delisting ?

Beowulf ha scritto:
Voglio vedere se oggi al TG5 darà lei la notizia della propria iscrizione nel registro degli indagati.

:D :D :D :D :D :D :D :D :D :D



:D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D
 
Beowulf ha scritto:
Voglio vedere se oggi al TG5 darà lei la notizia della propria iscrizione nel registro degli indagati.

:D :D :D :D :D :D :D :D :D :D


...........Calcio:Gea, Chiara Geronzi intenzionata a vendere quota (fonti)

ROMA (MF-DJ)--Chiara Geronzi sarebbe intenzionata a cedere la propria
partecipazione in Gea World. E' quanto spiegano alcune fonti finanziarie.
L'intenzione della manager era stata gia' espressa diverse settimane fa e
adesso si starebbe facendo sempre piu' concreta anche alla luce degli sviluppi
che stanno avendo le indagini che la Procura di Roma e di Napoli stanno
conducendo proprio sulla Gea. Chiara Geronzi controlla il 32,4% della Gea.
vs/cat (END) Dow Jones Newswires May 09, 2006 06:08 ET (10:08 GMT)
Copyright (c) 2006 MF-Dow Jones News Srl.

...........

IN FEBBRAIO HAN GIRATO L'OSTACOLO COSI .......... :cool:


.......02.02.2006
Chiara di nome, Geronzi di fatto
di Anonimo

La giornalista Chiara Geronzi, del tg5, nel corso dell'edizione odierna delle 13 del telegiornale si è trovata a leggere nei lanci di apertura una simpatica notizia che la vedeva protagonista

Il servizio del Tg5 parte così: "Gaucci è ancora latitante a Santo Domingo...". Nel pezzo si racconta che il presidente del Perugia calcio ha fatto scomparire svariati milioni di euro. Una notizia che può sorprendere oppure no.

La cosa molto carina è che, nella sua difesa dall'isola, in un'intervista rilasciata a Repubblica, fa nome e cognome di tutti coloro che hanno contribuito a fare scomparire questi soldi. Tra le persone citate c'è Chiara Geronzi, cotitolare della Gea con Alessandro Moggi.

La cosa non è stata citata nel pezzo del tg5, per buon gusto. Si parla solo del numero uno di Capitalia Cesare Geronzi e di "alcuni suoi parenti". Inutile dire che altri Tg nazionali hanno fatto nome e cognome.

La parte migliore del servizio è il rientro in studio. L'immagine è chiara, anzi lei è Chiara, di fatto e di nome. La giornalista appare leggermente impallidita e molto imbarazzata.


...............BUON SANGUE NON MENTE............. :clap: :clap: :clap:
 
questa non la sapevo...............ogni tanto dovrei guardare anche il tg 5........non solo pubblicità porno................
 
nbt ha scritto:
questa volta la retrocessione è il minimo


Sei appena rientrato da Marte dopo un lunghissimo periodo di vacanza?

:mmmm: :mmmm: :mmmm: :mmmm: :mmmm:
:D :D :D :D :D
:p :p :p :p :p
:censored: :censored: :censored: :censored: :censored:
 
FTAOnline news...Milano, 9 maggio
Ifil smentisce le ipotesi di delisting e precisa di non disporre di elementi utili a spiegare l'andamento delle quotazioni nell'ultimo trimestre.
Strano che affermino pure che l'ipotesi delisting e' stata valutata durante lo studio sulla gestione del portafoglio di societa' in suo possesso...
 
mah, delisting o non delisting, arriverà a 3 €?
this is the question.

:bye:
 
Sospesa????
 
+7,45% dall' inizio del post

manca un +50% al delisting
 
Beowulf ha scritto:
Sei appena rientrato da Marte dopo un lunghissimo periodo di vacanza?

:mmmm: :mmmm: :mmmm: :mmmm: :mmmm:
:D :D :D :D :D
:p :p :p :p :p
:censored: :censored: :censored: :censored: :censored:

giocherà col vodafone cervia... ;) OK!
 
Giraudo indagato: falso in bilancio
L'amministratore delegato della Juventus è da alcuni mesi indagato dalla procura di Torino. Al centro degli accertamenti vi sono operazioni di calciomercato (come Brighi al Parma)
Franco Baldini, dirigente sportivo. BartolettiMILANO, 9 maggio 2006 - Dilaga il caso intercettazioni. Gli aggiornamenti della giornata in tempo reale:
Ore 18.15: Si apprende che l'amministratore delegato della Juventus, Antonio Giraudo, è da alcuni mesi indagato dalla procura di Torino per falso in bilancio. Gli sviluppi di questo procedimento sono stati uno degli argomenti discussi nel vertice di ieri, a Roma, fra i magistrati torinesi e napoletani. Non a caso tra i presenti c' era Bruno Tinti, procuratore aggiunto a Torino, titolare dell' indagine. Al centro degli accertamenti vi sono delle operazioni di calciomercato come quella - secondo quanto si è appreso - che portò alla vendita di Brighi (era il 2002) al Parma.
Ore 17.45: "Quello che sta succedendo è solamente l'effetto di una cultura, non il cancro principale. Bisognerebbe lavorare proprio per cambiare questa cultura: il problema è che non so se ci sia questa volontà di cambiare". Lo dice Gianni Rivera, icona sportiva ed europarlamentare.
Ore 17.15: L'ex direttore sportivo della Roma, Franco Baldini, è giunto negli uffici della Procura di Roma, dove viene sentito come persona informata sui fatti nell'ambito dell'inchiesta sulla Gea.
Ore 17: "Vedremo che cosa succederà, mi sembra che siamo solo all'inizio". Parole e musica, preoccupanti, di Roberto Mancini.
Ore 16.45: il procuratore Vincenzo Morabito: "Moggi non è l'unico responsabile. Cercando di nascondersi dietro al <mostro> Moggi non miglioreremo il sistema, che va modificato con le regole e con una classe dirigenziale che sia all'altezza. Il calcio ha bisogno di nuovi dirigenti".
Ore 16.30: Prima uscita pubblica del Presidente in pectore della Federcalcio Giancarlo Abete, intervenuto oggi a Frosinone al convegno "medicina dello sport e doping". Abete ha parlato anche di intercettazioni. "Il prossimo passaggio importante sarà il Consiglio federale del 16 maggio, durante il quale valuteremo le dimissioni di Carraro. Sarà importante fare chiarezza al più presto sulle vicende che sono accadute per dare una risposta all'opinione pubblica". Abete non scarica Carraro: "Sono stato al suo fianco durante l'ultima conferenza stampa, anche se il presidente mi aveva detto che potevo anche non partecipare".
Ore 15.35: È durato poco meno di tre ore, dalle 11.30 alle 14.15, l'interrogatorio di Ermanno Pieroni a Roma da parte dei pm Palamara e Palaia, titolari dell'inchiesta romana sulla Gea. L'ex presidente dell'Ancona e attuale direttore sportivo dell'Arezzo non ha voluto rilasciare dichiarazioni.
Ore 15.20: "L'indagine è ormai matura, a maggio faremo un'anticipazione della parte relativa ai procuratori". Lo ha detto il presidente dell'Antitrust Antonio Catricalà a margine di un convegno, a proposito dell'indagine conoscitiva avviata dall'Authority sul mercato calcistico.
Ore 15.00: "In Brasile è successo un caso simile: un arbitro è stato considerato colpevole e sono state fatte rigiocare tutte le partite dirette da quell'arbitro. È sempre una soluzione da prendere in considerazione". Un'ipotesi che viene da Cafu, difensore del Milan.
Ore 14.45: L'arbitro Stefano Cassarà ha lasciato pochi minuti fa la sede dell'ufficio indagini della Federcalcio. Il direttore di gara palermitano, che non ha rilasciato dichiarazioni, è stato il terzo ed ultimo «fischietto», per quanto riguarda la giornata di oggi, a sfilare davanti agli 007 federali. Il primo è stato Bertini, che lasciato gli uffici di corso Italia dopo circa un'ora di interrogatorio, poi Dattilo.
Ore 13.50: Il presidente dell'Aia Tullio Laneseè caduto letteralmente dalle nuvole: "Ho letto stamattina sui giornali l'ipotesi di una protesta arbitrale che dovrebbe risolversi in uno sciopero di dieci minuti prima delle partite: ma io non so proprio dove sia nata un'idea del genere. Quello che è sicuro è che ne parleremo venerdì a Coverciano nel consueto raduno, e solo dopo aver sentito tutti gli arbitri l'Aia deciderà sul da farsi".
Ore 13.45: Massimo De Santis che rappresenterà l'Italia ai Mondiali,a Napoli incontra il capo della Procura. L'arbitro ha chiesto notizie sul suo coinvolgimento
Ore 13.40: "Sono tranquillo più di prima". Lo ha detto l'arbitro Antonio Dattilo all'uscita dall'ufficio indagini della Federcalcio, dove era entrato circa due ore e mezzo fa. Il fischietto della sezione di Locri è stato convocato in merito al suo presunto coinvolgimento nello scandalo intercettazioni.
Ore 13.30: Franco Carraro: "De Santis? Nulla da dire, vincolato al riserbo"
Ore 12:"La posizione del Coni deve essere corretta e seguire una certa linea, e la mia posizione mi impone di non dire niente". Così il presidente del Coni, Gianni Petrucci.
Ore 11.45: Gianni Rivera: "Io in Figc? Mancano condizioni"
Ore 10.55: L'arbitro Paolo Bertini è giunto presso l'ufficio indagini di Roma della Figc.
 
nbt ha scritto:
giocherà col vodafone cervia... ;) OK!


se tutte le partite eran truccate...la radieranno per sempre?? :confused:
 
Poche parole: si salvi chi può!!!!

Siamo all'inizio... falso in bilancio, doping, scommesse, partite truccate, traffici di droga.....

Scoperchiata la pentola ora preoccupatevi, e non solo gli juventini

Milanisti, romanisti, laziali e company siete pronti a salire sulla giostra?
sta per crollare un intero mondo....
 
a me basta ci diano il campionato dell'anno scorso.. palesemente rubato nella partita juventus-milan..io c'ero...ero li ...

Scommesse: coinvolti 4 juventini
Inviato denaro a broker non autorizzati
Piove sul bagnato in casa Juve. Dopo la bufera intercettazioni, ora ci si mette anche il calcioscommesse. Sarebbero quattro i giocatori bianconeri coinvolti in un'inchiesta delle Procure di Torino e di Parma su un giro di scommesse sportive in Italia e all'estero. Dalle indagini emergerebbe come i calciatori inviassero somme consistenti a broker emiliani non autorizzati a raccogliere denaro per scommesse in Italia.


Come se non bastasse la bufera che si sta abbattendo come uno tsunami sul calcio italiano, in casa Juve si devono preoccupare anche per il calcioscommesse. Sono addirittura due le Procure che si occupano dell'inchiesta: quella di Parma (una new entry, dopo che Napoli, Roma e Torino si sono già attivate per altri motivi) e quella di Torino. Il filone torinese dell'indagine è aperto per violazione dell'articolo 4 della legge 401 dell' '89 che punisce chi partecipa o organizza scommesse senza essere autorizzato. Al momento a Torino non e' stato accertato ne' il tipo di scommesse ne' la disciplina sportiva verso cui erano indirizzate. Il "cuore" dell' inchiesta è infatti a Parma, dove i magistrati stanno analizzando gli elementi nei confronti dei broker per capire la destinazione delle scommesse

Il giro sul quale stanno indagando gli inquirenti sarebbe molto grosso, come riporta il "Giornale". Scommesse per milioni di euro: si tratta di puntate clandestine fatte attraverso società schermo per evitare che si potesse risalire alla vera identità dei giocatori. Quattro calciatori bianconeri si sarebbero infatti dedicati a questa attività, investendo somme cospicue. Uno di loro, da solo, avrebbe scommesso oltre un milione e 600mila euro. Tre persone sono già state iscritte nel registro degli indagati, ma sul loro nome c'è il riserbo
 
luis80365 ha scritto:
Poche parole: si salvi chi può!!!!

Siamo all'inizio... falso in bilancio, doping, scommesse, partite truccate, traffici di droga.....

Scoperchiata la pentola ora preoccupatevi, e non solo gli juventini

Milanisti, romanisti, laziali e company siete pronti a salire sulla giostra?
sta per crollare un intero mondo....

il "sistema moggi" coinvolgeva tutti...perfino il puffo moralizzatore ;)
 
.............-9,2222222%............ :clap: :clap: :clap: :clap: :clap:


............ :clap: :clap: RUBENTINIS.......... :clap:
 
quasi quasi entro long
 
dai massimi di 3 gg fa ha perso il 27% tra poco le compro
 
xmarco ha scritto:
sarà ma ai pasti gratis credo poco....
tutto è possibile ma trovare qualcuno che ti regala il 60% .....
non è che stanno sbolognando titoli e che magari retrocedono la Juve a tavolino alla fine delle indagini?
boh?

come sempre in borsa pasti gratis nighse....
 
Indietro