Consiglio PAC su fondi

Tamor

Nuovo Utente
Registrato
22/7/13
Messaggi
79
Punti reazioni
7
Ciao a tutti,

nuovo del Forum e competenze finanziarie... di base... forse.
Avrei intenzione di investire con PAC con orizzonte dai 5 anni in su, pensavo a qualcosa di aggressivo con almeno ad un 40% azionario internazionale o europeo, il resto obbligazioni & liquidità. Obiettivo: incremento capitale.
Ho banca online di appoggio, mi permettono vasta scelta ma non forniscono la minima consulenza. Ho quindi individuato dalla loro miglior scelta i seguenti:

CARMIGNAC Profil Reactif 50A EUR

TEMPLETON GLOBAL INCOME A

Oltre alla scarsa conoscenza dello strumento ho qualche perplessità sui costi: non avrei commissioni di ingresso/uscita ma per Carmignac 24€ iniziali + 2.5€ per rata (min.250€) e per Templeton 15€ iniziali e 4€ per rata (min. 100€).

Quindi, le fatidiche domande :) :
Teoricamente le spese per rata si possono ottimizzare con versamenti trimestrali, giusto?
Qualche commento sui fondi menzionati o consigli su similari buoni (e magari più... economici)?

Grazie per l'attenzione, a disposizione per chiarimenti!
 
Ciao a tutti,

nuovo del Forum e competenze finanziarie... di base... forse.
Avrei intenzione di investire con PAC con orizzonte dai 5 anni in su, pensavo a qualcosa di aggressivo con almeno ad un 40% azionario internazionale o europeo, il resto obbligazioni & liquidità. Obiettivo: incremento capitale.
Ho banca online di appoggio, mi permettono vasta scelta ma non forniscono la minima consulenza. Ho quindi individuato dalla loro miglior scelta i seguenti:

CARMIGNAC Profil Reactif 50A EUR

TEMPLETON GLOBAL INCOME A

Oltre alla scarsa conoscenza dello strumento ho qualche perplessità sui costi: non avrei commissioni di ingresso/uscita ma per Carmignac 24€ iniziali + 2.5€ per rata (min.250€) e per Templeton 15€ iniziali e 4€ per rata (min. 100€).

Quindi, le fatidiche domande :) :
Teoricamente le spese per rata si possono ottimizzare con versamenti trimestrali, giusto?
Qualche commento sui fondi menzionati o consigli su similari buoni (e magari più... economici)?

Grazie per l'attenzione, a disposizione per chiarimenti!
Il primo consiglio è quello di cambiare banca. Ci sono offerte migliori. Ad esempio Fineco, se non sono cambiate le cose, fa pagare 9 euro all'inizio del PAC e 0,9 euro per rata. Molto meglio. E magari ci sono anche condizioni migliori in altre banche, non lo so.

Poi ti consiglio un mensile rispetto a un trimestrale perché media meglio i prezzi di ingresso.

Infine ti consiglio di fare il PAC più lungo possibile, su un globale azionario va più che bene.

Ciao
 
Il primo consiglio è quello di cambiare banca. Ci sono offerte migliori. Ad esempio Fineco, se non sono cambiate le cose, fa pagare 9 euro all'inizio del PAC e 0,9 euro per rata. Molto meglio. E magari ci sono anche condizioni migliori in altre banche, non lo so.

Poi ti consiglio un mensile rispetto a un trimestrale perché media meglio i prezzi di ingresso.

Infine ti consiglio di fare il PAC più lungo possibile, su un globale azionario va più che bene.

Ciao


Grazie Andygo. In effetti mi sembravano un po'esose le spese. Avevo scelto questa banca per commissioni convenienti sull'azionario (media 2.75€ a operazione su mercato italiano) e ci ho aperto un deposito titoli che credo manterrò.
Aprire altro c/c con deposito titoli annesso... ci devo pensare...
 
Anche a me le spese sembrano molto alte... Io nelle stesse tue condizioni ho aperto un dossier su Online SIM che a parte i bolli ha delle tariffe parecchio competitive e ti offre diverse società di gestione su cui operare anche con PAC....
 
Infine ti consiglio di fare il PAC più lungo possibile, su un globale azionario va più che bene.

Non dico che sia un suggerimento errato. Ma fatto 100 il numero di coloro che hanno avviato un pac decennale, quanti l'hanno poi veramente portato a termine, e quanti hanno invece cambiato idea lungo la strada (o sono stati forzati da eventi imprevisti) :mmmm:
 
Non dico che sia un suggerimento errato. Ma fatto 100 il numero di coloro che hanno avviato un pac decennale, quanti l'hanno poi veramente portato a termine, e quanti hanno invece cambiato idea lungo la strada (o sono stati forzati da eventi imprevisti) :mmmm:
Sicuramente tanti lo interrompono prima, non so dirti quanti perché non ho statistiche al riguardo. Magari qualche promotore le ha.
Ma, almeno teoricamente, secondo me il PAC va fatto il più lungo possibile, meglio se sopra i 20 anni, quasi come fosse un accantonamento pensionistico. Difficile lo so, ma tant'è...
 
Sicuramente tanti lo interrompono prima, non so dirti quanti perché non ho statistiche al riguardo. Magari qualche promotore le ha.
Ma, almeno teoricamente, secondo me il PAC va fatto il più lungo possibile, meglio se sopra i 20 anni, quasi come fosse un accantonamento pensionistico. Difficile lo so, ma tant'è...

Hehehe, ricordo la mia prima esperienza PAC nel lontano 2001... come staccai la penna dal foglio del contratto alzai lo sguardo al televisore al plasma della banca e vidi un aereo piombare sulle Twin Towers... Era un azionario internazionale... Chiusi il PAC dopo 3 anni correggendolo con un Paesi Emergenti ma comunque in perdita. Pensavo di ripetere l'esperienza ora ma dedicandoci una rata bassa, minima in modo da non essere costretto a chiudere anticipatamente e magari ancora in perdita.
PS: non so ancora ora quanto mi abbia spillato quella banca per quel PAC all'epoca...
 
Sicuramente tanti lo interrompono prima, non so dirti quanti perché non ho statistiche al riguardo. Magari qualche promotore le ha.
Ma, almeno teoricamente, secondo me il PAC va fatto il più lungo possibile, meglio se sopra i 20 anni, quasi come fosse un accantonamento pensionistico. Difficile lo so, ma tant'è...

Giustissimo!
Io ho un PAC (fatto da me) con obiettivo pensione anno probabile 2055
 
Hehehe, ricordo la mia prima esperienza PAC nel lontano 2001... come staccai la penna dal foglio del contratto alzai lo sguardo al televisore al plasma della banca e vidi un aereo piombare sulle Twin Towers... Era un azionario internazionale... Chiusi il PAC dopo 3 anni correggendolo con un Paesi Emergenti ma comunque in perdita. Pensavo di ripetere l'esperienza ora ma dedicandoci una rata bassa, minima in modo da non essere costretto a chiudere anticipatamente e magari ancora in perdita.
PS: non so ancora ora quanto mi abbia spillato quella banca per quel PAC all'epoca...
Scusa ma a meno che tu non avessi sottoscritto il PAC per una durata molto breve (3, max 5 anni), hai sbagliato totalmente strategia di fondo.
Se ti orienti su un PAC a lungo termine (20 ma anche più anni) il fatto di essere in rosso, anche profondo rosso, dopo 3-5 anni non ha nessuna importanza e nessuna implicazione statistica sul risultato del PAC alla scadenza (20 o più anni). E' proprio qui che il PAC si differenzia da un PIC ed è proprio questo uno dei principali vantaggi di un PAC rispetto a un PIC (sono comunque due strategie di investimento totalmente diverse e non in competizione tra loro).
Se sottoscrivi un PAC a 20 anni è importante iniziare a monitorarlo dopo diciamo 16-17 anni, se lo sottoscrivi a 30 anni invece non prima di 24-25 anni.
Solo a quel punto in base al rendimento si potrà attuare una strategia di controllo che preveda lo smobilizzo di buona parte delle quote a certe condizioni, per evitare di incorrere in crolli del mercato coincidenti con il periodo di scadenza del PAC.
Giustissimo!
Io ho un PAC (fatto da me) con obiettivo pensione anno probabile 2055
Ottimo OK!
 
Hehehe, ricordo la mia prima esperienza PAC nel lontano 2001... come staccai la penna dal foglio del contratto alzai lo sguardo al televisore al plasma della banca e vidi un aereo piombare sulle Twin Towers... Era un azionario internazionale... Chiusi il PAC dopo 3 anni correggendolo con un Paesi Emergenti ma comunque in perdita. Pensavo di ripetere l'esperienza ora ma dedicandoci una rata bassa, minima in modo da non essere costretto a chiudere anticipatamente e magari ancora in perdita.
PS: non so ancora ora quanto mi abbia spillato quella banca per quel PAC all'epoca...

Beh, se l'hai interrotto volontariamente e non per necessità hai fatto un grande errore.

L'hai iniziato proprio nel momento in cui i corsi sarebbero scesi per 2/3 anni con prezzi medi di acquisto sempre a scendere...
E ti sei perso la salita fino al 2007
 
Beh, se l'hai interrotto volontariamente e non per necessità hai fatto un grande errore.

L'hai iniziato proprio nel momento in cui i corsi sarebbero scesi per 2/3 anni con prezzi medi di acquisto sempre a scendere...
E ti sei perso la salita fino al 2007

PAC interrotto chiaramente per necessità liquida. In quel caso l'orizzonte temporale si aggirava sui 10 anni ma era giusto per concordare con l'opinione che, soprattutto in giovane età, è praticamente impossibile mantenere costanza in un investimento a lungo termine.
 
'ngiorno a tutti.
Riporto in cima il thread, non ho ancora deciso in merito a PAC in quanto intanto ho destinato TFR+quota datore lavoro a fondo negoziale di categoria.

Riprendendo discorso PAC, la mia banca mi dice che ste benedette commissioni sulle rate dei versamenti (diritti fissi dai 2,5 ai 4 Euro) sono richieste dalla società emettitrice del fondo, pertanto non eliminabili... e incidono non poco direi...
E' proprio vero che con altre banche (tipo FINECO) NON si pagherebbero questi diritti fissi?

Grazie.
 
'ngiorno a tutti.
Riporto in cima il thread, non ho ancora deciso in merito a PAC in quanto intanto ho destinato TFR+quota datore lavoro a fondo negoziale di categoria.

Riprendendo discorso PAC, la mia banca mi dice che ste benedette commissioni sulle rate dei versamenti (diritti fissi dai 2,5 ai 4 Euro) sono richieste dalla società emettitrice del fondo, pertanto non eliminabili... e incidono non poco direi...
E' proprio vero che con altre banche (tipo FINECO) NON si pagherebbero questi diritti fissi?

Grazie.
Con Fineco su un PAC paghi 9 euro all'accensione (una sola volta quindi) e poi paghi 0,9 euro a rata, direi molto meglio.
Poi può darsi ci siano banche che fanno pagare ancora meno, non lo so.
 
Con Fineco su un PAC paghi 9 euro all'accensione (una sola volta quindi) e poi paghi 0,9 euro a rata, direi molto meglio.
Poi può darsi ci siano banche che fanno pagare ancora meno, non lo so.

ma paghi anche le commissioni d'ingresso sui fondo con Fineco?
 
ma paghi anche le commissioni d'ingresso sui fondo con Fineco?

Senti, se fai da solo online su alcuni fondi mi sembra che si debbano pagare le commissioni di ingresso (non su tutti però).
Però, se fai attraverso promotore finanziario, questo da quanto ne so te le può togliere da tutti i fondi. E' ovvio che non sia obbligato a farlo ma è una sua facoltà.
Comunque se passa qualche promotore fineco ti saprà senz'altro dire di più.
 
ma per classe A di FT e A di Camignac con i PAC ci sono commissioni di ingresso con Finreco?

Per il PIC di FT su classe A dicevano che le condizioni standard preveevano comm. di ingresso percentuali oltre ai diritti fissi

Onestamente non saprei dirtelo, sono solo un correntista e non un promotore. Se fai senza promotore credo che le commissioni di ingresso vengano applicate, attraverso promotore mi sembra invece che si possano azzerare se questi è d'accordo.
Ma non vorrei aver detto una cavo.lata è meglio che ti risponda un promotore Fineco.
 
Senti, se fai da solo online su alcuni fondi mi sembra che si debbano pagare le commissioni di ingresso (non su tutti però).
Però, se fai attraverso promotore finanziario, questo da quanto ne so te le può togliere da tutti i fondi. E' ovvio che non sia obbligato a farlo ma è una sua facoltà.
Comunque se passa qualche promotore fineco ti saprà senz'altro dire di più.

Ad es. Franklin Templeton ha classe N con commissioni annuali più elevate e classe A con comm. annuali meno elevate.

Qualche cliente Fineco diceva che il p.f. lo esentava dal pagare comm. di ingresso sulla classe A, qualche altro cliente diceva che il suo p.f. non lo esentava dal pagare le comm. di ingresso sulla classe A
 
Onestamente non saprei dirtelo, sono solo un correntista e non un promotore. Se fai senza promotore credo che le commissioni di ingresso vengano applicate, attraverso promotore mi sembra invece che si possano azzerare se questi è d'accordo.
Ma non vorrei aver detto una cavo.lata è meglio che ti risponda un promotore Fineco.

oppure qualche cliente.

Con onlinesim per Franklin T. cl. A non vengono applicati diritti fissi e nemmeno comm. di ingresso percentuali.

Per Carmignac profil PAC: diritto fisso di 10 euro per l’apertura del piano di accumulo; 1,90 euro per ogni rata

Poi c' è anche sella.it con cui si possono fare PAC senza comm. di ingresso. Non ricordo a quanto ammontino i diritti fissi per b.ca corrispondente per i pac ( basta consultare l' informativa al momento della sottoscrizione oppure un pdf riepilogativo )
 
Ultima modifica:
Ad es. Franklin Templeton ha classe N con commissioni annuali più elevate e classe A con comm. annuali meno elevate.

Qualche cliente Fineco diceva che il p.f. lo esentava dal pagare comm. di ingresso sulla classe A, qualche altro cliente diceva che il suo p.f. non lo esentava dal pagare le comm. di ingresso sulla classe A

E' quello che dicevo anche io... Il promotore ha la facoltà di azzerare le commissioni, non l'obbligo. Insomma bisognerà chiederglielo per favore :D
 
Indietro