Conti c/c cointestati se uno muore???

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
cleopatra758 ha scritto:
Veramente il tuo è uno dei rarissimi casi in cui la banca è stata poco burocratica, ha fatto firmare una liberatoria sulla base di un rapporto fiduciario consolidato. Leggendo questo comprendo sempre di più perchè le banche congelano i conti e le procedure diventano lunghe e costose.

Ovviamente è stata una cosa temporanea in attesa di fare la successione. Ma ti sembra giusto che io abbia dovuto autorizzare mia madre a prelevare la sua pensione che veniva accreditata su quel conto? Io l'ho trovato umiliante
 
jean_05 ha scritto:
Ovviamente è stata una cosa temporanea in attesa di fare la successione. Ma ti sembra giusto che io abbia dovuto autorizzare mia madre a prelevare la sua pensione che veniva accreditata su quel conto? Io l'ho trovato umiliante

Ovviamente ti riferisci alla pensione già accreditata in precedenza, perchè una volta bloccato il c/c non puo' accogliere alcun movimento, fatti salvi gli accrediti di cedole e/o titoli scaduti rinvenienti da dossier avente la medesima intestazione e che comunque di qua o di erano già bloccati.
 
arbre ha scritto:
Ovviamente ti riferisci alla pensione già accreditata in precedenza, perchè una volta bloccato il c/c non puo' accogliere alcun movimento, fatti salvi gli accrediti di cedole e/o titoli scaduti rinvenienti da dossier avente la medesima intestazione e che comunque di qua o di erano già bloccati.

Il conto è stato bloccato dopo alcuni mesi e quindi erano state accreditate alcune mensilità. Mia madre si è recata allo sportello per prelevare e l'hanno mandata all'ufficio legale. Ti puoi immaginare il suo smarrimento perchè non capiva cosa stava succedendo. Mi ha chiamato e in 1 ora il conto è tornato operativo con mille scuse e lei ha continuato a ricevere la pensione lì. Nel frattempo è stato aperto un nuovo conto cointestato anche agli altri eredi, è stata fatta la successione e quando (saranno passati altri sei mesi) l'Inpdap ha accreditato la pensione sul nuovo conto il vecchio è stato chiuso.
 
jean_05 ha scritto:
Ovviamente è stata una cosa temporanea in attesa di fare la successione. Ma ti sembra giusto che io abbia dovuto autorizzare mia madre a prelevare la sua pensione che veniva accreditata su quel conto? Io l'ho trovato umiliante

Sì, può essere cosa molto spiacevole ma purtroppo nelle famiglie succedono cose incredibili in nome del Dio denaro :rolleyes:
 
Vi tengo informati.

Dopo una lunga ed accesa discussione abbiamo deciso di chiudere il conto e di riaprirne un'altro intestandolo a mia madre (mi ha assicurato che non mi avrebbe fatto pagare le spese di chiusura e di riapertura del c/c).
Un problema risolto.

Adesso devo affrontare il problema con l'Alleanza.
Con loro mio padre ha un fondo (esattamente non so!!! se esattamente si chiama così) per una cifra di 10.000 euro.
Vogliono 500 euro di spese la voltura e la pratica..

Stasera devo telefonare all'agente e sentire di cosa si tratta... :mad:
 
Scusate, ma la banca come puo'; sapere che il correntista e' mancato ?
Personalmente se mi succedesse una cosa del genere faccio subito un bonifico da internet, oppure trasferisco tutto con un assegno visto che il conto e' cointestato.

Hoops, immagino che tua mamma avesse la stessa operativita' di tuo papa' in fatto di firme, giusto ?
 
non so cosa fare!!!!!!

Buongiorno a tutti,
mi sono appena iscritta e avrei bisogno di un vostro aiuto.

15 giorni fa è morta una mia prima zia.
La zia aveva un conto cointestato con mia cugina nipote della defunta.
Premetto che la zia non ha ne figli ne marito ma una sorella ancora vivente, mia madre.
Poco prima che la zia morisse, ma già grave, questa nipote ha prelevato l'intero importo lasciando 100 euro sul conto.
Volevo sapere se poteva farlo, anche perchè mi hanno detto che essendo un conto cointestato, avrebbe potute prelevare la sua metà, mentre l'altra metà sarebbe andata per legge alla sorella (erede legittima).
Il giorno dopo la morte abbiamo bloccato il conto, ma era troppo tardi i soldi erano miracolosamente già spariti!!!!!!!

Se qualcuno mi può aiutare ne sarei grata
 
sul c/c c'era la firma disgiunta? se si non si può fare nulla, tutto nella norma.
 
dodoale ha scritto:
sul c/c c'era la firma disgiunta? se si non si può fare nulla, tutto nella norma.
Grazie per la velocità!!
Purtroppo non so dirti se era disgiunta o congiunta, so solo che il notaio ha richiesto gli estratti conto retrodatati da un anno!!!
Mi ha detto che comunque mia cugina avrebbe potuto prelevare solo la sua metà.
Per sapere se la firma era congiunta o disgiunta mia madre in qualità di erede può chiedere in banca conferma ?

Scusate ma non ci capisco nulla di qs cose!
 
Si può chiedere alla banca, comunque se il notaio ti ha detto che poteva prelevare solo la metà probabile che la firma era congiunta, in quel caso c'è anche una responsabilità della banca, ciao.
 
dodoale ha scritto:
Si può chiedere alla banca, comunque se il notaio ti ha detto che poteva prelevare solo la metà probabile che la firma era congiunta, in quel caso c'è anche una responsabilità della banca, ciao.


Ok grazie mille,
spero che il notaio si sia posto il problema!!!
Anche perchè so per certo che quando la zia prelevava non aveva bisogno della firma di mia cugina, quindi qs mi fa pensare che potevano operare in autonomia.

Non credo che la zia potesse farlo se le firme erano congiunte!!!

Grazie ancora, ti farò sapere
 
Scusate,
nel caso in cui ci sia un conto intestato a Marito, Moglie e 2 figli, se ad esempio il marito o la moglie decedono, gli eventuali fratelli/sorelle, possono chiedere qualcosa ?

A me non risulta, e risulta che anzi esendoci dei figli, ai fratelli non spetta nulla...a meno che il deceduto non abbia lasciato un testamento in cui abbia dichiarato qualcosa di differente.
 
Grazie per la velocità!!
Purtroppo non so dirti se era disgiunta o congiunta, so solo che il notaio ha richiesto gli estratti conto retrodatati da un anno!!!
Mi ha detto che comunque mia cugina avrebbe potuto prelevare solo la sua metà.
Per sapere se la firma era congiunta o disgiunta mia madre in qualità di erede può chiedere in banca conferma ?

Scusate ma non ci capisco nulla di qs cose!

le possibilità sono due, o il conto era a firme congiunte ed allora il tuo notaio ha ragione, o era a firme disgiunte, in questo caso ti consiglio di cambiare notaio:rolleyes:
 
Ma di solito in questi casi non si manda all'incasso un assegno predatato del cointestatario?
 
Salve, nel caso in cui uno degli eredi di un genitore sia anche il co-intestatario del suo c/c è possibile evitare le tasse di successione sulla liquidità del c/c?
Esempio pratico: A, B e C sono gli unici figli eredi di P ma solo il primogenito, A, è co-intestatario del conto bancario di P. Alla morte di quest'ultimo, il saldo del c/c di A e P entra in successione e va tassato oppure, essendo A sia erede che co-intestatario, in successioni non entra proprio nulla?
 
Salve, nel caso in cui uno degli eredi di un genitore sia anche il co-intestatario del suo c/c è possibile evitare le tasse di successione sulla liquidità del c/c?
Esempio pratico: A, B e C sono gli unici figli eredi di P ma solo il primogenito, A, è co-intestatario del conto bancario di P. Alla morte di quest'ultimo, il saldo del c/c di A e P entra in successione e va tassato oppure, essendo A sia erede che co-intestatario, non è prevista alcuna tassazione?
 
Salve, nel caso in cui uno degli eredi di un genitore sia anche il co-intestatario del suo c/c è possibile evitare le tasse di successione sulla liquidità del c/c?
Esempio pratico: A, B e C sono gli unici figli eredi di P ma solo il primogenito, A, è co-intestatario del conto bancario di P. Alla morte di quest'ultimo, il saldo del c/c di A e P entra in successione e va tassato oppure, essendo A sia erede che co-intestatario, in successione non entra proprio nulla?
 
Intanto condoglianze...

Il conto va sicuramente bloccato, ma comunque visto che era cointestato per legge il 50% del saldo è di tua mamma, quindi direi che il direttore può tranquillamente garantire l'operatività sino alla disponibilità di metà del saldo.

in 4 pagine ne ho lette di tutti i colori.
questa è la risposta corretta.

poi, se il direttore ha fatto chiudere il conto e l'ha riaperto alla mamma... l'ha fatto assumendosene la responsabilità, perchè non si dovrebbe operare così.
la somma di pertinenza del papà andava svincolata dopo presentazione di
- dichiarazione di successione
O
- dichiarazione di esonero dall'obbligo di presentare tale dichiarazione.

il tutto perchè la banca è tenuta a verificare l'assolvimento dell'obbligo di presentare la dichiarazione all'agenzia delle entrate, se ne sussiste l'obbligo, ed inoltre si para da eventuali contestazioni fra eredi. quando si parla di soldi... se ne vedono di tutti i colori, anche fra chi fino al gg prima è andato d'amore e d'accordo.

detto ciò, ho letto velocemente anche di separazione, comunione ecc ecc...in caso di decesso di un coniuge.
allora, c'è una sentenza in merito che riguarda però i conti MONOINTESTATI (quindi non il nostro caso).
nel conto cointestato vale ancora la regola per cui si presuppone il possesso in parti uguali (in questo caso 50 e 50) a prescindere dal regime di comunione o separazione.
 
...continuo a leggerne di tutti i colori... :rolleyes:

a prescindere da firma congiunta o disgiunta si presuppone il possesso al 50% (in caso di conto cointestato a 2 persone).
 
Scusate,
nel caso in cui ci sia un conto intestato a Marito, Moglie e 2 figli, se ad esempio il marito o la moglie decedono, gli eventuali fratelli/sorelle, possono chiedere qualcosa ?

A me non risulta, e risulta che anzi esendoci dei figli, ai fratelli non spetta nulla...a meno che il deceduto non abbia lasciato un testamento in cui abbia dichiarato qualcosa di differente.

esatto, se ci sono figli ai fratelli, per legge, non spetta nulla.
se poi il de cuius ha lasciato disposizioni testamentarie è un altro discorso, ma i fratelli, a meno di non avere un testamento appunto che li nomina eredi, non possono chiedere nulla.


Ma di solito in questi casi non si manda all'incasso un assegno predatato del cointestatario?

non serve a nulla.
se l'assegno arriva quando la banca già sa del decesso si creano solo caaaasini.e retrodatare non serve ad evitare la presentazione di successione, perchè gli assegni incassati (incassati... non conta la valuta) da 3 gg prima del decesso concorrono cmq a formare il saldo alla data del decesso.
ergo, l'assegno non serve a nulla.


Salve, nel caso in cui uno degli eredi di un genitore sia anche il co-intestatario del suo c/c è possibile evitare le tasse di successione sulla liquidità del c/c?
Esempio pratico: A, B e C sono gli unici figli eredi di P ma solo il primogenito, A, è co-intestatario del conto bancario di P. Alla morte di quest'ultimo, il saldo del c/c di A e P entra in successione e va tassato oppure, essendo A sia erede che co-intestatario, in successioni non entra proprio nulla?

premesso che i figli ed il coniuge hanno una franchigia a testa di 1 milione di euro, prima di pagare imposte di successione... la risposta è No.
il fatto di essere cointestatari ed eredi non cambia nulla nelle procedure successorie.
 
Indietro