Cosa s'intende per ''ulteriori rapporti assicurativi''?

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

Ghigo76

Nuovo Utente
Registrato
23/10/04
Messaggi
1.411
Punti reazioni
35
Salve a tutti, sono un collaboratore a progetto, iscritto alla gestione separata INPS.
Rifacendomi a questo articolo: ''Per l’anno 2006, i contributi per gli iscritti alla gestione separata privi di altra tutela previdenziale, sono dovuti nelle seguenti misure: 18,20% fino al limite di reddito di 39.297 euro, 19,20% per la quota di reddito eccedente il limite di 39.297 euro e fino a 85.478. Continua ad applicarsi la preesistente normativa che fissa l’aliquota nella misura del 15% per i titolari di pensione diretta e in quella del 10% per gli altri pensionati e per i titolari di «ulteriori» rapporti assicurativi.''

Significa che i miei contributi sono pari al 18,2% ma che scenderebbero al 10% se avessi un ''ulteriore'' rapporto assicurativo, giusto?
Dato che mi pare un ottimo risparmio e una possibilità assicurativa ulteriore, (sempre che le mie deduzioni siano esatte) chiedo: che alternative avrei? A che costi? Ringrazio tutti per l'aiuto.
 
Indietro