dei riscatti e delle polizze vita.

pilum

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
27/1/04
Messaggi
201
Punti reazioni
2
Nel dicembre 1993 stipulavo una polizza di assicurazione sulla vita con la società Prudential S.p.A.
La tariffa/forma si chiamava 45RC capitale differito rivalutabile senza controassicurazione....
Si trattava di 25 premi a frazionamento annuale da 2milioni di lire ciascuno. Dunque la polizza decorreva dal 21dic93 e scadeva il 21dic2018...

Purtroppo, nei vari traslochi, ho perso parte della documentazione relativa.La sola cosa che conservo è una copia del contratto, dove però non ci sono le condizioni speciali e generali dela polizza stessa,anche se posso sintetizzare cosa recita:

- che in caso di vita del sottoscritto il capitale iniziale sarà adeguato secondo i criteri stabiliti nelle condizioni speciali che prevedono la rivalutazione annuale del capitale e del premio in base al rendimento finanziario del fondo "PREFIN".
- che in caso di morte prima del 2018 ho perso tutto....nel senso che nulla sarà dovuto dalla compagnia cui rimarranno tutti i premi incassati....

e fin qui sembrerebbe tutto chiaro: ho preso una sola. :wall:


e invece no...sentite il seguito....

Nel 2001 torno alla carica dall'agente che mi aveva rifilato il pacco e le dico che voglio cambiare il beneficiaro della polizza in caso di mia premorienza....

ma come??? ma se c’è scritto che se crepo, non ho diritto a nulla!??
In quell'occasione, scopro anche che la prudential non è più prudential e che la mia polizza ora, è stipulata con ROYAL AND SUNALLIANCE di Milano..L’agente comunque, come me, non ci fa caso e mi fa firmare un modulo nel quale è scritto chiaramente che se crepo la beneficiaria dei premi versati è mia sorella Maria Goretti....strano, no??




Passano altri due anni e nel dicembre scorso, mi scrive tal Claris Vita Gruppo Veneto Banca con sede legale ni via Carnia 26 a MILANO, informandomi che la gestione della mia polizza è di sua competenza...ecc, ecc....

A questo punto cerco di fare un pò il punto della situazione....mi ricordo che ho versato quattro dei 25 premi, dunque circa 4.000 euro.

Chiamo la Claris, parlo con una milanese isterica, dalla quale però vengo a sapere che la mia polizza è comunque e sempre riscattabile anche prima del 2018, si tratta soli di capire, quanto mi renderebbero dei 4.133 euro finora maturati... mi invita a mandare un fax all'ufficio riscatti della società dove chiedo il valore di riscatto ad oggi, fra cinque e fra dieci anni...a farmi dare cioè un preventivo di riscatto, tenendo conto che si tratta di una polizza in riduzione, cioè della quale non sto più pagando i premi..

aspetto con pazienza e finalmente dopo oltre un mese mi rispondono che se riscatto la polizza nel 2018, cioè al tempo della scadenza naturale, molto ma molto presumibilmente avrò indietro 7.422,92 euro....cosa che già sapevo perchè per telefono, l’isterica ma efficiente signorina mi aveva già detto....quanto alle richieste di preventivo per riscatti anticipati..il silenzio più totale..

ora...mi sono subito chiesto...boh, forse tra le varie clausole che, ripeto, non conosco, c'è quella che impedisce un riscatto anticipato dei premi versati....tuttavia, se così fosse, perchè nessuno esplicitamente lo dice e men che meno lo scrive nero su bianco??
ricordo, infatti, che, sempre la solita isterica milanese...gigioneggiò un pò sulle mie domande...e infine, non potè non svelarmi che in realtà i premi versati, la società è costretta a rimborsarli...tutt'al più ci rimetti parecchio, ma ti li deve rendere..e ricordo anche di essermi io stesso stupito e di aver subito chiesto che procedura seguire per il rimborso...salvo poi incappare nell'ennesimo muro di gomma..

bene....credo ci sia tutto...

Qualcuno può darmi qualche idea su come riscattare i premi sinora pagati?
:mmmm: :bye:
 

negusneg

Nuovo Utente
Registrato
20/12/03
Messaggi
4.164
Punti reazioni
601
Dal sito dell'Isvap:

Riscattare, ridurre o riattivare un contratto

Il riscatto è regolato dalle condizioni contrattuali e consiste nell’interruzione anticipata del rapporto assicurativo da parte del contraente e nella corresponsione di un capitale da parte dell’impresa di assicurazione.

Generalmente, per i contratti a premio annuo, il riscatto è consentito dopo il pagamento di almeno tre annualità di premio, mentre per quelli a premio unico o ricorrente il riscatto può essere richiesto dopo un anno dalla decorrenza del contratto. In alcuni casi è consentita la possibilità di chiedere riscatti parziali.

I criteri per la determinazione del valore di riscatto sono indicati nelle condizioni di polizza. Il contraente può inoltre chiedere la quantificazione del valore di riscatto direttamente all’impresa la quale è tenuta a dare riscontro alla richiesta entro e non oltre 10 giorni (punto 1 della circolare ISVAP n.403 del 16 marzo 2000).

È opportuno prestare attenzione al fatto che il valore di riscatto può essere inferiore ai premi pagati od addirittura pari a zero se le annualità di premio pagate non raggiungono, in base alle condizioni contrattuali, il numero sufficiente per avere diritto al riscatto.




Quindi devi scrivere alla compagnia (meglio una raccomandata) ed entro 10 giorni loro ti DEVONO mandare il conteggio. In caso non lo facciano, farei partire un reclamo all' ISVAP

A occhio e croce le polizze in quel periodo prevedevano una penalità di circa il 4-4,5% (moltiplicato per il numero di anni mancanti alla scadenza) sulla prestazione maturata (capitale ridotto=premi netti pagati+rivalutazione).

Nel tuo caso questo equivarrebbe ad una penale del 56-63% a partire da dicembre di quest'anno bannato :angry: :wall: :censored: KO!
 

m-helga

Nuovo Utente
Registrato
11/2/03
Messaggi
74
Punti reazioni
0
POLIZZA

SUL fatto che se CREPO NON PRENDO NULLA, tu hai fatto una polizza sulla vita non sulla morte.

Tu hai fatto la polizza pensando che nel 2018 saresti ancora stato in vita (se non è così allora dovevi fare una caso morte che ti costava molto meno per assicurare 100.000 euro per 20 anni se avevi 30 anni avresti pagato 150 euro per 15 anni, più o meno!)

Comunque, che la società abbia cambiato spesso "padroni" non è un problema, capita molto spesso.
Per i riscattare la prima domanda è: con questa polizza hai scaricato il 19% del versato?
Lo sai che se la tieni in vita puoi scaricare ogni anno fino alla scadenza?
Adesso un bel prodotto così non esiste più!

Altra cosa: il riscatto.
quando ti arriva a casa la lettera con il rendimento del fondo previsto per la tua polizza c'è scritto quanto "ha reso" .
Ma la cifra corrisponde solo se porti a scadenza la polizza.

Tu hai proprio bisogno di riscattarla?
Puoi anche farla arrivare a scadenza, oggi non ti conviene.
Come fondo ha reso bene, io ne anche un'altra e che ha reso molto poco.
Non parlare con il tuo agente, ormai la provvigione buona la presa, adesso prende molto poco, quindi di seguirti non avrà molta voglia.
Chaima loro a Milano, tranne il venerdì pomeriggio che non lavorano!
A me sis sono dimenticati sdi inviarmi la quietanza per ben 10 mesi, ma una volta recuperata non mi hanno fatto pagare niente.
ciao
 

Voltaire

Gennarino Fan's Club
Registrato
25/3/00
Messaggi
13.117
Punti reazioni
454
Scritto da m-helga
Lo sai che se la tieni in vita puoi scaricare ogni anno fino alla scadenza?
Adesso un bel prodotto così non esiste più!


Lo "sconto fiscale" è una delle storielle dei venditori.

Non è in base ad esso che si deve sottoscrivere/mantenere una polizza.

Primo passo da fare: chiedere il contratto aggiornato, poi si vede cosa fare (quasi sempre sospendere/riscattare è la cosa migliore).