Conto corrente "Webank" di Banco BPM - Cap. XXIV [INFO: post #1]

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

TestaQ

Utente pluri-bacchettato
Registrato
7/12/19
Messaggi
10.543
Punti reazioni
3.574
Proveniamo da qui.

(Post originariamente scritto e gestito da @JohannesBrahms al quale sono modestamente subentrato causa suo abbandono del conto).

Indice degli argomenti trattati in questo post :

Ogni contributo per aggiungere o correggere informazioni è sempre ben accetto!



Interessi linea libera del conto deposito


Aggiornamento 8 Marzo 2023 - Game Over !!!

La banca comunica il recesso dai "Depositi in sottoconti tecnici accessori al conto corrente" a partire dal 10/05/2023.

In parole povere, viene chiuso il deposito libero e vengono svincolati eventuali vincoli. Resta attivo il conto corrente.


Aggiornamento 2 Febbraio 2023

A seguito dei recenti aumenti dei tassi ufficiali BCE, anche il tasso riconosciuto sulla linea libera del conto deposito associato al conto corrente Webank ha subito un importante adeguamento.

Questo però vale solamente per i conti aperti fino ad una certa data (da individuare) per i quali il tasso della linea libera è legato al tasso BCE + 0,10%. Per l'esattezza, viene utilizzato come base il "Tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali".
Per i conti aperti da una certa data in poi, il tasso della linea libera invece è fisso a 0%.

Per effetto di quanto sopra, le ultime variazioni del tasso della linea libera sono le seguenti:

DalAlTasso lordo
...26/07/20220,10%
27/07/202213/09/20220,60%
14/09/202201/11/20221,35%
02/11/202220/12/20222,10%
21/12/2022
07/02/20232,60%
08/02/2023...3,10%

Per conoscere il tasso attualmente in vigore bisogna andare sul sito, My Home, in basso dove è riportata la Situazione Attuale ci sono alcuni riquadri, cliccare su Deposito e il box si allarga mostrando il numero del deposito e tasso in vigore, cioè 0 oppure "BCE + 0,10%".
Pare che invece dall'app non sia possibile vederlo. Se qualcuno lo scopre, faccia sapere!

Per vedere gli interessi netti maturati dall'inizio del trimestre in corso, ma non ancora liquidati:
- Pagina Sportello > Il Mio Conto > Rendicontazione > Interessi e Spese
- Espandere il box superiore per la Selezione rapporto e selezionare il conto deposito.

Il totale degl interessi maturati nel trimestre viene riportato nell'estratto conto trimestrale; l'accredito effettivo avviene, nei primi giorni dell'anno successivo, sul Conto Corrente anche se si stratta degli interessi relativi al deposito libero e indipendentemente dalla periodicità (trimestrale o annuale) di rendicontazione.

Se qualcuno vuole controllare il conteggio (ma difficilmente la banca sbaglia, è più facile che sbagliamo noi...), @JohannesBrahms ha realizzato il foglio di calcolo che trovate allegato in fondo a questo post da utilizzare seguendo queste istruzioni:

Le celle da modificare sono quelle in giallo: in B3 puoi lasciare 3 per calcolare gli interessi del trimestre, o mettere 12 se vuoi calcolare quelli annuali. Nelle celle gialle da A12 - C12 in giù metti rispettivamente: data del movimento (in A), importo (positivo o negativo) del movimento (in B), e tasso di interesse (in C). Il tasso va messo solo nella prima riga (C12), e quando cambia.
Puoi mettere più movimenti con la stessa data, purché, andando verso il basso, le date non decrescano. Per esempio, se in A16 c'è 10/10/2022, in A17 non può esserci il 09/10/2022, ma può esserci nuovamente 10/10/2022.
L'ultima riga non vuota deve riportare (senza virgolette) "=oggi()" in A e 0 in B.
Ovviamente, ho inserito a titolo di esempio alcuni movimenti, che vanno tolti e sostituiti con i propri.

Chi è interessato a sfruttare questo tasso (finché dura), legga anche il paragrafo sull'imposta di bollo.

Torna all'indice



Introduzione canone


Aggiornamento 6 Gennaio 2023

La seguente comunicazione era presente tra i documenti emessi a fine 2022. Dovrebbe significare l'eliminazione del canone introdotto nel 2021. Resta da confermare se l'azzeramento riguarderà tutti e solo i clienti oggetto della PMU citata oppure anche coloro che hanno aperto il conto quando era già in vigore il canone (e quindi non hanno ricevuto nessuna PMU in tal senso).

Gentile Cliente,
con riferimento alla comunicazione di modifica unilaterale che Le abbiamo inviato il 24 settembre 2020
in conseguenza della dinamica negativa del Deposit Facility Rate (DFR), Le comunichiamo che, se resterà
confermato il valore positivo assunto dallo stesso (come stabilito dalla BCE l’8 settembre 2022), la Banca,
come da impegni presi, annullerà la maggiorazione introdotta sulle spese periodiche con decorrenza 1°

aprile 2023

Con comunicazione di fine settembre 2020, a partire dal 2021 è stato introdotto un canone trimestrale. Al momento non sembra essere previsto per i nuovi clienti, mentre per i vecchi varia da 3,6 € a 6 € a trimestre, a seconda di criteri non meglio specificati.
A partire dal 13 ottobre 2020 il canone di 2 € mensili è applicato anche ai nuovi conti, mentre, per ora, i conti aperti di recente sono stati risparmiati (ma c'è chi dice che in seguito il canone toccherà a tutti). Da risposte ottenute dal Servizio Clienti, dovrebbero al momento essere esclusi i conti aperti nel 2019, nel 2020 (prima del 13 Ottobre) e quelli aperti in precedenza ma con giacenza media inferiore a 150 Euro.

Per sapere se si è soggetti al canone, oltre a consultare le comunicazioni ricevute, si può seguire questo suggerimento:

In home banking sotto la voce "Sportello" --> Rendicontazione --> Interessi e spese.
Se ti stanno addebitando il canone lo trovi indicato lì sotto la voce "Altre spese".

TEMPISTICHE ADDEBITO CANONE: Dalle testimonianze raccolte sul forum, pare che il canone venga addebitato in corrispondenza dell'emissione dell'Estratto Conto, quindi chi ha rendicontazione trimestrale ha avuto il primo addebito a fine Marzo 2021, mentre chi ha richiesto la rendicontazione annuale non rileva tale addebito tra i suoi movimenti.

Torna all'indice



Imposta di bollo


Si paga l'imposta di bollo sul conto corrente (€ 34,20 all'anno per le persone fisiche) se la giacenza media è maggiore di € 5.000. Ai fini del calcolo della giacenza media si sommano i saldi giornalieri del conto corrente e del conto deposito libero, per cui se, per esempio, le giacenze medie e del conto deposito libero sono state rispettivamente € 3.000 e € 2.500 si paga l'imposta di bollo perché la loro somma è superiore a € 5.000. Inoltre, in presenza di due o più conti identicamente intestati presso la stessa banca, e la somma delle loro giacenze medie è superiore a € 5.000, l'imposta di bollo sul conto corrente si paga su tutti i conti con la stessa intestazione di quella banca, anche se singolarmente non superano i € 5.000.

Si ricorda la legge stabilisce che il conto corrente è esente dal bollo di € 34,20 annuali solo se la somma delle giacenze medie di tutti i conti con la stessa intestazione che il cliente ha con la stessa banca: per esempio, a seguito della fusione tra Banco Popolare e Banca Popolare di Milano, un conto Webank e uno Youbanking sono intrattenuti con la stessa banca (Banco BPM). Quindi, se si ha una giacenza media di € 4.700 sul primo e di € 500 sul secondo, e i due conti hanno la stessa intestazione, poiché € 4.700 + € 500 > € 5.000 si paga il bollo su entrambi, anche se singolarmente non raggiungono la giacenza media di € 5.000.

Le linee vincolate, se presenti, pagano invece l'imposta di bollo proporzionale dello 0,2% annuo del totale presente l'ultimo giorno del periodo rendicontato, indipendentemente dalla giacenza media e con un minimo di € 1. Le linee vincolate non contribuiscono ad aumentare la giacenza media ai fini del raggiungimento della soglia dei € 5.000 che fa scattare l'imposta di bollo per il conto corrente (ma contribuiscono ad aumentare la giacenza media da indicare nella DSU per l'ISEE). Se il saldo delle linee vincolate è 0, ma sono stati presenti vincoli nel periodo rendicontato, viene fatta pagare l'imposta minima di 1 euro.

Se la rendicontazione non è annuale, come di default per il conto Webank, o se il conto corrente è stato aperto in corso d'anno, entrambe le imposte di bollo (fissa su conto corrente+conto deposito, proporzionale sulle linee vincolate) si pagano in proporzione al periodo rendicontato (circa 8,55 per un trimestre di imposta fissa).

Torna all'indice



Apertura del conto


Da Agosto 2022 è stata introdotta la possibilità di identificazione tramite SPID, mentre da Giugno 2022 è attiva la modalità paperless che consente di firmare i vari documenti tramite "firma digitale remota".

Questa comodità però è al momento utilizzabile solo per i conti NON COINTESTATI e per i NON GIA' CLIENTI.

Per i già clienti o per i conti cointestati si ricade quindi nella modalità "standard" che per apertura del conto corrente o del deposito titoli, richiesta della carta di credito, richiesta di portabilità da altro conto, ecc. richiede la firma e la spedizione del contratto cartaceo. I contratti possono essere spediti per posta, o anche, se viene più comodo (soprattutto, è più economico) consegnati in una qualunque filiale di Banco BPM, visto che hanno un loro servizio di posta interna.

Fate attenzione, perché, se si sceglie il riconoscimento in filiale per l'apertura del conto corrente, l'impiegato non deve solo prendere in consegna il contratto, ma anche timbrarlo e firmarlo, mentre per i contratti successivi all'apertura (o se avete scelto il riconoscimento mediante bonifico) è sufficiente consegnare i contratti già firmati. Fate attenzione soprattutto con gli sportelli ex Banco Popolare, che potrebbero non essere ancora abbastanza pratici con le procedure relative a Webank:

Sono abbastanza contrariato: 😠 appena ricevuta telefonata da Webank. Risulta che il funzionario della banca (sportello ex BPV ex Banco Popolare ora Banco BPM) non ha firmato e timbrato il contratto: di fatto non ha fatto l'identificazione. Motivazione "quegli sportelli non sono della nostra banca"; mia argomentazione "fate parte di uno stesso gruppo"; solite scuse "si ma..." ecc. ecc.
Quindi mi chiedono di rifare tutto: stampa del contratto, perdite di tempo e altri 5 € di stampa, e riconsegnare, ero talmente ***ato che non ho chiesto se dovrei ritornare in quella filiale o altra ma non so se a 'sto punto apro...

Torna all'indice



Promozioni attive


Sulle promozioni di Webank esiste una discussione dedicata.

Aggiornamento Febbraio 2023

La promozione seguente non è stata prorogata:

Conto Webank a Zero Canone per i nuovi correntisti che lo richiedono entro il 31.01.2023.

NOTA: per nuovo correntista si intende un cliente che non ha avuto rapporti di conto corrente con BancoBPM nei sei mesi precedenti la richiesta di apertura del Conto WeBank.

Torna all'indice



Carta di credito


Webank è rimasto uno dei pochi conti correnti (anzi, probabilmente l'unico) ad offrire una carta di credito gratuita (nel senso che è senza canone e senza imposta di bollo).
Per eventuali quesiti riguardanti la carta di credito Cartimpronta di Webank usate questa discussione.

Aggiornamento 26 Luglio 2022

"Alla data di efficacia della presente comunicazione, ossia a partire dal
04/10/2022 saranno disponibili i seguenti Wallet: Samsung Pay, Google Pay, Apple Pay, Garmin Pay, Fitbit Pay e Xiaomi Pay; eventuali ulteriori Wallet tempo per tempo disponibili saranno comunicati mediante aggiornamento della Guida Operativa, consultabile sul Sito internet del Servizio Webank della Banca, previa campagna di comunicazione alla clientela."

Torna all'indice



Firma digitale


Dai primi di giugno 2021 è attiva, in area privata, la procedura per richiedere la firma digitale, che permette di firmare i documenti senza doverli consegnare in formato cartaceo (penso per richiesta carta di credito o di debito, deposito titoli, ecc.):

Dopo aver fatto login in area privata, My Home - Dati e impostazioni personali - Codice di accesso e Firma Digitale - Firma digitale - Richiedi la Firma Digitale
Bisogna inserirei il documento e aspettare che venga validato, poi (probabilmente il giorno dopo) ripetere il percorso, e proseguire con la richiesta.

Proseguendo con l'adesione sarà possibile firmare digitalmente e perfezionare i contratti per prodotti e servizi offerti da Banco BPM S.p.A. e dalle società di prodotti e servizi di cui la Banca è distributrice.

Torna all'indice



Bonifici in uscita


Orari di cut-off:

Importi inferiori o pari a € 100.000: h.18:00 (a partire dal 03/06/2019; prima era 19:00)
Importi superiori a € 100.000 nelle giornate lavorative: h.15:00
Importi superiori a € 100.000 nelle giornate semifestive: h.11:30
Bonifico urgente: h.16:30

Con comunicazione del 18/03/2019, sono stati comunicati i nuovi orari di cut-off, che anticipano quelli riportati in questo foglio informativo.

Sempre a partire dal 03/06/2019, i bonifici ordinati nella giornata di esecuzione possono essere annullati (laddove previsto, ovvero, se non erro, con eccezione per i bonifici istantanei) entro un'ora dalla disposizione. Inoltre sono stati introdotti, rimuovendo il preesistente limite di € 50.000 per il singolo bonifico, limiti giornalieri e mensili ai bonifici in uscita.
I limiti di default sono € 50.000 al giorno e € 100.000 al mese, ma possono essere facilmente variati nell'area privata, anche se non è possibile superare i € 500.000 al giorno, né i € 500.000 al mese. La modifica sembra istantanea (per cui non capisco a cosa serva).

Esiste anche un limite al numero di bonifici urgenti e/o istantanei effettuabili in una giornata pari a 3 (informazione confermata a @batti38 dal servizio clienti)

Torna all'indice



Servizio Clienti


Riportiamo il testo di una mail ricevuta dall'utente @P4skhe :

"Gentile Cliente,
siamo spiacenti di non poter prendere in carico la sua richiesta e la invitiamo ad utilizzare gli altri canali di assistenza in quanto il canale email non è disponibile.
All’interno della parte privata del sito e della nuova APP è sempre a sua disposizione l’Assistente Virtuale "Paolo" che può rispondere rapidamente alle sue domande tutti i giorni e in qualsiasi orario.
Per ricevere assistenza da un operatore la invitiamo a contattarci telefonicamente attraverso la funzione "Ottieni supporto" che può trovare all’interno della parte privata della nuova APP:
• Se ha il token APP ci più contattare comodamente senza dover digitare alcun codice;
• Se ha il token fisico sarà richiesta la digitazione della User Id e dell’OTP.
In alternativa, può chiamare direttamente il numero verde 800 060 070, digitando la User Id e l’OTP generato con lo strumento di sicurezza, laddove sia richiesta l’identificazione.  
I servizi con operatore sono attivi dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 22.00 ed il sabato dalle 9.00 alle 17.00.
A causa delle numerose richieste che stiamo ricevendo, i tempi di attesa per parlare con un operatore potrebbero essere più lunghi del solito.
Scusandoci per il disagio, le confermiamo il nostro massimo impegno per ripristinare al più presto i livelli di servizio abituali.
Un saluto cordiale.
Il team di Webank

Altri utenti testimoniano che il canale e-mail, sebbene non citato in questa risposta, continua ad essere disponibile all'indirizzo webank@webank.it ma, affinché venga preso in considerazione, è necessario che il messaggio mail contenga un documento allegato (possibilmente in formato PDF).

Torna all'indice



Carta di debito


La carta di debito di Webank non prevede canone né spese di spedizione (almeno per la spedizione standard). Può essere usata per prelevare, senza commissioni, da tutti gli sportelli automatici in Italia e area Euro e, ovviamente, per effettuare acquisti in negozi fisici, ma non è abilitata agli acquisti online, pur avendo, nelle versioni più recenti, un PAN a 19 cifre.
Viene automaticamente spedita all'apertura del conto (non se ne può fare a meno). Tuttavia, se non viene attivata entro un certo tempo, non può più essere utilizzata, nel qual caso, se serve, ne va richiesta una nuova (firmando il relativo contratto e spedendolo o consegnandolo in filiale).
Qui trovate il foglio informativo della carta di debito.

Torna all'indice



Elenco ATM evoluti


Sperando di fare cosa gradita agli utilizzatori di FOL ho voluto creare una mappa di tutti gli ATM evoluti (quindi per intenderci quelli dove si può anche versare contanti o assegni) del Banco BPM visto che sul loro sito non sono subito evidenziati ma rientrano nel "calderone" di tutti gli ATM :rolleyes:

I dati sono stati presi dal sito ufficiale quindi aggiornati a Gennaio 2020. Se ci sono incongruenze o errori di posizionamento sulla mia mappa siete pregati di avvisarmi così posso modificarli.
Di tutte le posizioni inserite l'unico dubbio di non averlo messa al posto giusto è l'ATM di Segrate(MI) presso Aereporto di Linate. Se qualcuno sa l'ubicazione esatta me la dia OK!

Ed ecco il link alla mappa consultabile on line. Fatene buon uso :D

Ho provveduto ad aggiungere le info sugli ATM non disponibili H24 sulla mappa che ho creato evidenziandoli di colore rosso. Spero che così sia più immediata la visualizzazione.

Torna all'indice



Deposito titoli


Il deposito titoli non viene aperto congiuntamente al conto corrente, ma occorre farne espressa richiesta successivamente compilando e inviando per posta o consegnando in una filiale Banco BPM il contratto cartaceo firmato. Al momento non risulta la possibilità di sfruttare la Firma digitale e procedere ad una trasmissione in forma dematerializzata.

Non vi sono costi di apertura o altri costi fissi (canoni), così come non vengono addebitati diritti di custodia sui titoli posseduti, mentre sono richieste commissioni sulle operazioni di compravendita. E' possibile scegliere tra due diversi profili commissionali, fisso o variabile, che prevedono rispettivamente un importo costante o una percentuale sul controvalore dell'operazione con un minimo e un massimo.

Per entrambi i profili, l'importo o la percentuale applicati dipendono dall'importo totale di commissioni generate nel mese precedente. A titolo di esempio, la fascia più cara sui mercati telematici azionari ed obbligazionari Italia prevede:
  • Profilo fisso: 12 Euro ad eseguito
  • Profilo variabile: 0,19% con minimo 2,75 Euro e massimo 18,90 Euro.
II dettaglio delle commissioni per le varie fasce e i diversi mercati è disponibile alla pagina Commissioni Trading Online - Webank oppure sul foglio informativo presente nella sezione Trasparenza del sito.

Il passaggio dal profilo fisso a quello variabile o viceversa può essere effettuato direttamente dalla propria area personale, ma con effetto dal mese successivo.

Le quotazioni in tempo reale sono disponibili gratuitamente per i mercati Italia ed EuroTLX, mentre per i restanti mercati è richiesto un canone, azzerabile in funzione delle commissioni generate nel mese. Le quotazioni differite sono invece sempre gratuite.

Per gli utenti che necessitano di strumenti di trading più sofisticati, Webank può fornire la piattaforma T3 che prevede diversi livelli di operatività con relativo canone (vedere foglio informativo).

Per coloro che generano un alto numero di eseguiti mensile, Webank mette a disposizione i propri promotori finanziari che possono offrire condizioni più vantaggiose. I contatti dei promotori si possono trovare o agli eventi fisici o nei webinar presenti nel canale youtube, nel caso è bene contattarli prima di aprire il conto.

[si ringraziano @Vincent Vеga e @Atakanoseki per i suggerimenti.]

Torna all'indice



Uso del token


Per autorizzare le operazioni dispositive (per esempio, i bonifici) è necessario generare una OTP (one time password). In fase di apertura del conto il cliente può scegliere tra un token fisico (costo: 15 € per l'attivazione, addebitate in genere qualche mese dopo, ma con valuta corretta: quindi, finché non li addebitano, state attenti a non andare in rosso se il vostro saldo scende sotto i 15 €) o software (app gratuita da installare sul proprio smartphone).
L'OTP è necessaria per il login e per le operazioni dispositive (es.: bonifici), mentre non è richiesta per le compravendite di titoli.

Se si usa un token software, e si ha necessità di ripristinare l'app (dopo aver formattato il telefono, o cambiato telefono), seguite le indicazioni dell'utente @Cranio . Attenzione! Queste istruzioni sono valide se non avete cambiato numero di telefono!

Ho rifatto la procedura di attivazione app perché mi si è disintegrato il telefono, e devo correggere quanto detto in precedenza. C'è un passaggio in più, quello dell'email (in grassetto).


1. Installare app sul nuovo telefono
2. Fare log-in con ID utente e password
3. La app chiede se vuoi abilitarla come principale o come secondaria
4. Scelto di abilitarla come principale, quella sull'altro telefono diventa secondaria (vale a dire che non dà operatività).
5. Ricevuto codice via SMS sul telefono registrato
6. Ricevuto codice su email "certificata"
7. Ricevuta email di notifica di installazione app
8. Scelta del pin per operatività


Ora può essere che i passaggi da 5 a 7 non siano cronologicamente corretti, ma quelli sono. Non c'è bisogno di chiamare assistenza.

In pratica per fare il cambio app sono necessari 4 elementi:
1. ID utente
2. Password
3. Scheda SIM (vale a dire numero telefonico precedentemente associato al conto)
4. Email associata al conto.

Torna all'indice
 

Allegati

  • interessiWebank.ods
    74 KB · Visite: 62
Ultima modifica:
ciao mi interessava la carta prepagata e riguardo le commissioni di ricarica il foglio informativo riporta (a costo zero):
- commissione ricarica automatica a tempo a soglia
Se qualcuno utilizza il prodotto: cosa si intende esattamente?
Posso scegliere che si ricarichi sotto una certa soglia e basta, o come minimo si ricarica comunque almeno ad es una volta al mese? Quali sono le soglie minime, di tempo e di valore, impostabili per l'automatismo?
grazie mille
 
Ultima modifica:
Domanda da utente che ha da anni il conto.
Quando Webank ha introdotto l'autenticazione a token, ho scelto e pagato il token fisico da 15 euro (che ha la forma di minicalcolatrice con tastiera numerica, esattamente questo: https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSdYvqh_Cpan18h9bUmI1WzavQGJQ1nEbYWdKm6-NPw&s).
Ora tale token, all'accensione, indica qualcosa che credo sia "battery low". Ed in effetti il display sembra avere luminosità ridotta di uso in uso.

Qualcuno ha idea se tale apparecchio si possa aprire in qualche modo (anche artigianalmente) per sostituire la batteria? Dalle dimensioni non può essere nulla di più grande di una batteria a bottone cr2032. Ma potrebbe anche essere qualcosa saldato sulla mini scheda madre del dispositivo. Qualcuno l'ha mai aperta o sa dare dettagli su tale possibilità?

In alternativa: qualcuno a cui tale dispositivo è già morto (o l'ha perso) ha chiesto un sostituto? Vorrei sapere se è possibile averlo anche oggi, anche pagando se necessario altre 15 euro.
(vorrei evitare la soluzione sul cell che sarebbe assolutamente scomoda per me).
 
Ultima modifica:
Domanda da utente che ha da anni il conto.
Quando Webank ha introdotto l'autenticazione a token, ho scelto e pagato il token fisico da 15 euro (che ha la forma di minicalcolatrice con tastiera numerica, esattamente questo: https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSdYvqh_Cpan18h9bUmI1WzavQGJQ1nEbYWdKm6-NPw&s).
Ora tale token, all'accensione, indica qualcosa che credo sia "battery low". Ed in effetti il display sembra avere luminosità ridotta di uso in uso.

Qualcuno ha idea se tale apparecchio si possa aprire in qualche modo (anche artigianalmente) per sostituire la batteria? Dalle dimensioni non può essere nulla di più grande di una batteria a bottone cr2032. Ma potrebbe anche essere qualcosa saldato sulla mini scheda madre del dispositivo. Qualcuno l'ha mai aperta o sa dare dettagli su tale possibilità?

In alternativa: qualcuno a cui tale dispositivo è già morto (o l'ha perso) ha chiesto un sostituto? Vorrei sapere se è possibile averlo anche oggi, anche pagando se necessario altre 15 euro.
(vorrei evitare la soluzione sul cell che sarebbe assolutamente scomoda per me).
Condivido il fatto di non volere il cellulare.
Non credo che la batteria sia saldata. Come dici tu potrebbe essere il solito "bottone" (quale ? accertati dopo aperto e prima di toglierla).
Attenzione al fatto di non lasciare per troppo tempo il dispositivo senza alimentazione. Potrebbe intervenire un reset irreversibile (non sono sicuro, pero è meglio munirsi di una batteria nuova "prima").
Dovresti "indagare" per aprirlo
Buona fortuna
 
Condivido il fatto di non volere il cellulare.
Non credo che la batteria sia saldata. Come dici tu potrebbe essere il solito "bottone" (quale ? accertati dopo aperto e prima di toglierla).
Attenzione al fatto di non lasciare per troppo tempo il dispositivo senza alimentazione. Potrebbe intervenire un reset irreversibile (non sono sicuro, pero è meglio munirsi di una batteria nuova "prima").
Dovresti "indagare" per aprirlo
Buona fortuna
Esistono delle soluzioni di accumulo energia su componenti allo stato solido (tipo miniflash x energia) che vengono saldati su minischede per applicativi simili. Credo tale soluzione sia attuata in altri token sottilissimi stile carta di credito (come quelli che usava un tempo Youbanking).
Ovviamente senza aprirla non posso sapere che batteria esatta monta (c'è una grande varietà anche delle sole batterie a bottone) e procurarmela prima....
 
Esistono delle soluzioni di accumulo energia su componenti allo stato solido (tipo miniflash x energia) che vengono saldati su minischede per applicativi simili. Credo tale soluzione sia attuata in altri token sottilissimi stile carta di credito (come quelli che usava un tempo Youbanking).
Ovviamente senza aprirla non posso sapere che batteria esatta monta (c'è una grande varietà anche delle sole batterie a bottone) e procurarmela prima....
non ti sarà sfuggito che il mio "prima" si riferisce a prima di togliere la batteria (o quello che sarà) e, ovviamente, dopo aver aperto il dispositivo.
(quando "vedi" l'alimentazione e se la sostituzione del "componente" è fattibile).
 
Scusate riposto qua il mio quesito visto che praticamente l'ho scritto come ultimo post del precedente capitolo e magari in molti non lo leggerebbero.

Da qualche mese ho un conto Webank intestato solo a me.

La "cara moglie" vorrebbe avere una seconda carta di debito o una carta di credito a lei intestata...con addebito sul mio conto. Webank non prevede una carta (ne di debito ne di credito) supplementare intestata ad un familiare e comunque anche una carta di credito aggiuntiva (che è invece possibile pagando 12€) sarebbe intestata a me e formalmente non potrebbe usarla la moglie.

Mi ci vuole un'altra soluzione: qualcun altro ha avuto la stessa necessità? Avete suggerimenti?
 
Scusate riposto qua il mio quesito visto che praticamente l'ho scritto come ultimo post del precedente capitolo e magari in molti non lo leggerebbero.

Da qualche mese ho un conto Webank intestato solo a me.

La "cara moglie" vorrebbe avere una seconda carta di debito o una carta di credito a lei intestata...con addebito sul mio conto. Webank non prevede una carta (ne di debito ne di credito) supplementare intestata ad un familiare e comunque anche una carta di credito aggiuntiva (che è invece possibile pagando 12€) sarebbe intestata a me e formalmente non potrebbe usarla la moglie.

Mi ci vuole un'altra soluzione: qualcun altro ha avuto la stessa necessità? Avete suggerimenti?
ti fai una amex e chiedi la supplementare a nome di tua moglie (il tutto addebitato sul conto webank)
 
A proposito...

Appena ricevuta questa e-mail da Webank:

2023-01-05 12_57_54-Posta in arrivo.png

...ma ti pare che non dicono nemmeno il perché? ...ora li chiamo.

Già successo a qualcuno?
 
ti fai una amex e chiedi la supplementare a nome di tua moglie (il tutto addebitato sul conto webank)
Questa può essere una buona idea, anche se Amex (io ho già una corporate) non è che sia proprio ben accetta da tutti per le alte commissioni che applica eh?! Altre possibili carte non associate ad una banca magari Matercardo o Visa?
 
A proposito...

Appena ricevuta questa e-mail da Webank:

Vedi l'allegato 2869212
...ma ti pare che non dicono nemmeno il perché? ...ora li chiamo.

Già successo a qualcuno?
I requisiti da soddisfare sono richiesti per procedere alla valutazione ma non vi è mai certezza di concessione ; è così per tutte le banche ,anche quelle che chiedono documentazione reddituale ,e i motivi di rifiuto sono vari e non facilmente individuabili ,si va dal eccessiva o dalla poca esposizione creditizia,a segnalazioni al CRIF,dal poco utilizzo del conto che non aiuta a capire le reali capacità di sostenere un fido ma anche dal fatto che il giorno che è stata valutazione il funzionario si è alzato male oppure è uno di quelli di braccino corto
Quanto accaduto non deve però scoraggiarti ,continua a fare richiesta ed a utilizzare il conto e vedrai che prima o poi te la concedono; ovviamente puoi provare a chiedere il rilascio della carta di credito ad altro intermediario,ricorda solo che la richiesta di un fido permane per un mese sul CRIF quindi è meglio lasciare trascorrere questo tempo per evitare un possibile rifiuto dovuto a questa situazione
 
Ultima modifica:
Ma è possibile rifiutare tutte le loro carte?
Dove si flegga NO?
 
Domanda da utente che ha da anni il conto.
Quando Webank ha introdotto l'autenticazione a token, ho scelto e pagato il token fisico da 15 euro (che ha la forma di minicalcolatrice con tastiera numerica, esattamente questo: https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSdYvqh_Cpan18h9bUmI1WzavQGJQ1nEbYWdKm6-NPw&s).
Ora tale token, all'accensione, indica qualcosa che credo sia "battery low". Ed in effetti il display sembra avere luminosità ridotta di uso in uso.

Qualcuno ha idea se tale apparecchio si possa aprire in qualche modo (anche artigianalmente) per sostituire la batteria? Dalle dimensioni non può essere nulla di più grande di una batteria a bottone cr2032. Ma potrebbe anche essere qualcosa saldato sulla mini scheda madre del dispositivo. Qualcuno l'ha mai aperta o sa dare dettagli su tale possibilità?

In alternativa: qualcuno a cui tale dispositivo è già morto (o l'ha perso) ha chiesto un sostituto? Vorrei sapere se è possibile averlo anche oggi, anche pagando se necessario altre 15 euro.
(vorrei evitare la soluzione sul cell che sarebbe assolutamente scomoda per me).
E' lo stesso token che danno in BPM per i correntisti dei loro c/c. Quando si è scarico all'epoca 3/4 anni fa l'hanno sostituito gratuitamente.
 
Domanda da utente che ha da anni il conto.
Quando Webank ha introdotto l'autenticazione a token, ho scelto e pagato il token fisico da 15 euro (che ha la forma di minicalcolatrice con tastiera numerica, esattamente questo: https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSdYvqh_Cpan18h9bUmI1WzavQGJQ1nEbYWdKm6-NPw&s).
Ora tale token, all'accensione, indica qualcosa che credo sia "battery low". Ed in effetti il display sembra avere luminosità ridotta di uso in uso.

Qualcuno ha idea se tale apparecchio si possa aprire in qualche modo (anche artigianalmente) per sostituire la batteria? Dalle dimensioni non può essere nulla di più grande di una batteria a bottone cr2032. Ma potrebbe anche essere qualcosa saldato sulla mini scheda madre del dispositivo. Qualcuno l'ha mai aperta o sa dare dettagli su tale possibilità?

In alternativa: qualcuno a cui tale dispositivo è già morto (o l'ha perso) ha chiesto un sostituto? Vorrei sapere se è possibile averlo anche oggi, anche pagando se necessario altre 15 euro.
(vorrei evitare la soluzione sul cell che sarebbe assolutamente scomoda per me).
Devi cercare nella discussione, ci sono entrambe le risposte.
Un utente seguendo un video amatoriale era riuscito a sostituire la batteria (non consigliato).
A chi si stava esaurendo la batteria aveva contattato webank, non ricordo esattamente la prassi.
 
I requisiti da soddisfare sono richiesti per procedere alla valutazione ma non vi è mai certezza di concessione ; è così per tutte le banche ,anche quelle che chiedono documentazione reddituale ,e i motivi di rifiuto sono vari e non facilmente individuabili ,si va dal eccessiva o dalla poca esposizione creditizia,a segnalazioni al CRIF,dal poco utilizzo del conto che non aiuta a capire le reali capacità di sostenere un fido ma anche dal fatto che il giorno che è stata valutazione il funzionario si è alzato male oppure è uno di quelli di braccino corto
Quanto accaduto non deve però scoraggiarti ,continua a fare richiesta ed a utilizzare il conto e vedrai che prima o poi te la concedono; ovviamente puoi provare a chiedere il rilascio della carta di credito ad altro intermediario,ricorda solo che la richiesta di un fido permane per un mese sul CRIF quindi è meglio lasciare trascorrere questo tempo per evitare un possibile rifiuto dovuto a questa situazione
Allora...sentito Webank (sezione Carte). Pare che i requisiti minimi per emissione "Cartimpronta ONE" richiesti siano:
  1. Giacenza minima di 5000€
  2. Accredito stipendio da almeno due mesi. Per i lavoratori autonomi è richiesto in alternativa un accredito minimo di 1500€.
Io ho chiuso oggi altro mio conto sul quale accreditavo lo stipendio quindi evidentemente non soddisfo ancora il requisito 2...
...ma dove caspiterina lo hanno mai scritto che per la carta servivano questi requisiti? Mah, lo posso capire che prima di fidarsi vogliono delle garanzie, lo potevano chiarire prima pero cosa si aspettano così uno si regola meglio no?
 
Allora...sentito Webank (sezione Carte). Pare che i requisiti minimi per emissione "Cartimpronta ONE" richiesti siano:
  1. Giacenza minima di 5000€
  2. Accredito stipendio da almeno due mesi. Per i lavoratori autonomi è richiesto in alternativa un accredito minimo di 1500€.

Anche io ho aperto il conto e al momento mi hanno "congelato" la richiesta, a me hanno indicato che per richiedere Cartimpronta ONE è necessario soddisfare almeno uno dei seguenti requisiti:

- avere l'accredito dello stipendio da almeno due mesi
- avere accrediti di importo pari o superiore a 1500 euro in due mesi consecutivi
- avere un saldo del conto pari o superiore a 5.000 euro.

Sai come ho risolto? Ho richiesto la carta NEXI a 12 euro l'anno. Approvata e ricevuta ieri tramite posta raccomandata.
 
Anche io ho aperto il conto e al momento mi hanno "congelato" la richiesta, a me hanno indicato che per richiedere Cartimpronta ONE è necessario soddisfare almeno uno dei seguenti requisiti:

- avere l'accredito dello stipendio da almeno due mesi
- avere accrediti di importo pari o superiore a 1500 euro in due mesi consecutivi
- avere un saldo del conto pari o superiore a 5.000 euro.

Sai come ho risolto? Ho richiesto la carta NEXI a 12 euro l'anno. Approvata e ricevuta ieri tramite posta raccomandata.
Interessante, grazie! Quale delle Nexi ha 12 euro l'anno? Si può chiedere anche una Carta Familiare?

Comunque cercando in internet i costi di Nexi che ho trovato sembrano questi:

"Si va comunque da un minimo di 35 euro (per le carte Classic e individuali) fino ai 250 euro della Cobranded platinum, passando per i 60 euro della versione gold e i 120 di quella Platinum."

Sul sito specifico di Nexi ti fa vedere le schede delle carte, (la carta Nexi classic avrebbe pure l'opzione di attivare una Carta familiare) ma non ci sono i costi, almeno io non li ho trovati
 
Ultima modifica:
La "cara moglie" vorrebbe avere una seconda carta di debito o una carta di credito a lei intestata...con addebito sul mio conto. Webank non prevede una carta (ne di debito ne di credito) supplementare intestata ad un familiare e comunque anche una carta di credito aggiuntiva

Sicuro? Hai chiesto?
Devi chiedere una carta "familiare" non una "aggiuntiva".

Nel FI di cartaimpronta leggo:
"carta di credito emessa a favore di un familiare di un titolare di carta"

La carta familiare ha intestazione, ovviamente, diversa, ma condivide il plafond.

Alternativa, una delle tante carte gratuite e colleghi SDD al c/c.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Indietro