Convertire liquidità EUR in ottica lungo termine

Attikus

Nuovo Utente
Registrato
2/7/15
Messaggi
146
Punti reazioni
16
Premetto che non seguo molto il mercato delle valute, e mi sono solo svegliato (mia colpa) solo ora dopo il crollo ormai consolidato dell'euro nei confronti di usd, chf, etc. Premetto anche che avevo convertito circa un anno fa parte della mia liquidità (quella che uso principalmente per investimenti azionari/crypto) in USD, ma parlo comunque di una fetta piccola del capitale.

Vi chiedo, ha senso secondo voi, magari dopo un rimbalzino dell'euro nelle prossime settimane, convertire ulteriore liquidità EUR in altre valute più forti (principalmente USD e CHF) in ottica medio/lungo termine? Parlo ovviamente di liquidità che non mi serve per vivere ma essenzialmente destinata ad essere investita nei prossimi mesi/anni. Oppure mi sto svegliando troppo tardi e rischio di fare buy high sell low? :D
 

Attikus

Nuovo Utente
Registrato
2/7/15
Messaggi
146
Punti reazioni
16
Nessuno in vena di consigli quindi... tutti scalper ludopatici in questa sezione del forum? :D
 

gordon wolf

Nuovo Utente
Registrato
5/4/22
Messaggi
1.425
Punti reazioni
54
Nessuno in vena di consigli quindi... tutti scalper ludopatici in questa sezione del forum? :D

EURUSDMonthly.jpg

provo a rıspondertı con sto grafıco mensıle ....nel 2009 pıcco a 1.51 ...oggı 1.023
seı su un pıcco down nn toccato da 23 annı e cı chıedı un ıdea se comprare o vendere dolları
come scalper ludopatıco tı rıspondo che lavorando5 e 15 mın nn mı ınteressa mınımamente ıl prezzo dı oggı ma ıl segnale che mı permette dı guadagnare sıa andando long che short.....
se guardı bene nel 2009 vendevı euro e compravı dolları ad oggı avevı fatto ca +50% dıprofıt ma ın 22 annı :D
x chı fa tradıng tuttı ı gg un nulla dı profıt
puoı seguıre notızıe macroeconomıche ..aumentı tassı ..dısoccupazıone ....ınflazıone e se tutto tı andra bene saı gıa ...50% ın 22 annı...
questo dıcono le statıstıche dı sto grafo
x fınıre ognı ıntervento alla tua domanda avra lo stesso valore anche se saranno completamente opposte ....nessuno potra maı consıglıartı ın manıera corretta .....x questo motıvo nn haı rıcevuto rısposte OK!
 

Attikus

Nuovo Utente
Registrato
2/7/15
Messaggi
146
Punti reazioni
16
Vedi l'allegato 2839463

provo a rıspondertı con sto grafıco mensıle ....nel 2009 pıcco a 1.51 ...oggı 1.023
seı su un pıcco down nn toccato da 23 annı e cı chıedı un ıdea se comprare o vendere dolları
come scalper ludopatıco tı rıspondo che lavorando5 e 15 mın nn mı ınteressa mınımamente ıl prezzo dı oggı ma ıl segnale che mı permette dı guadagnare sıa andando long che short.....
se guardı bene nel 2009 vendevı euro e compravı dolları ad oggı avevı fatto ca +50% dıprofıt ma ın 22 annı :D
x chı fa tradıng tuttı ı gg un nulla dı profıt
puoı seguıre notızıe macroeconomıche ..aumentı tassı ..dısoccupazıone ....ınflazıone e se tutto tı andra bene saı gıa ...50% ın 22 annı...
questo dıcono le statıstıche dı sto grafo
x fınıre ognı ıntervento alla tua domanda avra lo stesso valore anche se saranno completamente opposte ....nessuno potra maı consıglıartı ın manıera corretta .....x questo motıvo nn haı rıcevuto rısposte OK!

Intanto grazie della risposta. Consentimi di ribattere però su alcuni tuoi punti:
1) la mia era una domanda orientata al lungo termine (dai 6 mesi al paio di anni), per cui non capisco perchè tu abbia voluto rispondere tirando in ballo presunte percentuali di gain derivanti da operazioni di scalping. Comunque, visto che vogliamo parlare di percentuali di gain, ironizzi sul fatto che ci sarebbero voluti 20 anni per aumentare il capitale del 50%... ma tu quanto tempo ci metti ad aumentare del 50% il tuo intero capitale? Perchè se ad ogni trade impieghi l'1% del capitale, pur facendo gain a botte di 50% ad operazione, hai voglia a doverne chiudere di operazioni in positivo prima di aumentare del 50% il tuo intero capitale! Se io avessi un milione di euro da investire ora per esempio, non mi farebbe schifo averne 1.5 tra vent'anni...

2) Se non si fosse capito, io parlavo infatti di convertire tutto o quasi il capitale (destinato ad investimenti, sia chiaro) da euro a valute più forti, con un ottica di diversificazione e per preservare il "potere di acquisto" del capitale stesso. Questo perchè, essendo soldi destinati ad essere investiti nei prossimi mesi/anni, mi romperebbe abbastanza se tra 1 anno il mio capitale da investimenti fosse calato del 10%, 15%, 20% (per esempio a causa di ulteriori calo dell'euro sul dollaro)

3) hai ragione a dire che siamo su un minimo storico dell'eur/usd, ma chi ci dice che questo sia il bottom? Per quali motivi, per esempio, non potrebbe scendere a 0.9, 0.7 o 0.5? Questo era il tipo di argomentazione che speravo di trovare in una sezione del forum frequentata da chi magari ne capisce di più di me di questo tipo di mercato (che per me è abbastanza sconosciuto, ripeto). Premetto che non bazzico mai da queste parti, ma pensavo che anche i trader di valute facessero questi ragionamenti su una scala macro più ampia, senza focalizzarsi troppo sul breve periodo. Se fate il 50% di profitti ad ogni trade, ma poi mettete tutto in euri sul conto corrente, non vi ponete la domanda se magari sia meglio convertire in qualche altra valuta fiat per non perdere parte di quei profitti? Oppure in altre parole, che senso ha shortare EUR sul breve periodo, se tanto poi sul lungo periodo siete sempre long?
 
Ultima modifica:

stachus

Duo punctum statera
Registrato
25/6/18
Messaggi
6.692
Punti reazioni
336
Intanto grazie della risposta. Consentimi di ribattere però su alcuni tuoi punti:
1) la mia era una domanda orientata al lungo termine (dai 6 mesi al paio di anni), per cui non capisco perchè tu abbia voluto rispondere tirando in ballo presunte percentuali di gain derivanti da operazioni di scalping. Comunque, visto che vogliamo parlare di percentuali di gain, ironizzi sul fatto che ci sarebbero voluti 20 anni per aumentare il capitale del 50%... ma tu quanto tempo ci metti ad aumentare del 50% il tuo intero capitale? Perchè se ad ogni trade impieghi l'1% del capitale, pur facendo gain a botte di 50% ad operazione, hai voglia a doverne chiudere di operazioni in positivo prima di aumentare del 50% il tuo intero capitale! Se io avessi un milione di euro da investire ora per esempio, non mi farebbe schifo averne 1.5 tra vent'anni...

2) Se non si fosse capito, io parlavo infatti di convertire tutto o quasi il capitale (destinato ad investimenti, sia chiaro) da euro a valute più forti, con un ottica di diversificazione e per preservare il "potere di acquisto" del capitale stesso. Questo perchè, essendo soldi destinati ad essere investiti nei prossimi mesi/anni, mi romperebbe abbastanza se tra 1 anno il mio capitale da investimenti fosse calato del 10%, 15%, 20% (per esempio a causa di ulteriori calo dell'euro sul dollaro)

3) hai ragione a dire che siamo su un minimo storico dell'eur/usd, ma chi ci dice che questo sia il bottom? Per quali motivi, per esempio, non potrebbe scendere a 0.9, 0.7 o 0.5? Questo era il tipo di argomentazione che speravo di trovare in una sezione del forum frequentata da chi magari ne capisce di più di me di questo tipo di mercato (che per me è abbastanza sconosciuto, ripeto). Premetto che non bazzico mai da queste parti, ma pensavo che anche i trader di valute facessero questi ragionamenti su una scala macro più ampia, senza focalizzarsi troppo sul breve periodo. Se fate il 50% di profitti ad ogni trade, ma poi mettete tutto in euri sul conto corrente, non vi ponete la domanda se magari sia meglio convertire in qualche altra valuta fiat per non perdere parte di quei profitti? Oppure in altre parole, che senso ha shortare EUR sul breve periodo, se tanto poi sul lungo periodo siete sempre long?


La tua richiesta non ha nulla o poco da condividere con la normale attività ( retail), per tanto le analisi di breve c'entrano come cavoli a merenda, ma piuttosto ad una più approfondita analisi appunto detta fondamentale dell'economia della nazione alla quale affidare il proprio gruzzolo, cosa non alla portata di tutti perchè implimentata da un infinità di dati economici dai quali trarre la decisione o meno di procedere, attenzione ai cicli economici futuri i quali non sono scanditi dal tempo ma susseguenti sopratutto da crisi bancarie non prevedibili nel lungo tempo............a questo punto io personalmente piuttosto che scambiare la mia valuta con un'altra, sarei più propenso di pensare al settore azionario, ma anche li come sopra occorre essere bravi e conoscitore di analisi fondamentale.......auguri.
 

gordon wolf

Nuovo Utente
Registrato
5/4/22
Messaggi
1.425
Punti reazioni
54
Ciao...ho solo espresso una opinione basata su un grafico che se fosse anziche un mensile un 5 o 15 minuti porterebbe ai ragionamenti che ti ho scritto....x srmplificare long o sh a segnale di una ipotetica strategia
Riguardo al fatto ...se tu avessi 1 milione mi troverei con.....
Io lavoro a leva e posso ampliarla fino a 1.000:D
Quindi se tu avessi 1 milione ...potrei fare le stesse cose con 1.000 euro e tralasciando il discorso riskio ....quanto sarebbe x me la percentuale di profit se arriviamo entrambi a 500 k ?
Riguardo al fatto che eu possa scendere a 0.5 son daccordo ...statisticamente poossibile ma x i daily trader nulla cambia ...compreremo e venderemo senza problemi
Parliamo di 2 mondi diversi OK!
Prendi informazioni...leggi notizie macro ...di tutto di piu ma la certezza...nn l avrai mai
Ciao e buon giocoOK!
 

Attikus

Nuovo Utente
Registrato
2/7/15
Messaggi
146
Punti reazioni
16
Ringrazio entrambi per le risposte. Rileggendomi forse sono stato un pò troppo polemico. In realtà, il tema che intendevo proporre è: chi segue il mercato delle valute tutti i giorni, come si comporta per proteggere la propria liquidità nel medio/lungo periodo?

Perchè a mio avviso è innegabile che, seguendo questo mercato quotidianamente, abbiate un vantaggio rispetto per esempio a chi, come me, segue altri mercati (azionario e cripto). Volenti o nolenti, anche quando si resta liquidi, si sta comunque andando long su un asset (nel mio caso in trend bearish come euro). Dunque presumo che chi conosce questo mercato abbia più chiara la situazione e sia più consapevole dei vari trend in atto, o conosca per esempio quali valute abbiano una maggiore probabilità di sovraperformare rispetto ad euro nei prossimi mesi/anni.

Per farla breve e chiudere la discussione che mi sembra non appassioni molto, il sunto è: sono long su euro ma so ben poco dello stato di salute di questo asset, e mi rendo conto anche di sapere poco di questo mercato in generale (e dei trend di lungo periodo in atto). Mi piacerebbe avere tempo e voglia di seguire questo mercato, ma in questo momento non ho proprio le risorse. Se qualcuno avrà voglia di aggiungere qualche consiglio/osservazione sull'attuale declino dell'euro e su come difendere il capitale (temporaneamente) liquido, lo ringrazio in anticipo e sappiate che mi farà piacere. Un saluto a tutti
 

stachus

Duo punctum statera
Registrato
25/6/18
Messaggi
6.692
Punti reazioni
336
Ringrazio entrambi per le risposte. Rileggendomi forse sono stato un pò troppo polemico. In realtà, il tema che intendevo proporre è: chi segue il mercato delle valute tutti i giorni, come si comporta per proteggere la propria liquidità nel medio/lungo periodo?

Perchè a mio avviso è innegabile che, seguendo questo mercato quotidianamente, abbiate un vantaggio rispetto per esempio a chi, come me, segue altri mercati (azionario e cripto). Volenti o nolenti, anche quando si resta liquidi, si sta comunque andando long su un asset (nel mio caso in trend bearish come euro). Dunque presumo che chi conosce questo mercato abbia più chiara la situazione e sia più consapevole dei vari trend in atto, o conosca per esempio quali valute abbiano una maggiore probabilità di sovraperformare rispetto ad euro nei prossimi mesi/anni.

Per farla breve e chiudere la discussione che mi sembra non appassioni molto, il sunto è: sono long su euro ma so ben poco dello stato di salute di questo asset, e mi rendo conto anche di sapere poco di questo mercato in generale (e dei trend di lungo periodo in atto). Mi piacerebbe avere tempo e voglia di seguire questo mercato, ma in questo momento non ho proprio le risorse. Se qualcuno avrà voglia di aggiungere qualche consiglio/osservazione sull'attuale declino dell'euro e su come difendere il capitale (temporaneamente) liquido, lo ringrazio in anticipo e sappiate che mi farà piacere. Un saluto a tutti

Ora ti dico una cosa che farà arricciare il naso a qualche utente.....
perchè quando parlo di cicli costoro pensano alle ruote della bicicletta, ebbene la natura è maestra è tutto un ciclo iniziando dagli anni composti da stagioni, mesi, giorni, ore, minuti, secondi....ognuno di questi è ciclico, il mercato, anzi tutti i mercati sono ciclici, anche e sopratutto il forex, pochi, pochissimi sono quelli che si rendono conto di quanti cicli, sottocicli, sottosottocicli e contro cicli, controsottocicli si formano durante diciamo un ciclo preso in osservazione.....tutto qui il segreto che sta nel riuscire non ad indovinare un ciclo qualsiasi ma a certificarlo, per non scoraggiarti ti suggeriscouna regola aurea, valida in tutte le sue forme in economia comprare a prezzo basso e vendere a prezzo alzo, mediante i grafici non dovrebbe essere difficile, capire quando avviene il ciclo di reverse se appartiene al trend in atto o al suo contrario questo è importante, sappi pure che quando diciamo hai indovinato non sta scritto nella bibbia che non si autocapovolga, è quello che i più chiamano la falsa rottura, occorre pazienza, un ultima cosa disposto ad ogni scomessa i cicli nel forex non son a scadenza ...come dire ciclica, essi iniziano e terminano quando azzo gli pare e piace sia come grandezza di volatilità, sia come durata di tempo, sia in fase negativa che positiva, e raramente come un corvo bianco in pari......fasi di ciclo:
In generale, il ciclo economico è definito da un’alternanza di fasi di intensità economica che si manifestano in successione: crisi, depressione, ripresa ed espansione. Il periodo tra due crisi viene definito ciclo economico.

La fase di crisi segna la conclusione di un ciclo economico ma anche l’avvio di quello successivo. Infatti, una volta che l’economia ha raggiunto il punto di minimo in termini di attività, la reazione di tutti i soggetti del mercato (es. Imprese, Lavoratori, Stato) permette l’avvio di un’inversione di tendenza: aumento degli investimenti, della produzione, delle vendite e del lavoro in generale. Il momento di passaggio da fase economica calante a crescita non dipende da specifici soggetti ma dall’aggregato nel complesso e per questo le fasi economiche sono considerate dinamiche di mercato. La fase successiva è denominata depressione o recessione perché le attività economiche continuano a risentire della fase di crisi

P.s. difesa del capitale due forme
1° uso dello stop loss.......non vai molto lontano, e non è il mio caso
2° bilancio dell'operazione eseguita....sempre, questa non la fa nessuno perchè non sanno mai come venirne fuori.


buona notte.
 
Ultima modifica:

gordon wolf

Nuovo Utente
Registrato
5/4/22
Messaggi
1.425
Punti reazioni
54
La discussione e' interessante ma le risposte son ....incerte
Visto che siamo in periodo di ferie ti do la mia idea di trade con esempio adeguato:D
Io ...te e stachus scegliamo dove andare in ferie ( leggi...strategia)
Quindi tu segli un bel villaggio turistico
Io un hotel extralusso
Stachus preferisce andare in bicicletta ( i suoi cicli;) ) e fare campeggio
Al ritorno tu sei entusiasta ( leggi sei a target)
Io diciamo nn troppo soddisfatto del servizio ristorante ( leggi break even)
Stachus ha avuto grossi problemi x il camping scelto e tornando indietro gli ha pure rubato la bicicletta( leggi stp loss)
Ma tanto l hanno prossimo sceglieremo le stesse vacanze perche e' lo stile di vita che piu ci piace( leggi ...stile di trading) sperando che siamo sempre in linea con le ns aspettative
Ok grazie ad entrambi x la piacevole discussione e buone vacanze:D

Ps stachus compra un bel antifurto la prox volta:p
 

stachus

Duo punctum statera
Registrato
25/6/18
Messaggi
6.692
Punti reazioni
336
La discussione e' interessante ma le risposte son ....incerte
Visto che siamo in periodo di ferie ti do la mia idea di trade con esempio adeguato:D
Io ...te e stachus scegliamo dove andare in ferie ( leggi...strategia)
Quindi tu segli un bel villaggio turistico
Io un hotel extralusso
Stachus preferisce andare in bicicletta ( i suoi cicli;) ) e fare campeggio
Al ritorno tu sei entusiasta ( leggi sei a target)
Io diciamo nn troppo soddisfatto del servizio ristorante ( leggi break even)
Stachus ha avuto grossi problemi x il camping scelto e tornando indietro gli ha pure rubato la bicicletta( leggi stp loss)
Ma tanto l hanno prossimo sceglieremo le stesse vacanze perche e' lo stile di vita che piu ci piace( leggi ...stile di trading) sperando che siamo sempre in linea con le ns aspettative
Ok grazie ad entrambi x la piacevole discussione e buone vacanze:D

Ps stachus compra un bel antifurto la prox volta:p

non ho tempo da perdere e non ti riesce di essere serio e di non fare lo sbruffone........è questione di carattere.....non mi citare tu non mi interessi. ciao cara.
 

gordon wolf

Nuovo Utente
Registrato
5/4/22
Messaggi
1.425
Punti reazioni
54
non ho tempo da perdere e non ti riesce di essere serio e di non fare lo sbruffone........è questione di carattere.....non mi citare tu non mi interessi. ciao cara.

Nervo scoperto?😂ridi ogni tanto...fa bene..un bacio perdente

Ps nn hai tempo da perdere ma rispondi a tutto....x il carattere tuo....nn pervenuto
 

gordon wolf

Nuovo Utente
Registrato
5/4/22
Messaggi
1.425
Punti reazioni
54
Ti saluto Attikus OK!
Senza perdere tempo a studiare cicli e sottocicli ...ti faccio un corso veloce
Daily prendi 2 medie ...x esempio 50 e 200 e vedi quando incrociano ( ciclo primario)
H4 con incrocio delle stesse medie( ciclo secondari
15 min e 5 min con stesse medie ( minicicli)
Fine spiegazione ma ti manchera sempre un motivo di entrata che nasce da altre strutture
I cicli e i trend servono a poco se poi nn si sa dove e come entrare
Detto da persone che seguono queste ideeOK! Ciao
 

newable

Nuovo Utente
Registrato
4/1/11
Messaggi
14.672
Punti reazioni
150
Ringrazio entrambi per le risposte. Rileggendomi forse sono stato un pò troppo polemico. In realtà, il tema che intendevo proporre è: chi segue il mercato delle valute tutti i giorni, come si comporta per proteggere la propria liquidità nel medio/lungo periodo?

Perchè a mio avviso è innegabile che, seguendo questo mercato quotidianamente, abbiate un vantaggio rispetto per esempio a chi, come me, segue altri mercati (azionario e cripto). Volenti o nolenti, anche quando si resta liquidi, si sta comunque andando long su un asset (nel mio caso in trend bearish come euro). Dunque presumo che chi conosce questo mercato abbia più chiara la situazione e sia più consapevole dei vari trend in atto, o conosca per esempio quali valute abbiano una maggiore probabilità di sovraperformare rispetto ad euro nei prossimi mesi/anni.

Per farla breve e chiudere la discussione che mi sembra non appassioni molto, il sunto è: sono long su euro ma so ben poco dello stato di salute di questo asset, e mi rendo conto anche di sapere poco di questo mercato in generale (e dei trend di lungo periodo in atto). Mi piacerebbe avere tempo e voglia di seguire questo mercato, ma in questo momento non ho proprio le risorse. Se qualcuno avrà voglia di aggiungere qualche consiglio/osservazione sull'attuale declino dell'euro e su come difendere il capitale (temporaneamente) liquido, lo ringrazio in anticipo e sappiate che mi farà piacere. Un saluto a tutti

Nel 3D sull'euro avevo dato un piccolo contributo

Buongiorno,
vedo che il 3d attira diversi neofiti alla ricerca di lumi sulle prospettive a medio-lungo termine di EUR/USD.
Difficile fare previsioni a lungo termine in presenza di tante variabili: il discorso è complesso, toccherebbe scenari macroeconomici e teorie non universalmente condivise. Cercherò di semplificarlo nei limiti delle mie limitate capacità.
Spesso si fa riferimento ai "fondamentali" di una economia per stimarne il rapporto con le altre valute, ma si tratta di un esercizio assai teorico e poco pratico, perché non esiste una formula universale che permetta di tradurlo in un range di cambio prefissato. In tempi moderni, gli Usa hanno argomentato formule empiriche a sostegno della teoria di una svalutazione artificiale dello Yuan condotta dalle autorità monetarie cinesi. Ma sono teorie di scarsa applicabilità pratica.
In generale, il prezzo di un bene è determinato dall'equilibrio fra domanda e offerta: il prezzo degli immobili è determinato sulla base dello stock di offerta e della domanda, ovvero sugli scambi effettivi. Analogamente, il valore di una azione quotata e la relativa capitalizzazione, vengono determinati sulla base degli scambi effettivi, non sempre svolti sulla base di analisi sulla reale redditività della società sottostante.
Per il Forex il discorso è un diverso, perché non riguarda un bene ma un mezzo e nasce per armonizzare lo scambio di beni e servizi fra nazioni che adottano una valuta differente. In assenza di un concambio con un mezzo comune (oro) il cambio valutario si assesta su valori determinati dalla domanda e dall'offerta, nonché dai correttivi imposti dalle banche centrali e dai governi a sostegno della propria valuta e della propria bilancia commerciale.
Per esplicitare tale concetto, prendiamo un esempio recente: il cambio USD/RUB. Schizzato in su con il conflitto in Ucraina, si è fortemente ridimensionato arrivando a valori addirittura inferiori rispetto all'inizio del conflitto: si tratta della forza implicita dell'economia russa? Rappresenta i "fondamentali"? Niente affatto: rappresenta l'equilibrio fra domanda e offerta, dove la domanda USD in cambio di rubli è sterilizzata dalle sanzioni economiche che impediscono l'acquisto di beni verso la Russia, mentre la domanda di rubli è sostenuta dalla vendita di beni energetici in rubli.
Un altro mezzo classico per correggere l'equilibrio fra domanda e offerta è rappresentato dai dazi, che alzano artificiosamente il prezzo dei beni in ingresso in un paese (vedi la politica dei dazi attuata da Trump) con la finalità di riequilibrare la bilancia commerciale.
Ma veniamo alle politiche attuate dalla banche centrali. Oltre alla possibilità di interventi diretti sul mercato dei cambi (lo sport preferito dalla SNB: alcuni ricorderanno il fallimento di hedge fund e broker in occasione dell'improvvisa rinuncia al cap price sul franco svizzero di qualche annetto fa) agisce principalmente sul tasso di cambio ufficiale. Ovviamente l'azione sui tassi non è finalizzata al "cambio", ma ha un importantissimo risvolto sullo stesso, specialmente in quest'epoca di enorme massa monetaria, leva finanziaria e mobilità dei capitali. Accanto al trade di beni e servizi, la mobilità dei capitali finanziari rappresenta una parte sempre più rilevante del meccanismo di domanda e offerta. Un tasso di interesse analogo fra le due sponde dell'Atlantico risulta neutrale alla scelta valutaria, ma un differenziale di cambio rilevante innesca un carry trade a favore della valuta che offre tassi di interesse più interessanti: è questo il motore principale del cambio EUR/USD in questo momento e permarrà fintanto che il differenziale di tasso di interesse rimarrà elevato. D'altra parte, un euro più debole favorisce l'esportazione di beni e servizi verso gli Usa e questo nel tempo contribuirà a bilanciare la debolezza dell'euro.
L'innalzamento dei tassi in Usa è dovuto alla crescita dell'inflazione e l'inflazione è un risvolto diretto dell'espansione monetaria pilotata dalla Fed: è una crisi prevalentemente finanziaria, che conduce a un periodo di recessione pilotato di un'economia finora in crescita.
La situazione europea è completamente differente ed eterogenea: l'inflazione è principalmente attribuita all'aumento dei costi energetici e la capacità della BCE di contrastarla agendo sui tassi di interesse è fortemente limitata anche dal fardello costituito dal debito pubblico di alcuni paesi. Ma un eccessivo indebolimento dell'euro, peggiora la bilancia dei pagamenti per l'approvvigionamento energetico, alimentando le cause stesse dell'inflazione. Finora abbiamo registrato un'inflazione dei prezzi al consumo intorno al 8% su base annua, ma quella dei prezzi del produttore sta viaggiando a oltre il 30%. Questo scenario costituisce un ulteriore motivo di incertezza sul futuro mantenimento da parte degli investitori degli asset in euro e alimenta la spirale recessiva che incombe sull'Europa. La recessione colpirà duro, specialmente in paesi con un elevato debito privato e non mi stupirebbe vedere EUR/USD sotto 0,90. Ma questo scenario dipenderà essenzialmente dalla (in)capacità dei governi e della BCE di contrastarlo, whatever it takes.
 

newable

Nuovo Utente
Registrato
4/1/11
Messaggi
14.672
Punti reazioni
150
Per quanto mi riguarda, ho diversificato ormai da tempo i miei assets finanziari per tipologia, valuta e paese. Mi sono anche trasferito all'estero.
Oggi vedremo cosa propone la BCE, ma il margine di manovra e' stretto e mi sta spingendo a ridurre ulteriormente la mia esposizione in Italia.
 

gordon wolf

Nuovo Utente
Registrato
5/4/22
Messaggi
1.425
Punti reazioni
54
Secondo me Attikus si e' gia pentito della domanda😂

Io ho fatto cosi...comprato una barca da 15 mt ...la tengo ferma al porto che ho il wifi gratis ...fuori ho messo un cartello....cercasi giovani ragazze tuttofare x mini crociera:D
Nn salvero il capitale ma....divertimento assicurato:D