Corso di trading on line: consigli

sasha

whatever it takes
Registrato
10/5/14
Messaggi
19.273
Punti reazioni
397
Grazie per la segnalazione. Anche tu sei partito dal quel sito per imparare?
Io volevo evitare la strategia tipo scalping, cioè più operazioni al giorno. Mi da l'impressione di non essere molto efficiente.
anch'io ho cominciato da lì
non pensavo esistesse ancora
 

Nestly

Azioni & Parole
Registrato
27/11/06
Messaggi
3.105
Punti reazioni
216
Se posso dire la mia in merito al thread su corsi, libri e webinar moment... basta ridurre ai minimi termini un paio di cose e le risposte vengono da sè al di là dei più disparati pareri che proliferano sempre su determinate questioni.
Avete mai incontrato nella vostra vita uno che fa soldi che suggerisce al mondo come farli senza filtri, senza spizzichi e bocconi, senza cose dette a metà o volutamente non dette? Una sorta di Robin Hood che voglia condividere con voi il modo con cui si è arricchito? Se siamo onesti con noi stessi sappiamo già la risposta e di conseguenza la verità sull'utilità di ciò che è in discussione.
Da sempre esiste, non a caso, il detto Soldi chiamano Soldi e purtroppo per la gran parte dei traders (perdenti guarda caso) questo è impossibile da accettare e digerire. E ciò ha innescato l'esigenza di colmare questo vuoto esistenziale con la nascita di uno sterminato business che ruota attorno al mondo degli investimenti, libri, corsi, meeting, youtuber, fino ad arrivare agli strumenti più evoluti come leva e annessi e connessi. Il sogno di chi non ha soldi di poter arrivare, con stratagemmi ò scorciatoie più o meno pericolose, alla ricchezza ò nei casi più umili ad una rendita dignitosa che magari integri lo stipendio da lavoro.
La verità è lì nei numeri, nelle somme, nelle percentuali. Qualsiasi strumento finanziario si muove ogni giorno, esposto a continue oscillazioni, la differenza tra chi fa fatica e chi no, tra chi ha necessità di studiare per esorcizzare la fobìa di perdere i propri spiccioli e chi non se ne cura dipende sempre dalle disponibilità di cui gode chiunque voglia fare investimenti.
Un oscillazione dello 0,5% da fare in una settimana è fattibile, probabile, realistico per tutti, perchè allora ingegnarsi con mille strumenti ò studi accademici? questione di prospettiva. Lo 0,5% può sia farti vivere senza più lavorare ò può non cambiare di una virgola la tua situazione ma esporti a maggiori rischi nell'asse temporale inevitabilmente dilatato. Un conto è investire 200mila€ con 1.000€ di gain dopo 7 giorni, altro conto è investire 10.000 € con soli 50€ guadagnati da quella oscillazione.
Certo il loss è anch'esso proporzionato all'investimento se si va contro mercato, ma chi ha disponibilità non lavora a leva e può anche non curarsene di una momentanea flessione e cavarsela comunque più in fretta non appena rivede verde senza attendere grandi percentuali, giusto per ricordare quanto la psicologia sia tutto ò quasi negli investimenti. Ma la psicologia è anch'essa legata ai numeri, ò meglio alle proprie disponibilità.
Una piccolissima percentuale di traders ha infatti successo rispetto alla massa, c'è chi lo attribuisce al talento ma godere di grandi disponibilità credo abbia un peso non indifferente, se non l'unico e per di più fondamentale a mio parere.
 

giango2

Nuovo Utente
Registrato
28/3/09
Messaggi
597
Punti reazioni
35
Certo che uno prima di iniziare a imparare, deve già avere un capitale sufficiente per fare trading.
Quelli che partono con un piccolo capitale e fanno solo "all in" a leva massima finiscono presto...
Chi invece si può permettere di stoppare o correggere operazioni inizialmente sbagliate e quindi adottare il giusto position sizing ha le carte in regola per poter imparare a essere profittevole.
Poi ci sono le eccezioni, come un noto folista che è partito con 30k e facendo "all in" a leva massima più volte, quest'anno festeggia un conto a 11 cifre... :)
 

uzzis

RISULTO DISPERSO
Registrato
13/8/03
Messaggi
8.209
Punti reazioni
580
Poi ci sono le eccezioni, come un noto folista che è partito con 30k e facendo "all in" a leva massima più volte, quest'anno festeggia un conto a 11 cifre... :)
...:)...Non mi interessa sapere chi è..ma se possibile con quale/i strumenti ed eventualmente il broker..grazie...:)...
 

giango2

Nuovo Utente
Registrato
28/3/09
Messaggi
597
Punti reazioni
35
Il suo nickname e avatar sono ispirati da uno dei suoi strumenti preferiti. Principalmente fa trading su bond, e ha postato screenshots di diverse delle sue operazioni. Principalmente non usa brokers italiani, ora non ricordo quali. Ovviamente non è più "retail" ma è diventato "professional" .... :)
 

uzzis

RISULTO DISPERSO
Registrato
13/8/03
Messaggi
8.209
Punti reazioni
580
Grazie per la segnalazione. Anche tu sei partito dal quel sito per imparare?
Io volevo evitare la strategia tipo scalping, cioè più operazioni al giorno. Mi da l'impressione di non essere molto efficiente.
...:)...All'inizio si..quando avevo titoli italioti..poi passai a questo

Furyo interactive Java Charts

Anche questo roba di 20 anni fa ed era fantascienza rispetto alle piatte nostrali..poi son passato ai futures con brokers oltreoceano da quasi 20 annni...:)...
 

Bubino451

Nuovo Utente
Registrato
14/9/09
Messaggi
8.042
Punti reazioni
322
Certo che uno prima di iniziare a imparare, deve già avere un capitale sufficiente per fare trading.
Quelli che partono con un piccolo capitale e fanno solo "all in" a leva massima finiscono presto...
Chi invece si può permettere di stoppare o correggere operazioni inizialmente sbagliate e quindi adottare il giusto position sizing ha le carte in regola per poter imparare a essere profittevole.
Poi ci sono le eccezioni, come un noto folista che è partito con 30k e facendo "all in" a leva massima più volte, quest'anno festeggia un conto a 11 cifre... :)
Non vi è differenza tra chi ha pochi o tanti soldi,centra il metodo,il profit factor e il suo massimo drawdown storico.Chi ha tanti soldi semplicemente ci metterà più tempo a perderli di chi ne ha pochi se il metodo usato non è quello giusto.Come fai a sapere se un'operazione è sbagliato o no se il tuo metodo non è verificato essere come profittevole sulla base di un'adeguata serie storica?
 

giango2

Nuovo Utente
Registrato
28/3/09
Messaggi
597
Punti reazioni
35
La serie storica è un buon supporto per cercare di avere la probabilità a favore del trader. Ma non è infallibile. Basti pensare che negli ultimi anni si sono viste cose che prima erano impensabili, come i tassi d'interesse negativi, il future sul petrolio negativo, ecc.
 

Nihilist

Nuovo Utente
Registrato
17/1/23
Messaggi
13
Punti reazioni
1
...:)...Intanto ci sarebbe da fare una distinzione..l'obbiettivo dei 5000 mensili non è per forza collegato alla percentuale..potrebbe essere tranquillamente raggiunto con i contratti futures veri non cfd..volendo anche con i micro cme..con un conto da 5000 con un brokerino retail americano che non ti massacra con margini e commissioni..

Si da per scontato l'azionario..ma ci sono altri strumenti molto validi..liquidi e NON CFD..

Poi il formatore del tubo farà e dirà quello che vuole o che gli conviene...:)...

Io ero proprio interessato ad utilizzare i micro futures CME, ma non ho ancora fatto alcuna operazione.
Volevo iniziare con un solo contratto perchè vorrei evitare di farmi troppo male nel caso in cui le cose non dovessero andare benissimo.

Secondo te sono adatti solo per l'intraday oppure potrebbero andare bene anche per mantenere posizioni per qualche giorno / settimana?
Gli stop loss proteggono anche in caso di oscillazioni molto forti? O rischio di bruciarmi n volte il margine e ritrovarmi il conto pesantemente in negativo perchè lo stop loss non è intervenuto?
 

uzzis

RISULTO DISPERSO
Registrato
13/8/03
Messaggi
8.209
Punti reazioni
580
Io ero proprio interessato ad utilizzare i micro futures CME, ma non ho ancora fatto alcuna operazione.
Volevo iniziare con un solo contratto perchè vorrei evitare di farmi troppo male nel caso in cui le cose non dovessero andare benissimo.

Secondo te sono adatti solo per l'intraday oppure potrebbero andare bene anche per mantenere posizioni per qualche giorno / settimana?
Gli stop loss proteggono anche in caso di oscillazioni molto forti? O rischio di bruciarmi n volte il margine e ritrovarmi il conto pesantemente in negativo perchè lo stop loss non è intervenuto?
...:)...Non ti fare ingannare dal nome "micro"..con la vola che sparano spesso 100 punti di delta di SP sono 500 dollari e 4/500 di NASDAQ 800/1000 dollari..

Sono adatti a tutte le tecniche..molto liquidi..

Se inserisci gli stops in mezzo a dati macro importanti od in casi particolari è probabile che saltino il prezzo per svuotamento books..con vola normale non ci sono problemi..

Ti conviene osservare bene i comportamenti di questi strumenti..considera che SE ti sembra un buon livello di entrata specialmente sul Nasdaq con vola alta puoi tranquillamente inserire ordini 30/40 punti distanti da quel livello..molto probabile che ti prendono..

Prenditi delle piatte demo da broker retails americani regolamentati..margini intraday tra 40/50 dollari SP e 100 dollari NASDAQ..commissioni da 1 a 2 dollari RT...:)...
 

magatony

Nuovo Utente
Registrato
1/7/19
Messaggi
2.717
Punti reazioni
112
Ma quelli che sul tubo si prodigano a dire grazie al fuffaguru con la sfera... ancora non lo hanno capito che sono pesci a cui è stato buttato l'amo con l'esca per abboccare ??
 

TraderBang

Nuovo Utente
Registrato
12/2/13
Messaggi
588
Punti reazioni
37
Poi ci sono le eccezioni, come un noto folista che è partito con 30k e facendo "all in" a leva massima più volte, quest'anno festeggia un conto a 11 cifre... :)

Che è proprio il tipo di strategia bruciaconto che andrebbe evitata come la morte. Che a uno sia andata bene statisticamente non significa niente. Anche facendo all-in alla roulette ti può andare bene, ma il metodo rimane di per sè fallimentare.
 

Melaxxx

Nuovo Utente
Registrato
21/7/09
Messaggi
683
Punti reazioni
45
Un oscillazione dello 0,5% da fare in una settimana è fattibile, probabile, realistico per tutti, perchè allora ingegnarsi con mille strumenti ò studi accademici? questione di prospettiva. Lo 0,5% può sia farti vivere senza più lavorare ò può non cambiare di una virgola la tua situazione ma esporti a maggiori rischi nell'asse temporale inevitabilmente dilatato.
Premesso che lo 0.5% settimanale sarebbe ( senza considerare la cap. composta) un 25% annuale, è sicuramente fattibile ma non so secondo quali basi sarebbe probabile cioè basato su una probabilità calcolata partendo da un campione di risultati.
 

Melaxxx

Nuovo Utente
Registrato
21/7/09
Messaggi
683
Punti reazioni
45
Il suo nickname e avatar sono ispirati da uno dei suoi strumenti preferiti. Principalmente fa trading su bond, e ha postato screenshots di diverse delle sue operazioni. Principalmente non usa brokers italiani, ora non ricordo quali. Ovviamente non è più "retail" ma è diventato "professional" .... :)
Russia è un grande gambler, io avevo qualche bond greco ed ero connesso al forum la notte delle trattative.
Lui aveva ipotecato casa e prima che Tusk chiudesse tutti nella stanza rischiava di andare ( letteralmente ) a vivere per strada.
 

giango2

Nuovo Utente
Registrato
28/3/09
Messaggi
597
Punti reazioni
35
Chi non risica non rosica. Lui ha risicato alla massima potenza :)
Ma il suo progetto martingala obbligazionaria con i tassi ai massimi relativi di qualche mese fa è stata una buona idea che ha dato buoni frutti a chi l'ha messa in pratica (ovviamente avendo i capitali sufficienti e senza usare la leva). Il bello di fare trading con i bonds (parliamo in questo caso di governativi, rating AAA a scadenze non troppo lunghe) è che rispetto a azioni o derivati, il rischio è molto più contenuto. E i profitti sono tassati al 12,5 % invece del 26%. Male che vada, se i tassi europei salgono invece di scendere, i bonds si portano a scadenza...
 

Nihilist

Nuovo Utente
Registrato
17/1/23
Messaggi
13
Punti reazioni
1
...:)...Non ti fare ingannare dal nome "micro"..con la vola che sparano spesso 100 punti di delta di SP sono 500 dollari e 4/500 di NASDAQ 800/1000 dollari..

Sono adatti a tutte le tecniche..molto liquidi..

Se inserisci gli stops in mezzo a dati macro importanti od in casi particolari è probabile che saltino il prezzo per svuotamento books..con vola normale non ci sono problemi..

Ti conviene osservare bene i comportamenti di questi strumenti..considera che SE ti sembra un buon livello di entrata specialmente sul Nasdaq con vola alta puoi tranquillamente inserire ordini 30/40 punti distanti da quel livello..molto probabile che ti prendono..

Prenditi delle piatte demo da broker retails americani regolamentati..margini intraday tra 40/50 dollari SP e 100 dollari NASDAQ..commissioni da 1 a 2 dollari RT...:)...
Ti ringrazio per le dritte.

Conosci un sito (o anche un libro) che mi possa spiegare quali sono le notizie macro più impattanti a seconda del tipo di futures sul quale voglio operare? Se ho capito bene, conviene uscire dai futures poco prima della divulgazione della notizia macro per poi, eventualmente, rientrarci.
 

magatony

Nuovo Utente
Registrato
1/7/19
Messaggi
2.717
Punti reazioni
112
Il Fuffasano vuol competere con l’intrepido collega
e con gli altri lo disprezza da abile stratega
la torta da spartire fa gola a tutti i convenuti
e per questo ricorre a tutti i mezzi conosciuti