Consob: Ipotesi di aggiotaggio, nessun commento?

lion

Nuovo Utente
Registrato
26/8/00
Messaggi
72
Punti reazioni
2
ripresa dal forum principale:
MILANO - LA CONSOB HA TRASMESSO, CON UNA DECISIONE DEL 20 GIUGNO, ALLA MAGISTRATURA LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA A UN'IPOTESI DI AGGIOTAGGIO SULLE AZIONI AUTOSTRADA TO-MI E AMGA. LA DOCUMENTAZIONE, CORREDATA DELLA RELAZIONE, E' STATA RACCOLTA NEL CORSO DI UN ACCERTAMENTO SU UN'IPOTESI DI VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'AGGIOTAGGIO RELATIVA, SI
LEGGE NELLA NEWSLETTER DELLA CONSOB, A MOVIMENTI ANOMALI DEL PREZZO DELLE AZIONI AMGA E AUTOSTRADA TO-MI NELLA GIORNATA DEL 19 DICEMBRE 2000, RICOLLEGABILI ALLA CIRCOSTANZA CHE TALI AZIONI COSTITUIVANO GLI STRUMENTI FINANZIARI SOTTOSTANTI A EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE REVERSE
CONVERTIBLE.
RED/FAT
PMF NEWS
Intanto sarebbe interessante sapere chi sono i presunti responsabili, e, comunque, chi è l'emittente delle emissioni obbligazionarie reverse convertible oggetto del deferimento alla magistratura.
E' appena il caso di ricordare che il deferimento da parte della Consob non equivale a quello promosso da un qualunque cittadino: esso fa seguito ad un vaglio (che dovrebbe essere molto accurato) di prove e testimonianze da parte di un'istituzione pubblica che, com'è noto, si muove con i piedi di piombo.
 
lion ha scritto:
...RICOLLEGABILI ALLA CIRCOSTANZA CHE TALI AZIONI COSTITUIVANO GLI STRUMENTI FINANZIARI SOTTOSTANTI A EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE REVERSE CONVERTIBLE.

E' la seconda volta che accade, relativamente ai reverse convertible. Ricordiamo cosa sono: sono obbligazioni a scadenza due anni al massimo, di solito, che pagano un'unica cedola finale molto alta ma che prevedeono il rimborso del capitale in azioni anziché in danaro se il prezzo del sottostante tocca, durante il corso dell'obbligazione, un determinato livello (knock in) e se, alla scadenza, il prezzo dell'azione è inferiore a quello stabilito (strike price).

Ecco che gli emittenti, quando vedono il prezzo dell'azione sottostante molto vicino al livello "di guardia" hanno la tentazione di farglielo toccare, tanto basta un solo contratto scambiato, non c'è bisogno di far segnare il prezzo in chiusura o altro.

La Consob, non possedendo poteri giudiziari, deve trasmettere gli atti alla magistratura ogni qualvolta ravvisi degli illeciti: questa volta è stata anche rapida, appena sei mesi, di solito impiega un anno ed anche più, quando si tratta di manovre di mercato vere e proprie, e non di emittenti che spingono un sottostante di un reverse convertible al livello di knock in.

I presunti responsabili sono, ovviamente, gli emittenti del reverse convertible, poiché sono i beneficiari del rimborso dello strumento in azioni e non in contanti.

Il mercato dei reverse convertible sta facendo giustizia di certe emissioni, comunque, nel senso che dopo le disgrazie in cui sono incappati numerosissimi tra i primi sottoscrittori di tali titoli, gli emittenti stanno proponendo emissioni con caratteristiche differenti, e migliori per il possessore del titolo.
 
grazie volt della, per te usuale, accurata spiegazione. Rimane però il fatto che non è dato di sapere i nomi degli emittenti dei reverse convertible e questo mi sembra scorretto da parte degli organi di stampa e della stessa Consob. Credo che i risparmiatori abbiano diritto di sapere, e ciò non implica un danno per nessuno.
Nessuno può essere ritenuto colpevole fino ad una sentenza passata in giudicato, ma da questo a non dare notizia dettagliate delle circostanze e dei fatti ce ne corre.
Seguendo questo criterio, per tutti i casi di denuncia o rinvio a giudizio i giornali dovrebbero parlate di signori NN o società NN. Vi sembra serio e trasparente?
 
lion ha scritto:
non è dato di sapere i nomi degli emittenti dei reverse convertible


La volta scorsa si sapeva (Efibanca), stavolta no, quindi: molto strano. Ancora non ho i giornali qui con me, più tardi verifico.
 
Indietro