Costruzione fondi con protezione capitale

  • ANNUNCIO: 46° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana tutto sommato positiva per le principali piazze internazionali che proseguono così il rimbalzo dai minimi di ottobre. Novembre sarà ricordato come uno dei mesi migliori nella storia più o meno recente dei mercati finanziari. Il calo dei rendimenti, con un ulteriore irripidimento delle curve, ha portato gli indici obbligazionari globali a registrare le migliori performance mensili dalla Grande Crisi Finanziaria, ovvero da dicembre 2008. Per l’azionario globale, invece, è stato il miglior rally mensile dal 2020. L’impulso è stato fornito anche dai dati sull’inflazione nell’area euro, che hanno rafforzato la tendenza ad anticipare la tempistica di un primo taglio dei tassi da parte della Bce già a partire dal 2024. Per continuare a leggere visita il link

  • ANNUNCIO: Segui le NewsLetter di Borse.it.

    Al via la Newsletter di Borse, con tutte le notizie quotidiane sui mercati finanziari. Iscriviti per rimanere aggiornato con le ultime News di settore, quotazioni e titoli del momento.
    Per iscriverti visita questo link.

M.Likelihood

Nuovo Utente
Registrato
19/2/06
Messaggi
97
Punti reazioni
2
Vorrei avere una spiegazione sulle modalità tecniche con le quali si costruisce un fondo a capitale protetto.

Il quesito mi sovviene dalla lettura di un articolo in cui si parla del fondo Global emerging markets 80% di Nomura securities.

Cito testualmente: "Il fondo garantisce sin dal lancio il consolidamento dell'80% del più alto valore aggiunto della quota. Questo risultato si realizza attraverso una tecnica quantitativa di gestione che reagisce dinamicamente ai cambiamenti di mercato, bilanciando il patrimonio del fondo tra due componenti: il sottostante, composto da sei fondi, e le riserve, costituite da investimenti a basso livello di rischio. All'aumentare del valore del fondo, il livello di protezione cresce e si consolida, mentre in caso di diminuzione l'esposizione al sottostante si riduce, passando contestualmente all'investimento in titoli di Stato o in fondi monetari con valutazione di merito di credito a livello AAA, con lo scopo di proteggere il valore del fondo."
 
M.Likelihood ha scritto:
Vorrei avere una spiegazione sulle modalità tecniche con le quali si costruisce un fondo a capitale protetto.

Il quesito mi sovviene dalla lettura di un articolo in cui si parla del fondo Global emerging markets 80% di Nomura securities.

Cito testualmente: "Il fondo garantisce sin dal lancio il consolidamento dell'80% del più alto valore aggiunto della quota. Questo risultato si realizza attraverso una tecnica quantitativa di gestione che reagisce dinamicamente ai cambiamenti di mercato, bilanciando il patrimonio del fondo tra due componenti: il sottostante, composto da sei fondi, e le riserve, costituite da investimenti a basso livello di rischio. All'aumentare del valore del fondo, il livello di protezione cresce e si consolida, mentre in caso di diminuzione l'esposizione al sottostante si riduce, passando contestualmente all'investimento in titoli di Stato o in fondi monetari con valutazione di merito di credito a livello AAA, con lo scopo di proteggere il valore del fondo."
Provo ad interpretare ma già premetto che non è certezza assoluta ma solo opinione (inoltre è parecchio difficile da spiegare). Anzittutto il fondo è a gestione attiva e

1) Si parla del consolidamento dell'80% del valore aggiunto della quota.
Quindi dovrebbe portare l'80% del guadagno ottenuto alle riserve mentre il 20% del guadagno al sottostante.

Esempio:
Giorno 1: valore quota 10 di cui 6 investiti nel sottostante e 4 nelle riserve.

Giorno 2: valore quota sale a 12. A questo punto parte il ribilanciamento del fondo,il guadagno 2 viene "monetizzato" e reinvestito nel fondo, in particolare l'80% (1,6) nelle riserve e il 20% (0,4) nel sottostante. Quindi la nuova composizione sarà:
Valore quota 12 di cui 6,4 investiti nel sottostante e 5,6 nelle riserve.

La protezione aumenta perchè con l'aumentare del fondo aumenta la percentuale del patrimonio investito nella parte a basso rishio. Confronta giorno 1 e giorno 2.
giorno 1: 60% sottostante, 40% riserve
giorno 2: 53.3% sottostante, 46.7% riserve.

2) in caso di discesa vale il ragionamento di prima ma invertito.
Giorno 1: vaolre quota 10 di cui 6 investiti nel sottostante e 4 nelle riserve.

Giorno 2: valore quota 9 e quindi teoricamente (senza ribilanciamento) 5,4 investito nel sottostante e 3,6 nelle riserve. Del minore valore (ovvero 1) viene disinvestito l'80% dal sottostante per essere portato alle riserve.
In pratica
valore quota 9 di cui 4.6 investiti nel sottostante (5,4-((10-9)*80%)) e 4,4 nelle riserve (3.6+(10-9)*80%).

In conclusione non esiste benchmark, o meglio si tratta di un benchmark dinamico.
Si accettano consigli cmq ed è tutto da prendere con le molle.
 
M.Likelihood ha scritto:
Vorrei avere una spiegazione sulle modalità tecniche con le quali si costruisce un fondo a capitale protetto.

Il quesito mi sovviene dalla lettura di un articolo in cui si parla del fondo Global emerging markets 80% di Nomura securities.

Cito testualmente: "Il fondo garantisce sin dal lancio il consolidamento dell'80% del più alto valore aggiunto della quota. Questo risultato si realizza attraverso una tecnica quantitativa di gestione che reagisce dinamicamente ai cambiamenti di mercato, bilanciando il patrimonio del fondo tra due componenti: il sottostante, composto da sei fondi, e le riserve, costituite da investimenti a basso livello di rischio. All'aumentare del valore del fondo, il livello di protezione cresce e si consolida, mentre in caso di diminuzione l'esposizione al sottostante si riduce, passando contestualmente all'investimento in titoli di Stato o in fondi monetari con valutazione di merito di credito a livello AAA, con lo scopo di proteggere il valore del fondo."

Per approfondimenti puoi cercare su internet

CPPI
 
All'incirca come dicevo sopra anche se la copertura avviene con strumenti derivati. Cmq il concetto di ribilanciamento giornaliero è esatto. Leggendo tuttavia viene detto che il gestore ha la facoltà di stabilire, a suo piacimento, pesi diversi sia del sottostante sia delle riserve (è una specie di hedge fund).

Ti allego qui sotto il link del prospetto informativo semplificato che ho trovato (sempre che la dicitura del fondo corretta sia Global Emerging Markets 80% Protected Portfolio Funds).
http://www.altrus.it/altrus/products/prod_847906/it/simplifiedprospectus.pdf
 
Sì il fondo è proprio quello. Riporto il link completo ove si possono trovare le info del fondo:
http://www.altrus.it/products/?id=prod_847906

Ad ogni modo credo che sia anche azzeccata la teoria applicata, appunto CPPI (Constant Proportion Portfolio Insurance). Se non ho capito male si inserisce nello stesso ambito del DYNAMIC HEDGING. Nei prossimi giorni ci darò un occhiata.

Non seguo i fondi ma devo dire che è un idea interessante.
 
Ultima modifica:
M.Likelihood ha scritto:
Se non ho capito male si inserisce nello stesso ambito del DYNAMIC HEDGING. Nei prossimi giorni ci darò un occhiata.

Non seguo i fondi ma devo dire che è un idea interessante.

Sì è una gestione a copertura variabile
Non conosco approfonditamente le varie tecniche di
Dynamic Hedging,suppongo comunque che si usino
opzioni o comunque immunizzazione totale quando il capitale è garantito formalmente,CPPI e varianti se il capitale è "protetto"

Forse volendo garanzie sul capitale,oppure perdita max stabilita, meglio non rischiare un Dynamic Hedging che ti protegge solo in certe condizioni :rolleyes:

Accettando un rischio non nullo,tanto vale neutralizzare il rischio di mercato ed accettare il rischio di gestione
 
Pek ha scritto:
Dynamic Hedging,suppongo comunque che si usino
opzioni o comunque immunizzazione totale quando il capitale è garantito formalmente,CPPI e varianti se il capitale è "protetto"

Infatti, nel caso specifico, la copertura avviene con opzioni, derivati di vario tipo e swap

Concordo con il fatto che, se si decide di fare un determinato investimento, tanto vale accettare il rischio di getione. Il pericolo è che, volendo azzerrare il rischio, si utilizzino strumenti costosi con l'effetto di deteriorare completamente il rendimento positivo ed amplificare le perdite nel caso di rendimento negativo.
 
luis80365 ha scritto:
Infatti, nel caso specifico, la copertura avviene con opzioni, derivati di vario tipo e swap

Concordo con il fatto che, se si decide di fare un determinato investimento, tanto vale accettare il rischio di getione. Il pericolo è che, volendo azzerrare il rischio, si utilizzino strumenti costosi con l'effetto di deteriorare completamente il rendimento positivo ed amplificare le perdite nel caso di rendimento negativo.

Il rischio di mercato è azzerabile vendendo future,strumento economco per eccellenza
Se la gestione batte il mercato guadagni altrimenti perdi
In caso di pareggio al netto dei costi,si ottiene il risk free,qualcosa meno se prudentemente si opera a leva <1 (parte long a leva 1 + margini)

Il capitale NON è garantito ma solitamente si riduce drasticamente la volatilità in ogni
condizione di mercato
 
scusate sono entrato nel fondo parvest australia..con fineco mi da t+2 come data eseguiro..lo trovo tra due giorni allora nel book...i soldi li hanno gia' bloccati pero' chiedo info nn ho mai preso fondi con fineco
 
peaad ha scritto:
scusate sono entrato nel fondo parvest australia..con fineco mi da t+2 come data eseguiro..lo trovo tra due giorni allora nel book...i soldi li hanno gia' bloccati pero' chiedo info nn ho mai preso fondi con fineco

Non ho Fineco,è comunque nella norma che ci sia regolamento immediato e valorizzazione al NAV t+x
 
Indietro