Crollo delle vendite del corriere della sera

Licatese

senza provincia
Registrato
11/12/00
Messaggi
16.607
Punti reazioni
524
- 20% a milano
-6% a roma...
bisogna chiedere i danni a Mieli ora :o
 
Mieli non conta nulla, scrive quel che piace a chi gli paga lo stipendio.

Sono calate le vendite ?
Ca...zzi del patto di sindacato e della proprietà.
 
Licatese ha scritto:
basta leggere il Giornale ma anche libero o il foglio o la Padania :o


Si ma anche loro avranno delle fonti per affermare questo.
No?
:)
 
skymap ha scritto:
Mieli non conta nulla, scrive quel che piace a chi gli paga lo stipendio.

Sono calate le vendite ?
Ca...zzi del patto di sindacato e della proprietà.

se io fossi un azionista rcs non sarei cosi contento di sentire ciò che ha detto Mieli... Molti dei lettori lo compravano perchè non era schierato(anche se negli ultimi anni si capiva che era diventato di sinistra)...
 
ricpast ha scritto:
Si ma anche loro avranno delle fonti per affermare questo.
No?
:)

io l'ho letto ne Il giornale... chiedi a loro chi glielo ha detto... di certo non avrebbero parlato se non avessero avuto un minimo di informazione
 
se fosse vero,e cmq penso che dopo l'uscita di mieli qualcosa di vero c'e',andrebbe caccaiato il direttore a calci nel BIPPPP!!
 
Licatese ha scritto:
basta leggere il Giornale ma anche libero o il foglio o la Padania :o

:eek:

:D :D :D :D Allora questo va interpretato cosi: le vendite del Corriere della Sera sono andate alle stelle
 
Gandalf il Bianc ha scritto:
se fosse vero,e cmq penso che dopo l'uscita di mieli qualcosa di vero c'e',andrebbe caccaiato il direttore a calci nel BIPPPP!!

certo bisogna vedere quanto attendibili siano le informazioni in mano ai giornali di destra...
in ogni caso il corriere venderà meno è ovvio... perche molti si sposteranno verso i giornali di sinistra come l'unità o repubblica se vogliono leggere qualcosa di sinistra e altri verso quelli di desrta se vogliono leggere qualcosa di destra... Quelli invece che vorranno continuare a leggere qualcosa di indipendente compreranno gionali non schierati politicamente
 
Licatese ha scritto:
Quelli invece che vorranno continuare a leggere qualcosa di indipendente compreranno gionali non schierati politicamente
IL CORRIERE DELLO SPORT?
 
Novello2006 ha scritto:
:eek:

:D :D :D :D Allora questo va interpretato cosi: le vendite del Corriere della Sera sono andate alle stelle


atttualmente il corriere della sera è il quotidiano piu letto in italia ma presto la repubblica lo passerà tranquillo...
 
....eccolo qui l'articolo.
La fonte sono: i primi contatti con i rivenditori.
A voi il giudizio sull'attendibilità o meno della fonte citata e delle congetture (legittime) effettuate dalla giornalista.

Tornando al dibattito sull'outing di Mieli: ritengo che non vi sia nulla di scandaloso se un editorialista esprime esplicitamente le proprie idee sulle imminenti elezioni.
Personalmente preferisco i giornalisti che, su tali argomenti, cercano di essere il più chiari possibile (esempi: Ferrara, Belpietro, De Bortoli, ecc).
La linea editoriale della Repubblica la trovo,da questo punto di vista, più ambigua: si tendono a dire le cose tra le righe, si utilizzano tabelle numeriche di incerta provenienza,ecc.

Parlo ovviamente dei giornali che non sono ufficialmente organi di partito ma che esprimono di fatto le idee di un preciso schieramento (Il Giornale, Il Foglio, La Repubblica)


Lettori in rivolta contro il «Corriere» di sinistra - di Chiara Campo -


La flessione di vendite più consistente si è registrata a Milano (-2O%), mentre in Lombardia il calo è del 10-15% e a Roma del 5-6%

da Milano
Rabbia, delusione, abbandono. L'outing del Corriere della Sera a favore del centrosinistra ha punto nell'orgoglio quanti se ne erano accorti da un pezzo ma non si rassegnavano all'idea che il loro quotidiano di una vita fosse schierato come tutti gli altri. Quando lo hanno letto nero su bianco, i difensori a oltranza del «Corrierone» super partes hanno abbassato le armi e annunciato la resa. Se ne sono accorti alle edicole, il giorno dopo l'editoriale in cui il direttore Paolo Mieli non ha usato mezzi termini per svelare che via Solferino sta con Romano Prodi. Dai primi contatti con il circuito dei rivenditori, sembra che solo su Milano, dove il Corriere ha la sua roccaforte per quanto riguarda la diffusione, gli altri quotidiani abbiano registrato il 20 per cento di vendite in più, in Lombardia tra il 10-15 per cento, più contenuto il dato a Roma (tra il 5 e 6 per cento). Conseguenza del fatto che, stando a quanto riferiscono le rivendite, almeno a Milano un lettore su cinque ieri non ha acquistato il Corriere della Sera.
Sensazioni che diventano conferma, facendo una passeggiata tra le edicole della città. In piazza Oberdan, intorno alle 17.30, una quarantina di copie (sulle 108 consegnate all'alba) attendono ancora di essere vendute, «e oggi c'era pure il magazine in allegato, per cui di solito a quest'ora sono già finite da un pezzo - riferisce il titolare -. Senza il settimanale, ne avremmo avanzata una pigna più alta. La gente si è arrabbiata parecchio, molti dicono che non lo compreranno più». Commenti che in piazza della Repubblica l'edicolante ha dovuto sentire dalle sei del mattino,
 
ricpast ha scritto:
....eccolo qui l'articolo.
La fonte sono: i primi contatti con i rivenditori.,



.....grande.......... :D :D .............sarà la stessa fonte a cui ha attinto il silviolo............ :o :o :o

....perchè non hanno domandato loro quando ci sarà la ripresa economica.......... :specchio: :specchio:
 
Licatese ha scritto:
atttualmente il corriere della sera è il quotidiano piu letto in italia ma presto la repubblica lo passerà tranquillo...

La Repubblica e' mica male.
 
Ovviamente c'è da valutare l'impatto che potrebbe avere una tale notizia per la RCS in quanto società quotata in borsa.

se non venisse confermata da ulteriori fonti (a differenza della giornalista non sarei molto propenso ad avvallare una conferma della notizia solo grazie ad una "passeggiata tra le edicole di Milano"....) si potrebbe configurare l'ennesimo caso di ingerenza giornalistica immotivata sui corsi azionari.

Io non credo ma di certo non sarebbe, ainoi, nè la prima nè l'ultima volta che ciò avviene....
 
io avevo smesso di comprare il corriere giudicandolo troppo poco coraggioso e compravo repubblica.

dopo l'editoriale di Mieli ho ricominciato a comprare il corriere.
 
roberto ha scritto:
io avevo smesso di comprare il corriere giudicandolo troppo poco coraggioso e compravo repubblica.

dopo l'editoriale di Mieli ho ricominciato a comprare il corriere.

Potevi comprare la Pravda :D :D
 
Indietro