupato professionalmente (dato l'interesse dell'acquirente all'acquisizione) e non solo. Il riferimento che fai alla "frode" riguarda l'ipotesi in cui l'acquirente non sa che la società, le cui azioni sono oggetto di trasferimento, è fallita. Se ti interessa, con MP di trasmetto gli estremi di un lavoro pubblicato su rivista scientifica di settore. Cordialmente V&S.
 
Re: Re: Re: a scanso di equivoci

Scritto da Verm & Solitair
Contraente nella vendita delle azioni assolutamente non è la società. Sull'acquisto di azioni di società fallita mi sono occupato professionalmente (dato l'interesse dell'acquirente all'acquisizione) e non solo. Il riferimento che fai alla "frode" riguarda l'ipotesi in cui l'acquirente non sa che la società, le cui azioni sono oggetto di trasferimento, è fallita. Se ti interessa, con MP di trasmetto gli estremi di un lavoro pubblicato su rivista scientifica di settore. Cordialmente V&S.


Se me lo invii al tcapello@hotmail.com lo leggo volentieri.
Grazie
 
Indietro