conti on line

FaGal

Nuovo Utente
Registrato
21/7/02
Messaggi
17.980
Punti reazioni
231
Fin@nz@


Costi bassi e certi: i conti online sono sempre più trasparenti


C onti correnti con spese certe e, possibilmente, basse. La rete sta diventando sempre di più il luogo dove i servizi bancari e i loro costi sono mostrati e offerti all’insegna della trasparenza. Forte dei 110 mila clienti già raggiunti, Banca Sella sta puntando sui servizi di conto corrente via Internet con «costi certi». Cliccando la finestra «Internet Banking» all’indirizzo www.sella.it , chi vuole esplorare l’offerta di servizi telematici alternativi a quelli della banca tradizionale trova tre nuove possibilità: si chiamano Conto Celeste, Azzurro e Blu e prevedono, nell’ordine, un conto corrente senza canone, un servizio in cui la spesa trimestrale di 18 euro comprende anche carte di credito, Bancomat e libretti degli assegni e, infine, una formula «tutto compreso» (60 euro al trimestre) per chi fa molte operazioni. Per ogni tipo di conto si visualizzano (e naturalmente si possono stampare) tutte le condizioni. Tra le novità, in materia di servizi accessori, c’è l’invio automatico di una mail al beneficiario di un bonifico (con importi dettagliati, data, causale eccetera) e la possibilità di attivare online il servizio «Notifica movimenti» che consente di ricevere un sms tutte le volte che sul proprio conto passa un’operazione che si desidera tenere d’occhio (ad esempio un prelievo o un bonifico). Infine, è possibile personalizzare la successione delle pagine da aprire per la consultazione abituale del proprio conto, in modo da poter raggiungere quelle preferite con il minor numero possibile di clic, compresa la definizione della propria personale home page sulla finestra più consultata (ad esempio, l’estratto conto).
Sul sito web del gruppo bancario Credito Valtellinese (www.creval.it ), Conto @perto è attivabile via Internet senza nessuna spesa per le operazioni, la tenuta conto e l’eventuale liquidazione, inoltre la remunerazione dei depositi arriva al 3% oltre la soglia dei 25 mila euro di giacenza. Il servizio permette, tra l’altro, la sottoscrizione di fondi di investimento e sicav e anche la negoziazione diretta di azioni sulla Borsa italiana, con commissioni a partire dallo 0,180%. A breve, sarà infine possibile attivare accrediti automatici di stipendi e pensioni e appoggiare al conto online anche i pagamenti delle utenze domestiche (come luce, gas, telefono, eccetera).
Tre sono invece le possibilità offerte dal gruppo Banca popolare di Vicenza in materia di conti correnti: all’indirizzo www.bancaidea.it l’istituto veneto propone «Conto Idea», «Conto Idea Più» e «Zero spese». Il primo offre il 3% di interesse fino a una giacenza di 150 mila euro che diventa il 2,5% per somme superiori, senza alcuna spesa per la tenuta del conto e i bonifici. Idea Più richiede invece il pagamento di un canone di 4,13 euro mensili, che comprendono la gestione del deposito titoli e del conto corrente remunerato al tasso del 2,5%. Nel ventaglio dei servizi ci sono anche trading online, Bancomat internazionali, carte di credito e la possibilità di effettuare operazioni per telefono e via cellulare Wap. Il conto Zero spese, infine, remunera la giacenza al tasso dello 0,125%, senza il pagamento di alcun canone e include i classici servizi multicanale, compresa la negoziazione di titoli in Borsa.

Silvia Sindaco
Corriere della sera oggi
 
Indietro