D'AMICO INT.SHIPPING: finalmente è partita la riscossa!!!

gllndr

Nuovo Utente
Registrato
12/12/13
Messaggi
1.967
Punti reazioni
207
ripartiamo da qui
 

Sceriffo79

Nuovo Utente
Registrato
29/1/09
Messaggi
3.979
Punti reazioni
42
Clean tanker spot rate non scrubber for Fri 9/16 (vs. 9/15), BCTI up 40 pts this week:
- BCTI: 1255 (-10)
- MR 37 (west): 29,300 (+3500)
- MR 38 (east): 38,100 (+600)
- LR1 (TC5): 59,700 (-200)
- LR2 (TC1): 69,300 (-1600)
 

Zachary

Nuovo Utente
Registrato
18/2/16
Messaggi
6.891
Punti reazioni
160
In asta son passati 5mln di azioni o sbaglio?
 

Sceriffo79

Nuovo Utente
Registrato
29/1/09
Messaggi
3.979
Punti reazioni
42
Scorpio Tankers è impegnata nel trasporto marittimo di prodotti petroliferi raffinati attraverso i mercati marittimi globali. STNG vanta una notevole flotta composta da oltre 120 navi cisterna noleggiate. Le sue navi trasportano prodotti petroliferi e petrolio greggio per compagnie petrolifere integrate, commercianti di petrolio e altri clienti. Scorpio Tankers è stata costituita nel 2009 e ha sede a Monaco.

STNG ha superato le stime degli utili in tre degli ultimi quattro trimestri, offrendo una sorpresa sugli utili medi di quattro trimestri del 14,7%. Il titolo ha risposto bene e quest'anno è già avanzato di quasi il 260%. Nonostante la corsa impressionante, le azioni rimangono sottovalutate a soli 5,01 P/E in avanti.

Gli analisti hanno aumentato le loro stime di EPS su tutta la linea. Per l'intero anno, le stime sono state riviste al rialzo del 97,36% negli ultimi 60 giorni. La stima del consenso di Zacks è ora di $ 8,98 per azione, il che si traduce in una crescita potenziale del 315,35% rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso
 

Sceriffo79

Nuovo Utente
Registrato
29/1/09
Messaggi
3.979
Punti reazioni
42
BRIEF-d'Amico International Shipping Unit Exercises Purchase Option On TC-In Vessel For JPY 4.1 Bln
Oggi 13:12 - RSF
Sept 19 (Reuters) - d'Amico International Shipping SA (DIS.MI):
* DIS_ANNOUNCES THE EXERCISE OF A PURCHASE OPTION ON ONE OF ITS TC-IN VESSELS (DIS.MI)
* EXERCISED ITS PURCHASE OPTION ON MT HIGH ADVENTURER, A 50,000 DWT MEDIUM-RANGE PRODUCT TANKER VESSEL
* DELIVERY IS EXPECTED IN NOVEMBER 2022
* CONSIDERATION IS JPY 4.1 BILLION (ABOUT $ 30.4 MILLION)
* PURCHASE EXERCISED BY UNIT D’AMICO TANKERS D.A.C.
 

Sceriffo79

Nuovo Utente
Registrato
29/1/09
Messaggi
3.979
Punti reazioni
42
BRIEF-d'Amico International Shipping Unit Exercises Purchase Option On TC-In Vessel For JPY 4.1 Bln
Oggi 13:12 - RSF
Sept 19 (Reuters) - d'Amico International Shipping SA (DIS.MI):
* DIS_ANNOUNCES THE EXERCISE OF A PURCHASE OPTION ON ONE OF ITS TC-IN VESSELS (DIS.MI)
* EXERCISED ITS PURCHASE OPTION ON MT HIGH ADVENTURER, A 50,000 DWT MEDIUM-RANGE PRODUCT TANKER VESSEL
* DELIVERY IS EXPECTED IN NOVEMBER 2022
* CONSIDERATION IS JPY 4.1 BILLION (ABOUT $ 30.4 MILLION)
* PURCHASE EXERCISED BY UNIT D’AMICO TANKERS D.A.C.

Abbiamo una dozzina di navi in questa condizione.. le compreranno tutte ?
 

Sceriffo79

Nuovo Utente
Registrato
29/1/09
Messaggi
3.979
Punti reazioni
42
D'Amico: controllata esercita opzione acquisto nave cisterna
Oggi 13:25 - MF-DJ
LUSSEMBURGO (MF-DJ)--D''Amico Tankers Dac, controllata operativa di d''Amico International Shipping Sa, societa'' leader a livello internazionale nel trasporto marittimo, specializzata nel mercato delle navi cisterna, ha esercitato l''opzione d''acquisto sulla MT High Adventurer, una nave cisterna "medium-range" di portata lorda pari a 50.000 tonnellate per un importo pari a 4,1 miliardi yen (equivalenti a circa 30,4 milioni usd) e con consegna stimata a novembre 2022. Ad oggi, si legge in una nota, la flotta Dis comprende 35 navi cisterna a doppio scafo (MR, Handysize e LR1, di cui 17 navi di proprieta'', 10 a noleggio e 8 a noleggio a scafo nudo), con un''eta'' media relativa alle navi di proprieta'' e a noleggio a scafo nudo pari a 6,9 anni. Paolo d''Amico, presidente e ad di d''Amico International Shipping, ha dichiarato: "Sono molto orgoglioso di annunciare l''acquisto da parte di Dis della MT High Adventurer, una nave MR costruita in Giappone a novembre 2017 e noleggiata da allora a d''Amico Tankers. Attraverso l''esercizio di questa opzione, Dis acquisisce una MR Eco di grande qualita'', costruita da uno dei piu'' rinomati cantieri giapponesi, a un prezzo interessante rispetto ai valori storici e di circa il 20% inferiore ai valori di mercato odierni, per navi simili. Questa transazione, ci consente anche di ridurre in modo significativo il breakeven di conto economico e di cassa della nave in oggetto. Ci aspettiamo inoltre di concludere in tempi rapidi e a condizioni estremamente interessanti, un contratto di finanziamento bancario a sostegno di questa operazione. L''acquisto di questa nave e'' perfettamente in linea con il nostro piano strategico di lungo termine volto a possedere e a gestire una flotta estremamente moderna e ''Eco'', al fine di ridurre l''impatto ambientale di DIS, migliorando al contempo la propria reddittivita'' e competitivita'' commerciale.
 

Zachary

Nuovo Utente
Registrato
18/2/16
Messaggi
6.891
Punti reazioni
160
cmq caso strano si è fermata al target di Intesa a 0,27 ed è iniziato il ritracciamento...
Vediamo se bastano i minimi di stamattina che sono certamente importanti o tornerà fino a 0,2160 o anche più sotto (perchè secondo me il vero stop ora è 0,208)....
 

Sceriffo79

Nuovo Utente
Registrato
29/1/09
Messaggi
3.979
Punti reazioni
42
Molto interessante..


For Australasia, the war in Ukraine and related geopolitical tension has exposed another risk. What happens if the tensions between China and Taiwan boil over in the South China Sea? (source: Infrasense)For Australasia, the war in Ukraine and related geopolitical tension has exposed another risk. What happens if the tensions between China and Taiwan boil over in the South China Sea? (source: Infrasense)

Impact on oil markets of refinery closures in Australia and New Zealand

Australia and New Zealand offer a case study of how quickly circumstances can change in the oil markets, says Poten & Partners’ weekly tanker analysis


Prior to the pandemic, smaller, older and less sophisticated refineries in both countries were already being squeezed by large-scale, export-oriented refineries throughout the Middle East and Asia. The continued growth of these facilities created oversupply and low refining margins in the region.

One by one, the refineries in Australia were closed and/or converted into import terminals. The pandemic, which hit oil demand in Australia and New Zealand hard, appeared to be the final nail in the coffin. New Zealand’s only refinery, the 96,000 barrel per day (b/d) Marsden Point Oil Refinery, was converted into an import terminal and even the remaining two facilities in Australia in 2021 (with a combined capacity of 234,000 b/d) were at risk.

It was cheaper to import refined products from the large refineries in the region than to keep less efficient (money-losing) domestic facilities in operation. This logic was applied in many countries: throughout the Covid-19 pandemic, refineries were closed all over the world. In the US alone, 1M b/d of capacity has been closed or converted since January 2020. Europe lost some 800,000 b/d during the same period, and, in Asia, Japan, Singapore and the Philippines are shutting refineries.

The assumption was that there was ample spare capacity in other parts of the world. However, when the world started to come out of lockdowns after the pandemic, product demand recovered more quickly than expected, putting the global refined product supply chain under pressure. Then Russia invaded Ukraine…


Since Russia’s war against Ukraine began, refining margins have escalated worldwide. Oil prices spiked and sanctions against Russia have scrambled trade flows and boosted transport costs for both crude oil and refined products. This unpredictable series of events must have taken some countries by surprise.

In New Zealand, the one and only refinery has been converted into an import facility. Therefore, as of Q1 2022, the country completely relies on imports and faces both high product prices and product tanker rates. The situation in Australia is only slightly better. Two refineries have remained open, and the government decided to make funds available for upgrades to increase their capacity.

Crude oil imports into Australasia (Australia and New Zealand) have been more than halved. Most of the imports come from within the region (including offshore Australia) and are moved almost exclusively on Suezmax and Aframax tankers. The decline in imports has diminished the employment opportunities for these vessel segments over time.

Refined product imports, which had been steadily increasing since 2010, accelerated in 2021 and 2022. Australasia predominantly imports gasoil and diesel, with gasoline a distant second. A review of reported clean spot fixtures into Australia and New Zealand shows South Korea is the largest shipper of product, followed by Singapore and Taiwan.

Japan, India and China are smaller, but still meaningful suppliers of products to Australasia. In terms of vessel classes, it is not surprising that MRs dominate these trades, representing 61% of the reported spot volumes. Aframaxes and LR2s transport 25% of spot cargoes, while Panamax and LR1 tankers take care of the rest.

While the shift from crude to product may have been more expensive than initially anticipated, the conflict between Russia and Ukraine has highlighted another risk: availability. The sanctions against Russia have tightened the global refined product market. China has ample spare refining capacity but decided not to use it thus far to cut domestic emissions. While it appears that China is considering raising fuel export quotas, the fact that this is a government, rather than a commercial decision underlines the associated risks.

For Australasia, the war in Ukraine and the related geopolitical tension has exposed another risk. What happens if the tensions between China and Taiwan boil over in the South China Sea? A recent study by the Royal Melbourne Institute of Technology, a public research university in Australia, highlighted that a prolonged war would threaten 90% of Australia’s fuel imports and supplies would run out after two months.
 

Sceriffo79

Nuovo Utente
Registrato
29/1/09
Messaggi
3.979
Punti reazioni
42
IMG_20220919_174053.jpg

Ogni dieci viaggi una nuova nave in omaggio

Ragazzi che prezzi, sono sbalordito, se me lo avessero detto mesi fa non ci avrei minimamente creduto.. davvero incredibile OK!
 

Sceriffo79

Nuovo Utente
Registrato
29/1/09
Messaggi
3.979
Punti reazioni
42
ok, conciso ma efficace.........

È esattamente come il tassametro sul taxi. Se all'improvviso ci fossero tanti passeggeri e pochi veicoli, i passeggeri accetterebbero un costo al minuto maggiore ,anche triplo, pur di prenotare un taxi per l'aeroporto proprio il giorno che devono partire. A parità del costo della benzina e della manutenzione ordinaria il tassista vedrebbe aumentare i propri guadagni in funzione ed in proporzione all'aumento del prezzo al minuto. Inoltre , più è lunga la tratta e maggiore sarà il tempo di percorrenza e quindi il guadagno. Allora il tassista che fa ? Rileva un altro paio di taxi che aveva in società col cognato (Glenda) e si riprende il taxi che aveva dato in gestione (High adventurer) così da raggiungere molteplici obiettivi:
1) aumentare ancora i propri guadagni giornalieri in virtù del fatto che ora ha più taxi che controlla direttamente senza dividere con altri i guadagni
2) investire il maggior guadagno ottenuto durante l'anno, in modo da avere un 730 o unico più basso
3) abbassare le tasse che deve pagare per aver dato ad altri in gestione il proprio taxi (ifrs 16)
4) si tutela dal fatto che anche se aumenterà la benzina o se avrà degli imprevisti, avrà comunque un guadagno anche con costi più alti (break even)
5) potrà bilanciare geograficamente i taxi occupando più zone e ammortizzando meglio le richieste
7) risulterà agli occhi di chi gli deve concedere prestiti o finanziamenti più solido, avendo più taxi (NAV) da dare come garanzia e giustificando il fatto che ha tanti debiti ma solo perché i suoi soldi li ha investiti per ottenere potenziali maggiori guadagni (ebitda)

Più o meno è questo.
 

david62

Nuovo Utente
Registrato
11/10/16
Messaggi
3.082
Punti reazioni
238
cmq caso strano si è fermata al target di Intesa a 0,27 ed è iniziato il ritracciamento...
Vediamo se bastano i minimi di stamattina che sono certamente importanti o tornerà fino a 0,2160 o anche più sotto (perchè secondo me il vero stop ora è 0,208)....

Come cambiano le cose in Borsa, a volte, da un giorno all'altro.
Talvolta in senso positivo, fortunatamente.
Oggi che si dice?
Mannaggia averne solo 30mila e non avere incrementato, per esempio.
 

Zachary

Nuovo Utente
Registrato
18/2/16
Messaggi
6.891
Punti reazioni
160
Come cambiano le cose in Borsa, a volte, da un giorno all'altro.
Talvolta in senso positivo, fortunatamente.
Oggi che si dice?
Mannaggia averne solo 30mila e non avere incrementato, per esempio.

Eh si, guarda anche il mib... ieri tutti ad esaltare l'hammer, stamattina +1 e tutti in carrozza..... e adesso -1 :D

Cmq 0,2330/40 era un livello importante, a quanto pare l'ha sentito e hanno ricominciato a comprare, meglio cosi! (poi domani -3) :asd: