Conviene scaldarsi col riscaldamento centralizzato o con le pompe di calore?

cesare70

Nuovo Utente
Registrato
1/3/21
Messaggi
4.866
Punti reazioni
342
Il problema è che è un "vecchio" condominio con anche la produzione di acs con la caldaia condominiale, la bolletta del gas viene divisa 70% riscaldamento e 30% acqua calda, del 70% del riscaldamento il 60% viene pagato in base ai millesimi e il resto ai contacalorie.

la tabella millesimale PER IL RISCALDAMENTO ( non la parte ACS) centralizzato, se avete montato i contabilizzatori di calore, DEVE essere rifatta.

NON dovete usare quella dei millesimi di proprietà per suddividere la parte comune del riscaldamento.

La nuova tabella millesimale SPECIFICA per uso riscaldamento tiene infatti conto del riscaldamento INDIRETTO che dipende dalla posizione dell'appartamento ( piano, esposizione, etc etc) .

Il tutto per far pagare più spese fisse a chi sfrutta maggiormente il calore degli altri.

Detto questo, una % maggiore del 30% per la parte di riscaldamento COMUNE, sebbene sia decisa a maggioranza in assemblea, è contestabile anche da 1 solo condomino in sede legale e il giudice annulla la decisione dell'assemblea senza pensarci 2 volte.
 

Ale_80

Nuovo Utente
Registrato
5/6/08
Messaggi
829
Punti reazioni
43
la tabella millesimale PER IL RISCALDAMENTO ( non la parte ACS) centralizzato, se avete montato i contabilizzatori di calore, DEVE essere rifatta.

NON dovete usare quella dei millesimi di proprietà per suddividere la parte comune del riscaldamento.

La nuova tabella millesimale SPECIFICA per uso riscaldamento tiene infatti conto del riscaldamento INDIRETTO che dipende dalla posizione dell'appartamento ( piano, esposizione, etc etc) .

Vero, confermo che per esempio io ho 8 m.simi e rotti per il riscaldamento, e 10 m.simi e rotti per la proprietà

Però seppur mi torna il discorso logico che dici, cioè far pagare di più chi si scalda con gli altri, non mi torna allora perchè quello che sta al piano rialzato (sotto ha le cantine, no coibentazione), ha 19 m.simi per il riscaldamento, contro 9 m.simi di proprietà. Cioè più del doppio, mentre io che sono in un piano intermedio, stessa esposizione, ho meno m.simi sul riscaldamento.

Magari sono tardo io :D
 
Ultima modifica:

cesare70

Nuovo Utente
Registrato
1/3/21
Messaggi
4.866
Punti reazioni
342
Vero, confermo che per esempio io ho 8 m.simi e rotti per il riscaldamento, e 10 m.simi e rotti per la proprietà

Però seppur mi torna il discorso logico che dici, cioè far pagare di più chi si scalda con gli altri, non mi torna allora perchè quello che sta al piano rialzato (sotto ha le cantine, no coibentazione), ha 19 m.simi per il riscaldamento, contro 9 m.simi di proprietà. Cioè più del doppio, mentre io che sono in un piano intermedio, stessa esposizione, ho meno m.simi sul riscaldamento.

Magari sono tardo io :D

la tabella millesimale x Riscaldamento considera NON solo il calore indiretto, ma anche se quello specifico appartamento ha più o meno capacità del tuo di ritenere calore....cioè se scialacqua calore dell'intero sistema palazzo

se ad esempio ha infissi vecchi senza doppi vetri...ecco allora che questa caratteristica...quando inserita nel software che produce la nuova tabella millesimale....viene riconosciuta come fonte di dispersione di calore....producendo millesimi a nastro.

E' molto importante che quando uno cambia gli infissi...avvisi l'amministratore affinchè dia mandato all'ingegnere termotecnico di AGGIORNARE la tabella millesimale del riscaldamento....altrimenti si continua a pesare molto a livello millesimale sebbene si sia apportato una importante miglioria come i doppi o tripli vetri
 

JacksonT

Nuovo Utente
Registrato
15/2/17
Messaggi
25.501
Punti reazioni
571
L'isolamento carente fa disperdere l'energia, stop. Non è che un sistema conviene e con l'altro no se non sei isolato. Isolamento termico = resistenza al trasferimento del calore. Neanche il termosifone scalda i muri, ma l'aria, solo che è più lento della PDC. La temperatura del muro è conseguenza della temperatura esterna, interna e resistenza termica.

Il riscaldamento tramite pompa di calore è il metodo principale utilizzato nelle case nzeb o simili (classe A o superiori) proprio perchè risulta essere il più economico pur garantendo un comfort adeguato. Ovvio che servono split di costruzione recente e non di 20 anni fa.
Spesso il radiante a pavimento viene utilizzato come integrazione nelle giornate molto fredde o umide, in cui la pdc fatica ad andare in temperatura. Negli altri giorni viene impostato a temperature molto basse per non spegnerlo.

La domanda del topic è chiede se convengono gli split per scaldare. Se la casa è isolata bene è possibile scaldarsi anche con gli split, in caso contrario meglio lasciar perdere perchè non si otterrebbe il comfort desiderato, o si otterrebbe a costi astronomici.
E' chiaro che i termosifoni scaldano l'aria ma scaldano anche i muri, che rilasciano calore nel tempo.
 

pcosta

.
Registrato
13/8/14
Messaggi
546
Punti reazioni
67
Grazie, le spec di Daikin non riportano un grafico, ma una tabella che riporto sotto. Nella colonna (2) c'è la T esterna, mentre nella colonna (1) c'è la combo con le unità interne. Anche se dovrei capire in che combo mi ritrovo...

Vedi l'allegato 2857516

a occhio con Daikin sei messo abbastanza bene, COP per kwh (TC/TI) in media sul 5 fino a zero gradi esterni, poi 4 e 3 a scendere fino a -15°.
Va detto che alle prestazioni vantate va sempre fatta un po' di tara perché fanno riferimento a una installazione perfetta e senza complessità. Comunque per avere un'idea di massima è sufficiente.

Ovviamente sono considerazioni da farsi per chi ha sia la caldaia che qualche buona pompa di calore per integrare il riscaldamento, non per decidere cosa mettere in casa che è tutt'altra valutazione.
 

flori2

Nuovo Utente
Registrato
22/7/11
Messaggi
13.886
Punti reazioni
554
Il riscaldamento tramite pompa di calore è il metodo principale utilizzato nelle case nzeb o simili (classe A o superiori) proprio perchè risulta essere il più economico pur garantendo un comfort adeguato. Ovvio che servono split di costruzione recente e non di 20 anni fa.
Spesso il radiante a pavimento viene utilizzato come integrazione nelle giornate molto fredde o umide, in cui la pdc fatica ad andare in temperatura. Negli altri giorni viene impostato a temperature molto basse per non spegnerlo.

La domanda del topic è chiede se convengono gli split per scaldare. Se la casa è isolata bene è possibile scaldarsi anche con gli split, in caso contrario meglio lasciar perdere perchè non si otterrebbe il comfort desiderato, o si otterrebbe a costi astronomici.
E' chiaro che i termosifoni scaldano l'aria ma scaldano anche i muri, che rilasciano calore nel tempo.

Ma dai..il termosifone scalda il muro solo localmente dove appoggia...
Se in una casa servono 20 kWh di calore non capisco il nesso tra isolamento buono o cattivo. Per avere 20°C in casa sempre 20 kWh ti servono che sia termosifone o PDC. Il PDC con split è più veloce del termosifone. Il costo di ciascuna soluzione dipende da com'è fatto il tuo impianto di riscaldamenteo, dal costo dell'energia e annessi (manutenzione ecc. ecc)
 

Ale_80

Nuovo Utente
Registrato
5/6/08
Messaggi
829
Punti reazioni
43
Comunque sono arrivato al 15 novembre con solo i termosifoni accesi e la cui somma totale dei consumi di tutti i contabilizzatori fa...2!

Penso proprio che rimanderò l'esperimento rispetto alle pdc all'anno prossimo...
 

Cicciopaccio

Nuovo Utente
Registrato
27/5/04
Messaggi
6.215
Punti reazioni
133
Domanda:

Se invece non è in atto una ristrutturazione, potrete comunque usufruire dell’agevolazione fiscale, ma solo se si intende sostituire il vecchio climatizzatore con un condizionatore, ossia, un nuovo impianto a pompa di calore e ad alta efficienza energetica.

Leggo quando sopra; ma se invece non sostituisco ma semplicemente aggiungo, posso comunque usufruire della detrazione?
 

giovanni1888

Nuovo Utente
Registrato
3/9/22
Messaggi
321
Punti reazioni
28
Il riscaldamento tramite pompa di calore è il metodo principale utilizzato nelle case nzeb o simili (classe A o superiori) proprio perchè risulta essere il più economico pur garantendo un comfort adeguato. Ovvio che servono split di costruzione recente e non di 20 anni fa.
Spesso il radiante a pavimento viene utilizzato come integrazione nelle giornate molto fredde o umide, in cui la pdc fatica ad andare in temperatura. Negli altri giorni viene impostato a temperature molto basse per non spegnerlo.

La domanda del topic è chiede se convengono gli split per scaldare. Se la casa è isolata bene è possibile scaldarsi anche con gli split, in caso contrario meglio lasciar perdere perchè non si otterrebbe il comfort desiderato, o si otterrebbe a costi astronomici.
E' chiaro che i termosifoni scaldano l'aria ma scaldano anche i muri, che rilasciano calore nel tempo.

iol riscaldamento a pavimento è la sicura prenotazione dal chirurgo cardiovascolare (vene gambe / trombi) e nella peggiore dal neurochirurgo, dopo una decina di anni...
poi fate voi
 

flori2

Nuovo Utente
Registrato
22/7/11
Messaggi
13.886
Punti reazioni
554
iol riscaldamento a pavimento è la sicura prenotazione dal chirurgo cardiovascolare (vene gambe / trombi) e nella peggiore dal neurochirurgo, dopo una decina di anni...
poi fate voi

Mica il pavimento è bollente...è semplicemente non freddo
 

micky1977

Nuovo Utente
Registrato
1/4/10
Messaggi
569
Punti reazioni
7
Detto questo, una % maggiore del 30% per la parte di riscaldamento COMUNE, sebbene sia decisa a maggioranza in assemblea, è contestabile anche da 1 solo condomino in sede legale e il giudice annulla la decisione dell'assemblea senza pensarci 2 volte.
Sei proprio sicuro? Ti giro un link sulla normativa attuale, modificata nel 2020 a seguito di recepimento di direttive europee.
Da amici stanno valutando di aumentare la % di riscaldamento indiretto fino al 50%, visto che la normativa attuale lo consente e non serve nemmeno il parere di un tecnico ma solo la delibera assembleare.
https://www.quotidianodelcondominio...emblea-senza-relazioni-tecniche-ne-uni-10200/
 

Malax86

Nuovo Utente
Registrato
19/1/18
Messaggi
713
Punti reazioni
23
Sei proprio sicuro? Ti giro un link sulla normativa attuale, modificata nel 2020 a seguito di recepimento di direttive europee.
Da amici stanno valutando di aumentare la % di riscaldamento indiretto fino al 50%, visto che la normativa attuale lo consente e non serve nemmeno il parere di un tecnico ma solo la delibera assembleare.
https://www.quotidianodelcondominio...emblea-senza-relazioni-tecniche-ne-uni-10200/

perché aumentare la parte fissa? incentiva solo a consumare di più perché "tanto si paga tutti uguale"
 

lukeperry

Nuovo Utente
Registrato
27/6/16
Messaggi
993
Punti reazioni
114
Il problema è che è un "vecchio" condominio con anche la produzione di acs con la caldaia condominiale, la bolletta del gas viene divisa 70% riscaldamento e 30% acqua calda, del 70% del riscaldamento il 60% viene pagato in base ai millesimi e il resto ai contacalorie.

mi avete incuriosito, voglio vedere com'è dove abiti io. Vi farò sapere. :eek:

Da noi col riscaldamento max 19° è freddino, inutile girarci attorno. Sto pensando pur io di dare un aiutino con le PDC.
 

dammatra

Bubbole!
Registrato
9/2/05
Messaggi
12.785
Punti reazioni
468
la tabella millesimale PER IL RISCALDAMENTO ( non la parte ACS) centralizzato, se avete montato i contabilizzatori di calore, DEVE essere rifatta.

Purtroppo, "la tabella millesimale PER IL RISCALDAMENTO ( non la parte ACS) centralizzato, se avete montato i contabilizzatori di calore", DOVEVA essere rifatta.

L'obbligo e' decaduto un paio di anni fa. Btw, si doveva fare anche la tabella per l'acs.
 

Ale_80

Nuovo Utente
Registrato
5/6/08
Messaggi
829
Punti reazioni
43
perché aumentare la parte fissa? incentiva solo a consumare di più perché "tanto si paga tutti uguale"

esatto, ma senza esagerare con la riduzione della quota fissa, perché così ne godrebbero maggiormente quelli che beneficiano di più del calore indiretto, e si penalizzerebbe troppo quelli che invece non possono fruirne allo stesso modo. A mio avviso un 15/20% fisso e 75/80% variabile sarebbe un punto di incontro più equo.

In altre realtà di cui ho letto, dove si è deciso per il 5% fisso, secondo me si rischia che il "tirchio" tiene spento tutto, mentre il vicino più freddoloso e meno tirchio è costretto ad aprire di più, finendo per scaldare a sue spese anche il suddetto "tirchio"...
 

dammatra

Bubbole!
Registrato
9/2/05
Messaggi
12.785
Punti reazioni
468
Sono abbastanza d'accordo direi piu' un minimo del 20 e un max del 35. fissi

Quando si fanno i progetti seguendo la norma 10200 sono le quote piu' frequenti
 

dammatra

Bubbole!
Registrato
9/2/05
Messaggi
12.785
Punti reazioni
468
Non hai capito il mio discorso. Nel mio post i kwh erano riferiti alla pompa di calore e le calorie ai termosifoni.

Ah, ok errore mio.

Cmnq quello che leggete sui display dei ripartitore non sono ne' kWh ne' kCalh ;)
 

fever7

Selling England
Registrato
2/1/03
Messaggi
21.264
Punti reazioni
515
iol riscaldamento a pavimento è la sicura prenotazione dal chirurgo cardiovascolare (vene gambe / trombi) e nella peggiore dal neurochirurgo, dopo una decina di anni...
poi fate voi

Mah, questo poteva essere vero con i riscaldamenti a pavimento di alcuni decenni fa ( con i tubi in metallo) , a Milano e non solo ci sono vari condomini anni 50/60 con questi riscaldamenti.
Oggi però le temperature sono decisamente molto più basse, normalmente la superficie del pavimento è tra i 24/27 gradi, a volte meno se si abbassano le temperature, non credo siano sufficienti per fare danni.
Nelle ristrutturazioni sta aumentando l'uso del riscaldamento a soffitto ( dove c'è altezza sufficiente), anche lì basse temperature