Consob: un primo timido segno di risveglio

lion

Nuovo Utente
Registrato
26/8/00
Messaggi
72
Punti reazioni
2
reperito sul forum principale (autore vsron, che ringrazio)
"Comunicazione n. DME/1021052 del 22-3-2001

Oggetto: Informazione al pubblico da parte dei soggetti capigruppo in merito alle operazioni di compravendita di azioni di risparmio non convertibili, effettuate dai soggetti facenti parte del gruppo di appartenenza dell'emittente le predette azioni


Ai sensi dell'art 87 del regolamento Consob n. 11971/1999, i soggetti capigruppo di un gruppo al quale appartengono emittenti strumenti finanziari devono informare il pubblico delle operazioni di compravendita, aventi ad oggetto tali strumenti finanziari, effettuate da soggetti appartenenti al gruppo stesso ovvero da soggetti da essi appositamente incaricati, con le modalità indicate nell'allegato 3F.

In base a tale allegato, qualora il quantitativo degli strumenti finanziari complessivamente negoziato in un mese solare ecceda il 25 per cento del quantitativo medio scambiato mensilmente nel semestre precedente, i soggetti capigruppo devono informare il pubblico delle operazioni effettuate nel mese stesso diffondendo un comunicato entro cinque giorni lavorativi dalla fine dello stesso mese.

Negli ultimi anni si è potuto osservare un significativo incremento di operazioni di carattere straordinario concernenti le azioni di risparmio non convertibili emesse da società quotate seguito dal delisting degli stessi strumenti finanziari. Tali operazioni talvolta sono decise dallo stesso emittente (fusioni, conversioni) talaltra anche da soggetti controllanti le società emittenti (offerte pubbliche di acquisto). Al fine di consentire agli investitori di assumere corrette decisioni di investimento, una particolare attenzione va rivolta, in tale ambito, agli aspetti concernenti la completa e tempestiva informazione del pubblico sulla quota delle azioni di risparmio in questione detenuta dai soggetti facenti parte del gruppo di appartenenza del loro emittente.

Al riguardo sembra opportuno, pertanto, prevedere per le operazioni di compravendita, concernenti le azioni di risparmio non convertibili effettuate dai soggetti appartenenti al gruppo dell'emittente, ulteriori adempimenti relativi all'informazione degli investitori in aggiunta a quelli previsti in generale dal citato art. 87 del regolamento 11971/1999. Tale intervento deve necessariamente tenere conto dell'esigenza di fornire al pubblico una situazione di sintesi delle operazioni effettuate e di non imporre ai soggetti in questione eccessivi oneri di comunicazione.

A tal fine, fermi gli obblighi previsti dalla disciplina in materia di informazione su fatti rilevanti, si raccomanda ai predetti soggetti capigruppo (inclusi gli stessi emittenti quotati nel caso in cui non sia individuabile un soggetto di controllo) di comunicare al pubblico, con le modalità ed i tempi previsti dell'art. 66 del citato regolamento, l'avvenuta esecuzione di operazioni di compravendita concernenti le azioni di risparmio non convertibili, effettuate da soggetti appartenenti al gruppo, allorché per effetto delle operazioni in questione lo stesso gruppo venga a detenere complessivamente una partecipazione alla frazione del capitale sociale rappresentato da azioni di risparmio non convertibili, di ammontare superiore alle percentuali del 2, 5, 7.5, 10 e successivi multipli di 5, ovvero il gruppo stesso riduca la partecipazione detenuta al di sotto delle predette soglie.

p. IL PRESIDENTE
Salvatore Bragantini "
Finalmente Consob cominicia svegliarsi dal lungo letargo.
Sono graditi commenti.
 
...si raccomanda ai predetti soggetti capigruppo...


Si tratta di una raccomandazione, non di un obbligo imposto: credo cambi poco per quanto riguardo le manovre in corso: di certo de Benedetti non comunicherà quante Cofide rnc ha acchiappato negli ultimi mesi, ad esempio.
 
Indietro