Contratto di finanziamento e diritto di recesso

Voltaire

Gennarino Fan's Club
Registrato
25/3/00
Messaggi
13.117
Punti reazioni
454
Nel contratto di finanziamento (erogato da una finanziaria) deve essere previsto il diritto di recesso?

Aggiungo che il finanziamento è generico (indicazione: motivi familiari) e che la richiesta (tecnicamente è una richiesta di finanziamento, poi accettata) è avvenuta nella sede della finanziaria.

Secondo quanto mi risulta, il diritto di recesso spetta e deve essere indicato nel contratto.
 
Scritto da Méchant
Intendi un prestito chirografario con piano di rientro a scadenza prestabilita concesso a persona fisica?


Esatto.

Chiedo se è possibile recedere, vale a dire non utilizzare il danaro, senza dover sottostare a penalizzazioni di alcun genere.
 
LA FIRMA DEL CONTRATTO

Una volta ottenute tutte le informazioni sull'operazione di finanziamento viene il momento della sottoscrizione del contratto.
Il contratto di credito al consumo deve essere redatto per iscritto e una copia deve essere consegnata al cliente.

Esso deve contenere:
1. il nome della banca o della finanziaria che eroga il finanziamento e i dati identificativi del consumatore che lo richiede;
2. l'importo del prestito e le modalità di erogazione;
3. numero, importo e scadenza delle singole rate di rimborso;
4. TAN e TAEG con il dettaglio delle condizioni secondo le quali possono essere eventualmente modificati;
5. importo e causale degli oneri esclusi dal calcolo del TAEG;
6. eventuali maggiori oneri applicabili in caso di mora;
7. eventuali garanzie richieste;
8. eventuali coperture assicurative richieste al consumatore e non comprese nel calcolo del TAEG;
9. modalità di recesso.


http://www.assofin.it/It/credito3.html
 
Il recesso vero e proprio (non l'anticipata estinzione) non esiste?
 
Grazie.

Anche io ho posto le domande senza avere il contratto sottomano, più tardi dovrebbero inviarmelo.
 
Non ancora, ma pare che il recesso non ci sia.
 
Mi sembra di ricordare che i contratti tra cui quello di finanziamento, devono avere indicate le modalità di recesso. In caso contrario il contratto è nullo, anche se la nullità può essere fatta valere solo dal cliente.

Mi sembra addirittura che fosse una domanda della sessione di luglio.

ciao,
Marco
 
"L'omessa indicazione della facoltà di recesso nei moduli o formulari dei contratti di collocamento di strumenti finanziari conclusi fuori sede comporta:

la nullità dei relativi contratti, che può essere fatta valere solo dal cliente"

Ciao,
Marco
 
Indietro