Constant deve lavarsi le orecchie

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

xenarulz

Nuovo Utente
Registrato
25/6/07
Messaggi
1.615
Punti reazioni
160
Per chi si chiede che cosa sia stato urlato ieri sera a Reggio E. che ha offeso così profondamente Constant al punto da fargli lasciare il campo, eccovi lo scoop.
Molti miei conoscenti erano alla partita ieri sera e alcuni stavano in quel settore.
TUTTI concordano che non c'è stato assolutamente nessun coro razzista ma solo un "MUVET, SALAME!" gridato da UN tifoso sassolese visto che Constant cincischiava nel rimettere il pallone in gioco (dalle immagini si vede che allontana un pallone, poi dopo l'insulto calcia in tribuna il secondo pallone che aveva ricevuto).
In effetti un coro razzista sarebbe stato demenziale visto che ognuna delle tre squadre schierava giocatori di colore... quindi la domanda sorge spontanea: Constant è in malafede e ha creato un caso apposta o deve solo lavarsi le orecchie?
Aspettate che ci sia Sassuolo-Milan di campionato, e vedrete come gliele sturiamo a fischi le orecchie, al SALAME!!!!!
 
presente anch'io nel settore...ribadisco l'assoluta invenzione giornalistica relativamente ai presunti cori razzisti...nessun coro organizzato...nessuna offesa di discriminazione razziale solo qualche normale invettiva come peraltro succede anche ai giocatori non di colore...ora c'è la psicosi dell'offesa razzista...mi sa che qualcuno vuole montare ad arte un caso che non esiste...
 
non si capisce come in un torneo "amichevole" dove tutte le squadre partecipanti erano infarcite di giocatori di colore, il solo Constant si sia sentito offeso per le grida razziste del pubblico che tra l'altro non ha captato nessun altro, arbitro compreso :o

attenti, che si sta delineando una nuova strategia milanista per trarre qualche vantaggio anche da squallidi episodi rarefatti che andrebbero ignorati per rispetto del pubblico pagante che non ha nulla a che fare con essi :cool:
 
Constant è un fomentatore gratuito...ha volutamente montato un caso ad arte...solo per copiare il suo amico Boateng...
 
Constant è un fomentatore gratuito...ha volutamente montato un caso ad arte...solo per copiare il suo amico Boateng...

e con balotelli sono già in 3 che montano casi ad arte .... combinazione tutti del milan :cool:

non c'è nessun nero che gioca in italia che se ne frega di cosa gridano dagli spalti, solo quelli del milan si sentono offesi ... si vede che qualcuno gli ha detto che devono offendersi :rolleyes:
 
Ultima modifica:
Per chi si chiede che cosa sia stato urlato ieri sera a Reggio E. che ha offeso così profondamente Constant al punto da fargli lasciare il campo, eccovi lo scoop.
Molti miei conoscenti erano alla partita ieri sera e alcuni stavano in quel settore.
TUTTI concordano che non c'è stato assolutamente nessun coro razzista ma solo un "MUVET, SALAME!" gridato da UN tifoso sassolese visto che Constant cincischiava nel rimettere il pallone in gioco (dalle immagini si vede che allontana un pallone, poi dopo l'insulto calcia in tribuna il secondo pallone che aveva ricevuto).
In effetti un coro razzista sarebbe stato demenziale visto che ognuna delle tre squadre schierava giocatori di colore... quindi la domanda sorge spontanea: Constant è in malafede e ha creato un caso apposta o deve solo lavarsi le orecchie?
Aspettate che ci sia Sassuolo-Milan di campionato, e vedrete come gliele sturiamo a fischi le orecchie, al SALAME!!!!![/QUOTE]

sarà musulmano :D
 
anche se a qualcuno fosse scappata una parola dispregiativa sbagliata, cosa c'entrano i cori? io non c'ero allo stadio quindi non so nulla, ma visto che al momento i cori li ha sentiti solo Constant e gli altri commentano solo in seguito alle sue lamentele, l'episodio mi pare iper enfatizzato. Si parla di più di ste menate che degli episodi di violenza.
Ma questo è figlio di una mentalità radicalizzata in figure istituzionali come la Boldrini, capaci di ragionare in modo monotematico e tale da generare solo delle aggravanti che invece di risolvere peggiorano le situazioni
 
presente nel settore "incriminato"...ora visto il risvolto grottesco della faccenda mi verrebbe voglia di denunciare il sig.Constant per tentata lesione visto che ha tirato una mina verso la tribuna...roba che se piglia un bimbo in testa gliela stacca...una invenzione di questo mentecatto che rischia di diventare un caso nazionale...Constant devi andare dallo psichiatra...da uno molto bravo...
 
Ringraziamo Constant per avere associato, nel mondo, la città di Sassuolo al razzismo. Ripeto che NON è successo niente e mi tocca leggere che è stato "racially abused". Di cori razzisti neanche a parlarne. FdO, arbitro e guardalinee non hanno sentito assolutamente niente. Tra l'altro il nasuto miliardario non è nuovo a perdere la testa in modo clamoroso: andate a vedere la sua espulsione contro il Genoa. Invito Constant a dire pubblicamente quello che ha sentito, perchè è troppo comodo adesso stare zitto.
 
articolo odierno Gazzetta di Reggio, io mi chiedo ora se non sia il caso prendere dei provvedimenti seri verso Constant e attendere che tutti i media che hanno sbandierato il razzismo a scrivere uguali titoloni in senso contrario, io sono indignato, è la proa dell'ipocrisia di queste situazioni, leggete sotto:

«Al momento, non vedo la concreta possibilità di configurare la discriminante del razzismo». Così, il procuratore capo Giorgio Grandinetti commenta l’informativa della Digos sull’episodio registrato martedì sera durante il trofeo Tim: quella frase urlata dai Distinti nei confronti del giocatore del Milan, Kevin Constant, mentre questi era impegnato in una rimessa laterale durante il match contro il Sassuolo e che l’aveva fatto così arrabbiare al punto di indurlo a lasciare il campo. La frase incriminata sarebbe proprio quel «muoviti salame» che qualche tifoso seduto nella zona aveva udito. Insomma, sgradevole ma evidentemente priva di connotati razzisti. «Si è trattato sicuramente di ingiuria – prosegue il procuratore capo – ma si procederà se la persona interessata farà querela». Insomma, tocca a Constant – se lo riterrà... – agire contro il tifoso ingiurioso. Il quale, per altro, è stato anche identificato dagli uomini della Digos, coordinati dal dirigente Lucio Di Cicco. Ad oggi, è la sola persona identificata chiaramente. Anche se il lavoro della Digos non è finito. Ci sono infatti altri documenti filmati da analizzare. Anche per capire i tanti “buuu” sentiti dagli spalti. Ma anche qui la discriminante razzista non sarebbe confermata. «Siamo a una prima valutazione – sottolinea il magistrato – ma da quanto emerso fino ad ora, pare che siano stati rivolti sì a giocatori di colore, ma anche ad altri calciatori in campo». Insomma, come se fossero più un’azione di disturbo dettata dall’antagonismo calcistico, piuttosto che legata al colore della pelle di chi in quel momento aveva il pallone tra i piedi. A questo punto, non restano che da attendere le ulteriori indagini da parte degli investigatori della Digos e le conclusioni finali che il procuratore capo, una volta terminata di analizzare l’intera documentazione, ne trarrà.
 
e quel poveretto si sarà pure dovuto sorbire un interrogatorio dalla Digos, allucinante
 
articolo odierno Gazzetta di Reggio, io mi chiedo ora se non sia il caso prendere dei provvedimenti seri verso Constant e attendere che tutti i media che hanno sbandierato il razzismo a scrivere uguali titoloni in senso contrario, io sono indignato, è la proa dell'ipocrisia di queste situazioni, leggete sotto:

«Al momento, non vedo la concreta possibilità di configurare la discriminante del razzismo». Così, il procuratore capo Giorgio Grandinetti commenta l’informativa della Digos sull’episodio registrato martedì sera durante il trofeo Tim: quella frase urlata dai Distinti nei confronti del giocatore del Milan, Kevin Constant, mentre questi era impegnato in una rimessa laterale durante il match contro il Sassuolo e che l’aveva fatto così arrabbiare al punto di indurlo a lasciare il campo. La frase incriminata sarebbe proprio quel «muoviti salame» che qualche tifoso seduto nella zona aveva udito. Insomma, sgradevole ma evidentemente priva di connotati razzisti. «Si è trattato sicuramente di ingiuria – prosegue il procuratore capo – ma si procederà se la persona interessata farà querela». Insomma, tocca a Constant – se lo riterrà... – agire contro il tifoso ingiurioso. Il quale, per altro, è stato anche identificato dagli uomini della Digos, coordinati dal dirigente Lucio Di Cicco. Ad oggi, è la sola persona identificata chiaramente. Anche se il lavoro della Digos non è finito. Ci sono infatti altri documenti filmati da analizzare. Anche per capire i tanti “buuu” sentiti dagli spalti. Ma anche qui la discriminante razzista non sarebbe confermata. «Siamo a una prima valutazione – sottolinea il magistrato – ma da quanto emerso fino ad ora, pare che siano stati rivolti sì a giocatori di colore, ma anche ad altri calciatori in campo». Insomma, come se fossero più un’azione di disturbo dettata dall’antagonismo calcistico, piuttosto che legata al colore della pelle di chi in quel momento aveva il pallone tra i piedi. A questo punto, non restano che da attendere le ulteriori indagini da parte degli investigatori della Digos e le conclusioni finali che il procuratore capo, una volta terminata di analizzare l’intera documentazione, ne trarrà.
Cioè, ora un tifoso rischia la denuncia se urla un "Mouoviti, salame"? Ma questi si sono bevuti il cervello? :rolleyes:
 
Cioè, ora un tifoso rischia la denuncia se urla un "Mouoviti, salame"? Ma questi si sono bevuti il cervello? :rolleyes:

E quanti soldoni ci costa, ma in Italia le parole sono più importati dei fatti concreti.

Allo stadio ci sono state sempre parole , mi ricordo degli spaccagli la gamba ed all'intervento falloso un tripudio di BRAVO BENE ed appalusi :D

Ora deve essere tutto politicamente corretto, quando la politica non è corretta verso il cittadino
 
Mamma mia che assurdità
A partire da Constant. Non voglio difenderlo, penso che probabilmente ha capito male. Comunque avrebbe dovuto far finta di niente in ogni caso.
Poi pure la Digos. Ma si occupassero di chi va allo stadio per menare le mani o peggio ancora le lame e lasciassero stare queste azzate...
Ma si sa, è nero e quindi gode di una tutela del tutto speciale.
Vedrete che casino ci sarà con Balotelli ........ bleah.


Andrea
 
presente anch'io nel settore...ribadisco l'assoluta invenzione giornalistica relativamente ai presunti cori razzisti...nessun coro organizzato...nessuna offesa di discriminazione razziale solo qualche normale invettiva come peraltro succede anche ai giocatori non di colore...ora c'è la psicosi dell'offesa razzista...mi sa che qualcuno vuole montare ad arte un caso che non esiste...

qui cmq siamo alla follia del razzismo al contrario...

e tutto quello che si diceva a gattuso?
o materazzi?

e soprattutto pensate ai cori che facevano su qeah o ibrahim ba... adesso sarebbe razzismo allo stato puro, è venuto fuori tutto ultimamente
 
qui cmq siamo alla follia del razzismo al contrario...

e tutto quello che si diceva a gattuso?
o materazzi?

e soprattutto pensate ai cori che facevano su qeah o ibrahim ba... adesso sarebbe razzismo allo stato puro, è venuto fuori tutto ultimamente

Sempre sostenuto...

A sto punto mi domando cosa avrebbe dovuto fare Attilio Lombardo...
 
non si capisce come in un torneo "amichevole" dove tutte le squadre partecipanti erano infarcite di giocatori di colore, il solo Constant si sia sentito offeso per le grida razziste del pubblico che tra l'altro non ha captato nessun altro, arbitro compreso :o

attenti, che si sta delineando una nuova strategia milanista per trarre qualche vantaggio anche da squallidi episodi rarefatti che andrebbero ignorati per rispetto del pubblico pagante che non ha nulla a che fare con essi :cool:

allora non mi ero sbagliato .... :o

http://www.finanzaonline.com/forum/...98-digos-nessun-coro-razzista-trofeo-tim.html
 
adesso sarebbe giusto e corretto da parte di Constant ma soprattutto dei media e delle istituzioni che erano subito saliti sul carro della purificazione spirituale invocando al razzismo, dare altrettanto risalto alla sceneggiata messa in atto da Costant; avevo letto dichiarazione assolutiste e prive di fondamento da parte di Galliani, Tommasi, Blatter, del ministro dello sport Delirio......qualcuno dovrà pure scusarsi verso le città di Sassuolo e Reggio Emilia?? i miei amici di Reggio Emilia sono rimasti schifati di tutto questo can can
Oppure vale la classe sociale? il calciatore può accusare chiunque ma non può ammettere di essersi sbagliato? e le procure, con tutte gli atti criminali che avvengono, spesso considerati routine (furto in casa x esempio), che non prendano in considerazione queste scioccheezze

segue copia della pagina online del Giornale di Reggio:

REGGIO EMILIA (1 agosto 2013) - Nessun coro razzista al Trofeo Tim. E' quanto emerge dalle attente indagini della Digos su quanto accaduto la sera del 23 luglio, quando il calciatore rossonero Kevin Costant (nella foto) aveva abbandonato il rettangolo di gioco per le offese subite.
Dall'esame delle riprese audiovisive non si rileva alcun coro, intonato dalle tifoserie organizzate, con intento offensivo a sfondo razziale, né prima né dopo il gesto di stizza del difensore del Milan, che aveva lanciato il pallone sugli spalti.
Solo i classici sfotto, nulla di più. Ma non si esclude che i calciatori maggiormente colpiti dalle intemperanze verbali abbiano potuto sentire frasi razziste rivolte loro, ma solo da parte di singoli spettatori.
Le analisi dei filmati hanno riguardato tutte le partite disputate da Milan, Juventus e Sassuolo al Mapei Stadium-Città del Tricolore.
Le prime grida si erano alzate al termine del primo incontro, quello tra Juve e Milan, conclusosi ai rigori con la vittoria dei rossoneri. Durante l'esecuzione dei penalty tutti i giocatori del Milan sono stati oggetto di fischi e urla di disturbo da parte degli spettatori della curva sud, settore riservato ai sostenitori della compagine bianconera.
Il match tra i padroni di casa del Sassuolo e i campioni di Italia, invece, era andato molto meglio.
L'ultima partita, invece, è stata quella più discussa. Al 32' di Sassuolo-Milan, infatti, Costant, prima di effettuare una rimessa laterale ha abbandonato il campo, chiedendo di essere sostituito perché oggetto di offese di natura razzista.
Il personale di polizia in servizio nel settore Distinti-Lato Nord, a pochi metri dal punto in cui si sarebbe verificato l'episodio, ha riferito che alcuni supporter della squadra di casa, collocati nella parte inferiore del settore, non appartenenti a gruppi organizzati, avevano fatto pressione al difensore. "Dai muoviti", "Datti una mossa" avrebbero gridato al difensore. Poi il più colorito "Dai salame datti una mossa" e il più offensivo: "Rifatti il naso". Ma del colore della pelle del calciatore non si sarebbe fatto cenno.
Costant, però, visibilmente alterato, aveva abbandonato il campo tra i fischi e i "Buuuu" dei supporter sassolesi.
Il personale delle squadre Tifoserie della Digos di Reggio, Torino e Milano e del commissariato di Sassuolo in servizio allo stadio e posizionate a ridosso delle tifoserie ultras ha escluso che nel corso del torneo siano stati intonati cori razzisti ribadendo che le sporadiche frasi ingiuriose che hanno provocato la reazione di Costant siano state gridate da singoli e non da persone appartenenti alle tifoserie organizzate.
Anche l'esame delle riprese audiovisive, si diceva, non ha consentito di rilevare alcun coro.
Le rispettive tifoserie, soprattutto quelle di Juve e Milan, nonostante il carattere amichevole dell'evento sportivo, si sono reciprocamente insultate con cori e sfotto durante tutta la serata, cori rivolti indistintamente anche nei confronti dei calciatori italiani.
Non si esclude, però, che i calciatori maggiormente colpiti dalle intemperanze verbali abbiano potuto sentire offese a sfondo razzista a loro rivolte, ma da quanto accertato si possono escludere cori razzisti massivamente orientati.
 
tutti pagliacci...da quello psicopatico di Constant che soffre di gravi disturbi a tutti i i giornalistici compiacenti...domani ci sarà un piccolo trafiletto nascosto a riportare questa notizia mentre il giorno dopo la parita sembrava che il Mapei Stadium fosse un'arena di gladiatori contro i giocatori di colore...tutti pagliacci!!!
 
Indietro