cosa ne pensate sono entrata 2 settimane fà ...

Deutsche Telekom: russi interessati a partecipazione
Ma la Borsa di Francoforte risponde con scarso entusiasmo


(ANSA) - BERLINO, 20 NOV - Scarso entusiasmo alla Borsa di Francoforte sull'intenzione del gruppo russo Sistema di rilevare una partecipazione in Deutsche Telekom.Il proprietario del gruppo, Wladimir Jewtuschenkov, aveva confermato per la prima volta il suo interesse per Deutsche Telekom, a condizione che la presenza russa venisse approvata da governo e societa'. Il manager ha aggiunto che non ci sono stati contatti tra le imprese, ma che il presidente russo, Putin, avrebbe parlato del tema con Angela Merkel.
 
intanto si è fatto un nuovo supporto a 13,49.--13,52- dopo uno ripiegamento da 14 e rotti
direi che si puo tentare un entrata da questa quota 13,50 movimento al rialzo su 14,10 poi aspettiamo gli eventi
 
6 dicembre 2006 ilsole24ore


«Ecco il nuovo corso di Deutsche Telekom. Diventeremo una One Service Company»


di Gianni Rusconi


Martedì 4 dicembre ha avuto luogo il consiglio di supervisione di Deutsche Telekom, poco meno di un mese dopo le fragorose dimissioni dell’ex numero uno Kai Uwe Ricke e la conseguente nomina di René Obermann, già capo della divisione T-Mobile, alla carica di Ceo e Chairman of the Board del colosso tedesco.

Un mese dopo, oggi 6 dicembre, a Bonn il nuovo Ceo ha incontrato la stampa internazionale per fare chiarezza sul nuovo corso del Gruppo.

La parziale forbice sui costi (e sul personale) operata da Ricke è la prima priorità del top management, unitamente al miglioramento dei servizi alla clientela, e all’insegna di una forte interazione fra le varie anime del Gruppo al fianco di Obermann si sono seduti due nuove figure, Timotheus Höttges, assunto alla responsabilità delle attività Sales Services della sussidiaria T-Com, e Hamid Akhavan, responsabile Product Development and Innovation e Group Cto in T-Mobile.

Gran cerimoniere dell’evento è stato Klaus Zumwinkel, presidente del Consiglio di Supervisione del Board, che ha sottolineato come la strada intrapresa da Obermann nella scelta dei nuovi membri sia perfettamente in linea con la strategia “customer-oriented” a lungo termine di Deutsche Telekom, che verrà annunciata la prossima primavera.

Rimangono in sella gli altri due esponenti del Board e precisamente Karl-Gerhard Eick, riconfermato alla guida dell’area finanziaria del Gruppo (nonché Deputy Ceo) e Lothar Pauly, Ceo di T-Systems (la divisione di Dt che voci non confermate danno ancora impegnata in fitti colloqui con Atos Origin, Capgemini ed Eds per dare vita a una mega joint venture nel settore dei servizi Ict in outsourcing) e responsabile delle strategie di sviluppo e procurement dell’infrastruttura di rete e It e dei clienti business.

Servizi a valore aggiunto, su reti fissi e mobili Quale sarà, costituito il nuovo Board, il presente di Deutsche Telekom, alle prese con conti che non tornano (l’ultima trimestrale ha evidenziato un calo dell’utile netto del 34% su base annua) e un numero di abbonati in flessione (1,5 milioni di utenti persi per strada da gennaio 2006) nonostante previsioni di crescita confermate per l’esercizio in corso che porterebbero a un Ebitda vicino ai 20 miliardi di euro, su un fatturato di circa 62 miliardi?

Obermann ha esordito sottolineando l’importanza assoluta della focalizzazione sul cliente per raggiungere l’obiettivo finale, quello che prefigge per Deutsche Telekom un futuro da “service company” di riferimento nell’industria telco, a cavallo di “un’offerta su misura per l’utenza basata su una rete qualitativamente al top e sulla massima efficienza nell’erogazione dei servizi”. Per il 43enne manager, assai critico nei confronti delle “tante speculazioni emerse in questi giorni circa il nuovo Board di Deutsche Telekom”, la prima sfida da vincere sembra essere quella di far cambiare passo a un’azienda che ha sofferto forse più del dovuto la pressione sui prezzi esercita dalla concorrenza sul mercato locale.

“L’accesso – questa la scommessa dichiarata di Obermann – e i servizi di comunicazione a reale valore aggiunto, via reti fisse e mobili a larghissima banda, rappresentano il nostro core business. I clienti sono il cuore pulsante della nostra compagnia, a noi spetta il compito di capirne le single esigenze e proporci loro in modo più specifico, da una singola fonte di servizio, e in Germania in modo particolare”. Una sorta di pubblica ammenda, per certi versi, che chiama in causa la gestione precedente e che, soprattutto, cambia il paradigma di approccio al mercato di Deutsche Telekom: la priorità è soddisfare la domanda dei clienti, domestici e aziendali che siano, e non più quella di “autocelebrare” il portfolio di prodotti e servizi delle varie T-Com o T-Mobile.

Per la Tv interattiva c’è tempo
La certezza di Obermann è innanzitutto quella che “il numero delle linee attive a banda larga non può che continuare a crescere, al pari del traffico Internet generato su reti fisse e mobili di nuova generazione; la mobile broadband communications cambierà le modalità con le quali si va in Rete o si effettuano telefonate ma le reti fisse evolute a tecnologia Vdsl rimarranno un punto fermo dei servizi interattivi di domani e il punto di partenza per la convergenza fra It e telecomunicazioni”. Lasciando bianchi gli spazi relativi alla possibile discesa in campo di Dt sul fronte della Tv via Internet e dei servizi HdTV, Obermann ha infine concluso il proprio intervento rimarcando due aspetti. Da una parte confermando come sia vitale per Dt ridare impulso al business legato ai servizi Internet attivi su reti fisse ad alta velocità e supportare con prezzi più competitivi la domanda di servizi mobili; dall’altra intervenire in modo oculato sull’organizzazione per vestire Deutsche Telekom con nuovi abiti, quelli di una “One Service Company” in cui molte delle funzioni strategiche (come corporate governance, regulation, communication ed executive development) delle varie divisioni saranno centralizzate e formate in un’apposita academy che prenderà corpo nella prima metà del 2007.
 
Yahoo


AP
Deutsche Telekom Cuts 2007 Outlook
Sunday January 28, 1:59 pm ET
By Geir Moulson, Associated Press Writer


Deutsche Telekom Cuts 2007 Outlook, Citing Fierce German Competition and Exchange Rates

BERLIN (AP) -- Deutsche Telekom AG issued a profit warning Sunday for this year, cutting its earnings outlook as it faces fierce competition in Germany and absorbs the impact of a strong euro.

The Bonn-based company said it now expects 2007 adjusted earnings before interest, taxes, depreciation and amortization of 19 billion euros ($24.6 billion) -- down from a previous forecast of 19.7 billion to 20.2 billion euros ($25.5 billion to $26.1 billion).

The change resulted from "the extremely tough domestic competitive environment and the recent development in foreign exchange rates," a company statement said.

Deutsche Telekom said its T-Com fixed-line business would play an "active role in the expected continued tough pricing competition" this year. It said that would entail "significantly increased expenditures for service and marketing."

As a result, it said, pretax earnings in the broadband and fixed-line business will be 800 million euros ($1 billion) lower than previously estimated.

The company said recent exchange-rate developments have had a negative impact on revenue and earnings for its mobile business. That prompted it to cut 200 million euros ($258 million) from the business's pretax earnings outlook.

Deutsche Telekom's mobile business includes T-Mobile USA. The U.S. dollar recently has been under renewed pressure against the euro.

Strong price pressure in the German mobile market and additional marketing expenses resulted in another 200 million euros ($258 million) being cut from the forecast, Deutsche Telekom said.

It added that it expects a "moderate increase" in group revenue this year.

For 2006, the company said according to a preliminary assessment, it had total revenue of 61.3 billion euros ($79.2 billion) -- falling short of its target range of 61.5 billion to 62.1 billion euros ($79.5 billion to $80.2 billion).

However, it said it expected to meet its pretax profit forecast of between 19.2 billion and 19.7 billion euros ($24.8 billion and $25.5 billion).

The company's new chief executive, Rene Obermann, took over in November pledging to win over customers by improving Deutsche Telekom's service while also cutting costs.

Over the course of last year, Deutsche Telekom said, it lost more than 2 million fixed-line narrowband customers -- a decline of 5.5 percent -- with the total declining to less than 39 million.

However, it saw a 37 percent increase in broadband subscriptions, which rose to more than 11.7 million in total.

The company also saw an 8.8 percent rise in mobile customers, who numbered 106.4 million by the end of 2006.

T-Mobile USA saw customer numbers rise by 15.4 percent to 25 million. In Germany, Telekom's mobile arm posted a 6.4 percent gain to 31.4 million customers.

Deutsche Telekom said it still plans to recommend a dividend for 2006 that will at least match the previous year's 72 euro cents (93 cents) per share.
 
Mah un tentativo con un cippettino a 13,50 si potrebbe provare .... :cool:
 
quant'è e quand'è il dividendo? :)
 
Per il 2006 Deutsche Telekom dovrebbe perciò pagare una cedola almeno pari a quella dello scorso anno (€0,72 per azione). Nel 2006 l'ha staccato il 04/05/2006 quest'anno non saprei.
 
Io ho venduto la setttimana scorsa DT per entrare su FT.
Se lasciavo i soldi sul c\c era meglio.
Certo che di notizie buone non ne arrivano molte. I dividendi però rimangono mlto buoni.
Su ulteriori indebolimenti seguo con interesse Telefonica. Certo son soldi che per un paio d' anni temo bisognerà lasciare fermi, ma hai visto mai che ad andar controcorrente ...
 
29 gennaio 2006 (ilsole24ore)

Deutsche Telekom cala le stime sul 2007 e paga dazio in Borsa
Al.An.

La competizione ormai esasperata e il rafforzamento dell'euro che ha limato gli incassi della divisione mobile negli Stati Uniti sarebbero le ragioni della nuova correzione delle previsioni sui profitti della più importante "big telco" europea, Deutsche Telekom, che costa anche un pesante ribasso in Borsa (-6% e 13,49 euro alle ore 9,40 di lunedì 29 gennaio a Francoforte).

Il margine operativo lordo riveduto e corretto, come ha dichiarato agli analisti lunedì mattina l'amministratore delegato René Obermann, «senza abbellimenti» sui prezzi e sulla domanda, sarà quindi nel 2007 di 19 miliardi di euro e non di 19,7-20,2 come previsto in un primo tempo.

La crescita dei ricavi dovrebbe esserci seppur «moderata».

Un nuovo profit warning nel giro di pochi mesi, quindi, che - per quanto il passo vada inquadrato nell'ambito di una cura ricostituente imposta dal nuovo top management - getta ancora una volta una luce sinistra sulla tenuta delle compagnie telefoniche ex monopoliste e subito grandi banche d'investimenti come JPMorgan Chase hanno strillato il loro al lupo consigliando di sottopesare il titolo nei portafogli. Anche se è chiaro che Obermann vuole partire con il piede giusto.
Dopo oltre tre anni di erosione dei profitti e dei margini complice l'errore strategico di puntare ancora in misura eccessiva sulla telefonia tradizionale, a differenza di concorrenti come Vodafone, Obermann vuole fare pulizia nei conti e riorientare il business cominciando a chiudere i rubinetti della spesa.

Il ceo della compagnia con base a Bonn ha voluto però sottolineare anche che Dt ha rafforzato la base della clientela e il posizionamento sul mercato. I clienti della telefonia mobile sono aumentati del 23% anno su anno di circa 20 milioni per effetto del consolidamento di Ptc in Polonia e dell'acquisizione di Telering in Austria. Negli Stati Uniti i nuovi utenti di T-Mobile sono stati 901 mila nell'ultimo trimestre 2006 e in totale il gruppo può contare oggi su una vasta base di 100 milioni di clienti. Inoltre in Germania hanno aiutato le nuove tariffe dell'Internet veloce con T-Com che ha registrato la miglior trimestrale nell'ultimo quarto dell'anno da quando il Dsl e la banda larga sono stati lanciati sul mercato
 
Brutta giornata ,tempi duri per le Telecom .... :'(
 
Oggi 15:14 JP Morgan ha alzato il target price di Deutsche Telekom a €14 (www.tradinglab.it)
Evidentemente si aspettavano una revisione più in basso delle stime, di quanto non sia stato realmente annunciato da DT.
A volte i profit warning sono notizie attese da alcuni che alcune ore dopo chiudono posizioni short.
 
Ultima modifica:
D. Telekom, allarme abbonati
da IlGiornale giovedì 01 febbraio 2007

Deutsche Telekom, dopo aver ridotto due volte nel giro di sei mesi le stime di utili per il 2007, appare rassegnata a perdere ulteriori clienti. Il Ceo della società, Rene Obermann ha infatti dichiarato: «Non è realistico credere di poter fermare l'emorragia dei clienti a causa della concorrenza sempre più agguerrita».
Pertanto, a giudizio del manager, per salvare i posti di lavoro occorrerà ridurre i costi e migliorare il servizio. Deutsche Telekom tratterà con i sindacati per trasferire 45mila dipendenti in una società a parte, con retribuzioni inferiori e orari di lavoro più lunghi.

Nel 2006 il gigante telefonico tedesco ha perduto circa 2 milioni di clienti nel settore della telefonia terrestre.

Inoltre la concorrenza crescente nel settore della telefonia mobile influenza negativamente gli introiti. Le stime sul risultato Ebitda per quest' anno sono state pertanto ridotte da 20,2 a 19 miliardi di euro. Ieri Dt ha perso lo 0,66%.
 
Il price target di WestLb per DT è €13.
 
Invece Abn Amro ha un obbiettivo di € 11 su Deutsche Telekom
 
A questo punto facciamo media a 12 , e cerchiamo di essere ottimisti
su un recupero della quotazione al piu' presto
 
mentre l'indebitamento?
riviste le stime?
 
voghera ha scritto:
mentre l'indebitamento?
riviste le stime?


Forse sapremo maggiori dettagli nei primi giorni di Marzo

2007 Finance calendar

Our finance calendar lists all Deutsche Telekom's key financial events for the current year.


Mar 1, 2007* Annual press conference and Investorday on the 2006 fin.yr

May 3, 2007* 2007 Shareholders' Meeting of Deutsche Telekom AG

May 10, 2007* Deutsche Telekom AG report on the first quarter of 2007

Aug 9, 2007* Deutsche Telekom AG report on the first half of 2007

Nov 8, 2007* Deutsche Telekom AG report on the first nine months of 2007
 
DEUTSCHE TELEKOM +2,2% Festeggia le nuovi regolamentazioni sulla banda larga


Websim - 23/02/2007 17:18:58


Deutsche Telekom festeggia con un rialzo del 2,3% la legge con cui il Governo tedesco consentirà al gruppo di non aprire la rete di nuova generazione ai competitor. La normativa è stata promulgata oggi ma è già oggetto d'esame da parte dell'Unione Europea. DT investirà all'incirca tre miliardi di euro per la costruzione della rete e, di fatto, si troverà in una situazione di monopolio sull'ultimo miglio in fibra e, di conseguenza, sui relativi servizi su rete ad alta velocità.
 
1 marzo 2007 IL SOLE 24ORE
Utili in picchiata per Deutsche Telekom: -43 per cento


Deutsche Telekom ha registrato nell'anno fiscale 2006 un crollo dell'utile netto del 43%, arrivato a 3,2 miliardi di euro. Depurato degli effetti straordinari, dovuti alla ristrutturazione del personale, l'utile netto è stato di 3,9 miliardi, ovvero inferiore del 17,5% a quello dell'anno precedente. Come ha comunicato la società, il fatturato complessivamente è aumentato del 2,9%, arrivando a 61,3 miliardi di euro. Alla crescita, tuttavia, ha contribuito solo l'attività all'estero (+13,6%), in particolare negli Usa, dove il numero dei clienti è arrivato a 25 milioni.
In Germania, la forte concorrenza nel settore e il crollo dei prezzi hanno provocato un calo del 5% del fatturato, ovvero di 1,7 miliardi di euro, sceso a 32,5 miliardi di euro.
Come previsto dal management, anche il risultato Ebitda, depurato degli effetti straordinari, è sceso a 19,4 miliardi di euro, ovvero del 6% rispetto al 2005. È stato proposto pertanto il versamento di un dividendo, invariato rispetto al 2005, di 0,72 euro per azione.

-------------------------------------------------------------------------------
Gia' uscito da DT , quando e' suonata la prima campanella a shanghai !!!
 
Indietro