d+ Mediolanum

promotore

Nuovo Utente
Registrato
17/10/03
Messaggi
61
Punti reazioni
6
dipiù8 decorrenza 29 marzo 1996 rendimento netto al cliente
61,7%
Esempio investiti £ 10.000.000 (Euro 5.164,57) liquidati al cliente Euro 8.344,67 (£ 16.157.531)

dipiù9 29 marzo 1996 rendimento netto al cliente 71,42%
Esempio investiti £ 10.000.000 (Euro 5.164,57) liquidati al cliente Euro 8853,51 ( £ 17.142.781)

Saluti.
 
Io non sò come siano investiti i soldi in queste D+ ma se io avessi fatto un investimento nel 1996 ora non sarei di certo al settimo cielo, anzi......
Due numeri, giusto per chiarire, di fondi ben gestiti, non il meglio in circolazione, non faccio il nome della SGR per non fare pubblicità:

Fondo Azioni Italia + 199%

Fondo Azioni Europa + 121%

Fondo Bilanciato + 87,6%

Fondo Obbligaz. euro + 61,87%

Fondo Obbl. Intern. + 45%

Fondo Flessibile + 127,8%

Non ho messo i migliori per categoria, anzi sull'obbligazionario qualcosa di meglio si trova.

Indi per cui questa D+ ha fatto abbastanza pena, facendo una diversifacazione anche piuttosto prudente si sarebbe fatto meglio.

Banalmente una gestione statica

30% obblig. euro
20% obbl. intern.
20% azioni italia
20% azioni europa
10% fondo flex

lire 10.000.000 investite nel marzo 96 oggi sarebbero:

lire 19.105.900

ciao
 
Oltre alle giuste considerazioni (i costi impliciti, quelli che il cliente non vede e non sa valutare, sono talmente alti da stroncare anche le performance positive), perché non apri threads anche per i prodotti in perdita?

Oppure su quelli basta "mediare ed attendere 15, meglio ancora 20 anni, per vedere i frutti della gestione professionale" di Banca Highlander Mediolanum?
 
Scritto da promotore
dipiù8 decorrenza 29 marzo 1996 rendimento netto al cliente
61,7%
Esempio investiti £ 10.000.000 (Euro 5.164,57) liquidati al cliente Euro 8.344,67 (£ 16.157.531)

dipiù9 29 marzo 1996 rendimento netto al cliente 71,42%
Esempio investiti £ 10.000.000 (Euro 5.164,57) liquidati al cliente Euro 8853,51 ( £ 17.142.781)

Saluti.

Salute a te Promotore...tanto per ricordarti la discussione:

http://www.finanzaonline.com/forum/showthread.php?threadid=413429

Ripassa la lezione e ritenta
Ciao
 
Scritto da promotore
dipiù8 decorrenza 29 marzo 1996 rendimento netto al cliente
61,7%
Esempio investiti £ 10.000.000 (Euro 5.164,57) liquidati al cliente Euro 8.344,67 (£ 16.157.531)

dipiù9 29 marzo 1996 rendimento netto al cliente 71,42%
Esempio investiti £ 10.000.000 (Euro 5.164,57) liquidati al cliente Euro 8853,51 ( £ 17.142.781)

Saluti.

Inoltre, peccato che ANCHE stavolta debba ricordarti che un semplicissimo btp comprato nello stesso anno (1996), con scadenza 2004, avrebbe reso di più, e avrebbe dato la possibilità di liquidare l'investimento ogni giorno.
IMMONDIZIA FINANZIARIA.
 
Non replica neanche, almeno prima di scrivere certe cose informati su cosa hanno reso altri investimenti nello stesso periodo.:mmmm:
 
Scritto da Tiger
Io non sò come siano investiti i soldi in queste D+ ma se io avessi fatto un investimento nel 1996 ora non sarei di certo al settimo cielo, anzi......
Due numeri, giusto per chiarire, di fondi ben gestiti, non il meglio in circolazione, non faccio il nome della SGR per non fare pubblicità:

Fondo Azioni Italia + 199%

Fondo Azioni Europa + 121%

Fondo Bilanciato + 87,6%

Fondo Obbligaz. euro + 61,87%

Fondo Obbl. Intern. + 45%

Fondo Flessibile + 127,8%

Non ho messo i migliori per categoria, anzi sull'obbligazionario qualcosa di meglio si trova.

Indi per cui questa D+ ha fatto abbastanza pena, facendo una diversifacazione anche piuttosto prudente si sarebbe fatto meglio.

Banalmente una gestione statica

30% obblig. euro
20% obbl. intern.
20% azioni italia
20% azioni europa
10% fondo flex

lire 10.000.000 investite nel marzo 96 oggi sarebbero:

lire 19.105.900

ciao
Senza contare che mentre con una strutturata non riesci quasi mai a disinvestire prima della scadenza in guadagno, con i fondi puoi approfittare dei momenti buoni del mercato realizzando in tutto o in parte i guadagni maturati. Se pensiamo a quello che ha perso in 3 anni il mercato azionario, avere avuto l'accortezza di incamerare il rialzo precedente avrebbe portato ad ottenere rendimenti complessivi ancora migliori.
 
Scritto da Toshiba
Se pensiamo a quello che ha perso in 3 anni il mercato azionario, avere avuto l'accortezza di incamerare il rialzo precedente avrebbe portato ad ottenere rendimenti complessivi ancora migliori.



COSA??? :eek: :eek: :eek:

I ribassi delle borse sono una manna, perché consentono di entrare a prezzi stracciati, mediando il prezzo di carico precedente :D

Ed è per questo motivo che noi di Banca-Highlander-Mediolanum proponiamo ai nostri fortunati clienti una imperdibile polizza "fregatur-linked" :D

"D+ Always", a scadenza illimitata....prima o poi deve guadagnare per forza :D
 
Scritto da Toshiba
Senza contare che mentre con una strutturata non riesci quasi mai a disinvestire prima della scadenza in guadagno, con i fondi puoi approfittare dei momenti buoni del mercato realizzando in tutto o in parte i guadagni maturati. Se pensiamo a quello che ha perso in 3 anni il mercato azionario, avere avuto l'accortezza di incamerare il rialzo precedente avrebbe portato ad ottenere rendimenti complessivi ancora migliori.


Infatti ho messo una bilanciata statica, dimostrando che anche senza fare nulla e dimenticando i soldi per anni si sarebbe riusciti a fare meglio.
Se si voleva mantenere una bilanciata nel 1999-2000 avremmo alleggerito la parte azionaria riportandola al 50% e comprando più bond avremmo fatto sicuramente meglio, questo non facendo i guru del mercato ma solo ribilanciando il portafoglio.:yes:

Però se promotore insiste forse ci sarà qualcuno, sopra di lui, che gliele vende proprio beneOK! :mmmm: :(
 
Scritto da Salentino
Promotore, ma hai ancora il coraggio di presentarti qui?

Dai,ragazzi!!!
Diamo prova di democrazia!!!
Facciamo parlare tutti!!!

Tanto poi anche a lui gli toglieranno il 25 aprile...........sigh!!!


mal comune mezzo gaudio.............bleah!!!!:angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :wall: :wall: :'( :no: bannato :bye:
 
Egr. collega,
al posto tuo mi vergognerei di sbandierare quei miseri rendimenti.
Sono proprio i promotori come te ed i tuoi amici ispanici che stanno rovinando l'immagine della categoria.
Personalmente già da 2 anni cerco di far disinvestire le vs. fregatur linked e quant'altro costi in maniera sproporzionata e soprattutto ingiustificata ai clienti. Cerco sempre di spiegare ai clienti tapirati, con prospetti alla mano e con articoli della stampa finanziaria nazionale, in quali trappole sono finiti.
Basta, fatela finita; tra qualche anno alla scadenza delle Vs. fetecchie i clienti statene pur certi si incazzeranno tantissimo.
Fate i consulenti finanziari e non i venditori di sogni; sono stufo di essere accostato a Voi solo perchè sono iscritto all'albo.
L'anasf dovrebbe proporre l'istituzione di un'altro albo ove iscrivere solo i promotori come Voi.
E comunque statene pur certi che il pentolone bolle ed arriverà presto anche per Voi l'ora della verità.
Mi dispiace tantissimo per i colleghi che non la pensano come me, ma se vogliamo continuare a stare sul mercato dobbiamo davvero incominciare noi stessi a ripulire il sistema rinunciando ai guadagni stellari degli anni scorsi. Le banche (compreso Bancoposta) dovranno anche loro rientrare tra le righe. Niente più budget di prodotto, niente più commissioni di ingresso e di uscita, commissioni di gestione giustificate solo dai risultati e non dalle chiacchiere dei gestori e soprattutto tanta flessibilità nel gestire il cliente che non va più abbandonato sull'azionario alla prossima clamorosadiscesa. Bisogna avere il coraggio di sposare la causa multibrand e scegliere gli strumenti senza nessun conflitto e spinta commerciale dall'alto.
Bisogna soprattutto bandire unit, index, strutturati, gestioni a capitale garantito perchè fanno solol la felicità di pochi (ma non dei clienti).
Sarà utopia ma io la penso così.
Alla prossima
 
Scritto da taras1
Egr. collega,
al posto tuo mi vergognerei di sbandierare quei miseri rendimenti.
Sono proprio i promotori come te ed i tuoi amici ispanici che stanno rovinando l'immagine della categoria.
Personalmente già da 2 anni cerco di far disinvestire le vs. fregatur linked e quant'altro costi in maniera sproporzionata e soprattutto ingiustificata ai clienti. Cerco sempre di spiegare ai clienti tapirati, con prospetti alla mano e con articoli della stampa finanziaria nazionale, in quali trappole sono finiti.
Basta, fatela finita; tra qualche anno alla scadenza delle Vs. fetecchie i clienti statene pur certi si incazzeranno tantissimo.
Fate i consulenti finanziari e non i venditori di sogni; sono stufo di essere accostato a Voi solo perchè sono iscritto all'albo.
L'anasf dovrebbe proporre l'istituzione di un'altro albo ove iscrivere solo i promotori come Voi.
E comunque statene pur certi che il pentolone bolle ed arriverà presto anche per Voi l'ora della verità.
Mi dispiace tantissimo per i colleghi che non la pensano come me, ma se vogliamo continuare a stare sul mercato dobbiamo davvero incominciare noi stessi a ripulire il sistema rinunciando ai guadagni stellari degli anni scorsi. Le banche (compreso Bancoposta) dovranno anche loro rientrare tra le righe. Niente più budget di prodotto, niente più commissioni di ingresso e di uscita, commissioni di gestione giustificate solo dai risultati e non dalle chiacchiere dei gestori e soprattutto tanta flessibilità nel gestire il cliente che non va più abbandonato sull'azionario alla prossima clamorosadiscesa. Bisogna avere il coraggio di sposare la causa multibrand e scegliere gli strumenti senza nessun conflitto e spinta commerciale dall'alto.
Bisogna soprattutto bandire unit, index, strutturati, gestioni a capitale garantito perchè fanno solol la felicità di pochi (ma non dei clienti).
Sarà utopia ma io la penso così.
Alla prossima

Mhmhm, secondo me è proprio utopia e lo sarà ancora di più se il mercato dovesse salire.
Anzi, ti dirò di più: ero convinto che il modello retributivo del promotore finanziario e simile potesse essere pian piano applicato anche ad altre figure lavorative e ieri credo di aver avuto la conferma: ho letto un intervento, mi pare di Fini, in cui si sosteneva che sarebbe auspicabile una riforma della struttura salariale tale da legare la retribuzione anche alla produttività.
Quindi la tendenza mi pare sia tracciata.
Come hai ben detto anche le Poste lavorano con i budget.
Anche le piccole società finanziarie che lavorano con prodotti assicurativi.

Bisogna poi tenere presente che il promotore, lo dice la parola stessa, non svolge un servizio di consulenza ma di promozione. Come le tele-promozioni in tv.
Semmai bisognerebbe chiamare le cose col loro nome (consulenza propedeutica alla vendita...mah.....) e dare la possibilità seria a chi non vuole fare il venditore di fare altro, come per esempio il consulente (quello vero).
 
Scritto da Andy Dufresne
sarebbe auspicabile una riforma della struttura salariale tale da legare la retribuzione anche alla produttività.

Bisogna poi tenere presente che il promotore, lo dice la parola stessa, non svolge un servizio di consulenza ma di promozione. Come le tele-promozioni in tv.
Semmai bisognerebbe chiamare le cose col loro nome (consulenza propedeutica alla vendita...mah.....) e dare la possibilità seria a chi non vuole fare il venditore di fare altro, come per esempio il consulente (quello vero).

Concordo in parte.
Dissento maggiormente nel momento in cui si decida di legare INDISSOLUBILMENTE o PRINCIPALMENTE la retribuzione alla produttività per attività prettamente commerciali nel settore finanziario.

In tutti gli altri settori gli agenti prendono le provvigioni (legate alla "produttività"), ma il settore finanziario deve essere trattato in modo diverso.
Bisogna:
1- inasprire FORTEMENTE la difficoltà dell'esame di abilitazione;
2- introdurre esami ripetuti nel tempo ed obbligatori per il necessario aggiornamento;
3- obbligare gli enti finanziari a sviluppare corsi interni per l'aggiornamento
4- aumentare il grado di responsabilità del pf, e di conseguenza, la sua retribuzione (solo dopo una lunga,doverosa,dolorosa,ingente scrematura....);
5- eliminare il contratto di agenzia;
6- sovradimensionare un ente come la consob;
7- aumentare i poteri della consob;
8- regolamentare legislativamente il ruolo del consulente.
 
Scritto da ricpast
Concordo in parte.
Dissento maggiormente nel momento in cui si decida di legare INDISSOLUBILMENTE o PRINCIPALMENTE la retribuzione alla produttività per attività prettamente commerciali nel settore finanziario.

In tutti gli altri settori gli agenti prendono le provvigioni (legate alla "produttività"), ma il settore finanziario deve essere trattato in modo diverso.
Bisogna:
1- inasprire FORTEMENTE la difficoltà dell'esame di abilitazione;
2- introdurre esami ripetuti nel tempo ed obbligatori per il necessario aggiornamento;
3- obbligare gli enti finanziari a sviluppare corsi interni per l'aggiornamento
4- aumentare il grado di responsabilità del pf, e di conseguenza, la sua retribuzione (solo dopo una lunga,doverosa,dolorosa,ingente scrematura....);
5- eliminare il contratto di agenzia;
6- sovradimensionare un ente come la consob;
7- aumentare i poteri della consob;
8- regolamentare legislativamente il ruolo del consulente.

Che la struttura salariale debba essere trasformata in modo da ancorare la retribuzione alla produttività l'ha detto Fini (credo) non io.
Per conto mio è sbagliato perchè si rischia di essere travolti da una spirale perversa, da un circolo vizioso in cui il lavoratore pur di guadagnare sbologna di tutto a tutti.
Sarebbe il sistema che funziona così e che porterebbe i soggetti a comportarsi in un certo modo.
Mi viene in mente una frase di Funari ai tempi di tangentopoli: sono i socialisti che sono diventati ladri o sono i ladri che sono diventati socialisti?
Fuor di metafora, in un sistema costruito in questo modo ti dovresti adeguare se vuoi mangiare e chi ha queste caratteristiche trovrebbe in questo sistema il suo humus ideale.
 
Egr. collega di Banca Mediolanum,
dimenticavo di dirti: "okkio che se Bossi (o chi per lui) e Fini continuano di questo passo il tuo capo cade dalla poltrona e saranno guai per tutti voi e per quel signore che costruisce banche dietro i clienti.
Ma vogliamo parlare anche di quei campioni di consulenti assicurativi di First-Aspecta e similari che stanno pataccando migliaia di risparmiatori.
E' inconcepibile che sia permesso a questi personaggi collocare monnezz linked e coinvolgere di conseguenza i risparmiatori stessi nella catena di Sant'Antonio.
Ma gli enti preposti al controllo e le nostre associazioni di categoria che si beccano i nostri contributi dove sono?
Se aspettiamo che il buon Dott. Marrazzo sparli anche di questo sarà un'ulteriore smacco anche per tutti noi.
Ieri mi sono imbattuto in un mio cliente commerciante che mi ha chiesto di disinvestire 10000€ perchè doveva sottoscrivere per lui, la moglie e la figlia 3 skifezz linked 5star a 30 anni; mi ha anche detto di aver fatto un meeting di due giorni dove ha incontrato dei mostri sacri che giravano con auto di lusso, vestiti da fighetti, rolex in vista, abbronzatissimi, appena ritornati dal viaggio alle Maldive col jet privato.
Io gli ho chiesto se avesse la minima idea della provebienza di questo benessere e poi gli ho fatto leggere il prospetto informativo (ovviamente ne conservo sempre uno per l'occasione).
Lui mi ha detto che nel mini corso si parlava di risultati clamorosi, di facile vendita e si appaudiva di continuo e che a loro corsisti è stata rifilata solo una sintetica nota informativa dove non si parla lontanamente nè di costi nè di penali di estinzione anticipata.
Praticamente sono mandati allo sbando a vendere stè fetecchie senza illustrare le fregature ai sottoscritori che ricevono ovviamente il prospetto informativo solo dopo la stipula della proposta insiema al contratto.
Ma possiamo davvero fare qualcosa contro questi meccanismi perversi?
A voi la palla
 
Scritto da taras1
E' inconcepibile che sia permesso a questi personaggi collocare monnezz linked e coinvolgere di conseguenza i risparmiatori stessi nella catena di Sant'Antonio.


L'ISVAP, dopo le tragedie della Bayerische (che ora ha pure cambiato nome, tanto era diventato sinonimo di fregatura) ha vietato il multilevel per alcuni prodotti, mentre ancora si può fare per gli altri.

Banche-sim-assicurazioni serie-poste hanno mille difetti, ma almeno evitano il multilevel e questi trucchi del cavolo (anche se alcune si avvicinano nell'immagine, ed anche in questo caso in testa c'è Banca Highlander Mediolanum col "consulente globale" che ha il macchinone, ecc.).

Approfittano di una delle gravi mancanze della legge (assieme alle obbligazioni bancarie): i prodotti assicurativi (anche se hanno 0.001% di assicurativo e 99.999% di finanziario) non rientrano nella definizione di strumento finanziario e quindi evitano di sottostare alla disciplina completa.

Una domanda: partecipi al forum Anasf?
 
Quanto a First, Aspecta, ecc. si può sempre segnalare la cosa se i prodotti che vendono sono della tipologia individuata dall'ISVAP nella delibera citata:


a) premesso che, per esigenze di tutela del consumatore, i fondi pensione aperti a contribuzione definita non risultano distribuibili con la tecnica di vendita di cui trattasi, ai sensi di quanto disposto con circolari Isvap nn. 350 e 369, analogo divieto
sussiste per i prodotti di cui agli artt. 9-ter d.lgs. n. 124/93 e 30, d.lgs. n.174/95, che - pur nella loro diversità - sono destinati ad attuare, nel primo caso, piani di previdenza complementare individuale e, nel secondo, contratti con marcata presenza della
componente finanziaria in aggiunta a quella assicurativa, per i quali si rende indispensabile l’assistenza di un intermediario professionale;
 
Caro Voltaire era proprio il tuo parere che desideravo leggere.
In quanto ai forum ANASF ho parteciapato in solo due occasioni negli ultimi due anni anche perchè sono iscritto all'albo dal 2001.
Mi segnali che si può comunque intervenire contro i collocatori di skifezz linked e monnezza varia, ma come? Chi dovrei interpellare? Ti assicuro che non vedo l'ora di farlo.
A proposito cosa ne pensi dei postini e degli operatori postali che sino all'altro giorno facevano pacchi e raccomandate e che oggi collocano dall'alto della loro riconosciutissima professionalità in campo finanziario premium banco posta ed altra spazzatura che gonfia la panciona della gia obesa Posta Italiana?
Ma è possibile che la stragrande maggioranza della gente pensi che il buono fruttifero postale che negli ultimi 15 anni ha raddoppiato e triplicato il capitale investito sia ancora uno strumento eccezzionale?
Ma vaglielo a spiegare che i BTP nello stesso periodo hanno fatto molto di più, per non parlare poi del tanto bestemmiato comparto azionario.
Saluti
 
Indietro