cosa c'è "dopo"?

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

watson

Nuovo Utente
Registrato
2/4/00
Messaggi
4.369
Punti reazioni
16
cosa c'è "dopo" secondo voi?
mi piacerebbe ci fossero davvero il Paradiso,l'Inferno e pure,ma si,il Purgatorio,anche se non ci credo.Per me non c'è niente.Il nulla.Anche se è impossibile pensare il nulla.C'è quello che c'era "prima".
 
Dopo, prima e durante, ci sono gli altri.
 
Immenso, Nicki
 
Scritto da nickilist@
Dopo, prima e durante, ci sono gli altri.

Giusto.Io credo all'immortalità della materia (piuttosot che a quella dell'anima.Anche se per me l'anima deriva dalla materia,perciò).E poi materia ed energia sono convertibili.
Comunque alla mia dipartita gli atomi di cui sono fatto verranno utilizzati per "costruire" altre forme viventi così come "io" sono fatto di atomi che,in passato,sono appartenuti a chissà chi.
Forse in me c'è qualche atomo di carbonio che è appartenuto a Napoleone e prima ancora ad una cortigiana e prima ancora ad una formica dell'epoca di Roma.
I miei atomi continueranno a vivere.E' una bella soddisfazione.
Fatene buon uso.
 
Scritto da watson
Giusto.Io credo all'immortalità della materia (piuttosot che a quella dell'anima.Anche se per me l'anima deriva dalla materia,perciò).E poi materia ed energia sono convertibili.
Comunque alla mia dipartita gli atomi di cui sono fatto verranno utilizzati per "costruire" altre forme viventi così come "io" sono fatto di atomi che,in passato,sono appartenuti a chissà chi.
Forse in me c'è qualche atomo di carbonio che è appartenuto a Napoleone e prima ancora ad una cortigiana e prima ancora ad una formica dell'epoca di Roma.
I miei atomi continueranno a vivere.E' una bella soddisfazione.
Fatene buon uso.


Herzog

saul bellow.
 
Wat, vedo che di là hai scritto "la gente": gli altri.
Non è la stessa "cosa" (Lévinas, Buber, - ora lplus cicncischia - Derrida, etc..).
Ora sto scendendo, se vuoi, dopo ne riparliamo.
 
Scritto da nickilist@
Wat, vedo che di là hai scritto "la gente": gli altri.
Non è la stessa "cosa" (Lévinas, Buber, - ora lplus cicncischia - Derrida, etc..).
Ora sto scendendo, se vuoi, dopo ne riparliamo.

No,il 3d di là non c'entra con quello che hai scritto.
Comunque se ne riparli è meglio.
 
Scritto da watson
che vuol dire?scusa la gnuranza.

smarrimento bilanci incertezze solitudini amori...........
libro stupendo.......
il protagonista scrive lettere a personaggi famosi del passato......

una parte del passato è con noi come lo è il futuro.
 
Scritto da watson
In che senso.Cosa vuol dire?

Niente di eccelso, come sempre

Penso che se consideriamo la vita come fatto individuale e di invidui, non c'è nulla e non potrebbe esserci nulla; se la concepiamo come valore unitario (la visione orientale della parte di un tutto che dà senso alla parte) c'è per definizione.

Non solo gli atomi, allora, ma anche noi vivremo attraverso ad. es. quello che scriviamo qui, anche le più infime ca.gate, che in qualche modo vengono metabolizzate dal tutto

Non mi sono sforzato di essere chiaro, per solidarietà con Nicki: ma sono concetti molto banali, quasio religiosi (ecumenici)
 
Scritto da watson
cosa c'è "dopo" secondo voi?
mi piacerebbe ci fossero davvero il Paradiso,l'Inferno e pure,ma si,il Purgatorio,anche se non ci credo.Per me non c'è niente.Il nulla.Anche se è impossibile pensare il nulla.C'è quello che c'era "prima".

Di norma un sano bidet.
Ma io colgo sempre l'occasione per una frugale (quanto opportuna) defecazione.

Enig Mistico
 
Scritto da Sex
Niente di eccelso, come sempre

Penso che se consideriamo la vita come fatto individuale e di invidui, non c'è nulla e non potrebbe esserci nulla; se la concepiamo come valore unitario (la visione orientale della parte di un tutto che dà senso alla parte) c'è per definizione.

Non solo gli atomi, allora, ma anche noi vivremo attraverso ad. es. quello che scriviamo qui, anche le più infime ca.gate, che in qualche modo vengono metabolizzate dal tutto

Non mi sono sforzato di essere chiaro, per solidarietà con Nicki: ma sono concetti molto banali, quasio religiosi (ecumenici)

di più
tutto ciò che pensiamo.....anche quello che ci pare pazzesco ....è una piccola parte della realta che non conosciamo ma è in noi.
 
Re: Re: cosa c'è "dopo"?

Scritto da Enig Mistico
Di norma un sano bidet.
Ma io colgo sempre l'occasione per una frugale (quanto opportuna) defecazione.

Enig Mistico

Ognuno fa quel che può.
 
Scritto da olivetto
di più
tutto ciò che pensiamo.....anche quello che ci pare pazzesco ....è una piccola parte della realta che non conosciamo ma è in noi.

Noi percepiamo solo una piccolissima parte del mondo che ci circonda.Quella che ci consentono i nostri sensi.Il resto ci sfugge.
Delle radiazioni elettromagnetiche riusciamo a percepire solo una strettissima banda,il visibile.Lo stesso di quelle sonore.Possiamo pensare di capire il mondo?
 
Re: Re: cosa c'è "dopo"?

Scritto da Enig Mistico
Di norma un sano bidet.
Ma io colgo sempre l'occasione per una frugale (quanto opportuna) defecazione.

Enig Mistico

Chiaramente, Enig vuole sostenere che per quel che riguarda la sua "persona", siamo in presenza di un "ens causa sui", a tutti gli effetti.

Cioè: egli si è costruito (pensando) tutto ciò di cui necessita: la sala da bagno, con gli annessi "accessori", la "normalizzazione" degli stessi. Ma non solo, egli è anche in grado di produrre tutto ciò di cui necessita (il sostantivo) defecazione. E allora ecco che lo vediamo nei campi, e nelle fabbriche, a "raffinare" il prodotto.
 
Re: Re: Re: cosa c'è "dopo"?

Scritto da nickilist@
Chiaramente, Enig vuole sostenere che per quel che riguarda la sua "persona", siamo in presenza di un "ens causa sui", a tutti gli effetti.

Cioè: egli si è costruito (pensando) tutto ciò di cui necessita: la sala da bagno, con gli annessi "accessori", la "normalizzazione" degli stessi. Ma non solo, egli è anche in grado di produrre tutto ciò di cui necessita (il sostantivo) defecazione. E allora ecco che lo vediamo nei campi, e nelle fabbriche, a "raffinare" il prodotto.

Azz,non ci avevo mai pensato!
E quando tira la catena?
 
Scritto da watson
Noi percepiamo solo una piccolissima parte del mondo che ci circonda.Quella che ci consentono i nostri sensi.Il resto ci sfugge.
Delle radiazioni elettromagnetiche riusciamo a percepire solo una strettissima banda,il visibile.Lo stesso di quelle sonore.Possiamo pensare di capire il mondo?
Giusta osservazione, c'è ancora tanto da scoprire e da conoscere...non ci annoieremo.
FR
 
Scritto da FR
Giusta osservazione, c'è ancora tanto da scoprire e da conoscere...non ci annoieremo.
FR

CI penso quando schiaccio una zanzara.
Chissà come mi vedrà?Non credo che mi veda a colori,non so nemmeno se ha una percezione di me in bianco e nero.
Soffrirà?Sono una zanzara rispetto a Dio?Boh?
 
Indietro