Creditori Vari e Società

Rey®

Fai ciò che devi!
Registrato
18/3/00
Messaggi
5.742
Punti reazioni
313
In preparazione all'esame di diritto commerciale, fra i vari argomenti, mi sono imbattuto in un dubbio che mi tormenta ;)

Trattasi di società semplice, creditori sociali e creditori particolari.

Mettiamo che in sede di liquidazione o anche prima, con atti convervativi, un creditore particolare di un socio della s.s., avanzi diritti sulla quota sociale del socio, non avendo trovato modo di soddisfarsi sul patrimonio personale del socio.

In quel momento vi sarebbero sulla stessa quota, due tipi di creditori che avanzerebbero diritti, i creditori sociali che in via sussidiaria, possono soddisfasi sul patrimonio sociale e poi su quello dei soci (salvo limitazioni di responsabilità) e i creditori particolari che vogliono la quota del socio debitore.

In questo caso, che si fa? Esiste una gerarchia tra i creditori ?

Grazie in anticipo per l'aiuto :)
 
nella società semplice o collettiva irregolare...

Il creditore del socio può chiedere la liquidazione della quota, provando che i beni del debitore sono insufficienti a soddisfare i suoi crediti. Dalla richiesta si ha un' esclusione ex lege del socio (2288 2 comma). Il creditore non si soddisfa però sulla quota, cioè sul patrimonio; ma la società è tenuta a versargli una somma di denaro di valore pari alla quota liquidata. Se però, entro tre mesi dalla domanda (termine entro il quale va liquidata la quota, la società è oggetto di delibera di scioglimento, il creditore se la prende in saccoccia. Nel senso che dovrà attendere la liquidazione della società per soddisfarsi sulla eventuale quota di liquidazione spettante al suo debitore e sarebbe quindi preceduto dai creditori sociali.
Mi auguro che non facciano di 'ste domande all' esame perchè incasinano solamente e poi..quante società semplici o in nome collettivo irregolare conosci!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! AUGURI. In c..o alla balena e che (per usare una terminologia consona al forum) non emetta flatulenze!!!!
 
mi sembrava

mi pareva di aver risposto ma non leggo nel forum. Mah, riposto stasera
 
La tua risposta di ieri si vede.
 
ora la vedo

avrò un pc allucinogeno!!!
 
Re: nella società semplice o collettiva irregolare...

Scritto da redon
Il creditore del socio può chiedere la liquidazione della quota, provando che i beni del debitore sono insufficienti a soddisfare i suoi crediti. Dalla richiesta si ha un' esclusione ex lege del socio (2288 2 comma). Il creditore non si soddisfa però sulla quota, cioè sul patrimonio; ma la società è tenuta a versargli una somma di denaro di valore pari alla quota liquidata. Se però, entro tre mesi dalla domanda (termine entro il quale va liquidata la quota, la società è oggetto di delibera di scioglimento, il creditore se la prende in saccoccia. Nel senso che dovrà attendere la liquidazione della società per soddisfarsi sulla eventuale quota di liquidazione spettante al suo debitore e sarebbe quindi preceduto dai creditori sociali.
Mi auguro che non facciano di 'ste domande all' esame perchè incasinano solamente e poi..quante società semplici o in nome collettivo irregolare conosci!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! AUGURI. In c..o alla balena e che (per usare una terminologia consona al forum) non emetta flatulenze!!!!

Argomento di mia gioventù! Rey voleva sapere posizione anche dei creditori sociali (beneficio dell'escussione automatico per la regolare, su eccezione per irregolare e semplice). Domande da esame sì. Beati Voi del nord, con spa numerosissime: qui al sud di società in nome collettivo irregolari ve ne sono tantissime
 
Indietro